Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte terza. Riconciliazione/20. A Quinzio - LXXXII Ad Quinctium

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../19. A Manlio - LXVIII Ad Manlium

../21. - LX IncludiIntestazione 6 febbraio 2016 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Traduzione - 20. A Quinzio - LXXXII Ad Quinctium
Traduzione - 19. A Manlio - LXVIII Ad Manlium Traduzione - 21. - LX
[p. 210 modifica]

[LXXXII]

AD QUINCTIUM.


Quincti, si tibi vis oculos debere Catullum
2     Aut aliud, si quid carius est oculis,

Eripere si noli, multo quod carius illi
4     Est oculis, seu quid carius est oculis.




[p. 211 modifica]

20.

A QUINZIO.


Vuoi che gli occhi io ti deggia, o se v’è cosa
     2Che sia più cara al mondo e più preziosa?

Deh! non togliermi, o Quinzio, il cor di lei.
     4Che a me più cara è assai degli occhi miei!.