Che far potea la sventurata, e sola

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Felice Zappi

C Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 28 giugno 2017 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 2 modifica]

III1


Che far potea la sventurata, e sola
     Sposa di Collatino in tal periglio?
     Pianse, pregò: ma in vano ogni parola
     Sparse, in vano il bel pianto uscì dal ciglio.
Come a Colomba, su cui pende artiglio,
     Pendeale il ferro in sull’eburnea gola:
     Senza soccorso, oh Dio, senza consiglio,
     Che far potea la sventurata e sola?
Morir, lo sò, pria che peccar dovea:
     Ma quando il ferro del suo sangue intrise
     Qual colpa in sè la bella Donna avea?
Peccò Tarquinio, e il fallo ei sol commise
     In lei, ma non con lei: ella fu rea
     Allora sol, che un innocente uccise.

Note

  1. Si scusa Lucrezia.