Catullo e Lesbia/Annotazioni/15. A Lesbia - CVII Ad Lesbiam

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../14. A Lesbia - XLII Ad Lesbiam

../16. A Copone - CIV Ad Coponem IncludiIntestazione 4 gennaio 2016 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Annotazioni - 15. A Lesbia - CVII Ad Lesbiam
Annotazioni - 14. A Lesbia - XLII Ad Lesbiam Annotazioni - 16. A Copone - CIV Ad Coponem
[p. 291 modifica]

CVII.


E Tibullo:

Carior est auro iuvenis, cui levia fulgent
Ora, nec amplexus aspera barba terit.


Ibidem.          Quis me uno vivit felicior?

Similmente nel Culice:

Quis magis optato queat esse beatior ævo?

Plauto avea detto:

Quoi hominum adæque nemo vivit fortunatior.