De l'infinito, universo e mondi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giordano Bruno

1584 D De l'infinito, universo e mondi Intestazione 16 maggio 2019 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
GIORDANO BRUNO
NOLANO
DE L'INFINITO, UNIVERSO E MONDI
A L'ILLUSTRISSIMO
SIGNOR DI MAUVISSIERO
STAMPATO IN VENEZIA
A NNO MDLXXXIIII
 2
 3
PROEMIALE EPISTOLA
SCRITTA ALL'ILLUSTRISSIMO
SIGNOR MICHEL DI CASTELNOVO
Signor di Mauvissiero, Concressalto e di Ionvilla,
Cavallier de l'ordine del Re Cristianissimo,
Conseglier del suo privato Conseglio,
Capitano di 50 uomini d'arme
e Ambasciator alla Serenissima Regina d'Inghilterra.
Se io, illustrissimo Cavalliero, contrattasse l'aratro, pascesse un gregge,
coltivasse un orto, rassettasse un vestimento, nessuno mi guardarebbe, pochi
m'osservarebono, da rari sarei ripreso e facilmente potrei piacere a tutti. Ma per
essere delineatore del campo de la natura, sollecito circa la pastura de l'alma, vago de
la coltura de l'ingegno e dedalo circa gli abiti de l'intelletto, ecco che chi adocchiato
me minaccia, chi osservato m'assale, chi giunto mi morde, chi compreso mi vora; non
è uno, non son pochi, son molti, son quasi tutti. Se volete intendere onde sia questo,
vi dico che la caggione è l'universitade che mi dispiace, il volgo ch'odio, la
moltitudine che non mi contenta, una che m'innamora: quella per cui son libero in
suggezione, contento in pena, ricco ne la necessitade e vivo ne la morte; quella per
cui non invidio a quei che son servi nella libertà, han pena nei piaceri, son poveri ne
le ricchezze e morti ne la vita, perché nel corpo han la catena che le stringe, nel
spirto l'inferno che le deprime, ne l'alma l'errore che le ammala, ne la mente il
letargo che le uccide; non essendo magnanimità che le delibere, non longanimità che
le inalze, non splendor che le illustre, non scienza che le avvive. Indi accade che non
ritrao, come lasso, il piede da l'arduo camino; né, come desidioso, dismetto le braccia
da l'opra che si presenta; né, qual disperato, volgo le spalli al nemico che mi
contrasta; né, come abbagliato, diverto gli occhi dal divino oggetto; mentre, per il
piú, mi sento riputato sofista, piú studioso d'apparir sottile che di esser verace;
ambizioso, che piú studia di suscitar nova e falsa setta che di confirmar l'antica e
vera; ucellatore, che va procacciando splendor di gloria con porre avanti le tenebre
d'errori; spirto inquieto, che subverte gli edificii de buone discipline e si fa fondator
di machine di perversitade. Cossí, Signor, gli santi numi disperdano da me que' tutti
che ingiustamente m'odiano, cossí mi sia propicio sempre il mio Dio, cossí favorevoli
mi sieno tutti governatori del nostro mondo, cossí gli astri mi faccian tale il seme al
campo ed il campo al seme ch'appaia al mondo utile e glorioso frutto del mio lavoro
con risvegliar il spirto ed aprir il sentimento a quei che son privi di lume: come io
certissimamente non fingo e, se erro, non credo veramente errare e, parlando e
scrivendo, non disputo per amor de la vittoria per se stessa (perché ogni riputazione
e vittoria stimo nemica a Dio, vilissima e senza punto di onore, dove non è la verità),
ma per amor della vera sapienza e studio della vera contemplazione m'affatico, mi
crucio, mi tormento. Questo manifestaranno gli argumenti demostrativi, che
pendeno da vivaci raggioni, che derivano da regolato senso, che viene informato da
non false specie che, come veraci ambasciatrici, si spiccano da gli suggetti de la
 4
natura, facendosi presenti a quei che le cercano, aperte a quei che le rimirano, chiare
a chi le apprende, certe a chi le comprende. Or ecco, vi porgo la mia contemplazione
circa l'infinito, universo e mondi innumerabili.
Argomento del primo dialogo.
Avete dunque nel primo dialogo prima, che l'inconstanza del senso mostra che
quello non è principio di certezza e non fa quella se non per certa comparazione e
conferenza d'un sensibile a l'altro ed un senso a l'altro; e s'inferisce come la verità sia
in diversi soggetti.
Secondo, si comincia a dimostrar l'infinitudine de l'universo, e si porta il primo
argumento tolto da quel, che non si sa finire il mondo da quei che con l'opra de la
fantasia vogliono fabricargli le muraglia. Terzo, da che è inconveniente dire che il
mondo sia finito e che sia in se stesso, perché questo conviene al solo immenso, si
prende il secondo argumento. Appresso si prende il terzo argumento
dall'inconveniente ed impossibile imaginazione del mondo come sia in nessun loco,
perché ad ogni modo seguitarrebe che non abbia essere, atteso che ogni cosa, o
corporale o incorporal che sia, o corporale- o incorporalmente, è il loco. Il quarto
argumento si toglie da una demostrazione o questione molto urgente che fanno gli
epicurei:
Nimirum si iam finitum constituatur
omne quod est spacium, si quis procurrat ad oras
Ultimus extremas iaciatque volatile telum,
Invalidis utrum contortum viribus ire
Quo fuerit missum mavis longeque volare,
An prohibere aliquid censes obstareque posse?
Nam sive est aliquid quod prohibeat officiatque,
Quominu' quo missum est veniat finique locet se,
Sive foras fertur, non est ea fini profecto.
Quinto, da che la definizion del loco che poneva Aristotele non conviene al
primo, massimo e comunissimo loco, e che non val prendere la superficie prossima
ed immediata al contenuto, ed altre levitadi che fanno il loco cosa matematica e non
fisica; lascio che tra la superficie del continente e contenuto che si muove entro
quella, sempre è necessario spacio tramezante a cui conviene piú tosto esser loco; e
se vogliamo del spacio prendere la sola superficie, bisogna che si vada cercando in
infinito un loco finito. Sesto, da che non si può fuggir il vacuo ponendo il mondo
finito, se vacuo è quello nel quale è niente.
Settimo, da che, sicome questo spacio nel quale è questo mondo, se questo
mondo non vi si trovasse, se intenderebbe vacuo; cossí dove non è questo mondo, se
v'intende vacuo. Citra il mondo, dunque, è indifferente questo spacio da quello:
dunque, l'attitudine ch'ha questo, ha quello; dunque, ha l'atto, perché nessuna
attitudine è eterna senz'atto; e però eviternamente ha l'atto gionto; anzi essalei è
atto, perché nell'eterno non è differente l'essere e posser essere.
Ottavo, da quel che nessun senso nega l'infinito, atteso che non lo possiamo
negare per questo, che non lo comprendiamo col senso; ma da quel, che il senso
 5
viene compreso da quello e la raggione viene a confirmarlo lo doviamo ponere. Anzi
se oltre ben consideriamo, il senso lo pone infinito; perché sempre veggiamo cosa
compresa da cosa, e mai sentiamo, né con esterno né con interno senso, cosa non
compresa da altra o simile.
Ante oculos etenim rem res finire videtur:
Aer dissepit colleis atque aera montes,
Terra mare et contra mare terras terminat omneis:
Omne quidem vero nihil est quod finiat extra.
Usque adeo passim patet ingens copia rebus,
Finibus exemptis, in cunctas undique parteis.
Per quel dunque, che veggiamo, piú tosto doviamo argumentar infinito, perché
non ne occorre cosa che non sia terminata ad altro e nessuna esperimentiamo che sia
terminata da se stessa. Nono, da che non si può negare il spacio infinito se non con la
voce, come fanno gli pertinaci, avendo considerato che il resto del spacio, dove non è
mondo e che si chiama vacuo o si finge etiam niente, non si può intendere senza
attitudine a contenere non minor di questa che contiene. Decimo, da quel che,
sicome è bene che sia questo mondo, non è men bene che sia ciascuno de infiniti altri.
Undecimo, da che la bontà di questo mondo non è comunicabile ad altro mondo che
esser possa, come il mio essere non è comunicabile al di questo e quello. Duodecimo,
da che non è raggione né senso che, come si pone un infinito individuo,
semplicissimo e complicante, non permetta che sia un infinito corporeo ed esplicato.
Terzodecimo, da che questo spacio del mondo che a noi par tanto grande, non è
parte e non è tutto a riguardo dell'infinito, e non può esser suggetto de infinita
operazione, ed a quella è un non ente quello che dalla nostra imbecillità si può
comprendere, e si risponde a certa instanza, che noi non ponemo l'infinito per la
dignità del spacio, ma per la dignità de le nature; perché per la raggione, da la quale
è questo, deve essere ogni altro che può essere, la cui potenza non è attuata per
l'essere di questo, come la potenza de l'essere di Elpino non è attuata per l'atto
dell'essere di Fracastorio. Quartodecimo da che, se la potenza infinita attiva attua
l'esser corporale e dimensionale, questo deve necessariamente essere infinito;
altrimente si deroga alla natura e dignitade di chi può fare e di chi può essere fatto.
Quintodecimo, da quel, che questo universo conceputo volgarmente non si può dir
che comprende la perfezion di tutte cose altrimente che come io comprendo la
perfezione di tutti gli miei membri e ciascun globo tutto quello che è in esso: come è
dire, ognuno è ricco a cui non manca nulla di quel ch'ha. Sestodecimo, da quel, che in
ogni modo l'efficiente infinito sarrebe deficiente senza l'effetto e non possiamo capir
che tale effetto solo sia lui medesimo. Al che si aggiunge che per questo, se fusse o se
è, niente si toglie di quel che deve essere in quello che è veramente effetto, dove gli
teologi nominano azione ad extra e transeunte, oltre la immanente; perché cossí
conviene che sia infinita l'una come l'altra.
Decimo settimo, da quel, che, dicendo il mondo interminato, nel modo nostro
séguita quiete nell'intelletto, e dal contrario sempre innumerabilmente difficultadi ed
inconvenienti. Oltre, si replica quel ch'è detto nel secondo e terzo. Decimo ottavo, da
quel che, se il mondo è sferico, è figurato, è terminato, e quel termine che è oltre
questo terminato e figurato (ancor che ti piaccia chiamarlo niente), è anco figurato di
 6
sorte che il suo concavo è gionto al di costui convesso; perché onde comincia quel
tuo niente è una concavità indifferente almeno dalla convessitudinale superficie di
questo mondo. Decimo nono, s'aggiunge a quel che è stato detto nel secondo.
Ventesimo, si replica quello che è stato detto nel decimo.
Nella seconda parte di questo dialogo, quello ch'è dimostrato per la potenza
passiva de l'universo, si mostra per l'attiva potenza de l'efficiente, con piú raggioni:
de le quali la prima si toglie da quel, che la divina efficacia non deve essere ociosa; e
tanto piú ponendo effetto extra la propria sustanza (se pur cosa gli può esser extra),
e che non meno è ociosa ed invidiosa producendo effetto finito che producendo nulla.
La seconda da la prattica, perché per il contrario si toglie la raggione della bontade e
grandezza divina, e da questo non séguita inconveniente alcuno contra qualsivoglia
legge e sustanza di teologia. La terza è conversiva con la duodecima de la prima
parte; e si apporta la differenza tra il tutto infinito e totalmente infinito. La quarta,
da che non meno per non volere che per non possere la omnipotenza vien biasimata
d'aver fatto il mondo finito e di essere agente infinito circa suggetto finito. La quinta
induce che, se non fa il mondo infinito, non lo può fare; e se non ha potenza di farlo
infinito, non può aver vigore di conservarlo in infinito; e che, se lui secondo una
raggione è finito, viene ad essere finito secondo tutte le raggioni, perché in lui ogni
modo è cosa, e ogni cosa e modo è uno e medesimo con l'altra e l'altro. La sesta è
conversiva de la decima de la prima parte. E s'apporta la causa per la quale gli
teologi defendeno il contrario non senza espediente raggione, e de l'amicizia tra
questi dotti e gli dotti filosofi.
La settima, dal proponere la raggione che distingue la potenza attiva da l'azioni
diverse, e sciorre tale argumento. Oltre, si mostra la potenza infinita intensiva-ed
estensivamente piú altamente che la comunità di teologi abbia giamai fatto. La
ottava, da onde si mostra che il moto di mondi infiniti non è da motore estrinseco ma
da la propria anima, e come con tutto ciò sia un motore infinito. La nona, da che si
mostra come il moto infinito intensivamente si verifica in ciascun de' mondi. Al che
si deve aggiongere che da quel, che un mobile insieme insieme si muove ed è mosso,
séguita che si possa vedere in ogni punto del circolo che fa col proprio centro; ed
altre volte.sciorremo questa obiezione, quando sarà lecito d'apportar la dottrina piú
diffusa.
Argomento del secondo dialogo.
Séguita la medesima conclusione il secondo dialogo. Ove, primo, apporta
quattro raggioni, de quali la prima si prende da quel, che tutti gli attributi de la
divinità sono come ciascuno. La seconda, da che la nostra imaginazione non deve
posser stendersi piú che la divina azione. La terza, da l'indifferenza de l'intelletto ed
azion divina, e da che non meno intende infinito che finito. La quarta, da che, se la
qualità corporale ha potenza infinita attiva, la qualità, dico, sensibile a noi, or che
sarà di tutta che è in tutta la potenza attiva e passiva absoluta? Secondo, mostra da
che cosa corporea non può esser finita da cosa incorporea, ma o da vacuo o da pieno;
ed in ogni modo estra il mondo è spacio, il quale al fine non è altro che materia e
l'istessa potenza passiva, dove la non invida ed ociosa potenza attiva deve farsi in
atto. E si mostra la vanità dell'argomento d'Aristotele dalla incompossibilità delle
 7
dimensioni. Terzo, se insegna la differenza che è tra il mondo e l'universo, perché chi
dice l'universo infinito uno, necessariamente distingue tra questi dui nomi. Quarto,
si apportano le raggioni contrarie, per le quali si stima l'universo finito: dove Elpino
referisce le sentenze tutte di Aristotele, e Filoteo le va essaminando. Quelle sono
tolte altre dalla natura di corpi semplici, altre da la natura di corpi composti; e si
mostra la vanità di sei argumenti presi dalla definizione de gli moti che non possono
essere in infinito, e da altre simili proposizioni, le quali son senza proposito e
supposito, come si vede per le nostre raggioni. Le quali piú naturalmente faran
vedere la raggione de le differenze e termino di moto, e, per quanto comporta
l'occasione e loco, mostrano la piú reale cognizione dell'appulso grave e lieve; perché
per esse mostramo come il corpo infinito non è grave né lieve, e come il corpo finito
riceve differenze tali, e come non. Ed indi si fa aperta la vanità de gli argomenti di
Aristotele, il quale, argumentando contra quei che poneno il mondo infinito, suppone
il mezzo e la circonferenza, e vuole che nel finito o infinito la terra ottegna il centro.
In conclusione, non è proposito grande o picciolo che abbia amenato questo filosofo
per destruggere l'infinità del mondo, tanto dal primo libro Del cielo e mondo quanto
dal terzo De la fisica ascoltazione, circa il quale non si discorra assai piú che a
bastanza.
Argomento del terzo dialogo.
Nel terzo dialogo primieramente si niega quella vil fantasia della figura, de le
sfere e diversità di cieli; e s'affirma uno essere il cielo, che è uno spacio generale
ch'abbraccia gl'infiniti mondi; benché non neghiamo piú, anzi infiniti cieli, prendendo
questa voce secondo altra significazione; per ciò che come questa terra ha il suo
cielo, che è la sua regione nella quale si muove e per la quale discorre, cossí ciascuna
di tutte l'altre innumerabili. Si manifesta onde sia accaduta la imaginazione di tali e
tanti mobili deferenti e talmente figurati che abbiano due superficie esterne ed una
cava interna; ed altre ricette e medicine che dànno nausea ed orrore agli medesimi
che le ordinano e le esequiscono, e a que' miseri che se le inghiottiscono.
Secondo, si avertisce che il moto generale e quello de gli detti eccentrici e
quanti possono riferirse al detto firmamento, tutti sono fantastici: che realmente
pendeno da un moto che fa la terra con il suo centro per l'ecliptica e quattro altre
differenze di moto che fa circa il centro de la propria mole. Onde resta, che il moto
proprio di ciascuna stella si prende da la differenza che si può verificare
suggettivamente in essa come mobile da per sé per il campo spacioso. La qual
considerazione ne fa intendere, che tutte le raggioni del mobile e moto infinito son
vane e fondate su l'ignoranza del moto di questo nostro globo. Terzo, si propone
come non è stella che non si muova come questa ed altre che, per essere a noi vicine,
ne fanno conoscere sensibilmente le differenze locali di moti loro; ma che altrimente
se muoveno gli soli che son corpi dove predomina il foco, altrimente le terre ne le
quali l'acqua è predominante; e quindi si manifesta onde proceda il lume che
diffondeno le stelle, de quali altre luceno da per sé altre per altro.
Quarto, in qual maniera corpi distantissimi dal sole possano equalmente come
gli piú vicini partecipar il caldo; e si riprova la sentenza attribuita ad Epicuro, come
che vuole un sole esser bastante all'infinito universo; e s'apporta la vera differenza
 8
tra quei astri che scintillano e quei che non. Quinto s'essamina la sentenza del
Cusano circa la materia ed abitabilità di mondi e circa la raggion del lume. Sesto,
come di corpi, benché altri sieno per sé lucidi e caldi, non per questo il sole luce al
sole e la terra luce alla medesima terra ed acqua alla medesima acqua; ma sempre il
lume procede dall'apposito astro, come sensibilmente veggiamo tutto il mar lucente
da luoghi eminenti, come da monti; ed essendo noi nel mare, e quando siamo ne
l'istesso campo, non veggiamo risplendere se non quanto a certa poca dimensione il
lume del sole e della luna ne si oppone. Settimo, si discorre circa la vanità delle
quinte essenze: e si dechiara che tutti corpi sensibili non sono altri e non costano
d'altri prossimi e primi principii che questi, che non sono altrimente mobili tanto per
retto quanto per circulare. Dove tutto si tratta con raggioni piú accomodate al senso
commune, mentre Fracastorio s'accomoda all'ingegno di Burchio; e si manifesta
apertamente che non è accidente che si trova qua che non si presuppona là, come
non è cosa che si vede di là da qua, la quale, se ben consideriamo, non si veda di qua
da là; e conseguentemente, che quel bell'ordine e scala di natura è un gentil sogno ed
una baia da vecchie ribambite. Ottavo, che, quantunque sia vera la distinzione de gli
elementi, non è in nessun modo sensibile o intelligibile tal ordine di elementi quale
volgarmente si pone; e secondo il medesimo Aristotele, gli quattro elementi sono
equalmente parti o membri di questo globo, se non vogliamo dire che l'acqua eccede;
onde degnamente gli astri son chiamati or acqua or fuoco tanto da veri naturali
filosofi quanto da profeti divini e poeti; li quali, quanto a questo, non favoleggiano né
metaforicheggiano, ma lasciano favoleggiare ed impuerire quest'altri sofossi. Cossí li
mondi se intendeno essere questi corpi eterogenei, questi animali, questi grandi
globi, dove non è la terra grave piú che gli altri elementi, e le particelle tutte si
muoveno e cangiano di loco e disposizione non altrimente che il sangue ed altri
umori e spiriti e parte minime, che fluiscono, refluiscono, influiscono ed effluiscono
in noi ed altri piccioli animali. A questo proposito s'amena la comparazione, per la
quale si trova che la terra, per l'appulso al centro de la sua mole, non si trova piú
grave che altro corpo semplice che a tal composizion concorre; e che la terra da per
sé non è grave né ascende né discende; e che l'acqua è quella che fa l'unione, densità,
spessitudine e gravità.
Nono, da che è visto il famoso ordine de gli elementi vano, s'inferisce la
raggione di questi corpi sensibili composti che, come tanti animali e mondi, sono nel
spacioso campo che è l'aria o cielo o vacuo. Ove son tutti que' mondi che non meno
contegnono animali ed abitatori che questo contener possa, atteso che non hanno
minor virtú né altra natura. Decimo, dopo che è veduto come sogliano disputar gli
pertinacemente additti ed ignoranti di prava disposizione, si fa oltre manifesto in che
modo per il piú delle volte sogliono conchiudere le disputazioni; benché altri sieno
tanto circonspetti che, senza guastarsi punto, con un ghigno, con un risetto, con
certa modesta malignità, quel che non vagliono aver provato con raggioni né lor
medesimi possono donarsi ad intendere, con queste artecciuole di cortesi dispreggi,
la ignoranza in ogni altro modo aperta vogliono non solo cuoprire, ma rigettarla al
dorso dell'antigonista; perché non vegnono a disputar per trovare o cercar la verità,
ma per la vittoria e parer piú dotti e strenui defensori del contrario. E simili denno
essere fuggiti da chi non ha buona corazza di pazienza.
 9
Argumento del quarto dialogo.
Nel seguente dialogo prima si replica quel ch'altre volte è detto, come sono
infiniti gli mondi, come ciascun di quelli si muova e come sia formato. Secondo, nel
modo con cui, nel secondo dialogo, si sciolsero le raggioni contra l'infinita mole o
grandezza de l'universo, dopo che nel primo con molte raggioni fu determinato
l'inmenso effetto dell'inmenso vigore e potenza; al presente, dopo che nel terzo
dialogo è determinata l'infinita moltitudine de mondi, si scioglieno le molte raggioni
d'Aristotele contro quella, benché altro significato abbia questa voce mondo
appresso Aristotele, altro appresso Democrito, Epicuro ed altri.
Quello dal moto naturale e violento, e raggioni de l'uno e l'altro che son
formate da lui, vuole che l'una terra si derrebe muovere a l'altra; e con risolvere
queste persuasioni prima, si poneno fondamenti di non poca importanza per veder
gli veri principii della natural filosofia. Secondo, si dechiara che, quantunque la
superficie d'una terra fusse contigua a l'altra, non averrebe che le parti de l'una si
potessero muovere a l'altra, intendendo de le parti eterogenee o dissimilari, non de
gli atomi e corpi semplici; onde si prende lezione di meglio considerare circa la
natura del grave e lieve. Terzo, per qual caggione questi gran corpi sieno stati
disposti da la natura a tanta distanza, e non sieno piú vicini gli uni e gli altri, di sorte
che da l'uno si potesse far progresso a l'altro; e quindi, da chi profondamente vede, si
prende raggione per cui non debbano esser mondi come nella circonferenza
dell'etere, o vicini al vacuo tale in cui non sia potenza, virtú ed operazione; perché da
un lato non potrebono prender vita e lume. Quarto, come la distanza locale muta la
natura del corpo, e come non; ed onde sia che, posta una pietra equidistante da due
terre, o si starebbe ferma, o determinarebbe di moversi piú tosto a l'una che a l'altra.
Quinto, quanto s'inganni Aristotele per quel che in corpi, quantunque distanti,
intende appulso di gravità o levità de l'uno all'altro; ed onde proceda l'appetito di
conservarsi nell'esser presente, quantunque ignobile, ne le cose: il quale appetito è
causa della fuga e persecuzione. Sesto, che il moto retto non conviene né può esser
naturale a la terra o altri corpi principali, ma a le parti di questi corpi che a essi da
ogni differenza di loco, se non son molto discoste, si muoveno. Settimo, da le comete
si prende argomento che non è vero che il grave, quantunque lontano, abbia appulso
o moto al suo continente. La qual raggione corre non per gli veri fisici principii, ma
dalle supposizioni della filosofia d'Aristotele, che le forma e compone da le parti che
sono vapori ed exalazioni de la terra. Ottavo, a proposito d'un altro argomento, si
mostra come gli corpi semplici, che sono di medesima specie in altri mondi
innumerabili, medesimamente si muovano; e qualmente la diversità numerale pone
diversità de luoghi, e ciascuna parte abbia il suo mezzo e si referisca al mezzo
commune del tutto; il quale mezzo non deve essere cercato nell'universo. Nono, si
determina che gli corpi e parti di quelli non hanno determinato su e giú, se non in
quanto che il luogo della conversazione è qua o là. Decimo, come il moto sia infinito,
e qual mobile tenda in infinito ed a composizioni innumerabili, e che non perciò
séguita gravità o levità con velocità infinita; e che il moto de le parti prossime, in
quanto che serbino il loro essere, non può essere infinito; e che l'appulso de parti al
suo continente non può essere se non infra la regione di quello.
 10
Argomento del quinto dialogo.
Nel principio del quinto dialogo si presenta un dotato di piú felice ingegno; il
qual, quantunque nodrito in contraria dottrina, per aver potenza di giudicar sopra
quello ch'ave udito e visto, può far differenza tra una ed un'altra disciplina, e
facilmente si rimette e corregge. Si dice chi sieno quei a' quali Aristotele pare un
miracolo di natura, atteso che coloro che malamente l'intendeno e hanno l'ingegno
basso, magnificamente senteno di lui. Perché doviamo compatire a simili, e fuggir la
lor disputazione, per ciò che con essi non vi è altro che da perdere.
