Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Spirto felice che sí dolcemente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Spirto felice che sí dolcemente

../Dolci durezze, et placide repulse ../Vago augelletto che cantando vai IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Dolci durezze, et placide repulse Vago augelletto che cantando vai

 
Spirto felice che sí dolcemente
volgei quelli occhi, piú chiari che ’l sole,
et formavi i sospiri et le parole,
vive ch’anchor mi sonan ne la mente:

5già ti vid’io, d’onesto foco ardente,
mover i pie’ fra l’erbe et le vïole,
non come donna, ma com’angel sòle,
di quella ch’or m’è piú che mai presente;

la qual tu poi, tornando al tuo fattore,
10lasciasti in terra, et quel soave velo
che per alto destin ti venne in sorte.

Nel tuo partir, partí nel mondo Amore
et Cortesia, e ’l sol cadde del cielo,
et dolce incominciò farsi la morte.