Cento vezzosi pargoletti Amori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Felice Zappi

C Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 8 novembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 21 modifica]

XLIV.


Cento vezzosi pargoletti Amori
     Stavano un dì scherzando in riso e in gioco.
     Un di lor cominciò: si voli un poco.
     Dove? un rispose; ed egli: in volto a Clori.
5Disse, e volaron tutti al mio bel foco,
     Qual nuvol d’Api al più gentil de’ fiori:
     Chi l crin chi ’l labbro tumidetto in fuori,
     E chi questo si prese e chi quel loco.
Bel vedere il mio ben d’amori pieno!
     10Due colle faci eran negli occhi e dui
     Sedean coll’arco in sul ciglio sereno.
Era tra questi un Amorino, a cui
     Mancò la gota e ’l labbro, e cadde in seno;
     Disse agl’altri: Chi sta meglio di nui?