Qua Albertino, nuovo interlocutore, apporta dodici argumenti, ne li quali
consiste tutta la persuasione contraria alla pluralità e moltitudine di mondi. Il primo
si prende da quel, che estra il mondo non s'intende loco né tempo né vacuo né corpo
semplice, né composto. Il secondo, da l'unità del motore. Il terzo, da luoghi de corpi
mobili. Il quarto, dalla distanza de gli orizonti dal mezzo. Il quinto, dalla contiguità
de piú mondi orbiculari. Il sesto, da spacii triangulari che causano con il suo
contatto. Il settimo, dall'infinito in atto, che non è, e da un determinato numero, che
non è piú raggionevole che l'altro. Da la qual raggione noi possiamo non solo
equalmente, ma e di gran vantaggio inferire, che per ciò il numero non deve essere
determinato, ma infinito. L'ottavo, dalla determinazione di cose naturali e dalla
potenza passiva de le cose, la quale alla divina efficacia ed attiva potenza non
risponde. Ma qua è da considerare che è cosa inconvenientissima, che il primo ed
altissimo sia simile ad uno ch'ha virtú di citarizare e, per difetto ci citara, non
citareggia; e sia uno che può fare, ma non fa, perché quella cosa che può fare, non
può esser fatta da lui. Il che pone una piú che aperta contradizione, la quale non può
essere non conosciuta, eccetto che da quei che conoscono niente. Il nono dalla bontà
civile che consiste nella conversazione. Il decimo, da quel, che per la contiguità d'un
mondo con l'altro séguita, che il moto de l'uno impedisca il moto de l'altro.
L'undecimo, da quel, che, se questo mondo è compíto e perfetto, non è dovero che
altro o altri se gli aggiunga o aggiungano.
Questi son que' dubii e motivi, nella soluzion delli quali consiste tanta dottrina,
quanta sola basta a scuoprir gl'intimi e radicali errori de la filosofia volgare ed il
pondo e momento de la nostra. Ecco qua la raggione, per cui non doviam temere che
cosa alcuna diffluisca, che particolar veruno o si disperda o veramente inanisca o si
diffonda in vacuo che lo dismembre in adni[c]hilazione. Ecco la raggion della
mutazion vicissitudinale del tutto, per cui cosa non è di male da cui non s'esca, cosa
non è di buono a cui non s'incorra, mentre per l'infinito campo, per la perpetua
mutazione, tutta la sustanza persevera medesima ed una. Dalla qual contemplazione,
se vi sarremo attenti, avverrà che nullo strano accidente ne dismetta per doglia o
timore, e nessuna fortuna per piacere o speranza ne estoglia: onde aremo la via vera
alla vera moralità, saremo magnanimi, spreggiatori di quel che fanciulleschi pensieri
stimano; e verremo certamente piú grandi che que' dei che il cieco volgo adora,
perché dovenerremo veri contemplatori dell'istoria de la natura, la quale è scritta in
noi medesimi, e regolati executori delle divine leggi, che nel centro del nostro core
son inscolpite. Conosceremo che non è altro volare da qua al cielo che dal cielo qua,
non altro ascendere da qua là che da là qua, né è altro descendere da l'uno a l'altro
termine. Noi non siamo piú circonferenziali a essi che essi a noi; loro non sono piú
 11
centro a noi che noi a loro; non altrimente calcamo la stella e siamo compresi noi dal
cielo, che essi loro.
Eccone, dunque, fuor d'invidia; eccone liberi da vana ansia e stolta cura di
bramar lontano quel tanto bene che possedemo vicino e gionto. Eccone piú liberi dal
maggior timore che loro caschino sopra di noi, che messi in speranza che noi
caschiamo sopra di loro; perché cossí infinito aria sustiene questo globo come quelli,
cossí questo animale libero per il suo spacio discorre ed ottiene la sua reggione come
ciascuno di quegli altri per il suo. Il che considerato e compreso che arremo, oh a
quanto piú considerare e comprendere ne diportaremo! Onde per mezzo di questa
scienza otteneremo certo quel bene, che per l'altre vanamente si cerca.
Questa è quella filosofia che apre gli sensi, contenta il spirto, magnifica
l'intelletto e riduce l'uomo alla vera beatitudine che può aver come uomo, e
consistente in questa e tale composizione; perché lo libera dalla sollecita cura di
piaceri e cieco sentimento di dolori, lo fa godere dell'esser presente, e non piú temere
che sperare del futuro; perché la providenza o fato o sorte, che dispone della
vicissitudine del nostro essere particolare, non vuole né permette che piú sappiamo
dell'uno che ignoriamo dell'altro, alla prima vista e primo rancontro rendendoci
dubii e perplessi. Ma mentre consideramo piú profondamente l'essere e sustanza di
quello in cui siamo inmutabili, trovaremo non esser morte, non solo per noi, ma né
per veruna sustanza; mentre nulla sustanzialmente si sminuisce, ma tutto, per
infinito spacio discorrendo, cangia il volto. E perché tutti soggiacemo ad ottimo
efficiente, non doviamo credere, stimare e sperare altro, eccetto che come tutto è da
buono; cossí tutto è buono, per buono ed a buono; da bene, per bene, a bene. Del che
il contrario non appare se non a chi non apprende altro che l'esser presente, come la
beltade dell'edificio non è manifesta a chi scorge una minima parte di quello, come
un sasso, un cemento affisso, un mezzo parete; ma massime a colui che può vedere
l'intiero e che ha facultà di far conferenza di parti a parti. Non temiamo che quello
che è accumulato in questo mondo, per la veemenza di qualche spirito errante o per
il sdegno di qualche fulmineo Giove, si disperga fuor di questa tomba o cupola del
cielo, o si scuota ed emuisca come in polvere fuor di questo manto stellifero; e la
natura de le cose non altrimente possa venire ad inanirsi in sustanza, che alla
apparenza di nostri occhi quell'aria ch'era compreso entro la concavitade di una
bolla, va in casso; perché ne è noto un mondo, in cui sempre cosa succede a cosa
senza che sia ultimo profondo, da onde, come da la mano del fabro, irreparabilmente
emuiscano in nulla. Non sono fini, termini, margini, muraglia che ne defrodino e
suttragano la infinita copia de le cose. Indi feconda è la terra ed il suo mare; indi
perpetuo è il vampo del sole, sumministrandosi eternamente esca a gli voraci fuochi
ed umori a gli attenuati mari; perché dall'infinito sempre nova copia di materia
sottonasce. Di maniera che megliormente intese Democrito ed Epicuro che vogliono
tutto per infinito rinovarsi e restituirsi, che chi si forza di salvare eterno la costanza
de l'universo, perché medesimo numero a medesimo numero sempre succeda e
medesime parti di materia con le medesime sempre si convertano. Or provedete,
signori astrologi, con li vostri pedissequi fisici, per que' vostri cerchi che vi
discriveno le fantasiate nove sfere mobili; con le quali venete ad impriggionarvi il
cervello di sorte che me vi presentate non altrimente che come tanti papagalli in
gabbia, mentre raminghi vi veggio ir saltellando, versando e girando entro quelli.
Conoscemo che sí grande imperatore non ha sedia sí angusta, sí misero solio, sí arto
 12
tribunale, sí poco numerosa corte, sí picciolo ed imbecille simulacro, che un fantasma
parturisca, un sogno fracasse, una mania ripare, una chimera disperda, una sciagura
sminuisca, un misfatto ne toglia, un pensiero ne restituisca; che con un soffio si
colme e con un sorso si svode; ma è un grandissimo ritratto, mirabile imagine, figura
eccelsa, vestigio altissimo, infinito ripresentante di ripresentato infinito, e spettacolo
conveniente all'eccellenza ed eminenza di chi non può esser capito, compreso,
appreso. Cossí si magnifica l'eccellenza de Dio, si manifesta la grandezza de l'imperio
suo: non si glorifica in uno, ma in soli innumerabili: non in una terra, un mondo, ma
in diececento mila, dico in infiniti. Di sorte che non è vana questa potenza
d'intelletto, che sempre vuole e puote aggiungere spacio a spacio, mole a mole,
unitade ad unitade, numero a numero, per quella scienza che ne discioglie da le
catene di uno angustissimo, e ne promove alla libertà d'un augustissimo imperio, che
ne toglie dall'opinata povertà ed angustia alle innumerevoli ricchezze di tanto
spacio, di sí dignissimo campo, di tanti coltissimi mondi; e non fa che circolo
d'orizonte, mentito da l'occhio in terra e finto da la fantasia nell'etere spacioso, ne
possa impriggionare il spirto sotto la custodia d'un Plutone e la mercé d'un Giove.
Siamo exempti da la cura d'un tanto ricco possessore e poi tanto parco, sordido ed
avaro elargitore, e dalla nutritura di sí feconda e tuttipregnante e poi sí meschina e
misera parturiscente natura.
Altri molti sono i degni ed onorati frutti che da questi arbori si raccoglieno,
altre le messe preciose e desiderabili che da questo seme sparso riportar si possono.
Le quali, per non piú importunamente sollecitar la cieca invidia de gli nostri
adversarii, non ameniamo a mente, ma lasciamo comprendere dal giudizio di quei
che possono comprendere e giudicare. Li quali, da per se medesimi, potranno
facilmente a questi posti fondamenti sopraedificar l'intiero edificio de la nostra
filosofia; gli cui membri, se cossí piacerà a chi ne governa e muove, e se
l'incominciata impresa non ne verrà interrotta, ridurremo alla tanto bramata
perfezione, a fine che quello, che è seminato ne gli dialogi De la causa, principio ed
uno, per altri germoglie, per altri cresca, per altri si mature, per altri, mediante una
rara mietitura, ne addite e, per quanto è possibile, ne contente; mentre (avendolo
sgombrato de le veccie, de gli lolii e de le raccolte zizanie) di frumento meglior che
possa produr terreno de la nostra coltura, verremo ad colmar il magazzino de
studiosi ingegni.
Tra tanto, benché son certo che non è bisogno de lo raccomandarvi, non
lasciarò pure, per far parte del debito mio, di procurar che vi sia veramente
raccomandato quello che non intrattenete tra vostri familiari come uomo di cui avete
bisogno, ma come persona che ha bisogno di voi per tante e tante caggioni che
vedete; considerando che, per aver appresso di voi tanti che vi serveno, non siete
differente da plebei, borsieri e mercanti; ma, per aver alcunamente degno che da voi
sia promosso, difeso ed aggiutato, sète, come sempre vi siete mostrato e fuste,
conforme a' principi magnanimi, eroi e Dei, li quali hanno ordinati pari vostri per la
difesa de gli loro amici. E vi ricordo quel che so che non bisogna ricordarvi: che non
potrete al fine esser tanto stimato dal mondo e gratificato da Dio, per essere amato e
rispettato da principi quantosivoglia grandi de la terra, quanto per amare, difendere
e conservare un di simili. Perché non è cosa che quelli che con la fortuna vi son
superiori, possono fare a voi che molti di lor superate con la virtude, che possa
durare piú che gli vostri pareti e tapezzarie; ma tal cosa voi possete fare ad altri, che
 13
facilmente vegna scritta nel libro dell'eternitade, o sia quello che si vede in terra o
sia quell'altro che si crede in cielo: atteso che quanto che ricevete da altri, è
testimonio de l'altrui virtute, ma il tanto che fate ad altro, è segno ed indizio
espresso de la vostra. Vale.
Mio passar solitario, a quelle parti,
A quai drizzaste già l'alto pensiero,
Poggia infinito, poi che fia mestiero
A l'oggetto agguagliar l'industrie e l'arti.
Rinasci là; là su vogli' allevarti
Gli tuoi vaghi pulcini, omai ch'il fiero
Destin av'ispedito il corso intiero
Contra l'impresa, onde solea ritrarti.
Vanne da me, che piú nobil ricetto
Bramo ti godi; e arrai per guida un dio,
Che da chi nulla vede è cieco detto.
Il ciel ti scampi, e ti sia sempre pio
Ogni nume di questo ampio architetto;
E non tornar a me, se non sei mio.
Uscito de priggione angusta e nera,
Ove tant'anni error stretto m'avinse,
Qua lascio la catena, che mi cinse
La man di mia nemica invid'e fera.
Presentarmi a la notte fosca sera
Oltre non mi potrà, perché chi vinse
Il gran Piton, e del suo sangue tinse
L'acqui del mar, ha spinta mia Megera.
A te mi volgo e assorgo, alma mia voce:
Ti ringrazio, mio sol, mia diva luce;
Ti consacro il mio cor, eccelsa mano,
Che m'avocaste da quel graffio atroce,
Ch'a meglior stanze a me ti festi duce,
Ch'il cor attrito mi rendeste sano.
***
E chi mi impenna, e chi mi scalda il core?
Chi non mi fa temer fortuna o morte?
Chi le catene ruppe e quelle porte,
Onde rari son sciolti ed escon fore?
L'etadi, gli anni, i mesi, i giorni e l'ore
Figlie ed armi del tempo, e quella corte
A cui né ferro, né diamante è forte,
Assicurato m'han dal suo furore.
 14
Quindi l'ali sicure a l'aria porgo;
Né temo intoppo di cristallo o vetro,
Ma fendo i cieli e a l'infinito m'ergo.
E mentre dal mio globo a gli altri sorgo,
E per l'eterio campo oltre penetro:
Quel ch'altri lungi vede, lascio al tergo.
 15
DIALOGO PRIMO
INTERLOCUTORI
Elpino, Filoteo, Fracastorio, Burchio.
Elpino. Come è possibile che l'universo sia infinito?
Filoteo. Come è possibile che l'universo sia finito?
Elpino. Volete voi che si possa dimostrar questa infinitudine?
Filoteo. Volete voi che si possa dimostrar questa finitudine?
Elpino. Che dilatazione è questa?
Filoteo. Che margine è questa?
Fracastorio. Ad rem, ad rem, si iuvat; troppo a lungo ne avete tenuto suspesi.
Burchio. Venite presto a qualche raggione, Filoteo, perché io mi prenderò
spasso de ascoltar questa favola o fantasia.
Fracastorio. Modestius, Burchio: che dirai, se la verità ti convincesse al fine?
Burchio. Questo ancor che sia vero, io non lo voglio credere; perché questo
infinito non è possibile che possa esser capito dal mio capo, né digerito dal mio
stomaco; benché, per dirla, pure vorrei che fusse cossí come dice Filoteo, perché se,
per mala sorte, avenesse che io cascasse da questo mondo, sempre trovarei di paese.
Elpino. Certo, o Filoteo, se noi vogliamo far il senso giudice o pur donargli
quella prima che gli conviene per quel che ogni notizia prende origine da lui,
trovaremo forse che non è facile di trovar mezzo per conchiudere quel che tu dici,
piú tosto che il contrario. Or, piacendovi, cominciate a farmi intendere.
Filoteo. Non è senso che vegga l'infinito, non è senso da cui si richieda questa
conchiusione; perché l'infinito non può essere oggetto del senso; e però chi dimanda
di conoscere questo per via di senso, è simile a colui che volesse veder con gli occhi
la sustanza e l'essenza; e chi negasse per questo la cosa, perché non è sensibile o
visibile, verebe a negar la propria sustanza ed essere. Però deve esser modo circa il
dimandar testimonio del senso; a cui non doniamo luogo in altro che in cose
sensibili, anco non senza suspizione, se non entra in giudizio gionto alla raggione. A
l'intelletto conviene giudicare e render raggione de le cose absenti e divise per
distanza di tempo ed intervallo di luoghi. Ed in questo assai ne basta ed assai
sufficiente testimonio abbiamo dal senso per quel, che non è potente a contradirne e
che oltre fa evidente e confessa la sua imbecillità ed insufficienza per l'apparenza de
la finitudine che caggiona per il suo orizonte, in formar della quale ancora si vede
quanto sia incostante. Or, come abbiamo per esperienza, che ne inganna nella
superficie di questo globo in cui ne ritroviamo, molto maggiormente doviamo averlo
suspetto quanto a quel termine che nella stellifera concavità ne fa comprendere.
Elpino. A che dunque ne serveno gli sensi? Dite.
Filoteo. Ad eccitar la raggione solamente, ad accusare, ad indicare e testificare
in parte, non a testificare in tutto, né meno a giudicare, né a condannare. Perché
giamai, quantunque perfetti, son senza qualche perturbazione. Onde la verità, come
da un debile principio, è da gli sensi in picciola parte, ma non è nelli sensi.
 16
Elpino. Dove dunque?
Filoteo. Ne l'oggetto sensibile come in un specchio, nella raggione per modo di
argumentazione e discorso, nell'intelletto per modo di principio o di conclusione,
nella mente in propria e viva forma.
Elpino. Su dunque, fate vostre raggioni.
Filoteo. Cossí farò. Se il mondo è finito ed estra il mondo è nulla, vi dimando:
ove è il mondo? ove è l'universo? Risponde Aristotele: è in se stesso. Il convesso del
primo cielo è loco universale; e quello, come primo continente, non è in altro
continente, perché il loco non è altro che superficie ed estremità di corpo continente;
onde chi non ha corpo continente, non ha loco. - Or che vuoi dir tu, Aristotele, per
questo, che "il luogo è in se stesso?", che mi conchiuderai per "cosa estra il mondo?".
Se tu dici che non v'è nulla; il cielo, il mondo, certo, non sarà in parte alcuna;
Fracastorio. Nullibi ergo erit mundis. Omne erit in nihilo.
Filoteo. - il mondo sarà qualcosa che non si trova. Se dici (come certo mi par che
vogli dir qualche cosa, per fuggir il vacuo ed il niente) che estra il mondo è uno ente
intellettuale e divino, di sorte che Dio venga ad esser luogo di tutte le cose, tu
medesimo sarai molto impacciato per farne intendere come una cosa incorporea,
intelligibile e senza dimensione possa esser luogo di cosa dimensionata. Che se dici
quello comprendere come una forma ed al modo con cui l'anima comprende il corpo,
non rispondi alla questione dell'estra ed alla dimanda di ciò che si trova oltre e fuor
de l'universo. E se tu vuoi escusare con dire, che dove è nulla e dove non è cosa
alcuna, non è anco luogo, non è oltre, né extra, per questo non mi contentarai;
perché queste sono paroli ed iscuse che non possono entrare in pensiero. Perché è a
fatto impossibile che con qualche senso o fantasia (anco se si ritrovassero altri sensi
ed altre fantasie) possi farmi affirmare, con vera intenzione, che si trove tal
superficie, tal margine, tal estremità, extra la quale non sia o corpo o vacuo: anco
essendovi Dio, perché la divinità non è per impire il vacuo, e per conseguenza non è
in raggione di quella, in modo alcuno, di terminare il corpo; perché tutto lo che se
dice terminare, o è forma esteriore, o è corpo continente. Ed in tutti i modi che lo
volessi dire, sareste stimato pregiudicatore alla dignità della natura divina ed
universale.
Burchio. Certo, credo che bisognarebe dire a costui che, se uno stendesse la
mano oltre quel convesso, che quella non verrebe essere in loco, e non sarebe in
parte alcuna, e per consequenza non arebe l'essere.
Filoteo. Giongo a questo qualmente non è ingegno che non concepa questo dire
peripatetico come una implicata contradizione. Aristotele ha definito il loco, non
come corpo continente, non come certo spacio, ma come una superficie di continente
corpo; e poi il primo e principal e massimo luogo è quello a cui meno ed a fatto
niente conviene tal diffinizione. Quello è la superficie convessa del primo cielo, la
quale è superficie di corpo; e di tal corpo, il quale contiene solamente, e non è
contenuto. Or a far che quella superficie sia luogo, non si richieda che sia di corpo
contenuto, ma che sia di corpo continente. Se è superficie di corpo continente, e non
è gionta e continuata a corpo contenuto, è un luogo senza locato; atteso che al primo
cielo non conviene esser luogo, se non per la sua su[per]ficie concava, la qual tocca
la convessa del secondo. Ecco, dunque, come quella definizione è vana e confusa ed
interemptiva di se stessa. Alla qual confusione si viene per aver quell'inconveniente,
che vuol che estra il cielo sia posto nulla.
 17
Elpino. Diranno i peripatetici che il primo cielo è corpo continente per la
superficie concava, e non per la convessa; e, secondo quella, è luogo.
Fracastorio. Ed io soggiongo che dunque si trova superficie di corpo continente
la quale non è loco.
Filoteo. In somma, per venir direttamente al proposito, mi par cosa ridicola il
dire che estra il cielo sia nulla, e che il cielo sia in se stesso, e locato per accidente, e
loco per accidente, idest per le sue parti. Ed intendasi quel che si voglia per il suo per
accidente; che non può fuggir che non faccia de uno doi; perché sempre è altro ed
altro quel che è continente e quel che è contenuto; e talmente altro ed altro che,
secondo lui medesimo, il continente è incorporeo ed il contenuto è corpo; il
continente è inmobile, il contenuto è mobile; il continente matematico, il contenuto
fisico. Or sia che si voglia di quella superficie, constantemente dimandarò: che cosa è
oltre quella? Se si risponde che è nulla, questo dirò io esser vacuo, essere inane; e tal
vacuo e tal inane che non ha modo, né termine alcuno olteriore; terminato però
citeriormente. E questo è piú difficile ad imaginare, che il pensar l'universo essere
infinito ed immenso. Perché non possiamo fuggire il vacuo, se vogliamo ponere
l'universo finito. Veggiamo adesso, se conviene che sia tal spacio in cui sia nulla. In
questo spacio infinito si trova questo universo (o sia per caso o per necessità o per
providenza, per ora non me ne impaccio). Dimando se questo spacio che contiene il
mondo, ha maggiore aptitudine di contenere un mondo, che altro spacio che sia
oltre.
Fracastorio. Certo mi par che non; perché dove è nulla, non è differenza alcuna;
dove non è differenza, non è altra ed altra aptitudine: e forse manco è attitudine
alcuna dove non è cosa alcuna.
Elpino. Né tampoco inepzia alcuna. E delle due piú tosto quella che questa.
Filoteo. Voi dite bene. Cossí dico io che, come il vacuo ed inane (che si pone
necessariamente con questo peripatetico dire) non ha aptitudine alcuna a ricevere,
assai meno la deve avere a ributtare il mondo. Ma di queste due attitudini noi ne
veggiamo una in atto, e l'altra non la possiamo vedere a fatto, se non con l'occhio
della raggione. Come dunque in questo spacio, equale alla grandezza del mondo (il
quale da platonici è detto materia), è questo mondo, cossí un altro può essere in quel
spacio ed in innumerabili spacii oltre questo equali a questo.
Fracastorio. Certo, piú sicuramente possiamo giudicar in similitudine di quel che
veggiamo e conoscemo, che in modo contrario di quel che veggiamo e conoscemo.
Onde, perché per il nostro vedere ed esperimentare l'universo non si finisce, né
termina a vacuo ed inane e di quello non è nuova alcuna, raggionevolmente doviamo
conchiuder cossí; perché, quando tutte l'altre raggioni fussero equali, noi veggiamo
che l'esperimento è contrario al vacuo e non al pieno. Con dir questo, saremo sempre
iscusati; ma con dir altrimente, non facilmente fugiremo mille accusazioni ed
inconvenienti. Seguitate, Filoteo.
Filoteo. Dunque, dal canto del spacio infinito, conosciamo certo che è attitudine
alla recepzione di corpo, e non sappiamo altrimente. Tutta volta mi bastarà avere
che non ripugna a quella; almeno per questa caggione, che dove è nulla, nulla
oltraggia. Resta ora vedere se è cosa conveniente che tutto il spacio sia pieno, o non.
E qua, se noi consideriamo tanto in quello che può essere quanto in quello che può
fare, trovaremo sempre non sol raggionevole, ma ancora necessario, che sia. Questo
acciò sia manifesto, vi dimando se è bene che questo mondo sia.
 18
Elpino. Molto bene.
Filoteo. Dunque è bene che questo spacio, che è equale alla dimension del
mondo (il quale voglio chiamar vacuo, simile ed indifferente al spacio, che tu direste
esser niente oltre la convessitudine del primo cielo), sia talmente ripieno.
Elpino. Cossí è.
Filoteo. Oltre, te dimando: credi tu che sicome in questo spacio si trova questa
machina, detta mondo, che la medesima arebe possuto o potrebe essere in altro
spacio di questo inane?
Elpino. Dirò de sí, benché non veggio come nel niente e vacuo possiamo dire
differenza di altro ed altro.
Fracastorio. Io son certo che vedi, ma non ardisci di affirmare, perché ti accorgi
dove ti vuol menare.
Elpino. Affirmatelo pur sicuramente; perché è necessario dire ed intendere che
questo mondo è in un spacio; il quale, se il mondo non fusse, sarebe indifferente da
quello che è oltre il primo vostro mobile.
Fracastorio. Seguitate.
Filoteo. Dunque, sicome può ed ha possuto ed è necessariamente perfetto questo
spacio per la continenza di questo corpo universale, come dici; niente meno può ed
ha possuto esser perfetto tutto l'altro spacio.
Elpino. Il concedo; che per questo? Può essere, può avere: dunque è? dunque
ha?
