Catullo e Lesbia/Varianti/11. - LXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../9. A Lesbia - LXXII Ad Lesbiam

../12. Sul marito di Lesbia - LXXXIII In Lesbiae maritum IncludiIntestazione 29 dicembre 2015 75% Da definire

Varianti - 9. A Lesbia - LXXII Ad Lesbiam Varianti - 12. Sul marito di Lesbia - LXXXIII In Lesbiae maritum
[p. 245 modifica]

VIII.


Questo epigramma trovasi diviso in due nei vecchi libri: il primo comincia col verso:

Nunc est mens deducta tua, mea Lesbia, culpa;

dove altri legge huc in cambio di nunc, e invece di deducta adducta, che è maggior proprietà; il secondo col verso:

Nulla potest mulier tantum se dicere amatamj

ed è proprio strano che nè il Partenio, nè il Mureto, nè il Fusco avessero sospettato che l’un membro non poteva reggersi senza l’altro. Se ne avvide, egli è vero, lo Stazio, ma la sua proposta di unire la prima parte dell’epigramma al LXXIII: Dicebas quondam, mi pare che manchi di senso comune. Chi restituì al carme la sua integrità fu Giuseppe Scaligero, a cui il Vossio non potè rifiutar la sua lode, egli pur tanto prodigo d’impertinenze a tutti i critici, e segnatamente all’ardito Veronese.


Il Mureto suo; i MS. tuo. Scaligero chiama [p. 246 modifica]barbara la prima lezione e s’attiene ai manoscritti; e, in verità, dopo il primo pentametro:

Vere quantum a me, Lesbia, amata mea es,

la correzione è necessaria ed evidente.