D'illustri ulivi, e di famosi allori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Maria Gasparri

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura D’illustri ulivi, e di famosi allori Intestazione 9 aprile 2022 100% Da definire



[p. 199 modifica]

V1


D’illustri ulivi, e di famosi allori
     Signor, Te vidi alteramente ornato,
     Nella Città, che a noi provida dato
     Chi or gode i primi ricusati onori.
5Vidi il Metauro i tributari umori
     Portar superbo all’Adria oltre l’usato,
     E dell’Autunno ad onta il colle, e ’l prato
     Verdeggiar di nuov’erbe e nuovi fiori.
Solo tu non vedesti i tuoi gran pregi,
     10Anzi tentasti con bell’arte umile
     Convertirle tue glorie in tuoi dispregi:
Chè tua virtù forma non cangia o stile
     D’immortal serto e di novelli fregi
     Sebben Tu cingi il dotto crin gentile.


Note

  1. Coronale in lode di Mons. Annibale, poi Card. Albani.