Filoteo. Io farò che, se vuoi ingenuamente confessare, che tu dica che può essere
e che deve essere e che è. Perché come sarebe male che questo spacio non fusse
pieno, cioè che questo mondo non fusse; non meno, per la indifferenza, è male che
tutto il spacio non sia pieno; e per consequenza l'universo sarà di dimensione infinita
e gli mondi saranno innumerabili.
Elpino. La causa perché denno essere tanti, e non basta uno?
Filoteo. Perché, se è male che questo mondo non sia o che questo pieno non si
ritrove, è al riguardo di questo spacio o di altro spacio equale a questo?
Elpino. Io dico che è male al riguardo di quel che è in questo spacio, che
indifferentemente si potrebe ritrovare in altro spacio equale a questo.
Filoteo. Questo, se ben consideri, viene tutto ad uno; perché la bontà di questo
essere corporeo che è in questo spacio o potrebe essere in altro equale a questo,
rende raggione e riguarda a quella bontà conveniente e perfezione che può essere in
tale e tanto spacio, quanto è questo, o altro equale a questo, e non ad quella che può
essere in innumerabili altri spacii, simili a questo. Tanto piú che, se è raggione che
sia un buono finito, un perfetto terminato; improporzionalmente è raggione che sia
un buono infinito; perché, dove il finito bene è per convenienza e raggione, l'infinito
è per absoluta necessità.
Elpino. L'infinito buono certamente è, ma è incorporeo.
Filoteo. In questo siamo concordanti, quanto a l'infinito incorporeo. Ma che cosa
fa che non sia convenientissimo il buono, ente, corporeo infinito? O che repugna che
l'infinito, implicato nel simplicissimo ed individuo primo principio, non venga
esplicato piú tosto in questo suo simulacro infinito ed interminato, capacissimo de
innumerabili mondi, che venga esplicato in sí anguste margini, di sorte che par
vituperio il non pensare che questo corpo, che a noi par vasto e grandissimo, al
riguardo della divina presenza non sia che un punto, anzi un nulla?
 19
Elpino. Come la grandezza de Dio non consiste nella dimensione corporale in
modo alcuno (lascio che non li aggionge nulla il mondo), cossí la grandezza del suo
simulacro non doviamo pensare che consista nella maggiore e minore mole di
dimensioni.
Filoteo. Assai bene dite, ma non rispondete al nervo della raggione; perché io
non richiedo il spacio infinito, e la natura non ha spacio infinito, per la dignità della
dimensione o della mole corporea, ma per la dignità delle nature e specie corporee;
perché incomparabilmente meglio in innumerabili individui si presenta l'eccellenza
infinita, che in quelli che sono numerabili e finiti. Però, bisogna che di un inaccesso
volto divino sia un infinito simulacro, nel quale, come infiniti membri, poi si trovino
mondi innumerabili, quali sono gli altri. Però, per la raggione de innumerabili gradi
di perfezione, che denno esplicare la eccellenza divina incorporea per modo corporeo,
denno essere innumerabili individui, che son questi grandi animali (de quali uno è
questa terra, diva madre che ne ha parturiti ed alimenta e che oltre non ne
riprenderà), per la continenza di questi innumerabili si richiede un spacio infinito.
Nientemeno dunque è bene che siano, come possono essere, innumerabili mondi
simili a questo, come ha possuto e può essere ed è bene che sia questo.
Elpino. Diremo che questo mondo finito, con questi finiti astri, comprende la
perfezione de tutte cose.
Filoteo. Possete dirlo, ma non già provarlo; perché il mondo che è in questo
spacio finito, comprende la perfezione di tutte quelle cose finite che son in questo
spacio; ma non già dell'infinite che possono essere in altri spacii innumerabili.
Fracastorio. Di grazia, fermiamoci, e non facciamo come i sofisti li quali
disputano per vencere, e mentre rimirano alla lor palma, impediscono che essi ed
altri non comprendano il vero. Or io credo che non sia perfidioso tanto pertinace,
che voglia oltre calunniare, che per la raggion del spacio che può infinitamente
comprendere, e per la raggione della bontà individuale e numerale de infiniti mondi
che possono essere compresi niente meno che questo uno che noi conosciamo, hanno
ciascuno di essi raggione di convenientemente essere. Perché infinito spacio ha
infinita attitudine, ed in quella infinita attitudine si loda infinito atto di existenza;
per cui l'efficiente infinito non è stimato deficiente, e per cui l'attitudine non è vana.
Contentati dunque, Elpino, di ascoltar altre raggioni, se altre occorreno a Filoteo.
Elpino. Io veggio bene, a dire il vero, che dire il mondo, come dite voi
l'universo, interminato non porta seco inconveniente alcuno, e ne viene a liberar da
innumerabili angustie nelle quali siamo avilupati dal contrario dire. Conosco
particolarmente che ne bisogna con i peripatetici tal volta dir cosa che nella nostra
intenzione non tiene fondamento alcuno: come, dopo aver negato il vacuo, tanto
fuori quanto dentro l'universo, vogliamo pur rispondere alla questione che cerca
dove sia l'universo; e dire quello essere ne le sue parti, per tema di dire che lo non sia
in loco alcuno; come è dire nullibi, nusquam. Ma non si può togliere che in quel modo
è bisogno di dire le parti ritrovarsi in qualche loco, e l'universo non essere in loco
alcuno né in spacio; il qual dire, come ognun vede, non può essere fondato sopra
intenzione alcuna, ma significa espressamente una pertinace fuga, per non confessar
la verità con ponere il mondo ed universo infinito, o con ponere il spacio infinito; da
le quali ambe posizioni séguita gemina confusione a chi le tiene. Affermo dunque
che, se il tutto è un corpo, e corpo sferico, e per consequenza figurato e terminato,
bisogna che sia terminato in spacio infinito; nel quale, se vogliamo dire che sia nulla,
 20
è necessario concedere che sia il vero vacuo: il quale, se è, non ha minor raggione in
tutto che in questa parte che qua veggiamo capace di questo mondo; se non è, deve
essere il pieno, e consequentemente l'universo infinito. E non meno insipidamente
siegue il mondo essere alicubi, avendo detto che estra quello è nulla, e che vi è nelle
sue parti, che se uno dicesse Elpino essere alicubi, perché la sua mano è nel suo
braccio, l'occhio nel suo volto, il piè nella gamba, il capo nel suo busto. Ma, per
venire alla conclusione e per non portarmi da sofista fissando il piè su l'apparente
difficoltadi, e spendere il tempo in ciancie, affermo quel che non posso negare: cioè,
che nel spacio infinito o potrebono essere infiniti mondi simili a questo, o che questo
universo stendesse la sua capacità e comprensione di molti corpi, come son questi,
nomati astri; ed ancora che (o simili o dissimili che sieno questi mondi) non con
minor raggione sarebe bene a l'uno l'essere che a l'altro; perché l'essere de l'altro non
ha minor raggione che l'essere de l'uno, e l'essere di molti non minor che de l'uno e
l'altro, e l'essere de infiniti che di molti. Là onde, come sarebe male la abolizione ed il
non essere di questo mondo, cossí non sarebe buono il non essere de innumerabili
altri.
Fracastorio. Vi esplicate molto bene, e mostrate di comprender bene le raggioni
e non esser sofista, perché accettate quel che non si può negare.
Elpino. Pure vorei udire quel che resta di raggione del principio e causa
efficiente eterna: se a quella convegna questo effetto di tal sorte infinito, e se per
tanto in fatto tale effetto sia.
Filoteo. Questo è quel che io dovevo aggiongere. Perché, dopo aver detto
l'universo dover essere infinito per la capacità ed attitudine del spacio infinito, e per
la possibilità e convenienza dell'essere di innumerabili mondi, come questo; resta ora
provarlo e dalle circostanze dell'efficiente che deve averlo produtto tale, o, per parlar
meglio, produrlo sempre tale, e dalla condizione del modo nostro de intendere.
Possiamo piú facilmente argumentare che infinito spacio sia simile a questo che
veggiamo, che argumentare che sia tale quale non lo veggiamo né per essempio né
per similitudine né per proporzione né anco per imaginazione alcuna la quale al fine
non destrugga se medesima. Ora, per cominciarla: perché vogliamo o possiamo noi
pensare che la divina efficacia sia ociosa? perché vogliamo che la divina bontà la
quale si può communicare alle cose infinite e si può infinitamente diffondere, voglia
essere scarsa ed astrengersi in niente, atteso che ogni cosa finita al riguardo de
l'infinito è niente? perché volete quel centro della divinità, che può infinitamente in
una sfera (se cossí si potesse dire) infinita amplificarse, come invidioso, rimaner piú
tosto sterile che farsi comunicabile, padre fecondo, ornato e bello? voler piú tosto
comunicarsi diminutamente e, per dir meglio, non comunicarsi, che secondo la
raggione della gloriosa potenza ed esser suo? perché deve esser frustrata la capacità
infinita, defraudata la possibilità de infiniti mondi che possono essere, pregiudicata la
eccellenza della divina imagine che deverebe piú risplendere in uno specchio
incontratto e secondo il suo modo di essere infinito, immenso? perché doviamo
affirmar questo che, posto, mena seco tanti inconvenienti e, senza faurir leggi,
religioni, fede o moralità in modo alcuno, destrugge tanti principii di filosofia? Come
vuoi tu che Dio, e quanto alla potenza e quanto a l'operazione e quanto a l'effetto
(che in lui son medesima cosa), sia determinato, e come termino della convessitudine
di una sfera, piú tosto che, come dir si può, termino interminato di cosa interminata?
Termino, dico, senza termine, per esser differente la infinità dell'uno da l'infinità
 21
dell'altro: perché lui è tutto l'infinito complicatamente e totalmente, ma l'universo è
tutto in tutto (se pur in modo alcuno si può dir totalità, dove non è parte né fine)
explicatamente, e non totalmente; per il che l'uno ha raggion di termine, l'altro ha
raggion di terminato, non per differenza di finito ed infinito, ma perché l'uno è
infinito e l'altro è finiente secondo la raggione del totale e totalmente essere in tutto
quello che, benché sia tutto infinito, non è però totalmente infinito; perché questo
ripugna alla infinità dimensionale.
Elpino. Io vorrei meglio intender questo. Però mi farete piacere di esplicarvi
alquanto per quel che dite essere tutto in tutto totalmente, e tutto in tutto l'infinito e
totalmente infinito.
Filoteo. Io dico l'universo tutto infinito, perché non ha margine, termino, né
superficie; dico l'universo non essere totalmente infinito, perché ciascuna parte che
di quello possiamo prendere, è finita, e de mondi innumerabili che contiene, ciascuno
è finito. Io dico Dio tutto infinito, perché da sé esclude ogni termine ed ogni suo
attributo è uno ed infinito; e dico Dio totalmente infinito, perché tutto lui è in tutto
il mondo, ed in ciascuna sua parte infinitamente e totalmente: al contrario
dell'infinità de l'universo, la quale è totalmente in tutto, e non in queste parti (se pur,
referendosi all'infinito, possono esser chiamate parti) che noi possiamo comprendere
in quello.
Elpino. Io intendo. Or seguite il vostro proposito.
Filoteo. Per tutte le raggioni, dunque, per le quali se dice esser conveniente,
buono, necessario questo mondo compreso come finito, deve dirse esserno
convenienti e buoni tutti gli altri innumerabili; a li quali, per medesima raggione,
l'omnipotenza non invidia l'essere; e senza li quali quella, o per non volere o per non
possere, verrebe ad esser biasimata per lasciar un vacuo o, se non vuoi dir vacuo, un
spacio infinito; per cui non solamente verrebe suttratta infinita perfezione dello ente,
ma anco infinita maestà attuale allo efficiente nelle cose fatte se son fatte, o
dependenti se sono eterne. Qual raggione vuole che vogliamo credere, che l'agente
che può fare un buono infinito, lo fa finito? E se lo fa finito, perché doviamo noi
credere che possa farlo infinito, essendo in lui il possere ed il fare tutto uno? Perché
è inmutabile, non ha contingenzia nella operazione, né nella efficacia, ma da
determinata e certa efficacia depende determinato e certo effetto inmutabilmente;
onde non può essere altro che quello che è; non può esser tale quale non è; non può
posser altro che quel che può; non può voler altro che quel che vuole; e
necessariamente non può far altro che quel che fa; atteso che l'aver potenza distinta
da l'atto conviene solamente a cose mutabili.
Fracastorio. Certo, non è soggetto di possibilità o di potenza quello che giamai
fu, non è e giamai sarà; e veramente, se il primo efficiente non può voler altro che
quel che vuole, non può far altro che quel che fa. E non veggo come alcuni intendano
quel che dicono della potenza attiva infinita, a cui non corrisponda potenza passiva
infinita, e che quello faccia uno e finito che può far innumerabili ne l'infinito ed
inmenso, essendo l'azion sua necessaria, perché procede da tal volontà quale, per
essere inmutabilissima, anzi la immutabilità istessa, è ancora la istessa necessità;
onde sono a fatto medesima cosa libertà, volontà, necessità, ed oltre il fare col volere,
possere ed essere.
Filoteo. Voi consentite, e dite molto bene. Adunque, bisogna dir una de due: o
che l'efficiente, possendo dependere da lui l'effetto infinito, sia riconosciuto come
 22
causa e principio d'uno inmenso universo che contiene mondi innumerabili; e da
questo non siegue inconveniente alcuno, anzi tutti convenienti, e secondo la scienza
e secondo le leggi e fede; o che, dependendo da lui un finito universo, con questi
mondi (che son gli astri) di numero determinato, sia conosciuto di potenza attiva
finita e determinata, come l'atto è finito e determinato; perché quale è l'atto, tale è la
volontà, tale è la potenza.
Fracastorio. Io completto ed ordino un paio di sillogismi in questa maniera. Il
primo efficiente, se volesse far altro che quel che vuol fare, potrebe far altro che quel
che fa; ma non può voler far altro che quel che vuol fare; dunque non può far altro
che quel che fa. Dunque, chi dice l'effetto finito, pone l'operazione e la potenza finita.
Oltre (che viene al medesimo): il primo efficiente non può far se non quel che vuol
fare; non vuol fare se non quel che fa; dunque, non può fare se non quel che fa.
Dunque, chi nega l'effetto infinito, nega la potenza infinita.
Filoteo. Questi, se non son semplici, sono demostrativi sillogismi. Tutta volta
lodo che alcuni degni teologi non le admettano; perché, providamente considerando,
sanno che gli rozzi popoli ed ignoranti con questa necessità vegnono a non posser
concipere come possa star la elezione e dignità e meriti di giusticia; onde, confidati o
desperati sotto certo fato, sono necessariamente sceleratissimi. Come talvolta certi
corrottori di leggi, fede e religione, volendo parer savii, hanno infettato tanti popoli,
facendoli dovenir piú barbari e scelerati che non eran prima, dispreggiatori del ben
fare ed assicuratissimi ad ogni vizio e ribaldaria, per le conclusioni che tirano da
simili premisse. Però non tanto il contrario dire appresso gli sapienti è scandaloso e
detrae alla grandezza ed eccellenza divina, quanto quel che è vero, è pernicioso alla
civile conversazione e contrario al fine delle leggi, non per esser vero, ma per esser
male inteso, tanto per quei che malignamente il trattano, quanto per quei che non
son capaci de intenderlo senza iattura di costumi.
Fracastorio. Vero. Non si è trovato giamai filosofo, dotto ed uomo da bene che,
sotto specie o pretesto alcuno, da tal proposizione avesse voluto tirar la necessità
delli effetti umani e destruggere l'elezione. Come, tra gli altri, Platone ed Aristotele,
con ponere la necessità ed immutabilità in Dio, non poneno meno la libertà morale e
facultà della nostra elezione; perché sanno bene e possono capire, come siano
compossibili questa necessità e questa libertà. Però alcuni di veri padri e pastori di
popoli toglieno forse questo dire ed altro simile per non donare comodità, a scelerati
e seduttori nemici della civilità e profitto generale, di tirar le noiose conclusioni
abusando della semplicità ed ignoranza di quei che difficilmente possono capire il
vero e prontissimamente sono inclinati al male. E facilmente condonaranno a noi di
usar le vere proposizioni, dalle quali non vogliamo inferir altro che la verità della
natura e dell'eccellenza de l'autor di quella; e le quali non son proposte da noi al
volgo, ma a sapienti soli che possono aver accesso all'intelligenza di nostri discorsi.
Da questo principio depende che gli non men dotti che religiosi teologi giamai han
pregiudicato alla libertà de filosofi; e gli veri, civili e bene accostumati filosofi
sempre hanno faurito le religioni; perché gli uni e gli altri sanno che la fede si
richiede per l'instituzione di rozzi popoli che denno esser governati, e la
demostrazione per gli contemplativi che sanno governar sé ed altri.
Elpino. Quanto a questa protestazione è detto assai. Ritornate ora al proposito.
 23
Filoteo. Per venir, dunque, ad inferir quel che vogliamo, dico che, se nel primo
efficiente è potenza infinita, è ancora operazion da la quale depende l'universo di
grandezza infinita e mondi di numero infinito.
Elpino. Quel che dite, contiene in sé gran persuasione, se non contiene la verità.
Ma questo che mi par molto verisimile, io lo affermarò per vero, se mi potrete
risolvere di uno importantissimo argomento per il quale è stato ridutto Aristotele a
negar la divina potenza infinita intensivamente, benché la concedesse
estensivamente. Dove la raggione della negazione sua era che, essendo in Dio cosa
medesima potenza e atto, possendo cossí movere infinitamente, moverebbe
infinitamente con vigore infinito; il che se fusse vero, verrebe il cielo mosso in
istante; perché, se il motor piú forte muove piú velocemente, il fortissimo muove
velocissimamente, l'infinitamente forte muove istantaneamente. La raggione della
affirmazione era, che lui eternamente e regolatamente muove il primo mobile,
secondo quella raggione e misura con la quale il muove. Vedi dunque per che
raggione li attribuisce infinità estensiva - ma non infinità absoluta - ed
intensivamente ancora. Per il che voglio conchiudere che, sicome la sua potenza
motiva infinita è contratta all'atto di moto secondo velocità finita, cossí la medesima
potenza di far l'inmenso ed innumerabili è limitata dalla sua voluntà al finito e
numerabili. Quasi il medesimo vogliono alcuni teologi, i quali, oltre che concedeno la
infinità estensiva con la quale successivamente perpetua il moto dell'universo,
richiedeno ancora la infinità intensiva con la quale può far mondi innumerabili,
muovere mondi innumerabili, e ciascuno di quelli e tutti quelli insieme muovere in
uno istante: tutta volta, cossí ha temprato con la sua voluntà la quantità della
moltitudine di mondi innumerabili, come la qualità del moto intensissimo. Dove,
come questo moto, che procede pure da potenza infinita, nulla obstante, è conosciuto
finito, cossí facilmente il numero di corpi mondani potrà esser creduto determinato.
Filoteo. L'argumento in vero è di maggior persuasione ed apparenza che altro
possa essere; circa il quale è detto già a bastanza per quel, che si vuole che la volontà
divina sia regolatrice, modificatrice e terminatrice della divina potenza. Onde
seguitano innumerabili inconvenienti, secondo la filosofia al meno; lascio i principii
teologali, i quali con tutto ciò non admetteranno che la divina potenza sia piú che la
divina volontà o bontà, e generalmente che uno attributo secondo maggior raggione
convegna alla divinità che un altro.
Elpino. Or perché dunque hanno quel modo di dire, se non hanno questo modo
di intendere?
Filoteo. Per penuria di termini ed efficaci resoluzioni.
Elpino. Or dunque voi, che avete particular principii, con gli quali affermate
l'uno, cioè che la potenza divina è infinita intensiva ed estensivamente; e che l'atto
non è distinto dalla potenza, e che per questo l'universo è infinito e gli mondi sono
innumerabili; e non negate l'altro, che in fatto ciascuno de li astri o orbi, come ti
piace dire, vien mosso in tempo e non in instante; mostrate con quai termini e con
che risoluzione venete a salvar la vostra, o togliere l'altrui persuasioni, per le quali
giudicano, in conclusione, il contrario di quel che giudicate voi.
Filoteo. Per la risoluzion di quel che cercate, dovete avertire prima che, essendo
l'universo infinito ed immobile, non bisogna cercare il motor di quello. Secondo che,
essendo infiniti gli mondi contenuti in quello, quali sono le terre, li fuochi ed altre
specie di corpi chiamati astri, tutti se muoveno dal principio interno, che è la propria
 24
anima, come in altro loco abbiamo provato; e però è vano andar investigando il lor
motore estrinseco. Terzo che questi corpi mondani si muoveno nella eterea regione
non affissi o inchiodati in corpo alcuno piú che questa terra, che è un di quelli, è
affissa; la qual però proviamo che dall'interno animale instinto circuisce il proprio
centro, in piú maniere, e il sole. Preposti cotali avertimenti secondo gli nostri
principii, non siamo forzati a dimostrar moto attivo né passivo di vertú infinita
intensivamente; perché il mobile ed il motore è infinito, e l'anima movente ed il
corpo moto concorreno in un finito soggetto; in ciascuno, dico, di detti mondani
astri. Tanto, che il primo principio non è quello che muove; ma, quieto ed immobile,
dà il posser muoversi a infiniti ed innumerabili mondi, grandi e piccoli animali posti
nell'amplissima reggione de l'universo, de quali ciascuno, secondo la condizione della
propria virtú, ha la raggione di mobilità, motività ed altri accidenti.
Elpino. Voi siete fortificato molto, ma non già per questo gittate la machina
delle contrarie opinioni. Le quali tutte hanno per famoso e come presupposto, che
l'Optimo Massimo muove il tutto. Tu dici che dona il muoversi al tutto che si
muove; e però il moto accade secondo la virtú del prossimo motore. Certo, mi pare
piú tosto raggionevole di vantaggio che meno conveniente questo tuo dire che il
comune determinare; tutta volta, - per quel che solete dire circa l'anima del mondo e
circa l'essenza divina, che è tutta in tutto, empie tutto ed è piú intrinseca alle cose
che la essenzia propria de quelle, perché è la essenzia de le essenzie, vita de le vite,
anima de le anime, - però non meno mi par che possiamo dire lui movere il tutto, che
dare al tutto il muoversi. Onde il dubio già fatto par che anco stia su li suoi piedi.
Filoteo. Ed in questo facilmente posso satisfarvi. Dico, dunque, che nelle cose è
da contemplare, se cossí volete doi principii attivi di moto: l'uno finito secondo la
raggione del finito soggetto, e questo muove in tempo;
l'altro infinito secondo la raggione dell'anima del
mondo, overo della divinità, che è come anima de
l'anima, la quale è tutta in tutto e fa esser l'anima tutta
in tutto; e questo muove in istante. La terra dunque ha
dui moti. Cossí tutti gli corpi che si muoveno, hanno
dui principii di moto; de quali il principio infinito è
quello che insieme insieme muove ed ha mosso; onde,
secondo quella raggione, il corpo mobile non meno è
stabilissimo che mobilissimo. Come appare nella
presente figura, che voglio significhe la terra; che è
mossa in instante in quanto che ha motore di virtú
infinita. Quella, movendosi con il centro da A in E, e
tornando da E in A, e questo essendo in uno instante,
insieme insieme e in A ed in E ed in tutti gli luoghi
tramezzanti; e però insieme insieme è partita e
ritornata; e questo essendo sempre cossí, aviene che
sempre sia stabilissima. Similmente, quanto al suo
moto circa il centro, dove è il suo oriente I, il mezzo
giorno V, l'occidente K, il merinozio O; ciascuno di questi punti circuisce per virtú di
polso infinito; e però ciascuno di quelli insieme insieme è partito ed è ritornato; per
consequenza è fisso sempre, ed è dove era. Tanto che, in conclusione, questi corpi
essere mossi da virtú infinita è medesimo che non esser mossi; perché movere in
 25
instante e non movere è tutto medesimo ed uno. Rimane, dunque, l'altro principio
attivo del moto, il quale è dalla virtú intrinseca, e per conseguenza è in tempo e certa
successione; e questo moto è distinto dalla quiete. Ecco, dunque, come possiamo dire
Dio muovere il tutto; e come doviamo intendere, che dà il muoversi al tutto che si
muove.
Elpino. Or che tanto alta ed efficacemente mi hai tolta e risoluta questa
difficoltà, io cedo a fatto al vostro giudizio, e spero oltre sempre da voi ricevere
simili resoluzioni; perché, benché in poco sin ora io v'abbia pratticato e tentato, ho
pur ricevuto e conceputo assai; e spero di gran vantaggio piú; perché, benché a pieno
non vegga l'animo vostro, dal raggio che diffonde scorgo che dentro si rinchiude o
un sole oppure un luminar maggiore. E da oggi in poi, non con speranza di superar
la vostra sufficienza, ma con dissegno di porgere occasione a vostre elucidazioni,
ritornarò a proporvi, se vi dignarete di farvi ritrovar per tanti giorni alla medesima
ora in questo loco, quanti bastaranno ad udir ed intender tanto che mi quiete a fatto
la mente.
