Clarina

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Berchet

1849 C Indice:Poesie di Giovanni Berchet.djvu Poesie letteratura Clarina Intestazione 2 marzo 2012 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie di Giovanni Berchet

[p. 80 modifica]

CLARINA


romanza


Sotto i pioppi della Dora,
   Dove l’onda è più romita,
   3Ogni dì, su l’ultim’ora,
   S’ode un suono di dolor. —
   È Clarina, a cui la vita
   6Rodon l’ansie dell’amor.

Poveretta! di Gismondo
   Piange i stenti, a lui sol pensa. —
   9Fuggitivo, vagabondo
   Pena il misero i suoi dì;
   Mentre assunto a regal mensa
   12Ride il vile che il tradì. —

Già mature nel tuo seno,
   Bella Italia, fremean l’ire;
   15Sol mancava, il dì sereno
   Della speme; — e Dio ’l creò:
   Di tre secoli il desire
   18Il volere Ei ti cangiò.

[p. 81 modifica]

Oh ventura! e allo Straniero,
   Che il piè grava sul tuo collo,
   21Pose il buio nel pensiero,
   La paura dentro il cor;
   Come vittima segnollo
   24Al tuo vindice rancor.

Gridò l’onta del servaggio:
   Siam fratelli; all’arme! all’arme!
   27Giunta è l’ora in cui l’oltraggio
   Denno i Barbari scontar.
   Suoni Italia in ogni carme
   30Dal Cenisio infino al mar.

— Tutti unisca una bandiera —
   Fu il clamore delle squadre,
   33D’ogni pio fu la preghiera,
   D’ogni savio fu il voler;
   D’ogni sposa d’ogni madre
   36Fu de’ palpiti il primier. —

E Clarina al suo diletto
   Cinse il brando; e tricolore
   39La coccarda su l’elmetto
   Di sua man gli collocò:
   Poi soffusa di rossore,
   42Con un bacio il congedò.

Ma indiscreta sul bel volto
   Una lagrima pur scese: —
   45Ei la vide; e al ciel rivolto
   Diè un sospiro e impallidì: —
   E la vergine cortese
   48Il guerriero inanimì:

« Fermi sieno i nostri petti;
   Questo il giorno è dell’onore:
   51Senza infamia a molli affetti
   Ceder oggi non puoi tu.
   Ah! che giova anco l’amore
   54Per chi freme in servitù?

[p. 82 modifica]

Va, Gismondo e qual ch’io sia,
   non por mente alle mie pene.
   57Una patria avevi in pria
   Che donassi a me il tuo cor:
   Rompi a lei le sue catene,
   60Poi t’inebria dell’amor.

Va, combatti; — e nei perigli
   Pensa, o caro, al dì remoto
   63Quando, assiso in mezzo ai figli,
   Tu festoso potrai dir:
   Questo brando a lei devoto,
   66Tolse Italia dal servir.» —

Poveretta! — E tutto sparve!
   I patiboli, le scuri
   69Di sua mente or son le larve,
   La fallita Libertà,
   L’armi estranei, i re spergiuri,
   72E d’Alberto la viltà.

Lui sospinto avea il suo fato
   Su la via de’ gloriosi;
   75Ma un infame oh sciagurato
   Ne preferse; e in mano ai re
   Diè la patria, e i generosi
   78Che in lui posta avean la fè.

Esecrato, o Carignano,
   Va il tuo nome in ogni gente!
   81Non v’è clima sì lontano
   Ove il tedio, lo squallor,
   La bestemmia d’un fuggente
   84Non ti annunzi traditor.

E qui in riva della Dora
   Questa vergine infelice,
   87Questo lutto che le sfiora
   Gli anni, il senno e la beltà,
   Su l’esosa tua cervice
   90Grida sangue — e sangue avrà.

[p. 83 modifica]

Qui Gismondo il dì fatale,
   Scansò l’ira de’ tiranni;
   93Di qui mosse; — e il tristo vale
   Qui Clarina a lui gemè;
   E qui a pianger vien gli affanni
   96Dell’amante che perdè.

Più fermezza di consiglio
   Ahi! non ha la dolorosa.
   99Fra le angustie dell’esiglio
   Lunge lunge il suo pensier
   Va perduto senza posa
   102Dietro i passi del guerrier.