Filoteo. Cossí farò.
Fracastorio. Sarai gratissimo, e vi saremo attentissimi auditori.
Burchio. Ed io, quantunque poco intendente, se non intenderò li sentimenti,
ascoltarò le paroli; se non ascoltarò le paroli, udirò la voce. Adio!
 26
DIALOGO SECONDO
Filoteo. Perché il primo principio è simplicissimo, però, se secondo uno
attributo fusse finito, sarebe finito secondo tutti gli attributi; o pure, secondo certa
raggione intrinseca essendo finito e secondo certa infinito, necessariamente in lui si
intenderebe essere composizione. Se, dunque, lui è operatore de l'universo, certo è
operatore infinito e riguarda effetto infinito; effetto dico, in quanto che tutto ha
dependenza da lui. Oltre, sicome la nostra imaginazione è potente di procedere in
infinito, imaginando sempre grandezza dimensionale oltra grandezza e numero oltra
numero, secondo certa successione e, come se dice, in potenzia, cossí si deve
intendere che Dio attualmente intende infinita dimensione ed infinito numero. E da
questo intendere séguita la possibilità con la convenienza ed opportunità, che
ponemo essere: dove, come la potenza attiva è infinita, cossí, per necessaria
conseguenza, il soggetto di tal potenza è infinito; perché, come altre volte abiamo
dimostrato, il posser fare pone il posser esser fatto, il dimensionativo pone il
dimensionabile, il dimensionante pone il dimensionato. Giongi a questo che, come
realmente si trovano corpi dimensionati finiti, cossí l'intelletto primo intende corpo e
dimensione. Se lo intende, non meno lo intende infinito; se lo intende infinito ed il
corpo è inteso infinito, necessariamente tal specie intelligibile è; e per esser produtta
da tale intelletto, quale è il divino, è realissima; e talmente reale, che ha piú
necessario essere che quello che attualmente è avanti gli nostri occhi sensitivi.
Quando, se ben consideri, aviene che, come veramente è uno individuo infinito
simplicissimo, cossí sia uno amplissimo dimensionale infinito, il quale sia in quello, e
nel quale sia quello, al modo con cui lui è nel tutto, ed il tutto è in lui. Appresso, se
per la qualità corporale veggiamo che un corpo ha potenza di aumentarsi in infinito;
come si vede nel fuoco, il quale, come ognun concede, si amplificarebe in infinito, se
si gli avicinasse materia ed esca; qual raggion vuole, che il fuoco, che può essere
infinito e può esser per conseguenza fatto infinito, non possa attualmente trovarsi
infinito? Certo non so, come possiamo fengere nella materia essere qualche cosa in
potenza passiva che non sia in potenza attiva nell'efficiente, e per conseguenza in
atto, anzi l'istesso atto. Certo, il dire che lo infinito è in potenza ed in certa
successione e non in atto necessariamente apporta seco che la potenza attiva possa
ponere questo in atto successivo e non in atto compito; perché l'infinito non può
esser compito. Onde seguitarebe ancora che la prima causa non ha potenza attiva
semplice, absoluta ed una; ma una potenza attiva a cui risponde la possibilità infinita
successiva, ed un'altra a cui responde la possibilità indistinta da l'atto. Lascio che,
essendo terminato il mondo, e non essendo modo di imaginare come una cosa
corporea venga circonferenzialmente a finirsi ad una cosa incorporea, sarebe questo
mondo in potenza e facultà di svanirsi ed annullarsi: perché, per quanto
comprendemo, tutt'i corpi sono dissolubili. Lascio, dico, che non sarebe raggion che
tolga che tal volta l'inane infinito, benché non si possa capire di potenza attiva,
debba assorbire questo mondo come un nulla. Lascio che il luogo, spacio ed inane ha
similitudine con la materia, se pur non è la materia istessa; come forse non senza
caggione tal volta par che voglia Platone e tutti quelli che definiscono il luogo come
certo spacio. Ora, se la materia ha il suo appetito, il quale non deve essere in vano,
perché tale appetito è della natura e procede da l'ordine della prima natura, bisogna
 27
che il loco, il spacio, l'inane abbiano cotale appetito. Lascio che, come è stato di sopra
accennato, nessun di questi che dice il mondo terminato, dopo aver affirmato il
termine, sa in modo alcuno fingere come quello sia; ed insieme insieme alcun di
questi, negando il vacuo ed inane con le proposte e paroli, con l'esecuzione poi ed
effetto viene a ponerlo necessariamente. Se è vacuo ed inane, è certo capace di
ricevere; e questo non si può in modo alcuno negare, atteso che - per tal raggione
medesima, per la quale è stimato impossibile che nel spacio dove è questo mondo,
insieme insieme si trove contenuto un altro mondo - deve esser detto possibile che
nel spacio fuor di questo mondo, o in quel niente, se cossí dir vuole Aristotele quello
che non vuol dir vacuo, possa essere contenuto. La raggione, per la quale lui dice dui
corpi non possere essere insieme, è l'incompossibilità delle dimensioni di uno ed un
altro corpo: resta, dunque, per quanto richiede tal raggione, che dove non sono le
dimensioni de l'uno, possono essere le dimensioni de l'altro. Se questa potenza vi è,
dunque il spacio in certo modo è materia; se è materia, ha l'aptitudine; se ha
l'aptitudine, per qual raggione doviamo negargli l'atto?
Elpino. Molto bene. Ma di grazia, procediate in altro; fatemi intendere come
differenza fate tra il mondo e l'universo.
Filoteo. La differenza è molto divolgata fuor della scola peripatetica. Gli stoici
fanno differenza tra il mondo e l'universo, perché il mondo è tutto quello che è pieno
e costa di corpo solido; l'universo è non solamente il mondo, ma oltre il vacuo, inane
e spacio extra di quello: e però dicono il mondo essere finito, ma l'universo infinito.
Epicuro similmente il tutto ed universo chiama una mescuglia di corpi ed inane; ed
in questo dice consistere la natura del mondo, il quale è infinito: e nella capacità
dell'inane e vacuo e, oltre, nella moltitudine di corpi che sono in quello. Noi non
diciamo vacuo alcuno, come quello che sia semplicemente nulla; ma secondo quella
raggione, con la quale ciò che non è corpo che resista sensibilmente, tutto suole
esser chiamato, se ha dimensione, vacuo: atteso che comunmente non apprendeno
l'esser corpo, se non con la proprietà di resistenza; onde dicono che, sicome non è
carne quello che non è vulnerabile, cossí non è corpo quello che non resiste. In
questo modo diciamo esser un infinito, cioè una eterea regione inmensa, nella quale
sono innumerabili ed infiniti corpi, come la terra, la luna ed il sole; li quali da noi son
chiamati mondi composti di pieno e vacuo: perché questo spirito, questo aria, questo
etere non solamente è circa questi corpi, ma ancora penetra dentro tutti, e viene
insito in ogni cosa. Diciamo ancora vacuo secondo quella raggione, per la quale
rispondemo alla questione che dimandasse dove è l'etere infinito e gli mondi; e noi
rispondessimo: in un spacio infinito, in un certo seno nel quale ed è e s'intende il
tutto, ed il quale non si può intendere né essere in altro.
Or qua Aristotele, confusamente prendendo il vacuo secondo queste due
significazioni ed un'altra terza, che lui fenge e lui medesimo non sa nominare né
diffinire, si va dibattendo per togliere il vacuo: e pensa con il medesimo modo di
argumentare destruggere a fatto tutte le opinioni del vacuo. Le quali però non tocca,
piú che se, per aver tolto il nome di qualche cosa, alcuno pensasse di aver tolta la
cosa; perché destrugge, se pur destrugge, il vacuo secondo quella raggione la quale
forse non è stata presa da alcuno: atteso che gli antichi e noi prendiamo il vacuo per
quello in cui può esser corpo e che può contener qualche cosa ed in cui sono gli
atomi e gli corpi; e lui solo diffinisce il vacuo per quello che è nulla, in cui è nulla e
non può esser nulla. Laonde, prendendo il vacuo per nome ed intenzione secondo la
 28
quale nessuno lo intese, vien a far castelli in aria e destruggere il suo vacuo e non
quello di tutti gli altri che han parlato di vacuo e si son serviti di questo nome vacuo.
Non altrimenti fa questo sofista in tutti gli altri propositi, come del moto, infinito,
materia, forma, demostrazione, ente; dove sempre edifica sopra la fede della sua
definizion propria e nome preso secondo nova significazione. Onde ciascun che non è
a fatto privo di giudizio, può facilmente accorgersi quanto quest'uomo sia
superficiale circa la considerazion della natura de le cose, e quanto sia attaccato alle
sue non concedute, né degne d'esserno concedute, supposizioni, piú vane nella sua
natural filosofia che giamai si possano fingere nella matematica. E vedete che di
questa vanità tanto si gloriò e si compiacque che, in proposito della considerazion di
cose naturali, ambisce tanto di esser stimato raziocinale o, come vogliam dire logico,
che, per modo d'improperio, quelli che son stati piú solleciti della natura, realità e
verità, le chiama fisici. Or, per venire a noi, atteso che nel suo libro Del vacuo né
diretta né indirettamente dice cosa che possa degnamente militare contra la nostra
intenzione, lo lasciamo star cossí, rimettendolo forse a piú ociosa occasione. Dunque,
se ti piace, Elpino, forma ed ordina quelle raggioni, per le quali l'infinito corpo non
viene admesso da gli nostri adversarii, ed appresso quelle, per le quali non possono
comprendere essere mondi innumerabili.
Elpino. Cossí farò. Io referirò le sentenze d'Aristotele per ordine, e voi direte
circa quelle ciò che vi occorre. "È da considerare", dice egli, "se si trova corpo
infinito, come alcuni antichi filosofi dicono, o pur questo sia una cosa impossibile; ed
appresso è da vedere se sia uno over piú mondi. La risoluzion de le quali questioni è
importantissima: perché l'una e l'altra parte della contradizione son di tanto
momento, che son principio di due sorte di filosofare molto diverso e contrario:
come, per essempio, veggiamo, che da quel primo error di coloro che hanno poste le
parti individue, hanno chiuso il camino di tal sorte, che vegnono ad errare in gran
parte della matematica. Snodaremo dunque proposito di gran momento per le
passate, presenti e future difficultadi; perché, quantunque poco di trasgressione che
si fa nel principio, viene per diecemila volte a farsi maggiore nel progresso; come,
per similitudine, nell'errore che si fa nel principio di qualche camino, il quale tanto
piú si va aumentando e crescendo, quanto maggior progresso si fa allontanandosi dal
principio, di sorte che al fine si viene ad giongere a termine contrario a quello che
era proposto. E la raggion di questo è, che gli principii son piccioli in grandezza e
grandissimi in efficacia. Questa è la raggione della determinazione di questo dubio".
Filoteo. Tutto lo che dice è necessarissimo, e non meno degno di esser detto da
gli altri che da lui; perché, sicome lui crede, che da questo principio mal inteso gli
aversarii sono trascorsi in grandi errori, cossí, a l'apposito, noi credemo e veggiamo
aperto, che dal contrario di questo principio lui ha pervertita tutta la considerazion
naturale.
Elpino. Soggionge: "Bisogna dunque, che veggiamo, se è possibile, che sia corpo
semplice di grandezza infinita; il che primeramente deve esser mostrato impossibile
in quel primo corpo, che si muove circularmente; appresso, negli altri corpi; perché,
essendo ogni corpo o semplice o composto, questo, che è composto, siegue la
disposizion di quello che è semplice. Se, dunque, gli corpi semplici non sono infiniti
né di numero né di grandezza, necessariamente non potrà esser tale corpo
composto".
 29
Filoteo. Promette molto bene; perché, se lui provarà, che il corpo il quale è
chiamato continente e primo, sia continente, primo e finito, sarà anco soverchio e
vano di provarlo appresso di corpi contenuti.
Elpino. Or prova che il corpo rotondo non è infinito. "Se il corpo rotondo è
infinito, le linee, che si partono dal mezzo, saranno infinite, e la distanza d'un
semidiametro da l'altro (gli quali, quanto piú si discostano dal centro, tanto maggior
distanza acquistano) sarà infinita; perché dalla addizione delle linee secondo la
longitudine è necessario che siegua maggior distanza; e però, se le linee sono
infinite, la distanza ancora sarà infinita. Or è cosa impossibile, che il mobile possa
trascorrere distanza infinita: e nel moto circolare è bisogno, che una linea
semidiametrale del mobile venga al luogo dell'altro ed altro semidiametro".
Filoteo. Questa raggione è buona, ma non è a proposito contra l'intenzione de
gli aversarii. Perché giamai s'è ritrovato sí rozzo e d'ingegno sí grosso, che abbia
posto il mondo.infinito e magnitudine infinita, e quella mobile. E mostra lui
medesimo essersi dismenticato di quel che riferisce nella sua Fisica: che quei che
hanno posto uno ente ed uno principio infinito, hanno posto similmente inmobile; e
né lui ancora, né altro per lui, potrà nominar mai alcun filosofo o pur uomo ordinario
che abbia detto magnitudine infinita mobile. Ma costui, come sofista, prende una
parte della sua argumentazione dalla conclusione dell'aversario, supponendo il
proprio principio, che l'universo è mobile, anzi che si muove, e che è di figura sferica.
Or vedete, se de quante raggioni produce questo mendico, se ne ritrove pur una che
argumente contra l'intenzione di quei, che dicono uno infinito, inmobile, infigurato,
spaciosissimo continente de innumerabili mobili, che son gli mondi, che son chiamati
astri da altri, e da altri sfere; vedete un poco in questa ed altre raggioni, se mena
presuppositi conceduti da alcuno.
Elpino. Certo, tutte le sei raggioni sono fondate sopra quel presupposito, cioè
che l'aversario dica, che l'universo sia infinito, e che gli admetta, che quello infinito
sia mobile: il che certo è una sciocchezza, anzi una irrazionalità, se pur per sorte non
vogliamo far concorrere in uno l'infinito moto e l'infinita quiete, come mi verificaste
ieri in proposito di mondi particolari.
Filoteo. Questo non voglio dire in proposito de l'universo, al quale, per raggion
veruna, gli deve essere attribuito il moto; perché questo non può, né deve convenire,
né richiedersi a l'infinito; e giamai, come è detto, si trovò chi lo imaginasse. Ma
questo filosofo, come quello che avea caristia di terreno, edifica tai castelli in aria.
Elpino. Certo, desiderarei un argumento, che impugnasse questo che dite;
perché cinque altre raggioni, che apporta questo filosofo, tutte fanno il medesimo
camino, e vanno con gli medesimi piedi. Però mi par cosa soverchia di apportarle.
Or, dopo che ebbe prodotte queste, che versano circa il moto mondano e circolare,
procede a proponer quelle, che son fondate sopra il moto retto; e dice parimente
"essere impossibile, che qualche cosa sia mobile di infinito moto verso il mezzo, o al
basso, oltre verso ad alto dal mezzo"; ed il prova prima dal canto di moti proprii di
tai corpi, e questo sí quanto a gli corpi estremi, sí quanto agli tramezzanti. "Il moto
ad alto", dice egli, "ed il moto al basso son contrarii: ed il luogo de l'un moto è
contrario al luogo de l'altro moto. De gli contrarii ancora, se l'uno è determinato,
bisogna che sia determinato ancor l'altro; ed il tramezzante, che è partecipe de l'uno
e l'altro determinato, convien che sia tale ancor lui; perché non da qualsivoglia, ma
da certa parte bisogna che si parta quello che deve passar oltre il mezzo, perché è un
 30
certo termine, onde cominciano, ed è un altro termine, ove si finisceno i limiti del
mezzo. Essendo dunque determinato il mezzo, bisogna che sieno determinati gli
estremi; e se gli estremi son determinati, bisogna che sia determinato il mezzo; e se
gli luoghi son determinati, bisogna che gli corpi collocati sieno tali ancora, perché
altrimente il moto sarà infinito. Oltre, quanto alla gravità e levità, il corpo, che va
verso alto, può devenire a questo, che sia in tal luogo: perché nessuna inclinazion
naturale è in vano. Dunque, non essendo spacio del mondo infinito, non è luogo, né
corpo infinito. Quanto al peso ancora, non è grave e leve infinito; dunque, non è
corpo infinito: come è necessario, che, se il corpo grave è infinito, la sua gravità sia
infinita. E questo non si può fuggire; perché, se tu volessi dire, che il corpo infinito
ha gravità infinita, seguitarebono tre inconvenienti. Primo, che medesima sarebe la
gravità o levità di corpo finito ed infinito; perché al corpo finito grave, per quanto è
sopraavanzato dal corpo infinito, io farrò addizione e suttrazione di altro ed altro
tanto, fin che possa aggiungere a quella medesima quantità di gravità e levità.
Secondo, che la gravità della grandezza finita potrebe esser maggiore che quella de
l'infinita; perché con tal raggione, per la quale gli può essere equale, gli può ancora
essere superiore, con aggiungere quanto ti piace piú di corpo grave, o suttrarre di
questo, o pur aggiongere di corpo lieve. Terzo, che la gravità della grandezza finita
ed infinita sarebbe equale; e perché quella proporzione, che ha la gravità alla gravità,
la medesima ha la velocità alla velocità, seguitarebe similmente, che la medesima
velocità e tardità si potrebero trovare in corpo finito ed infinito. Quarto, che la
velocità del corpo finito potrebe esser maggiore di quella de l'infinito. Quinto, che
potrebe essere equale; o pur, sicome il grave eccede il grave, cossí la velocità excede
la velocità: trovandosi gravità infinita, sarà necessario che si muova per alcun spacio
in manco tempo, che la gravità finita; o vero non si muova, perché la velocità e
tardità séguita la grandezza del corpo. Onde, non essendo proporzione tra il finito ed
infinito, bisognarà al fine, che il grave infinito non si muova; perché, s'egli si muove,
non si muove tanto velocemente, che non si trove gravità finita, che nel medesimo
tempo, per il medesimo spacio, faccia il medesimo progresso".
Filoteo. È impossibile di trovare un altro che, sotto titolo di filosofo, fengesse
piú vane supposizioni e si fabricasse sí stolte posizioni al contrario, per dar luogo a
tanta levità quanta si vede nelle raggioni di costui. Or, per quanto appartiene a quel
che dice de' luoghi proprii di corpi e del determinato alto, basso ed infra, vorei sapere
contra qual posizione argumente costui. Perché tutti quelli che poneno corpo e
grandezza infinita, non poneno mezzo né estremo in quella. Perché chi dice l'inane, il
vacuo, l'etere infinito, non gli attribuisce gravità, né levità, né moto, né regione
superiore, né inferiore, né mezzana; e ponendo poi quelli in cotal spacio infiniti corpi,
come è questa terra, quella e quell'altra terra, questo sole, quello e quell'altro sole,
tutti fanno gli lor circuiti dentro questo spacio infinito per spacii finiti e determinati
o pur circa gli proprii centri. Cossí noi che siamo in terra, diciamo la terra essere al
mezzo, e tutti gli filosofi moderni ed antichi, sieno di qualsivoglia setta, diranno
questa essere in mezzo senza pregiudicare a' suoi principii; come noi diciamo al
riguardo dell'orizonte magiore di questa eterea regione che ne sta in circa, terminata
da quello equidistante circolo, al riguardo di cui noi siamo come al centro. Come
niente manco coloro che sono nella luna, s'intendeno aver circa questa terra, il sole
ed altre ed altre stelle, che sono circa il mezzo ed il termine de gli proprii
semidiametri del proprio orizonte; cossí non è piú centro la terra che qualsivoglia
 31
altro corpo mondano, e non son piú certi determinati poli alla terra che la terra sia
un certo e determinato polo a qualch'altro punto dell'etere e spacio mondano; e
similmente de tutti gli altri corpi; li quali medesimi, per diversi riguardi, tutti sono e
centri e punti di circunferenza e poli e zenithi ed altre differenze. La terra, dunque,
non è absolutamente in mezzo de l'universo, ma al riguardo di questa nostra
reggione.
Procede, dunque, questo disputante con petizione di principio e presupposizione
di quello che deve provare. Prende, dico, per principio l'equivalente all'opposito della
contraria posizione; presupponendo mezzo ed estremo contra quelli che, dicendo il
mondo infinito, insieme insieme negano questo estremo e mezzo necessariamente e
per consequenza il moto ad alto e supremo luogo, ed al basso ed infimo. Vederno
dunque gli antichi, e veggiamo ancor noi, che qualche cosa viene alla terra ove
siamo, e qualche cosa par che si parta della terra o pur dal luogo dove siamo. Dove,
se diciamo e vogliam dir che il moto di tal cose è ad alto ed al basso, se intende in
certa regione, in certi rispetti; di sorte che, se qualche cosa, allontanandosi da noi,
procede verso la luna, come noi diciamo che quella ascende, color che sono nella luna
nostri anticefi, diranno che descende. Que' moti, dunque, che sono nell'universo, non
hanno differenza alcuna di su, di giú, di qua, di là al rispetto dell'infinito universo,
ma di finiti mondi che sono in quello, o presi secondo le amplitudini di innumerabili
orizonti mondani o secondo il numero di innumerabili astri; dove ancora la
medesima cosa, secondo il medesimo moto, al riguardo de diversi, si dice andar da
alto e da basso. Determinati corpi, dunque, non hanno moto infinito, ma finito e
determinato circa gli proprii termini. Ma de l'indeterminato ed infinito non è finito
né infinito moto, e non è differenza di loco né di tempo.
Quanto poi all'argomento che fa dalla gravità e levità, diciamo che questo è un
de' piú bei frutti che potesse produrre l'arbore della stolida ignoranza. Perché
gravità, come dimostraremo nel luogo di questa considerazione, non si trova in
corpo alcuno intiero e naturalmente disposto e collocato; e però non sono differenze
che denno distinguere la natura di luoghi e raggion di moto. Oltre che mostraremo,
che grave e lieve viene ad esser detta medesima cosa secondo il medesimo appulso e
moto al riguardo di diversi mezzi; come anco al rispetto di diversi, medesima cosa se
dice essere alta e bassa, muoversi su e giú. E questo dico quanto a gli corpi
particulari e mondi particulari; de quali nessuno è grave o lieve: e ne gli quali le
parti, allontanandosi e diffondendosi da quelli, si chiamano lievi; e ritornando a gli
medesimi, si chiamano gravi; come le particole de la terra o di cose terrestri verso la
circonferenza de l'etere se dicono salire, e verso il suo tutto se dicono descendere.
Ma quanto all'universo e corpo infinito, chi si ritrovò giamai che dicesse grave o
lieve? o pur chi puose tai principii e delirò talmente che per conseguenza possa
inferirse dal suo dire, che l'infinito sia grave o lieve? debbia ascendere, montare o
poggiare? Noi mostraremo come de infiniti corpi che sono, nessuno è grave, né lieve.
Perché queste qualitadi accadeno alle parti per quanto tendeno al suo tutto e luogo
della sua conservazione, e però non hanno riguardo all'universo, ma agli proprii
mondi continenti ed intieri; come ne la terra, volendo le parti del fuoco liberarsi e
poggiar verso il sole, menano sempre seco qualche porzione de l'arida e de l'acqua a
cui son congionte; le quali, essendono moltiplicate sopra o in alto, cossí con proprio
e naturalissimo appulso ritornano al suo luogo. Oltre e per conseguenza rinforzate,
che gli gran corpi sieno gravi o lievi non è possibile, essendo l'universo infinito; e per
 32
tanto non hanno raggione di lontananza o propinquità dalla o alla circonferenza o
centro; indi non è piú grave la terra nel suo luogo, che il sole nel suo, Saturno nel
suo, la tramontana nel suo. Potremo però dire che, come sono le parti della terra che
ritornano alla terra per la loro gravità, - ché cossí vogliamo dire l'appulso de le parti
al tutto, e del peregrino al proprio loco, - cossí sono le parti de li altri corpi, come
possono esser infinite altre terre o di simile condizione, infiniti altri soli o fuochi o di
simile natura. Tutti si moveno dalli luoghi circonferenziali al proprio continente,
come al mezzo: onde seguitarebe che sieno infiniti corpi gravi secondo il numero.
Non però verrà ad essere gravità infinita, come in un soggetto ed intensivamente,
ma come in innumerabili soggetti ed estensivamente. E questo è quello che séguita
dal dire di tutti gli antichi e nostro; e contra questo non ebbe argumento alcuno
questo disputante. Quel, dunque, che lui dice dell'impossibilità dell'infinito grave, è
tanto vero ed aperto che è vergogna a farne menzione; ed in modo alcuno non
appartiene a destruggere l'altrui e confirmar la propria filosofia; ma son propositi
tutti e paroli gittati al vento.
Elpino. La vanità di costui nelle predette raggioni è piú che manifesta, di sorte
che non bastarebbe tutta l'arte persuasiva di escusarla. Or udite le raggioni che
soggionge per conchiudere universalmente che non sia corpo infinito. "Or", dice lui,
"essendo manifesto a quelli che rimirano alle cose particolari, che non è corpo
infinito, resta di vedere al generale, se sia questo possibile. Perché potrebe alcuno
dire che, sicome il mondo è cossí disposto circa di noi, cossí non sia impossibile che
sieno altri piú cieli. Ma, prima che vengamo a questo, raggioniamo generalmente
dell'infinito. È dunque necessario, che ogni corpo o sia infinito; e questo o sia tutto di
parte similari, o di parte dissimilari; e queste o costano di specie finite, o pur di
specie infinite. Non è possibile, che coste de infinite specie, se vogliamo
presupponere quel ch'abbiamo detto, cioè che sieno piú mondi simili a questo;
perché, sicome è disposto questo mondo circa noi, cossí sia disposto circa altri, e
sieno altri cieli. Perché, se son determinati gli primi moti, che sono circa il mezzo,
bisogna che sieno determinati li moti secondi; e per tanto, come già distinguemo
cinque sorte di corpi, de quali dui son semplicemente gravi o lievi, e dui
mediocremente gravi o lievi, ed uno né grave, né lieve, ma agile circa il centro, cossí
deve essere ne gli altri mondi. Non è dunque possibile, che coste d'infinite specie.
Non è ancora possibile che coste di specie finite". E primieramente prova, che non
costa di specie finite dissimilari, per quattro raggioni, de quali la prima è, che
"ciascuna di queste parti infinite sarà acqua o fuoco, e per consequenza cosa grave o
lieve. E questo è stato dimostrato impossibile, quando si è visto, che non è gravità,
né levità infinita".
Filoteo. Noi abbiamo assai detto, quando rispondevamo a quello.
Elpino. Io lo so. Soggionge la seconda raggione, dicendo, che "bisogna che di
queste specie ciascuna sia infinita, e per consequenza il luoco di ciascuna deve essere
infinito: onde seguitarà che il moto di ciascuna sia infinito; il che è impossibile.
Perché non può essere, che un corpo che va giú, corra per infinito al basso; il che è
manifesto da quel che si trova in tutt'i moti e trasmutazioni. Come nella generazione
non si cerca di fare quel che non può esser fatto, cossí nel moto locale non si cerca il
luogo, ove non si possa giunger mai; e quello che non è possibile che sia in Egitto, è
impossibile che si muova in verso Egitto; perché la natura nessuna cosa opra in
vano. Impossibile è, dunque, che cosa si muova verso là dove non può pervenire".
 33
Filoteo. A questo si è risposto assai; e diciamo che son terre infinite, son soli
infiniti, è etere infinito; o secondo il dir di Democrito ed Epicuro, è pieno e vacuo
infinito; l'uno insito ne l'altro. E son diverse specie finite, le une comprese da le altre,
e le une ordinate a le altre. Le quali specie diverse tutte se hanno come concorrenti a
fare un intiero universo infinito, e come ancora infinite parti de l'infinito, in quanto
che da infinite terre simili a questa proviene in atto terra infinita, non come un solo
continuo, ma come un compreso dalla innumerabile moltitudine di quelle.
Similmente se intende de le altre specie di corpi, sieno quattro o sieno due o sieno tre
o quante si voglia (non determino al presente); le quali, come che sono parte (in
modo che si possono dir parte) de l'infinito, bisogna che sieno infinite, secondo la
mole che resulta da tal moltitudine. Or qui non bisogna che il grave vada in infinito
al basso. Ma come questo grave va al suo prossimo e connatural corpo, cossí quello
al suo, quell'altro al suo. Ha questa terra le parti che appartengono a lei; ha quella
terra le parti sue appartenenti a sé. Cossí ha quel sole le sue parti che si diffondeno
da lui e cercano di ritornare a lui; ed altri corpi similmente riaccoglieno
naturalmente le sue parti. Onde, sí come le margini e le distanze de gli uni corpi a gli
altri corpi son finite, cossí gli moti son finiti; e sicome nessuno si parte da Grecia per
andare in infinito, ma per andar in Italia o in Egitto, cossí, quando parte di terra o di
sole si move, non si propone infinito, ma finito e termine. Tutta volta, essendo
l'universo infinito e gli corpi suoi tutti trasmutabili, tutti per conseguenza
diffondeno sempre da sé e sempre in sé accoglieno, mandano del proprio fuora e
accogliono dentro del peregrino. Non stimo che sia cosa assorda ed inconveniente,
anzi convenientissima e naturale, che sieno transmutazion finite possibili ad accadere
ad un soggetto; e però de particole de la terra vagar l'eterea regione e occorrere per
l'inmenso spacio ora ad un corpo ora ad un altro, non meno che veggiamo le
medesime particole cangiarsi di luogo, di disposizione e di forma, essendono ancora
appresso di noi. Onde questa terra, se è eterna ed è perpetua, non è tale per la
consistenza di sue medesime parti e di medesimi suoi individui, ma per la
vicissitudine de altri che diffonde, ed altri che gli succedeno in luogo di quelli; in
modo che, di medesima anima ed intelligenza, il corpo sempre si va a parte a parte
cangiando e rinovando. Come appare anco ne gli animali, li quali non si continuano
altrimente se non con gli nutrimenti che riceveno, ed escrementi che sempre
mandano; onde chi ben considera saprà che giovani non abbiamo la medesima carne
che avevamo fanciulli, e vecchi non abbiamo quella medesima che quando eravamo
giovani; perché siamo in continua trasmutazione, la qual porta seco che in noi
continuamente influiscano nuovi atomi e da noi se dipartano li già altre volte accolti.
Come circa il sperma, giongendosi atomi ad atomi per la virtú dell'intelletto
generale ed anima (mediante la fabrica in cui, come materia, concorreno), se viene a
formare e crescere il corpo, quando l'influsso de gli atomi è maggior che l'efflusso, e
poi il medesimo corpo è in certa consistenza quando l'efflusso è equale a l'influsso, ed
al fine va in declinazione, essendo l'efflusso maggior che l'influsso. Non dico
l'efflusso ed influsso assolutamente, ma l'efflusso del conveniente e natio e l'influsso
del peregrino e sconveniente; il quale non può esser vinto dal debilitato principio per
l'efflusso; il quale è pur continuo del vitale come del non vitale. Per venir, dunque, al
punto, dico che per cotal vicissitudine non è inconveniente, ma raggionevolissimo
dire, che le parti ed atomi abbiano corso e moto infinito per le infinite vicissitudini e
transmutazioni tanto di forme quanto di luoghi. Inconveniente sarebbe se, come a
 34
prosimo termine prescritto di transmutazion locale, over di alterazione, si trovasse
cosa che tendesse in infinito. Il che non può essere, atteso che, non sí tosto una cosa
è mossa da uno che si trove in un altro luogo, è spogliata di una che non sia investita
di un'altra disposizione, e lasciato uno che non abbia preso un altro essere; il quale
necessariamente séguita dalla alterazione; la quale necessariamente séguita dalla
mutazion locale. Tanto che il soggetto prossimo e formato non può muoversi se non
finitamente, perché facilmente accoglie un'altra forma se muta loco. Il soggetto
primo e formabile se muove infinitamente, e secondo il spacio e secondo il numero
delle figurazioni; mentre le parti della materia s'intrudeno ed extrudeno da questo in
quello e in quell'altro loco, parte e tutto.
Elpino. Io intendo molto bene. Soggionge per terza raggione, che, "se si dicesse
l'infinito discreto e disgionto, onde debbano essere individui e particolari fuochi
infiniti, e ciascun di quelli poi essere finito, nientemanco accaderà, che quel fuoco,
che resulta da tutti gl'individui, debba essere infinito".
Filoteo. Questo ho già conceduto; e per sapersi questo, lui non dovea forzarsi
contra di ciò da che non séguita inconveniente alcuno. Perché, se il corpo vien
disgiunto o diviso in parte localmente distinte, de le quali l'una pondere cento, l'altra
mille, l'altra diece, seguitarà che il tutto pondere mille cento e diece. Ma ciò sarà
secondo piú pesi discreti, e non secondo un peso continuo. Or noi e gli antichi non
abbiamo per inconveniente che in parti discrete se ritrove peso infinito; perché da
quelle resulta un peso logicamente, o pur aritmetrica o geometricamente, che vera e
naturalmente non fanno un peso, come non fanno una mole infinita, ma fanno
infinite mole e pesi finiti. Il che dire, imaginare ed essere, non è il medesimo, ma
molto diverso. Perché da questo non séguita che sia un corpo infinito di una specie,
ma una specie di corpo in infiniti finiti; né è però un pondo infinito, infiniti pondi
finiti, atteso che questa infinitudine non è come di continuo, ma come di discreti; li
quali sono in un continuo infinito, che è il spacio, il loco e dimensione capace di
quelli tutti. Non è dunque inconveniente che sieno infiniti discreti gravi, i quali non
fanno un grave; come infinite acqui le quali non fanno un'acqua infinita, infinite parti
di terra che non fanno una terra infinita: di sorte che sono infiniti corpi in
moltitudine, li quali fisicamente non componeno un corpo infinito di grandezza. E
questo fa grandissima differenza; come proporzionalmente si vede nel tratto della
nave, la quale viene tratta da diece uniti, e non sarà mai tirata da migliaia de migliaia
disuniti e per ciascuno.
Elpino. Con questo ed altro dire mille volte avete risoluto lo che pone per
quarta ragione; la qual dice che, "se s'intende corpo infinito, è necessario che sia
inteso infinito secondo tutte le dimensioni; onde da nessuna parte può essere qualche
cosa extra di quello: dunque non è possibile che in corpo infinito sieno piú dissimili,
de quali ciascuno sia infinito".
Filoteo. Tutto questo è vero e non contradice a noi, che abbiamo tante volte
detto che sono piú dissimili finiti in uno infinito, ed abbiamo considerato come
questo sia. Forse proporzionalmente, come se alcun dicesse esser piú continui
insieme, come per essempio e similitudine in un liquido luto, dove sempre ed in ogni
parte l'acqua è continuata a l'acqua, e la terra a la terra; dove, per la insensibilità del
concorso de le minime parti di terra e minime parti d'acqua, non si diranno discreti
né piú continui, ma uno continuo, il quale non è acqua, non è terra, ma è luta. Dove
indifferentemente ad un altro può piacere di dire, che non propriamente l'acqua è
 35
continuata a l'acqua, e la terra a la terra, ma l'acqua a la terra, e la terra a l'acqua; e
può similmente venire un terzo, che, negando l'uno e l'altro modo di dire, dica il luto
esser continuato al luto. E secondo queste raggioni può esser preso l'universo
infinito come un continuo, nel quale non faccia piú discrezione l'etere interposto tra
sí gran corpi, che far possa nella luta quello aria che è traposto ed interposto tra le
parti de l'acqua e de l'arida, essendo differenza solo per la pocagine de le parti, e
minorità ed insensibilità che è nella luta, e la grandezza, maggiorità e sensibilità
delle parti che sono nell'universo: sí che gli contrarii e gli diversi mobili concorreno
nella constituzione di uno continuo immobile, nel quale gli contrarii concorreno alla
constituzion d'uno, ed appartengono ad uno ordine, e finalmente sono uno.
Inconveniente certo ed impossibile sarrebe ponere dui infiniti distinti l'uno da l'altro;
atteso non sarebe modo de imaginare come, dove finisce l'uno, cominci l'altro, onde
ambi doi venessero ad aver termine l'uno per l'altro. Ed è oltre difficilissimo trovar
dui corpi finiti in uno estremo, ed infiniti ne l'altro.
Elpino. Pone due altre raggioni, per provar che non sia infinito di simili parte.
"La prima è, perché bisognarebe, che a quello convenesse una di queste specie di
moto locale; e però o sarebe una gravità, o levità infinita, overo una circulazione
infinita; il che tutto, quanto sia impossibile, abbiamo demostrato".
Filoteo. E noi ancora abbiamo chiarito quanto questi discorsi e raggioni sieno
vani; e che l'infinito in tutto non si muove, e che non è grave né lieve, tanto esso
quanto ogni altro corpo nel suo luogo naturale: né pure le parti separate, quando
saranno allontanate oltre certi gradi dal proprio loco. Il corpo dunque infinito,
secondo noi, non è mobile, né in potenza né in atto; e non è grave né lieve in potenza
né in atto; tanto manca ch'aver possa gravità o levità infinita secondo gli principii
nostri e di altri contra gli quali costui edifica sí belle castella.
Elpino. La seconda raggione per questo è similmente vana; perché vanamente
dimanda, "se si muove l'infinito naturale o violentemente", a chi mai disse che lo si
mova, tanto in potenzia quanto in atto. Appresso prova che non sia corpo infinito
per le raggioni tolte dal moto in generale; dopo che ha proceduto per raggion tolta
dal moto in comune. Dice dunque, che il corpo infinito non può aver azione nel
corpo finito, né tampoco patir da quello; ed apporta tre proposizioni. Prima che
"l'infinito non patisce dal finito"; perché ogni moto, e per conseguenza ogni passione,
è in tempo; e se è cossí, potrà avenire che un corpo di minor grandezza potrà aver
proporzionale passione a quella; però, sicome è proporzione del paziente finito
all'agente finito, verrà ad esser simile del paziente finito allo agente infinito. Questo
si vede, si poniamo per corpo infinito A, per corpo finito B; e perché ogni moto è in
tempo, sia il tempo G, nel qual tempo A o muove o è mosso. Prendiamo appresso un
corpo di minor grandezza, il quale è B; e sia la linea D agente circa un altro corpo (il
qual corpo sia H) compitamente, nel medesimo tempo G. Da questo veramente si
vedrà, che sarà proporzione di D agente minore a B agente maggiore, sicome è
proporzione del paziente finito H alla parte finita A, la qual parte sia AZ. Or quando
muteremo la proporzione del primo agente al terzo paziente, come è proporzione del
secondo agente al quarto paziente, cioè sarà proporzione di D ad H, come è la
proporzione di B ad AZ; B veramente, nel medesimo tempo G, sarà agente perfetto
in cosa finita e cosa infinita, cioè in AZ parte de l'infinito ed A infinito. Questo è
impossibile; dunque il corpo infinito non può essere agente né paziente, perché doi
pazienti equali patiscono equalmente nel medesimo tempo dal medesimo agente, ed
 36
il paziente minore patisce dal medesimo agente in tempo minore, il maggiore
paziente in maggior tempo. Oltre, quando sono agenti diversi in tempo equale e si
complisce la lor azione, verrà ad essere proporzione dell'agente all'agente, come è
proporzione del paziente al paziente. Oltre, ogni agente opra nel paziente in tempo
finito (parlo di quello agente, che viene a fine della sua azione, non di quello, di cui il
moto è continuo, come può esser solo il moto della translazione), perché è
impossibile che sia azione finita in tempo infinito. Ecco dunque primieramente
manifesto, come il finito non può aver azion compita nell'infinito.
G tempo
A paziente infinito B agente finito
maggiore
A (parte de l'infinito) Z
H paziente finito D agente finito
minore
Secondo, si mostra medesimamente, che "l'infinito non può essere agente in cosa
finita". Sia l'agente infinito A, ed il paziente finito B, e ponemo, che A infinito è
agente in B finito, in tempo G. Appresso sia il corpo finito D agente nella parte di B,
cioè BZ, in medesimo tempo G. Certamente sarà proporzione del paziente BZ a tutto
B paziente, come è proporzione di D agente all'altro agente finito H; ed essendo
mutata proporzione, di D agente a BZ paziente, sicome la proporzione di H agente a
tutto B. Per conseguenza B sarà mosso da H in medesimo tempo, in cui BZ vien
mosso da D, cioè in tempo G, nel qual tempo B è mosso da l'infinito agente A; il che
è impossibile. La quale impossibilità séguita da quel ch'abbiamo detto: cioè che, si
cosa infinita opra in tempo finito, bisogna che l'azione non sia in tempo, perché tra il
finito e l'infinito non è proporzione. Dunque, ponendo noi doi agenti diversi, li quali
abbiano medesima azione in medesimo paziente, necessariamente l'azion di quello
sarà in doi tempi diversi, e sarà proporzion di tempo a tempo: come di agente ad
agente. Ma, se ponemo doi agenti, de quali l'uno è infinito, l'altro finito aver
medesima azione in un medesimo paziente, sarà necessario dire l'un di doi, o che
l'azion de l'infinito sia in uno istante, over che l'azione dell'agente finito sia in tempo
infinito. L'uno e l'altro è impossibile.
G tempo
A agente infinito
H agente finito B paziente finito
D agente finito B (parte del finito
paziente) Z
Terzo, si fa manifesto, come il "corpo infinito non può oprare in corpo infinito".
Perché, come è stato detto nella.Fisica ascoltazione, è impossibile che l'azione o
passione sia senza compimento. Essendo dunque dimostrato, che mai può esser
compita l'azion dell'infinito in uno infinito, si potrà conchiudere che tra essi non può
essere azione. Poniamo dunque doi infiniti, de quali l'uno sia B, il quale sia paziente
da A in tempo finito G, perché l'azion finita necessariamente è in tempo finito.
Poniamo appresso che la parte del paziente BD patisce da A; certo sarà manifesto
 37
che la passion di questo viene ad essere in tempo minore che il tempo G; e sia questa
parte significata per Z. Sarà dunque proporzione del tempo Z al tempo G, sicome è
proporzione di BD, parte del paziente infinito, alla parte maggiore dell'infinito, cioè
a B; e questa parte sia significata per BDH, la quale è paziente da A nel tempo
infinito G; e nel medesimo tempo già da quello è stato paziente tutto l'infinito B; il
che è falso, perché è impossibile che sieno doi pazienti, de quali l'uno sia infinito e
l'altro finito, che patiscano da medesimo agente, per medesima azione, nel medesimo
tempo sia pur finito, o, come abbiamo posto, infinito l'efficiente.
Tempo finito
G Z.
A infinito agente.
Infinito paziente
B D H.
Filoteo. Tutto quel che dice Aristotele, voglio che sia ben detto quando sarà
bene applicato e quando concluderà a proposito; ma, come abbiamo detto, non è
filosofo ch'abbia parlato de l'infinito, dal cui modo di ponere ne possano seguitare
cotali inconvenienti. Tuttavia, non per rispondere a quel che dice, perché non è
contrario a noi, ma solo per contemplare l'importanza de le sue sentenze,
essaminiamo il suo modo di raggionare. Prima, dunque, nel suo supponere, procede
per non naturali fondamenti, volendo prendere questa e quella parte de l'infinito;
essendo che l'infinito non può aver parte; se non vogliamo dir pure che quella parte è
infinita, essendo che implica contradizione, che ne l'infinito sia parte maggiore e
parte minore e parte che abbia maggiore e minore proporzione a quello; essendo che
all'infinito non piú ti avicini per il centinaio che per il ternario, perché non meno de
infiniti ternarii che d'infiniti centenarii costa il numero infinito. La dimensione
infinita non è meno de infiniti piedi che de infinite miglia: però, quando vogliamo dir
le parti dell'infinita dimensione, non diciamo cento miglia, mille parasanghe; perché
queste nientemanco posson esser dette parti del finito, e veramente son parti del
finito solamente al cui tutto hanno proporzione, e non possono essere, e non denno
esser stimate parti de quello a cui non hanno proporzione. Cossí mille anni non sono
parte dell'eternità, perché non hanno proporzione al tutto; ma sí bene son parti di
qualche misura di tempo, come di diece mille anni, di cento mila secoli.
Elpino. Or, dunque, fatemi intendere: quali direte che son le parti dell'infinita
durazione?
Filoteo. Le parti proporzionali della durazione, le quali hanno proporzione nella
durazione e tempo, ma non già l'infinita durazione e tempo infinito; perché in quello
il tempo massimo, cioè la grandissima parte proporzionale della durazione, viene ad
essere equivalente alla minima, atteso che non son piú gl'infiniti secoli che le infinite
ore: dico che ne l'infinita durazione, che è l'eternità, non sono piú le ore che gli
secoli; di sorte che ogni cosa che si dice parte de l'infinito, in quanto che è parte de
l'infinito, è infinita cossí nell'infinita durazione come ne l'infinita mole. Da questa
dottrina possete considerare quanto sia circonspetto Aristotele nelle sue
supposizioni, quando prende le parti finite de lo infinito; e quanta sia la forza delle
raggioni di alcuni teologi, quando dalla eternità del tempo vogliono inferir lo
 38
inconveniente di tanti infiniti maggiori l'uno de l'altro, quante possono esser specie
di numeri. Da questa dottrina, dico, avete modo di estricarvi da innumerabili
labirinti.
Elpino. Particolarmente di quello, che fa al proposito nostro de gl'infiniti passi
ed infinite miglia, che verrebono a fare un infinito minore ed un altro infinito
maggiore nell'inmensitudine de l'universo. Or seguitate.
Filoteo. Secondo, nel suo inferire non procede demostrativamente Aristotele.
Perché da quel, che l'universo è infinito e che in esso (non dico di esso, perché altro è
dir parti nell'infinito, altro dell'infinito) sieno infinite parti, che hanno tutte azione e
passione, e per conseguenza trasmutazione intra de loro, vuole inferire o che
l'infinito abbia azione o passione nel finito o dal finito, over che l'infinito abbia azione
ne l'infinito, e questo patisca e sia trasmutato da quello. Questa illazione diciamo noi
che non vale fisicamente, benché logicamente sia vera: atteso che quantunque,
computando con la raggione, ritroviamo infinite parti che sono attive, ed infinite che
sono passive, e queste sieno prese come un contrario e quelle come un altro
contrario; nella natura poi, - per esserno queste parti disgionte e separate, e con
particulari termini divise, come veggiamo, - non ne forzano né inclinano a dire, che
l'infinito sia agente o paziente, ma che nell'infinito parte finite innumerabili hanno
azione e passione. Concedesi dunque, non che l'infinito sia mobile ed alterabile, ma
che in esso sieno infiniti mobili ed alterabili; non che il finito patisca da infinito,
secondo fisica e naturale infinità, ma secondo quella che procede di una logica e
razionale aggregazione che tutti gravi computa in un grave, benché tutti gravi non
sieno un grave. Stante dunque l'infinito e tutto inmobile, inalterabile, incorrottibile,
in quello possono essere, e vi son moti ed alterazioni innumerabili e infiniti, perfetti
e compiti. Giongi a quel ch'è detto che, dato che sieno doi corpi infiniti da un lato,
che da l'altro lato vegnano a terminarsi l'un l'altro, non seguitarà da questo quel che
Aristotele pensa che necessariamente séguita, cioè, che l'azione e passione sarebono
infinite; atteso che, se di questi doi corpi l'uno è agente in l'altro, non sarà agente
secondo tutta la sua dimensione e grandezza: perché non è vicino, prossimo, gionto e
continuato a l'altro secondo tutta quella, e secondo tutte le parti di quella. Perché
poniamo caso, che sieno doi infiniti corpi A e B, gli quali sono continuati o congionti
insieme nella linea o superficie FG. Certo, non verranno ad oprar l'uno contra l'altro
secondo tutta la virtú; perché non sono propinqui l'uno a l'altro secondo tutte le
parti, essendo che la continuazione non possa essere se non in qualche termine finito.
E dico di vantaggio che, benché supponiamo quella superficie o linea essere infinita,
non seguitarà per questo che gli corpi, continuati in quella, caggionino azione e
passione infinita; perché non sono intense, ma estense, come le parti sono estense.
Onde aviene che in nessuna parte l'infinito opra secondo tutta la sua virtú, ma
estensivamente secondo parte e parte, discreta e separatamente.
10 1 F A M
20 2 B N
30 3 C O
A
40 4
}
G
{
D P
B
Come per essempio, le parti di doi corpi contrarii, che possono alterarsi, sono le
vicine, come A ed 1, B e 2, C e 3, D e 4; e cossí discorrendo in infinito. Dove mai
 39
potrai verificare azione intensivamente infinita, perché di que' doi corpi le parti non
si possono alterare oltre certa e determinata distanza; e però M e 10, N e 20, O e 30,
P e 40 non hanno attitudine ad alterarsi. Ecco dunque come, posti doi corpi infiniti,
non seguitarebe azione infinita. Dico ancora di vantaggio che, quantunque si
suppona e conceda che questi doi corpi infiniti potessero aver azione l'un contra
l'altro intensivamente, e secondo tutta la loro virtú riferirse l'uno a l'altro, per questo
non seguitarebe affetto d'azione né passione alcuna; perché non meno l'uno è valente
ripugnando e risistendo, che l'altro possa essere impugnando ed insistendo, e però
non seguitarrebe alterazione alcuna. Ecco dunque, come da doi infiniti contraposti o
séguita alterazione finita o séguita nulla a fatto.
Elpino. Or che direte al supposito de l'un corpo contrario finito e l'altro infinito,
come se la terra fusse un corpo freddo ed il cielo fusse il fuoco, e tutti gli astri fuochi
ed il cielo inmenso e gli astri innumerabili? Volete che per questo séguite quel che
induce Aristotele, che il finito sarebbe assorbito da l'infinito?
Filoteo. Certo non, come si può rapportar da quel ch'abbiamo detto. Perché,
essendo la virtú corporale distesa per dimensione di corpo infinito, non verrebe ad
essere efficiente contra il finito con vigore e virtú infinita, ma con quello che può
diffondere dalle parti finite e secondo certa distanza rimosse; atteso che è impossibile
che opre secondo tutte le parti, ma secondo le prossime solamente. Come si vede
nella precedente demostrazione: dove presupponiamo A e B doi corpi infiniti; li quali
non sono atti a transmutar l'un l'altro, se non per le parti, che sono della distanza tra
10, 20, 30, 40, ed M, N, O, P; e per tanto nulla importa per far maggior e piú
vigorosa azione, quantunque il corpo B corra e cresca in infinito, ed il corpo A
rimagna finito. Ecco dunque come da doi contrarii contraposti sempre séguita azione
finita ed alterazione finita, non meno supponendo di ambidoi infinito l'uno e l'altro
finito, che supponendo infinito l'uno e l'altro.
Elpino. Mi avete molto satisfatto, di sorte che mi par cosa soverchia d'apportar
quell'altre raggioni salvaticine con le quali vuol dimostrar che estra il cielo non sia
corpo infinito, come quella che dice: "ogni corpo che è in loco, è sensibile: ma estra il
cielo non è corpo sensibile; dunque non vi è loco". O pur cossí: "ogni corpo sensibile
è in loco; extra il cielo non è loco; dunque, non vi è corpo. Anzi manco vi è extra,
perché extra significa differenza di loco e di loco sensibile, e non spirituale ed
intelligibile corpo, come alcuno potrebe dire: se è sensibile, è finito".
Filoteo. Io credo ed intendo che oltre ed oltre quella margine imaginata del cielo
sempre sia eterea regione, e corpi mondani, astri, terre, soli; e tutti sensibili
absolutamente secondo sé ed a quelli che vi sono o dentro o da presso, benché non
sieno sensibili a noi per la lor lontananza e distanza. Ed in questo mentre
considerate qual fondamento prende costui, che da quel, che non abbiamo corpo
sensibile oltre l'imaginata circonferenza, vuole che non sia corpo alcuno: e però lui, si
fermò a non credere altro corpo, che l'ottava sfera, oltre la quale gli astrologi di suoi
tempi non aveano compreso altro cielo. E per ciò che la vertigine apparente del
mondo circa la terra referirno sempre ad un primo mobile sopra tutti gli altri,
puosero fondamenti tali, che senza fine sempre oltre sono andati giongendo sfera a
sfera, ed hanno trovate l'altre senza stelle, e per consequenza senza corpi sensibili. In
tanto che le astrologice supposizioni e fantasie condannano questa sentenza, viene
assai piú condannata da quei che meglio intendeno, qualmente gli corpi che si dicono
appartenere all'ottavo cielo, non meno hanno distinzion tra essi di maggiore e minor
 40
distanza dalla superficie della terra, che gli altri sette, perché la raggione della loro
equidistanza depende solo dal falsissimo supposito della fission de la terra; contra il
quale crida tutta la natura, e proclama ogni raggione, e sentenzia ogni regolato e
ben informato intelletto al fine. Pur, sia come si vuole, è detto, contra ogni raggione,
che ivi finisca e si termine l'universo, dove l'attatto del nostro senso si conchiude;
perché la sensibilità è causa da far inferir che gli corpi sono, ma la negazion di quella,
la quale può esser per difetto della potenza sensitiva e non dell'ogetto sensibile, non
è sufficiente né per lieve suspizione che gli corpi non sieno. Perché, se la verità
dependesse da simil sensibilità, sarebbono tali gli corpi che appaiono tanto propinqui
ed aderenti l'uno all'altro. Ma noi giudichiamo che tal stella par minore nel
firmamento, ed è detta della quarta e quinta grandezza, che sarà molto maggiore di
quella che è detta della seconda e prima; nel giudizio della quale se inganna il senso,
che non è potente a conoscere la raggione della distanza maggiore; e noi da questo,
che abbiamo conosciuto il moto della terra, sappiamo che quei mondi non hanno tale
equidistanza da questo, e che non sono come in uno deferente.
Elpino. Volete dire, che non sono come impiastrati in una medesima cupola:
cosa indegna che gli fanciulli la possono imaginare, che forse crederebono che, se
non fussero attaccati alla tribuna e lamina celeste con buona colla, over inchiodati
con tenacissimi chiodi, caderebono sopra di noi non altrimente che gli grandini
dell'aria vicino. Volete dire che quelle altre tante terre ed altri tanti spaciosissimi
corpi tegnono le loro regioni e sue distanze nell'etereo campo, non altrimente che
questa terra che con la sua rivoluzione fa apparir che tutti insieme, come concatenati,
si svolgano circa lei. Volete dire che non bisogna accettare corpo spirituale extra
l'ottava o nona sfera, ma che questo medesimo aere, come è circa la terra, la luna, il
sole, continente di quelli, cossí si va amplificando in infinito alla continenza di altri
infiniti astri e grandi animali; e questo aere viene ad essere loco comune ed
universale; e che tiene infinito spacioso seno, non altrimente continente in tutto
l'universo infinito che in questo spacio sensibile a noi per tante e sí numerose lampe.
Volete che non sia l'aria e questo corpo continente che si muova circularmente, o che
rapisca gli astri, come la terra e la luna ed altri; ma che quelli si muovano dalla
propria anima per gli suoi spacii, avendono tutti que' proprii moti, che sono oltre
quel mondano, che per il moto della terra appare, ed oltre altri, che appaiono comuni
a tutti gli astri, come attaccati ad un mobil corpo, i quali tutti hanno apparenza per
le diverse differenze di moto di questo astro in cui siamo, e di cui il moto è
insensibile a noi. Volete per consequenza, che l'aria e le parti che si prendeno
nell'eterea regione, non hanno moto se non di restrizione ed amplificazione, il quale
bisogna che sia per il progresso di questi solidi corpi per quello; mentre gli uni
s'aggirano circa gli altri, e mentre fa di mestiero che questo spiritual corpo empia il
tutto.
Filoteo. Vero. Oltre dico, che questo infinito ed inmenso è uno animale, benché
non abia determinata figura e senso che si referisca a cose esteriori: perché lui ha
tutta l'anima in sé, e tutto lo animato comprende, ed è tutto quello. Oltre dico non
seguitar inconveniente alcuno, come di doi infiniti; perché, il mondo essendo
animato corpo, in esso è infinita virtú motrice ed infinito soggetto di mobilità, nel
modo che abbiamo detto, discretamente: perché il tutto continuo è immobile, tanto
di moto circulare, il quale è circa il mezzo, quanto di moto retto, che è dal mezzo o al
mezzo; essendo che non abbia mezzo né estremo. Diciamo oltre, che moto di grave e
 41
leve non solo è conveniente a l'infinito corpo; ma né manco a corpo intiero e perfetto
che sia in quello, né a parte di alcun di questi la quale è nel suo loco e gode la sua
natural disposizione. E ritorno a dire che nulla è grave o lieve assoluta ma
rispettivamente: dico al riguardo del loco, verso al quale le parti diffuse e disperse si
ritirano e congregano. E questo baste aver considerato oggi, quanto a l'infinita mole
de l'universo; e domani vi aspettarò per quel che volete intendere quanto a gl'infiniti
mondi che sono in quello.
Elpino. Io, benché per questa dottrina mi creda esser fatto capace di quell'altra,
tutta volta, per la speranza di udir altre cose particolari e degne, ritornarò.
Fracastorio. Ed io verrò ad esser auditore solamente.
Burchio. Ed io; che come, a poco a poco, piú e piú mi vo accostando
all'intendervi, cossí a mano a mano vegno a stimar verisimile, e forse vero, quel che
dite.
FINE DEL SECONDO DIALOGO
 42
DIALOGO TERZO
Filoteo. Uno dunque è il cielo, il spacio immenso, il seno, il continente
universale, l'eterea regione per la quale il tutto discorre e si muove. Ivi innumerabili
stelle, astri, globi, soli e terre sensibilmente si veggono, ed infiniti raggionevolmente
si argumentano. L'universo immenso ed infinito è il composto che resulta da tal
spacio e tanti compresi corpi.
Elpino. Tanto che non son sfere di superficie concava e convessa, non sono gli
orbi deferenti; ma tutto è un campo, tutto è un ricetto generale.
Filoteo. Cossí è.
Elpino. Quello dunque che ha fatto imaginar diversi cieli, son stati gli diversi
moti astrali, con questo, che si vedeva un cielo colmo di stelle svoltarsi circa la terra,
senza che di que' lumi in modo alcuno si vedesse l'uno allontanarsi da l'altro, ma,
serbando sempre la medesima distanza e relazione, insieme con certo ordine, si
versavano circa la terra non altrimente che una ruota, in cui sono inchiodati specchi
innumerabili, si rivolge circa il proprio asse. Là onde è stimato evidentissimo, come
al senso de gli occhi, che a que' luminosi corpi non si conviene moto proprio, come
essi discorrer possano, qual ucelli per l'aria; ma per la revoluzion de gli orbi, ne'
quali sono affissi, fatta dal divino polso di qualche intelligenza.
Filoteo. Cosí comunmente si crede; ma questa imaginazione - compreso che sarà
il moto di questo astro mondano in cui siamo, che, senza essere affisso ad orbe
alcuno, per il generale e spacioso campo essagitato dall'intrinseco principio, propria
anima e natura, discorre circa il sole e si versa circa il proprio centro - averrà che sia
tolta: e s'aprirà la porta de l'intelligenza de gli principii veri di cose naturali ed a
gran passi potremo discorrere per il camino della verità. La quale, ascosa sotto il
velame di tante sordide e bestiale imaginazioni, sino al presente è stata occolta per
l'ingiuria del tempo e vicissitudine de le cose dopo che al giorno de gli antichi
sapienti succese la caliginosa notte di temerari sofisti.
Non sta, si svolge e gira
Quanto nel ciel e sott'il ciel si mira.
Ogni cosa discorre, or alto or basso,
Benché sie 'n lungo o 'n breve,
O sia grave o sia leve;
E forse tutto va al medesmo passo
Ed al medesmo punto.
Tanto il tutto discorre sin ch'è giunto.
Tanto gira sozzopra l'acqua il buglio,
Ch'una medesma parte
Or di su in giú or di giú in su si parte
Ed il medesmo garbuglio
Medesme tutte sorti a tutti imparte.
Elpino. Certo non è dubio alcuno che quella fantasia de gli stelliferi, fiammiferi,
de gli assi, de gli deferenti,.del serviggio de gli epicicli e di altre chimere assai, non è
caggionata da altro principio che da l'imaginarsi, come appare, questa terra essere
 43
nel mezzo e centro de l'universo e che, essendo lei sola inmobile e fissa, il tutto
vegna a svoltargliesi circa.
Filoteo. Questo medesimo appare a quei, che sono ne la luna e ne gli altri astri
che sono in questo medesimo spacio, che sono o terre o soli.
Elpino. Supposto dunque per ora, che la terra con il suo moto caggiona questa
apparenza del moto diurno e mondano, e con le diverse differenze di cotal moto
caggiona que' tutti che si veggono medesimi convenire a stelle innumerabili, noi
rimarremo a dire che la luna (che è un'altra terra) si muova da per lei per l'aria circa
il sole. Medesimamente Venere, Mercurio e gli altri, che son pure altre terre, fanno i
lor discorsi circa il medesimo padre de vita.
Filoteo. Cossí è.
Elpino. Moti proprii di ciascuno son quei che si veggono, oltre questo moto
detto mondano, e proprii de le chiamate fisse (de quali l'uno e l'altro si denno referire
alla terra); e cotai moti sono di piú che di tante differenze, che quanti son corpi; di
sorte che mai si vedranno doi astri convenire in uno e medesimo ordine e misura di
moto, se si vedrà moto in quelli tutti, quali non mostrano variazione alcuna per la
gran distanza che hanno da noi. Quelli quantunque facciano lor giri circa il fuoco
solare e circa i proprii centri si convertano per la participazione del vital calore, le
differenze de loro approssimarsi e lontanarsi non possono essere da noi comprese.
Filoteo. Cossí è.
Elpino. Sono dunque soli innumerabili, sono terre infinite, che similmente
circuiscono quei soli; come veggiamo questi sette circuire questo sole a noi vicino.
Filoteo. Cossí è.
Elpino. Come dunque circa altri lumi, che sieno gli soli, non veggiamo
discorrere altri lumi, che sieno le terre, ma oltre questi non possiamo comprendere
moto alcuno, e tutti gli altri mondani corpi (eccetto ancor quei che son detti comete)
si veggono sempre in medesima disposizione e distanza?
Filoteo. La raggione è, perché noi veggiamo gli soli, che son gli piú grandi, anzi
grandissimi corpi, ma non veggiamo le terre, le quali, per esserno corpi molto
minori, sono invisibili; come non è contra raggione, che sieno di altre terre ancora
che versano circa questo sole, e non sono a noi manifeste o per lontananza maggiore
o per quantità minore, o per non aver molta superficie d'acqua, o pur per non aver
detta superficie rivolta a noi ed opposta al sole, per la quale, come un cristallino
spechio, concependo i luminosi raggi, si rende visibile. Là onde non è maraviglia, né
cosa contro natura, che molte volte udiamo il sole essere alcunamente eclissato,
senza che tra lui e la nostra vista si venesse ad interporre la luna. Oltre di visibili
possono essere anco innumerabili acquosi lumi (cioè terre, de le quali le acqui son
parte) che circuiscano il sole; ma la differenza del loro circuito è insensibile per la
distanza grande; onde in quel tardissimo moto, che si comprende in quelli che sono
visibili sopra o oltre Saturno, non si vede differenza del moto de gli uni e moto de gli
altri, né tampoco regola nel moto di tutti circa il mezzo, o poniamo mezzo la terra, o
si pona mezzo il sole.
Elpino. Come volevi dunque, che tutti, quantunque distantissimi dal mezzo, cioè
dal sole, potessero raggionevolmente participare il vital calore da quello?
Filoteo. Da questo, che quanto piú sono lontani, fanno tanto maggior circolo;
quanto piú gran circolo fanno, tanto piú tardi si muoveno circa il sole; quanto piú si
muoveno tardi, tanto piú resisteno a gli caldi ed infocati raggi di quello.
 44
Elpino. Volevate dunque che que' corpi, benché fussero tanto discosti dal sole,
possono però participar tanto calor che baste; perché, voltandosi piú velocemente
circa il proprio centro e piú tardi circa il sole, possono non solamente participar altre
tanto calore, ma ancor di vantaggio, se bisognasse; atteso che, per il moto piú veloce
circa il proprio centro, la medesima parte del convesso de la terra che non fu tanto
scaldata, piú presto torni a ristorarsi; per il moto piú tardo circa il mezzo focoso e
star piú saldo all'impression di quello, vegna a ricevere piú vigorosi gli fiammiferi
raggi?
Filoteo. Cossí è.
Elpino. Dunque volete che, se gli astri che sono oltre Saturno, come appaiono,
sono veramente immobili, verranno ad essere gli innumerabili soli o fuochi piú e
meno a noi sensibili, circa gli quali discorreno le propinque terre a noi insensibili?
Filoteo. Cossí bisognarebbe dire, atteso che tutte le terre son degne di aver la
medesima raggione e tutti gli soli la medesima.
Elpino. Volete per questo che tutti quelli sieno soli?
Filoteo. Non, perché non so se tutti o la maggior parte sieno inmobili, o se di
quelli alcuni si gireno circa gli altri, perché non è chi l'abbia osservato, ed oltre non è
facile ad osservare; come non facilmente si vede il moto e progresso di una cosa
lontana, la quale a gran tratto non facilmente si vede cangiata di loco, sicome accade
nel veder le navi poste in alto mare. Ma, sia come si vuole, essendo l'universo
infinito, bisogna al fine che sieno piú soli; perché è impossibile che il calore e lume di
uno particolare possa diffondersi per l'immenso, come poté imaginarsi Epicuro, se è
vero quel che altri riferiscono. Per tanto si richiede anco, che sieno soli innumerabili
ancora, de quali molti sono a noi visibili in specie di picciol corpo; ma tale parrà
minor astro che sarà molto maggior di quello che ne pare massimo.
Elpino. Tutto questo deve almeno esser giudicato possibile e conveniente.
Filoteo. Circa quelli possono versarsi terre di piú grande e piú picciola mole che
questa.
Elpino. Come conoscerò la differenza? come, dico, distinguerò gli fuochi da le
terre?.
Filoteo. Da quel, che gli fuochi sono fissi e le terre mobili, da che gli fuochi
scintillano e le terre non; de quali segni il secondo è piú sensibile che il primo.
Elpino. Dicono che l'apparenza del scintillare procede dalla distanza da noi.
Filoteo. Se ciò fusse, il sole non scintillarebbe piú di tutti, e gli astri minori che
son piú lontani, scintillarebono piú che gli maggiori che son piú vicini.
Elpino. Volete che gli mondi ignei sieno cossí abitati come gli aquei?
Filoteo. Niente peggio e niente manco.
Elpino. Ma che animali possono vivere nel fuoco?
Filoteo. Non vogliate credere, che quelli sieno corpi de parti similari, perché non
sarebono mondi, ma masse vacue, vane e sterili. Però è conveniente e naturale
ch'abbiano la diversità de le parti, come questa ed altre terre hanno la diversità di
proprii membri; benché questi sieno sensibili come acqui illustrate, e quelli come
luminose fiamme.
Elpino. Credete che, quanto alla consistenza e solidità, la materia prossima del
sole sia pur quella che è materia prossima de la terra? (Perché so, che non dubitate
essere una la materia primiera del tutto).
 45
Filoteo. Cossí è certo. Lo intese il Timeo, lo confermò Platone, tutti veri filosofi
l'han conosciuto, pochi l'hanno esplicato, nessuno a' tempi nostri s'è ritrovato che
l'abbia inteso, anzi molti con mille modi vanno turbando l'intelligenza; il che è
avenuto per la corrozion de l'abito e difetto di principii.
Elpino. A questo modo d'intendere se non è pervenuta, pur pare che s'accoste la
Dotta ignoranza del Cusano, quando, parlando de le condizioni de la terra, dice
questa sentenza: "Non dovete stimare che da la oscurità e negro colore possiamo
argumentare che il corpo terreno sia vile e piú de gli altri ignobile; perché, se noi
fussimo abitatori del sole, non vedremmo cotal chiarezza che in quello veggiamo da
questa regione circumferenziale a lui. Oltre ch'al presente, se noi ben bene fissaremo
l'occhio in quello, scuopriremo ch'ha verso il suo mezzo quasi una terra, o pur come
un umido ed uno nuvoloso corpo che, come da un cerchio circumferenziale, diffonde
il chiaro e radiante lume. Onde non meno egli che la terra viene ad esser composto
di proprii elementi".
Filoteo. Sin qua dice divinamente; ma seguitate apportando quel che soggionge.
Elpino. Per quel che soggionge, si può dar ad intendere che questa terra sia un
altro sole, e che tutti gli astri sieno medesimamente soli. Dice cossí: "S'alcuno fusse
oltre la region del fuoco, verrebe questa terra ad apparire una lucida stella nella
circumferenza della sua regione per mezzo del fuoco; non altrimente che a noi che
siamo nella circumferenza della region del sole, appare lucidissimo il sole; e la luna
non appare similmente lucida, perché forse circa la circumferenza di quella noi siamo
verso le parti piú mezzane, o, come dice lui, centrali, cioè nella region umida ed
acquosa di quella; e per tanto, benché abbia il proprio lume, nulla di meno non
appare; e solo veggiamo quello che nella superficie aquea vien caggionato dalla
reflession del lume solare".
Filoteo. Ha molto conosciuto e visto questo galantuomo ed è veramente uno de
particularissimi ingegni ch'abbiano spirato sotto questo aria; ma, quanto a
l'apprension de la verità, ha fatto qual nuotatore da tempestosi flutti ormesso alto or
basso; perché non vedea il lume continuo, aperto e chiaro, e non nuotava come in
piano e tranquillo ma interrottamente e con certi intervalli. La raggion di questo è
che lui non avea evacuati tutti gli falsi principii de quali era imbibito dalla commune
dottrina onde era partito; di sorte che, forse per industria, gli vien molto a proposito
la intitulazion fatta al suo libro Della dotta ignoranza, o Della ignorante dottrina.
Elpino. Quale è quel principio che lui non ha evacuato, e dovea evacuarsi?
Filoteo. Che l'elemento del foco sia come l'aria attrito dal moto del cielo e che il
foco sia un corpo sottilissimo, contra quella realità e verità che ne si fa manifesta per
quel che ad altri propositi e ne gli discorsi proprii consideramo: dove si conchiude
esser necessario che sia cossí un principio materiale, solido e consistente del caldo
come del freddo corpo; e che l'eterea regione non può esser di fuoco né fuoco, ma
infocata ed accesa dal vicino solido e spesso corpo, quale è il sole. Tanto che, dove
naturalmente possiamo parlare, non è mestiero di far ricorso alle matematiche
fantasie. Veggiamo la terra aver le parti tutte, le quali da per sé non sono lucide;
veggiamo che alcune possono lucere per altro, come la sua acqua, il suo aria
vaporoso, che accoglieno il calore e lume del sole e possono trasfondere l'uno e
l'altro alle circostante regioni. Per tanto è necessario, che sia un primo corpo al
quale convegna insieme essere per sé lucido e per sé caldo; e tale non può essere, se
non è constante, spesso e denso; perché il corpo raro e tenue non può essere
 46
suggetto di lume né di calore, come altre volte si dimostra da noi al suo proposito.
Bisogna dunque al fine che li doi fondamenti de le due contrarie prime qualitadi
attive sieno similmente constanti, e che il sole, secondo quelle parti che in lui son
lucide e calde, sia come una pietra o un solidissimo infocato metallo; non dirò
metallo liquabile, quale il piombo, il bronzo, l'oro, l'argento; ma qual metallo
illiquabile, non già ferro che è infocato, ma qual ferro che è foco istesso; e che, come
questo astro in cui siamo, per sé è freddo ed oscuro, niente partecipe di calore e
lume, se non quanto è scaldato dal sole, cossí quello è da per sé caldo e luminoso,
niente partecipe di freddezza ed opacità, se non quanto è rinfrescato da circonstanti
corpi ed ha in sé parti d'acqua, come la terra ha parti di foco. E però, come in questo
corpo freddissimo, e primo freddo ed opaco, sono animali che vivono per il caldo e
lume del sole, cossí in quello caldissimo e lucente son quei che vegetano per la
refrigirazione di circostanti freddi: e sicome questo corpo è per certa participazione
caldo nelle sue parti dissimilari, talmente quello è secondo certa participazione
freddo nelle sue.
Elpino. Or che dite del lume?
Filoteo. Dico che il sole non luce al sole, la terra non luce a la terra, nessuno
corpo luce in sé, ma ogni luminoso luce nel spacio circa lui. Però, quantunque la
terra sia un corpo luminoso per gli raggi del sole nella superficie cristallina, il suo
lume non è sensibile a noi, né a color che si trovano in tal superficie, ma a quei che
sono all'opposito di quella. Come oltre, dato che tutta la superficie del mare la notte
sia illustrata dal splendor de la luna, a quelli però che vanno per il mare, non appare
se non in quanto a certo spacio che è a l'opposito verso la luna; ai quali se fusse dato
di alzarsi piú e piú verso l'aria, sopra il mare, sempre piú e piú gli verrebe a crescere
la dimension del lume e vedere piú spacio di luminoso campo. Quindi
facilissimamente si può tirare qualmente quei che sono ne gli astri luminosi o pure
illuminati, non hanno sensibile il lume del suo astro, ma quello de circostanti; come
nel medesimo loco comune un loco particulare prende lume dal differente loco
particulare.
Elpino. Dunque, volete dire ch'a gli animanti solari non fa giorno il sole, ma
altra circostante stella?
Filoteo. Cossí è. Non lo capite?
Elpino. Chi non lo capirebbe? Anzi per questo considerare vegno a capir altre
cose assai, per conseguenza. Son dunque due sorte di corpi luminosi: ignei, e questi
son luminosi primariamente; ed acquei over cristallini, e questi sono
secondariamente lucidi.
Filoteo. Cossí è.
Elpino. Dunque, la raggione del lume non si deve referire ad altro principio?
Filoteo. Come può essere altrimente, non conoscendosi da noi altro fondamento
di lume? Perché vogliamo appoggiarci a vane fantasie, dove la esperienza istessa ne
ammaestra?
Elpino. È vero che non doviamo pensare que' corpi aver lume per certo
inconstante accidente, come le putredini di legni, le scaglie e viscose grume di pesci,
o qual fragilissimo dorso di nitedole e mosche nottiluche, de la raggione del cui lume
altre volte ne raggionaremo.
Filoteo. Come vi parrà.
 47
Elpino. Cossí dunque non altrimente s'ingannano quelli che dicono gli
circostanti luminosi corpi essere certe quinte essenze, certe divine corporee sustanze
di natura al contrario di queste che sono appresso di noi, ed appresso le quali noi
siamo; che quei che dicessero il medesimo di una candela o di un cristallo lucente
visto da lontano.
Filoteo. Certo.
Fracastorio. In vero questo è conforme ad ogni senso, raggione ed intelletto.
Burchio. Non già al mio, che giudica facilmente questo vostro parere una dolce
sofisticaria.
Filoteo. Rispondi a costui tu, Fracastorio, perché io ed Elpino, che abbiamo
discorso molto, vi staremo ad udire.
Fracastorio. Dolce mio Burchio, io per me ti pono in luogo.d'Aristotele, ed io
voglio essere in luogo di uno idiota e rustico che confessa saper nulla, presuppone di
aver inteso niente, e di quello che dice ed intende il Filoteo, e di quello che intende
Aristotele e tutto il mondo ancora. Credo alla moltitudine, credo al nome della fama
e maestà de l'autorità peripatetica, admiro insieme con una innumerabile moltitudine
la divinità di questo demonio de la natura; ma per ciò ne vegno a te per essere
informato de la verità, e liberarmi dalla persuasione di questo che tu chiami sofista.
Or vi dimando per qual caggione voi dite essere grandissima o pur grande, o pur
quanto e qualsivoglia differenza tra que' corpi celesti e questi che sono appresso di
noi?
Burchio. Quelli son divini, questi sono materialacci.
Fracastorio. Come mi farrete vedere e credere che quelli sieno piú divini?
Burchio. Perché quelli sono impassibili, inalterabili, incorrottibili ed eterni, e
questi al contrario; quelli mobili di moto circulare e perfettissimo, questi di moto
retto.
Fracastorio. Vorrei sapere se, dopo ch'arrete ben considerato, giurareste questo
corpo unico (che tu intendi come tre o quattro corpi, e non capisci come membri di
medesimo composto) non esser mobile cossí come gli altri astri mobili, posto che il
moto di quelli non è sensibile perché ne siamo oltre certa distanza rimossi, e questo,
se è, non ne può esser sensibile, perché, come han notato gli antichi e moderni veri
contemplatori della natura e come per esperienza ne fa manifesto in mille maniere il
senso, non possiamo apprendere il moto se non per certa comparazione e relazione a
qualche cosa fissa: perché, tolto uno che non sappia che l'acqua corre e che non
vegga le ripe, trovandosi in mezzo l'acqui entro una corrente nave, non arrebe senso
del moto di quella. Da questo potrei entrare in dubio ed essere ambiguo di questa
quiete e fissione; e posso stimare che, s'io fusse nel sole, nella luna ed altre stelle,
sempre mi parrebe essere nel centro del mondo immobile, circa il quale tutto il
circostante vegna a svolgersi, svolgendosi però qual corpo continente in cui mi
trovo, circa il proprio centro. Ecco come non son certo della differenza di mobile e
stabile.
Quanto a quel che dici del moto retto, certo cossí non veggiamo questo corpo
muoversi per linea retta, come anco non veggiamo gli altri. La terra, se ella si
muove, si muove circularmente, come gli altri astri, qualmente Egesia, Platone e
tutti savi dicono, e conceder deve Aristotele ed ogni altro. E della terra quello che
noi veggiamo montare e descendere, non è tutto il globo, ma certe particelle di
quello; le quali non si allontanano oltre quella regione che è computata tra le parti e
 48
membri di questo globo: nel quale, come in uno animale, è lo efflusso ed influsso de
parti e certa vicissitudine e certa commutazione e rinovazione. Il che tutto, se
medesimamente è ne gli altri astri, non si richiede che sia medesimamente sensibile a
noi; perché queste elevazioni di vapori ed exalazioni, successi di venti, piogge, nevi,
tuonitrui, sterilitadi, fertilitadi, inundazioni, nascere, morire, se sono ne gli altri
astri, non possono similmente essere a noi sensibili. Ma solamente quelli sono a noi
sensibili per il splendor continuo che dalla superficie di foco, o di acqua, o nuvolosa
mandano per il spacio grande. Come parimente questo astro è sensibile a quei che
sono ne gli altri per il splendor che diffonde dalla faccia di mari (e talvolta dal volto
affetto di nuvolosi corpi, per il che nella luna per medesima raggione le parti opache
paiono meno opache), la qual faccia non vien cangiata se non per grandissimo
intervallo di etadi e secoli, per il corso de quali gli mari si cangiano in continenti e
gli continenti in mari. Questo dunque e quei corpi son sensibili per il lume che
diffondeno. Il lume che di questa terra si diffonde a gli altri astri, è né piú né meno
perpetuo ed inalterabile, che quello di astri simili: e cossí come il moto retto ed
alterazione di quelle particelle è insensibile a noi, a loro è insensibile ogni altro moto
ed alterazione che ritrovar si possa in questo corpo. E sí come della luna da questa
terra, ch'è un'altra luna, appaiono diverse parti altre piú altre men luminose, cossí
della terra da quella luna, ch'è un'altra terra, appaiono diverse parti per la varietà e
differenza de spacii di sua superficie. E come, se la luna fusse piú lontana, il diametro
de le parti opache mancando, andarebono le parti lucide ad unirse e strengersi in una
sensibilità di corpo piú picciolo e tutto quanto lucido; similmente apparirebe la terra,
se fusse piú lontana dalla luna. Onde possiamo stimare che de stelle innumerabili
sono altre tante lune, altre tanti globi terrestri, altre tanti mondi simili a questo;
circa gli quali par che questa terra si volte, come quelli appaiono rivolgersi ed
aggirarsi circa questa terra. Perché, dunque, vogliamo affirmar essere differenza tra
questo e que' corpi, se veggiamo ogni convenienza? perché vogliamo negare esser
convenienza, se non è raggione né senso che ne induca a dubitar di quella?
Burchio. Cossí, dunque, avete per provato che quei corpi non differiscano da
questo?
Fracastorio. Assai bene, perché ciò che di questo può vedersi da là, di quelli può
vedersi da qua; ciò che di quelli può vedersi da qua, di questo si vede da là, come
dire, corpo picciolo questo e quelli, luminoso in parte da distanza minore questo e
quelli, luminoso in tutto da distanza maggiore, e piú picciolo, questo e quelli.
Burchio. Ove è dunque quel bell'ordine, quella bella scala della natura, per cui si
ascende dal corpo piú denso e crasso, quale è la terra, al men crasso, quale è l'acqua,
al suttile, quale è il vapore, al piú suttile, quale è l'aria puro, al suttilissimo, quale è il
fuoco, al divino, quale è il corpo celeste? dall'oscuro al men oscuro, al chiaro, al piú
chiaro, al chiarissimo? dal tenebroso al lucidissimo, dall'alterabile e corrottibile al
libero d'ogni alterazione e corrozione? dal gravissimo al grave, da questo al lieve, dal
lieve al levissimo, indi a quel che non è né grave né lieve? dal mobile al mezzo, al
mobile dal mezzo, indi al mobile circa il mezzo?
Fracastorio. Volete saper ove sia questo ordine? Ove son gli sogni, le fantasie, le
chimere, le pazzie. Perché, quanto al moto, tutto quello che naturalmente si muove,
ha delazion circulare o circa il proprio o circa l'altrui mezzo; dico circolare, non
semplice e geometricamente considerando il circolo e circulazione, ma secondo
quella regola che veggiamo fisicamente mutarsi di loco gli corpi naturali. Moto retto
 49
non è proprio né naturale a corpo alcuno principale; perché non si vede se non nelle
parti che sono quasi escrementi che hanno efflusso da corpi mondani, o pur,
altronde, hanno influsso alle congenee sfere e continenti. Qualmente veggiamo de
l'acqui che, in forma di vapore assottigliate dal caldo, montano in alto; ed in propria
forma inspessate dal freddo, ritornano al basso; nel modo che diremo nel proprio
loco, quando consideraremo del moto. Quanto alla disposizione di quattro corpi, che
dicono terra, acqua, aria, foco, vorei sapere qual natura, qual'arte, qual senso la fa, la
verifica, la dimostra.
Burchio. Dunque, negate la famosa distinzione de gli elementi?
Fracastorio. Non nego la distinzione, perché lascio ognuno distinguere come gli
piace ne le cose naturali; ma niego questo ordine, questa disposizione: cioè che la
terra sia circondata e contenuta da l'acqua, l'acqua da l'aria, l'aria dal foco, il foco dal
cielo. Perché dico uno essere il continente e comprensor di tutti corpi e machine
grandi che veggiamo come disseminate e sparse in questo amplissimo campo: ove
ciascuno di cotai corpi, astri, mondi, eterni lumi è composto di ciò che si chiama
terra, acqua, aria, fuoco. Ed in essi, se ne la sustanza della composizione predomina il
fuoco, vien denominato il corpo che si chiama sole e lucido per sé; se vi predomina
l'acqua, vien denominato il corpo che si chiama tellure, luna, o di simil condizione,
che risplende per altro, come è stato detto. In questi, dunque, astri o mondi, come le
vogliam dire, non altrimente si intendeno ordinate queste parti dissimilari secondo
varie e diverse complessioni di pietre, stagni, fiumi, fonti, mari, arene, metalli,
caverne, monti, piani ed altre simili specie di corpi composti, de siti e figure, che ne
gli animali son le parti dette eterogenee, secondo diverse e varie complessioni di
ossa, di intestini, di vene, di arterie, di carne, di nervi, di pulmone, di membri di una
e di un'altra figura, presentando gli suoi monti, le sue valli, gli suoi recessi, le sue
acqui, gli suoi spiriti, gli suoi fuochi, con accidenti proporzionali a tutte meteoriche
impressioni; quai sono gli catarri, le erisipile, gli calculi, le vertigini, le febri ed altre
innumerabili disposizioni ed abiti che rispondeno alle nebbie, piogge, nevi, caumi,
accensioni, alle saette, tuoni, terremoti e venti, a fervide ed algose tempeste. Se,
dunque, altrimente la terra ed altri monti sono animali che questi comunmente
stimati, son certo animali con maggior e piú eccellente raggione. Però, come
Aristotele o altro potrà provare l'aria essere piú circa la terra che entro la terra, se di
questa non è parte alcuna nella quale quello non abbia luogo e penetrazione, secondo
il modo che forse volser dir gli antichi il vacuo per tutto comprendere di fuora e
penetrare entro il pieno? Ove possete voi imaginare la terra aver spessitudine,
densità e consistenza senza l'acqua ch'accopie ed unisca le parti? Come possete
intendere verso il mezzo la terra esser piú grave, senza che crediate, che ivi le sue
parti non son piú spesse e dense, la cui spessitudine è impossibile senza l'acqua che
sola è potente ad agglutinare parte a parte? Chi non vede che da per tutto della terra
escono isole e monti sopra l'acqua; e non solo sopra l'acqua, ma oltre sopra l'aria
vaporoso e tempestoso, rinchiuso tra gli alti monti, e computato tra' membri de la
terra, a far un corpo perfettamente sferico; onde è aperto che l'acqui non meno son
dentro le viscere di quella che gli umori e sangue entro le nostre? Chi non sa, che
nelle profonde caverne e concavitadi de la terra son le congregazioni principali de
l'acqua? E se dici che la è tumida sopra i lidi, rispondo, che questi non son le parti
superiori de la terra, perché tutto ch'è intra gli altissimi monti, s'intende nella sua
concavità. Oltre, che il simile si vede nelle goccie impolverate, pendenti e consistenti
 50
sopra il piano: perché l'intima anima, che comprende ed è in tutte le cose, per la
prima fa questa operazione: che, secondo la capacità del suggetto, unisce quanto può
le parti. E non è, perché l'acqua sia o possa essere naturalmente sopra o circa la
terra, piú che l'umido di nostra sustanza sia sopra o circa il nostro corpo. Lascio che
le congregazioni de l'acqui nel mezzo essere piú eminenti si vede da tutti canti de lidi
e da tutti luoghi ove si trovano tali congregazioni. E certo, se le parti de l'arida cossí
potessero da per sé unirsi, farrebono il simile, come apertamente vegnono inglobate
in sferico quando sono per beneficio de l'acqua agglutinate insieme: perché tutta la
unione e spessitudine di parti che si trova nell'aria, procede da l'acqua. Essendono
dunque l'acqui entro le viscere de la terra, e non essendo parte alcuna di quella, che
ha unione di parti e spessitudine, che non comprenda piú parti de l'acqua che de
l'arida (perché dove è il spessissimo, ivi massime è composizione e domíno di cotal
soggetto, ch'ha virtú de le parti coerenti), chi sarà che per questo non voglia affirmar
piú tosto che l'acqua è base de la terra, che la terra de l'acqua? che sopra questa è
fondata quella, non quella sopra questa? Lascio che l'altitudine de l'acqua sopra la
faccia de la terra che noi abitiamo, detta il mare, non può essere e non è tanta, che sia
degna di compararsi alla mole di questa sfera; e non è veramente circa, come
gl'insensati credeno, ma dentro quella. Come, forzato dalla verità o pure dalla
consuetudine del dire di antichi filosofi, confessò Aristotele nel primo della sua
Meteora, quando confessò che le due regioni infime de l'aria turbulento ed inquieto
sono intercette e comprese da gli alti monti, e sono come parti e membri di quella; la
quale vien circondata e compresa da aria sempre tranquillo, sereno e chiaro a
l'aspetto de le stelle; onde, abbassando gli occhi, si vede l'università di venti, nubi,
nebbie e tempeste, flussi e reflussi che procedeno dalla vita e spiramento di questo
grande animale e nume, che chiamiamo Terra, nomorno Cerere, figurorno per Iside,
intitulorno Proserpina e Diana, la quale è la medesima chiamata Lucina in cielo;
intendendo questa non esser di natura differente da quella. Ecco quanto si manca,
che questo buon Omero, quando non dorme, dica l'acqua aver natural seggio sopra o
circa la terra, dove né venti né piogge né caliginose impressioni si ritrovano. E se
maggiormente avesse considerato ed atteso, arrebe visto che anco nel mezzo di
questo corpo (se ivi è il centro della gravità) è piú luogo di acqua che di arida: perché
le parti della terra non son gravi, senza che molta acqua vegna in composizion con
quelle; e senza l'acqua non hanno attitudine da l'appulso e proprio pondo per
descender da l'aria a ritrovar la sfera del proprio continente. Dunque, qual regolato
senso, qual verità di natura distingue ed ordina queste parti di maniera tale, quale
dal cieco e sordido volgo è conceputa, approvata da quei che parlano senza
considerare, predicata da chi molto dice e poco pensa? Chi crederà oltre non esser
proposito di veritade (ma s'è prodotta da uomo senza autorità, cosa da riso; s'è
riferita da persona stimata e divolgata illustre, cosa da esser referita a misterio o
parabola ed interpretata per metafora; s'è apportata da uomo, ch'ha piú senso ed
intelletto che autorità, numerata tra gli occolti paradossi) la sentenza di Platone
appresa dal Timeo, da Pitagora ed altri, che dechiara noi abitare nel concavo ed
oscuro de la terra, ed aver quella raggione a gli animali, che son sopra la terra, che
hanno gli pesci a noi; perché, come questi viveno in un umido piú spesso e crasso del
nostro, cossí noi viviamo in un piú vaporoso aria che color che son in piú pura e piú
tranquilla regione; e sí come l'Oceano a l'aria impuro è acqua, cossí il caliginoso
nostro è tale a quell'altro veramente puro? da tal senso e dire, lo che voglio inferire,
 51
è questo: che il mare, i fonti, i fiumi, i monti, le pietre e l'aria in essi contenuto, e
compreso in essi sin alla mezzana regione, come la dicono, non sono altro che parti e
membri dissimilari d'un medesimo corpo, d'una massa medesima, molto
proporzionali alle parti e membri che noi volgarmente conoscemo per composti
animali: di cui il termine, convessitudine ed ultima superficie è terminata da gli
estremi margini de monti ed aria tempestoso; di sorte che l'Oceano e gli fiumi
rimagnono nel profondo de la terra non meno che l'epate, stimato fonte del sangue, e
le ramificate vene son contenute e distese per li piú particulari.
Burchio. Dunque, la terra non è corpo gravissimo, e però nel mezzo, appresso la
quale piú grave e piú vicina è l'acqua, che la circonda, la quale è piú grave che l'aria?
Fracastorio. Se tu giudichi il grave dalla maggior attitudine di penetrar le parti
e farsi al mezzo ed al centro, dirò l'aria essere gravissimo e l'aria esser levissimo tra
tutti questi chiamati elementi. Perché, sicome ogni parte della terra, se si gli dà
spacio, descende sino al mezzo, cossí le parti de l'aria piú subito correranno al mezzo
che parte d'altro qualsivoglia corpo; perché a l'aria tocca essere il primo a succedere
al spacio, proibire il vacuo ed empire. Non cossí subito succedeno al loco le parti de
la terra, le quali per ordinario non si muoveno se non penetrando l'aria; perché a far
che l'aria penetre, non si richiede terra né acqua né fuoco; né alcuni di questi lo
prevegnono, né vincono, per esser piú pronti, atti ed ispediti ad impir gli angoli del
corpo continente. Oltre, se la terra, che è corpo solido, si parte, l'aria sarà quello che
occuparà il suo loco: non cossí è atta la terra ad occupar il loco de l'aria che si parte.
Dunque, essendo proprio a l'aria il muoversi a penetrar ogni sito e recesso, non è
corpo piú lieve de l'aria, non è corpo piú greve che l'aria.
Burchio. Or che dirai de l'acqua?
Fracastorio. De l'acqua ho detto, e torno a dire, che quella è piú grave che la
terra, perché piú potentemente veggiamo l'umor descendere e penetrar l'arida sino al
mezzo, che l'arida penetrar l'acqua: ed oltre, l'arida, presa a fatto senza composizion
d'acqua, verrà a sopranatare a l'acqua ed essere senza attitudine di penetrarvi dentro;
e non descende, se prima non è imbibita d'acqua e condensata in una massa e spesso
corpo, per mezzo della quale spessitudine e densità acquista potenza di farsi dentro e
sotto l'acqua. La quale acqua, per l'opposito, non descenderà mai per merito della
terra, ma perché si aggrega, condensa e radoppia il numero de le parti sue per farsi
imbibire ed ammassar l'arida: perché veggiamo che piú acqua assai capisce un vase
pieno di cenere veramente secca, che un altro vase uguale in cui sia nulla. L'arida
dunque, come arida, soprasiede e sopranata a l'acqua.
Burchio. Dechiaratevi meglio.
Fracastorio. Torno a dire che, se dalla terra si rimovesse tutta l'acqua, di sorte
che la rimanesse pura arida, bisognarebe necessariamente che il rimanente fusse un
corpo inconstante, raro, dissoluto e facile ad esser disperso per l'aria, anzi in forma di
corpi innumerabili discontinuati; perché quel che fa uno continuo, è l'aria; quello che
fa per la coerenzia uno continuo, è l'acqua, sia che si voglia del continuato, coerente e
solido, che ora è l'uno, ora è l'altro, ora è il composto de l'uno e l'altro. Ove, se la
gravità non procede da altro che dalla coerenza e spessitudine de le parti, e quelle
della terra non hanno coerenza insieme se non per l'acqua, - di cui le parti, come
quelle de l'aria, per sé si uniscono e la quale ha piú virtú che altro, se non ha virtú
singulare, a far che le parti de altri corpi s'uniscano insieme, - averrà che l'acqua, al
riguardo d'altri corpi che per essa dovegnon grevi, e per cui altri acquista l'esser
 52
ponderoso, è primieramente grave. Però non doveano esser stimati pazzi, ma molto
piú savii color che dissero la terra esser fondata sopra l'acqui.
Burchio. Noi diciamo che nel mezzo si deve sempre intendere la terra, come han
conchiuso tanti dottissimi personaggi.
Fracastorio. E confirmano gli pazzi.
Burchio. Che dite de pazzi?.
Fracastorio. Dico questo dire non esser confirmato da senso né da raggione.
Burchio. Non veggiamo gli mari aver flusso e reflusso e gli fiumi far il suo corso
sopra la faccia de la terra?
Fracastorio. Non veggiamo gli fonti, che son principio de' fiumi, che fan gli
stagni e mari, sortir da le viscere de la terra, e non uscir fuor de le viscere de la terra,
se pur avete compreso quel che poco fa ho piú volte detto?
Burchio. Veggiamo l'acqui prima descender da l'aria che per l'acqui vegnano
formati i fonti.
Fracastorio. Sappiamo che l'acqua - se pur descende da altro aria che quello ch'è
parte ed appartenente a' membri de la terra - prima originale-, principale-, e
totalmente è nella terra; che appresso derivativa-, secondaria- e particolarmente sia
ne l'aria.
Burchio. So che stai sopra questo, che la vera extima superficie del convesso
della terra non si prende dalla faccia del mare, ma dell'aria uguale a gli altissimi
monti.
Fracastorio. Cossí ave affirmato e confirmato ancora il vostro principe
Aristotele.
Burchio. Questo nostro prencipe è senza comparazione piú celebrato e degno e
seguitato che il vostro, il quale ancora non è conosciuto né visto. Però piaccia
quantosivoglia a voi il vostro, a me non dispiace il mio.
Fracastorio. Benché vi lasce morir di fame e freddo, vi pasca di vento e mande
discalzo ed ignudo.
Filoteo. Di grazia, non vi fermiate su questi propositi disutili e vani.
Fracastorio. Cossí farremo. Che dite dunque, o Burchio, a questo ch'avete udito?
Burchio. Dico che, sia che si vuole, all'ultimo bisogna veder quello ch'è in mezzo
di questa mole, di questo tuo astro, di questo tuo animale. Perché, se vi è la terra
pura, il modo con cui costoro hanno ordinati gli elementi, non è vano.
Fracastorio. Ho detto e dimostrato, che piú raggionevolmente vi è l'aria o
l'acqua, che l'arida: la qual pure non vi sarà senza esser composta con piú parti
d'acqua, che al fine vegnano ad essergli fondamento; perché veggiamo piú
potentemente le particelle de l'acqua penetrar la terra, che le particole di questa
penetrar quella. E piú, dunque, verisimile, anzi necessario, che nelle viscere della
terra sia l'acqua, che nelle viscere de l'acqua sia la terra.
Burchio. Che dici de l'acqua che sopranata e discorre sopra la terra?
Fracastorio. Non è chi non possa vedere che questo è per beneficio ed opra
dell'acqua medesima: la quale, avendo inspessata e fissata la terra, constipando le
parti di quella, fa che l'acqua oltre non vegna assorbita; la quale altrimente
penetrarebe sin al profondo de l'arida sustanza, come veggiamo per isperienza
universale. Bisogna, dunque, che in mezzo de la terra sia l'acqua, a fin che quel
mezzo abbia fermezza, la qual non deve rapportarsi alla terra prima, ma a l'acqua:
perché questa fa unite e congionte le parti di quella, e per consequenza questa piú
 53
tosto opra la densità nella terra, che per il contrario la terra sia caggione della
coerenza delle parti de l'acqua e faccia dense quelle. Se, dunque, nel mezzo non vuoi
che sia composto di terra ed acqua, è piú verisimile e conforme ad ogni raggione ed
esperienza, che vi sia piú tosto l'acqua che la terra. E se vi è corpo spesso, è
maggiore raggione che in esso predomine l'acqua che l'arida, perché l'acqua è quello
che fa la spessitudine nelle parti de la terra; la quale per il caldo si dissolve (non cossí
dico della spessitudine ch'è nel foco primo, la quale è dissolubile dal suo contrario):
che, quanto è piú spessa e greve, conosce tanto piú partecipazion d'acqua. Onde le
cose che sono appresso noi spessissime, non solamente son stimate aver piú
partecipazion d'acqua, ma oltre si trovano esser acqua istessa in sustanza, come
appare nella resoluzion di piú grevi e spessi corpi che sono gli liquabili metalli. Ed in
vero in ogni corpo solido, che ha parti coerenti, se v'intende l'acqua la qual gionge e
copula le parti, cominciando da minimi della natura; di sorte che l'arida, a fatto
disciolta da l'acqua, non è altro che vaghi e dispersi atomi. Però son piú consistenti
le parti de l'acqua senza la terra, perché le parti de l'arida nullamente consisteno
senza l'acqua. Se, dunque, il mezzano loco è destinato a chi con maggiore appulso e
piú velocità vi corre, prima conviene a l'aria il quale empie il tutto, secondo a l'acqua,
terzo a la terra. Se si destina al primo grave, al piú denso e spesso, prima conviene a
l'acqua, secondo a l'aria, terzo a l'arida. Se prenderemo l'arida gionto all'acqua, prima
conviene a la terra, secondo a l'acqua, terzo a l'aria. Tanto che, secondo piú raggioni
e diverse, conviene a diversi primieramente il mezzo; secondo la verità e natura,
l'uno elemento non è senza altro e non è membro de la terra, dico di questo grande
animale, ove non sieno tutti quattro o almeno tre di essi.
Burchio. Or venite presto alla conclusione.
Fracastorio. Quello che voglio conchiudere è questo: che il famoso e volgare
ordine de gli elementi e corpi mondani è un sogno ed una vanissima fantasia, perché
né per natura si verifica, né per raggione si prova ed argumenta, né per convenienza
deve, né per potenza puote esser di tal maniera. Resta, dunque, da sapere ch'è un
infinito campo e spacio continente, il qual comprende e penetra il tutto. In quello
sono infiniti corpi simili a questo, de quali l'uno non è piú in mezzo de l'universo che
l'altro, perché questo è infinito, e però senza centro e senza margine; benché queste
cose convegnano a ciascuno di questi mondi, che sono in esso con quel modo ch'altre
volte ho detto, e particolarmente quando abbiamo dimostrato essere certi,
determinati e definiti mezzi, quai sono i soli, i fuochi, circa gli quali discorreno tutti
gli pianeti, le terre, le acqui, qualmente veggiamo circa questo a noi vicino marciar
questi sette erranti; e come quando abbiamo parimente dimostrato che ciascuno di
questi astri o questi mondi, voltandosi circa il proprio centro, caggiona apparenza di
un solido e continuo mondo che rapisce tanti quanti si veggono ed essere possono
astri, e verse circa lui, come centro dell'universo. Di maniera che non è un sol
mondo, una sola terra, un solo sole; ma tanti son mondi, quante veggiamo circa di
noi lampade luminose, le quali non sono piú né meno in un cielo ed un loco ed un
comprendente, che questo mondo, in cui siamo noi, è in un comprendente, luogo e
cielo. Sí che il cielo, l'aria infinito, immenso, benché sia parte de l'universo infinito,
non è però mondo, né parte di mondi; ma seno, ricetto e campo in cui quelli sono, si
muoveno, viveno, vegetano e poneno in effetto gli atti de le loro vicissitudini,
producono, pascono, ripascono e mantieneno gli loro abitatori ed animali, e con certe
disposizioni ed ordini amministrano alla natura superiore, cangiando il volto di uno
 54
ente in innumerabili suggetti. Sí che ciascuno di questi mondi è un mezzo, verso il
quale ciascuna de le sue parti concorre e ove si puosa ogni cosa congenea; come le
parti di questo astro, da certa distanza e da ogni lato e circonstante regione, si
rapportano al suo continente. Onde, non avendo parte, che talmente effluisca dal
gran corpo che non refluisca di nuovo in quello, aviene che sia eterno, benché sia
dissolubile: quantunque la necessità di tale eternità certo sia dall'estrinseco
mantenitore e providente, non da l'intrinseca e propria sufficienza, se non
m'inganno. Ma di questo con piú particular raggione altre volte vi farò intendere.
Burchio. Cossí dunque gli altri mondi sono abitati come questo?
Fracastorio. Se non cossí e se non megliori, niente meno e niente peggio: perché
è impossibile ch'un razionale ed alquanto svegliato ingegno possa imaginarsi, che
sieno privi di simili e megliori abitanti mondi innumerabili, che si mostrano o cossí o
piú magnifici di questo; i quali o son soli, o a' quali il sole non meno diffonde gli
divinissimi e fecondi raggi che non meno argumentano felice il proprio soggetto e
fonte, che rendeno fortunati i circostanti partecipi di tal virtú diffusa. Son quenque
infiniti gl'innumerabili e principali membri de l'universo, di medesimo volto, faccia,
prorogativa, virtú ed effetto.
Burchio. Non volete che tra altri ed altri vi sia differenza alcuna?
Fracastorio. Avete piú volte udito che quelli son per sé lucidi e caldi, nella
composizion di quali predomina il fuoco; gli altri risplendeno per altrui
participazione, che son per sé freddi ed oscuri; nella composizion de quali l'acqua
predomina. Dalla qual diversità e contrarietà depende l'ordine, la simmetria, la
complessione, la pace, la concordia, la composizione, la vita. Di sorte che gli mondi
son composti di contrarii; e gli uni contrarii, come le terre, acqui, vivono e vegetano
per gli altri contrarii, come gli soli e fuochi. Il che, credo, intese quel sapiente che
disse Dio far pace ne gli contrarii sublimi, e quell'altro che intese il tutto essere
consistente per lite di concordi ed amor di litiganti.
Burchio. Con questo vostro dire volete ponere sotto sopra il mondo.
Fracastorio. Ti par che farrebe male un che volesse mettere.sotto sopra il mondo
rinversato?
Burchio. Volete far vane tante fatiche, studii, sudori di fisici auditi, de cieli e
mondi, ove s'han lambiccato il cervello tanti gran commentatori, parafrasti,
glosatori, compendiarii, summisti, scoliatori, traslatatori, questionarii, teoremisti?
ove han poste le sue basi e gittati i suoi fondamenti i dottori profondi, suttili, aurati,
magni, inespugnabili, irrefragabili, angelici, serafici, cherubici e divini?
Fracastorio. Adde gli frangipetri, sassifragi, gli cornupeti e calcipotenti, Adde gli
profundivedi, palladii, olimpici, firmamentici, celesti empirici, altitonanti.
Burchio. Le deveremo tutti a vostra instanza mandarle in un cesso? Certo, sarà
ben governato il mondo, se saranno tolte via e dispreggiate le speculazioni di tanti e
sí degni filosofi!
Fracastorio. Non è cosa giusta che togliamo a gli asini le sue lattuche, e voler
che il gusto di questi sia simile al nostro. La varietà d'ingegni ed intelletti non è
minor che di spirti e stomachi.
Burchio. Volete che Platone sia uno ignorante, Aristotele sia un asino, e quei che
l'hanno seguitati, sieno insensati, stupidi e fanatici?
Fracastorio. Figlol mio, non dico, che questi sieno gli pulledri e quelli gli asini,
questi le monine e quelli i scimioni, come voi volete ch'io dica; ma, come vi dissi da
 55
principio, le stimo eroi de la terra; ma che non voglio credergli senza causa, né
admettergli quelle proposizioni, de le quali le contradittorie, come possete aver
compreso, se non siete a fatto cieco e sordo, sono tanto espressamente vere.
Burchio. Or chi ne sarà giudice?
Fracastorio. Ogni regolato senso e svegliato giudizio, ogni persona discreta e
men pertinace, quando si conoscerà convitto ed impotente a defendere le raggioni di
quelli e resistere a le nostre.
Burchio. Quando io non le saprò defendere, sarà per difetto della mia
insufficienza, non della lor dottrina; quando voi, impugnandole, saprete conchiudere,
non sarà per la verità della dottrina, ma per le vostre sofistiche importunitadi.
Fracastorio. Io, se mi conoscesse ignorante de le cause, mi astenerei da donar de
le sentenze. S'io fusse talmente affetto come voi, mi stimarei dotto per fede e non per
scienza.
Burchio. Se tu fussi meglio affetto, conoscereste che sei un asino presuntuoso,
sofista, perturbator delle buone lettere, carnefice de gl'ingegni, amator delle
novitadi, nemico de la verità, suspetto d'eresia.
Filoteo. Sin ora costui ha mostrato d'aver poca dottrina, ora ne vuol far
conoscere che ha poca discrezione e non è dotato di civilità.
Elpino. Ha buona voce, e disputa piú gargliardamente che se fusse un frate di
zoccoli. Burchio mio caro, io lodo molto la constanza della tua fede. Da principio
dicesti che, ancor che questo fusse vero, non lo volevi credere.
Burchio. Sí, piú tosto voglio ignorar con molti illustri e.dotti, che saper con
pochi sofisti, quali stimo sieno questi amici.
Fracastorio. Malamente saprai far differenza tra dotti e sofisti, se vogliamo
credere a quel che dici. Non sono illustri e dotti quei che ignorano; quei che sanno,
non sono sofisti.
Burchio. Io so che intendete quel che voglio dire.
Elpino. Assai sarrebe se noi potessimo intendere quel che dite, perché voi
medesimo arrete gran fatica per intender quel che volete dire.
Burchio. Andate, andate, piú dotti ch'Aristotele; via, via, piú divini che Platone,
piú profondi ch'Averroe, piú giudiciosi de sí gran numero de filosofi e teologi di
tante etadi e tante nazioni, che l'hanno commentati, admirati e messi in cielo. Andate
voi, che non so chi siete e d'onde uscite, e volete presumere di opporvi al torrente di
tanti gran dottori!
Fracastorio. Questa sarrebe la meglior di quante n'avete fatte, se fusse una
raggione.
Burchio. Tu sareste piú dotto ch'Aristotele, se non fussi una bestia, un
poveraccio, mendico, miserabile, nodrito di pane di miglio, morto di fame, generato
da un sarto, nato d'una lavandaria, nipote a Cecco ciabattino, figol di Momo,
postiglion de le puttane, fratel di Lazaro che fa le scarpe a gli asini. Rimanete con
cento diavoli ancor voi, che non siete molto megliori che lui!
Elpino. Di grazia, magnifico signore, non vi prendiate piú fastidio di venire a
ritrovarne, e aspettate che noi vengamo a voi.
Fracastorio. Voler con piú raggioni mostrar la veritade a simili, è come se con
piú sorte di sapone e di lescía piú volte se lavasse il capo a l'asino; ove non se profitta
piú lavando cento che una volta, in mille che in un modo, ove è tutto uno l'aver
lavato e non l'avere.
 56
Filoteo. Anzi, quel capo sempre sarà stimato piú sordido in fine del lavare che
nel principio ed avanti: perché con aggiongervi piú e piú d'acqua e di profumi, si
vegnono piú e piú a commovere i fumi di quel capo, e viene a sentirsi quel puzzo che
non si senteva altrimente; il quale sarà tanto piú fastidioso, quanto da liquori piú
aromatichi vien risvegliato. - Noi abbiamo molto detto oggi; mi rallegro molto della
capacità di Fracastorio e del maturo vostro giudizio, Elpino. Or, poi ch'avemo
discorso circa l'essere, il numero e qualità de gl'infiniti mondi, è bene che domani
veggiamo, se vi son raggioni contrarie, e quali sieno quelle.
Elpino. Cossí sia.
Fracastorio. Adio.
FINE DEL TERZO DIALOGO
 57
DIALOGO QUARTO
Filoteo. Non son dunque infiniti gli mondi di sorte con cui è imaginato il
composto di questa terra circondato da tante sfere, de quali altre contegnano un
astro, altre astri innumerabili: atteso che il spacio è tale per quale possano discorrere
tanti astri; ciascuno di questi è tale, che può da per se stesso e da principio intrinseco
muoversi alla comunicazion di cose convenienti; ognuno di essi è tanto ch'è
sufficiente, capace e degno d'esser stimato un mondo; non è di loro chi non abbia
efficace principio e modo di continuar e serbar la perpetua generazione e vita
d'innumerabili ed eccellenti individui. Conosciuto che sarà che l'apparenza del moto
mondano è caggionata dal vero moto diurno della terra (il quale similmente si trova
in astri simili) non sarà raggione che ne costringa a stimar l'equidistanza de le stelle,
che il volgo intende in una ottava sfera come inchiodate e fisse; e non sarà
persuasione che ne impedisca di maniera, che non conosciamo che de la distanza di
quelle innumerabili sieno differenze innumerabili di lunghezza di semidiametro.
Comprenderemo, che non son disposti gli orbi e sfere nell'universo, come vegnano a
comprendersi l'un l'altro, sempre oltre ed oltre essendo contenuto il minore dal
maggiore, per esempio, gli squogli in ciascuna cipolla; ma che per l'etereo campo il
caldo ed il freddo, diffuso da' corpi principalmente tali, vegnano talmente a
contemperarsi secondo diversi gradi insieme, che si fanno prossimo principio di
tante forme e specie di ente.
Elpino. Su, di grazia, vengasi presto alla risoluzion delle raggioni di contrarii, e
massime d'Aristotele, le quali son piú celebrate e piú famose, stimate della sciocca
moltitudine con le perfette demostrazioni. Ed a fin che non paia che si lasce cosa a
dietro, io referirò tutte le raggioni e sentenze di questo povero sofista, e voi una per
una le considerarete.
Filoteo. Cossí si faccia.
Elpino. È da vedere, dice egli nel primo libro del suo Cielo e mondo, se estra
questo mondo sia un altro.
Filoteo. Circa cotal questione sapete, che differentemente prende egli il nome
del mondo e noi; perché noi giongemo mondo a mondo, come astro ad astro in
questo spaciosissimo etereo seno, come è condecente anco ch'abbiano inteso tutti
quelli sapienti ch'hanno stimati mondi innumerabili ed infiniti. Lui prende il nome
del mondo per un aggregato di questi disposti elementi e fantastici orbi sino al
convesso del primo mobile, che, di perfetta rotonda figura formato, con rapidissimo
tratto tutto rivolge, rivolgendosi egli, circa il centro, verso il qual noi siamo. Però
sarà un vano e fanciullesco trattenimento, se vogliamo raggion per raggione aver
riguardo a cotal fantasia; ma sarà bene ed espediente de resolvere le sue raggioni per
quanto possono esser contrarie al nostro senso, e non aver riguardo a ciò che non ne
fa guerra.
Fracastorio. Che diremo a color che ne rimproperasseno che noi disputiamo su
l'equivoco?
Filoteo. Diremo due cose: e che il difetto di ciò è da colui ch'ha preso il mondo
secondo impropria significazione, formandosi un fantastico universo corporeo; e che
le nostre risposte non meno son valide supponendo il significato del mondo secondo
la imaginazione de gli aversarii che secondo la verità. Perché, dove s'intendeno gli
 58
punti della circumferenza ultima di questo mondo, di cui il mezzo è questa terra, si
possono intendere gli punti di altre terre innumerabili che sono oltre quella
imaginata circumferenza; essendo che vi sieno realmente, benché non secondo la
condizione imaginata da costoro; la qual, sia come si vuole, non gionge o toglie
punto a quel che fa al proposito della quantità de l'universo e numero de mondi.
Fracastorio. Voi dite bene; séguita, Elpino.
Elpino. "Ogni corpo", dice, "o si muove o si sta: e questo moto e stato o è
naturale, o è violento. Oltre, ogni corpo, dove non sta per violenza, ma
naturalmente, là non si muove per violenza, ma per natura; e dove non si muove
violentemente, ivi naturalmente risiede: di sorte che tutto ciò che violentemente è
mosso verso sopra, naturalmente si muove verso al basso, e per contra. Da questo
s'inferisce, che non son piú mondi, quando consideraremo che, se la terra, la quale è
fuor di questo mondo, si muove al mezzo di questo mondo violentemente, la terra, la
quale è in questo mondo, si moverà al mezzo di quello naturalmente; e se il suo moto
dal mezzo di questo mondo al mezzo di quello è violento, il suo moto dal mezzo di
quel mondo a questo sarà naturale. La causa di ciò è che, se son piú terre, bisogna
dire, che la potenza de l'una sia simile alla potenza de l'altra; come oltre, la potenza
di quel fuoco sarà simile alla potenza di questo. Altrimente le parti di que' mondi
saran simili alle parti di questo in nome solo, e non in essere; e, per consequenza,
quel mondo non sarà, ma si chiamarà mondo, come questo. Oltre, tutti gli corpi che
son d'una natura ed una specie, hanno un moto; perché ogni corpo naturalmente si
muove in qualche maniera. Se, dunque, ivi son terre, come è questa, e sono di
medesima specie con questa, arranno certo medesimo moto; come, per contra, se è
medesimo moto, sono medesimi elementi. Essendo cossí, necessariamente la terra di
quel mondo si moverrà alla terra di questo, il fuoco di quello al fuoco di questo.
Onde séguite oltre, che la terra non meno naturalmente si muove ad alto che al
basso, ed il fuoco non meno al basso ch'a l'alto. Or, essendono tale cose impossibili,
deve essere una terra, un centro, un mezzo, un orizonte, un mondo".
Filoteo. Contra questo diciamo, che in quel modo con cui in questo universal
spacio infinito la nostra terra versa circa questa regione ed occupa questa parte, nel
medesimo gli altri astri occupano le sue parti e versano circa le sue regioni ne
l'immenso campo. Ove, come questa terra costa di suoi membri, ha le sue alterazioni
ed ha flusso e reflusso nelle sue parti (come accader veggiamo ne gli animali, umori e
parti, le quali sono in continua alterazione e moto), cossí gli altri astri costano di
suoi similmente affetti membri. E sicome questo, naturalmente si movendo secondo
tutta la machina, non ha moto se non simile al circulare, con cui se svolge circa il
proprio centro e discorre intorno al sole; cossí necessariamente quelli altri corpi che
sono di medesima natura. E non altrimente le parti sole di quelli, che per alcuni
accidenti sono allontanate dal suo loco (le quali però non denno esser stimate parti
principali o membri), naturalmente con proprio appulso vi ritornano, che parti de
l'arida ed acqua, che per azion del sole e de la terra s'erano in forma d'exalazione e
vapore allontanate verso membri e regioni superiori di questo corpo, avendono
riacquistata la propria forma, vi ritornano. E cossí quelle parti oltre certo termine
non si discostano dal suo continente come queste; come sarà manifesto quando
vedremo la materia de le comete non appartenere a questo globo. Cossí dunque,
come le parti di un animale, benché sieno di medesima specie con le parti di un altro
animale, nulla di meno, perché appartengono a diversi individui, giamai quelle di
 59
questi (parlo de le principali e lontane) hanno inclinazione al loco di quelle de gli
altri: come non sarà mai la mia mano conveniente al tuo braccio, la tua testa al mio
busto. Posti cotai fondamenti, diciamo veramente essere similitudine tra tutti gli
astri, tra tutti gli mondi, e medesima raggione aver questa e le altre terre. Però non
séguita che dove è questo mondo debbano essere tutti gli altri, dove è situata questa
debbano essere situate l'altre; ma si può bene inferire che, sicome questa consiste nel
suo luogo, tutte l'altre consistano nel suo: come non è bene che questa si muova al
luogo dell'altre, non è bene che l'altre si muovano al luogo di questa: come questa è
differente in materia ed altre circostanze individuali da quelle, quelle sieno differenti
da questa. Cossí le parti di questo fuoco si muovono a questo fuoco come le parti di
quello a quello; cossí le parti di questa terra a questa tutta, come le parti di quella
terra a quella tutta. Cossí le parti di quella terra che chiamiamo luna, con le sue
acqui, contra natura e violentemente si moverebono a questa, come si moverebono le
parti di questa a quella. Quella naturalmente versa nel suo loco, ed ottiene la sua
regione che è ivi; questa è naturalmente nella sua regione quivi; e cossí se riferiscono
le parti sue a quella terra, come le sue a questa; cossí intendi de le parti di quelle
acqui e di que' fochi. Il giú e loco inferiore di questa terra non è alcun punto della
regione eterea fuori ed extra di lei (come accade alle parti fatte fuori della propria
sfera, se questo aviene), ma è nel centro de la sua mole o rotundità o gravità. Cossí il
giú di quella terra non è alcun luogo extra di quella, ma è il suo proprio mezzo, il
proprio suo centro. Il su di questa terra è tutto quel ch'è nella sua circumferenza ed
estra la sua circumferenza; però cossí violentemente le parti di quella si muoveno
extra la sua circumferenza e naturalmente s'accoglieno verso il suo centro, come le
parti di questa violentemente si diparteno e naturalmente tornano verso il proprio
mezzo. Ecco come si prende la vera similitudine tra queste e quell'altre terre.
Elpino. Molto ben dite che, sicome è cosa inconveniente ed impossibile che l'uno
di questi animali si muova e dimore dove è l'altro, e non abbia la propria sussistenza
individuale con il proprio loco e circostanze; cossí è inconvenientissimo che le parti
di questo abbiano inclinazione e moto attuale al luogo de le parti di quello.
Filoteo. Intendete bene de le parti che son veramente parti. Perché, quanto
appartiene alli primi corpi indivisibili, de quali originalmente è composto il tutto, è
da credere che per l'immenso spacio hanno certa vicissitudine, con cui altrove
influiscano ed affluiscano altronde. E questi, se pur per providenza divina, secondo
l'atto, non costituiscano nuovi corpi e dissolvano gli antichi, almeno hanno tal
facultà. Perché veramente gli corpi mondani sono dissolubili; ma può essere che o da
virtú intrinseca o estrinseca sieno eternamente persistenti medesimi, per aver tale
tanto influsso, quale e quanto hanno efflusso di atomi; e cossí perseverino medesimi
in numero, come noi, che nella sustanza corporale similmente, giorno per giorno, ora
per ora, momento per momento, ne rinuoviamo per l'attrazione e digestione che
facciamo da tutte le parti del corpo.
Elpino. Di questo ne parlaremo altre volte. Quanto al presente, mi satisfate
molto ancora per quel ch'avete notato, che cossí ogni altra terra s'intenderebe
violentemente montare a questa, se si movesse a questo loco, come questa
violentemente montarebbe se a qualsivoglia di quelle si movesse. Perché, come da
ogni parte di questa terra verso la circonferenza o ultima superficie, e verso
l'orizonte emisferico dell'etere andando, si procede come in alto; cossí da ogni parte
della superfice de altre terre verso questa se intende ascenso: atteso che cossí questa
 60
terra è circonferenziale a quelle come quelle a questa. Approvo che, benché quelle
terre sieno di medesima natura con questa, non per ciò séguite che si referiscano al
medesimo centro a fatto; perché cossí il centro d'un'altra terra non è centro di questa
e la circonferenza sua non è circonferenza di costei, come l'anima mia non è vostra;
la gravità mia e di mie parti non è corpo e gravità vostra; benché tutti cotai corpi,
gravitadi ed anime univocamente si dicano, e sieno di medesima specie.
Filoteo. Bene. Ma non per questo vorrei che v'imaginaste che, se le parti di
quella terra appropinquassero a questa terra, non sarebbe possibile che
medesimamente avessero appulso a questo continente, come se le parti di questa
s'avicinassero a quella; benché ordinariamente il simile non veggiamo accadere ne gli
animali e diversi individui de le specie di questi corpi, se non quanto l'uno si nutrisce
ed aumenta per l'altro e l'uno si trasmuta ne l'altro.
Elpino. Sta bene. Ma che dirrai, se tutta quella sfera fusse tanto vicina a questa
quanto accade che da lei s'allontanino le sue parti che hanno attitudine di rivenire al
suo continente?
Filoteo. Posto che le parti notabili de la terra si facciano fuori de la
circonferenza de la terra, circa la quale è.detto esser l'aria puro e terso, facilmente
concedo che da quel loco possano rivenir cotai parti come naturalmente al suo loco;
ma non già venir tutta un'altra sfera, né naturalmente descendere le parti di quella,
ma piú tosto violentemente ascendere; come le parti di questa non naturalmente
descenderebono a quella, ma per violenza ascenderebono. Perché a tutti gli mondi
l'estrinseco della sua circonferenza è il su, e l'intrinseco centro è il giú, e la raggione
del mezzo a cui le loro parti naturalmente tendeno, non si toglie da fuori, ma da
dentro di quelli; come hanno ignorato coloro, che fingendo certa margine e
vanamente definendo l'universo, hanno stimato medesimo il mezzo e centro del
mondo e di questa terra. Del che il contrario è conchiuso, famoso e concesso
appresso gli matematici di nostri tempi; che hanno trovato che dall'imaginata
circonferenza del mondo non è equidistante il centro de la terra. Lascio gli altri piú
savi, che, avendo capito il moto de la terra, hanno trovato, non solamente per
raggioni proprie alla lor arte, ma etiam per qualche raggion naturale, che del mondo
ed universo che col senso de gli occhi possiamo comprendere, piú raggionevolmente,
e senza incorrere inconvenienti, e con formar teoria piú accomodata e giusta,
applicabile al moto piú regolare de gli detti erroni circa il mezzo, doviamo intendere
la terra essere tanto lontana dal mezzo quanto il sole. Onde facilmente con gli loro
principii medesimi han modo di scuoprir a poco a poco la vanità di quel che si dice
della gravità di questo corpo, e differenza di questo loco da gli altri, dell'equidistanza
di mondi innumerabili, che veggiamo da questo oltre gli detti pianeti, del
rapidissimo moto piú tosto di tutti quei circa quest'uno, che della versione di
quest'uno a l'aspetto di que' tutti; e potranno dovenir suspetti almeno sopra altri
sollennissimi inconvenienti che son suppositi nella volgar filosofia. Or, per venire al
proposito onde siamo partiti, torno a dire che né tutto l'uno né parte de l'uno sarrebe
atto a muoversi verso il mezzo de l'altro, quantunque un altro astro fusse vicinissimo
a questo, di sorte che il spacio o punto della circonferenza di quello si toccasse col
punto o spacio della circonferenza di questo.
Elpino. Di questo il contrario ha disposto la provida natura, perché, se ciò fusse,
un corpo contrario destruggerebe l'altro; il freddo e umido s'ucciderebono col caldo e
secco: de quali, però a certa e conveniente distanza disposti, l'uno vive e vegeta per
 61
l'altro. Oltre, un corpo simile impedirebe l'altro dalla comunicazione e partecipazione
del conveniente che dona al dissimile e dal dissimile riceve; come ne dechiarano tal
volta non mediocri danni ch'alla fragilità nostra apportano le interposizioni di
un'altra terra, che chiamiamo luna, tra questa e il sole. Or che sarrebe se la fusse piú
vicina alla terra, e piú notabilmente a lungo ne privasse di quel caldo e vital lume?
Filoteo. Dite bene. Seguitate ora il proposito d'Aristotele.
Elpino. Apporta appresso una finta risposta; la quale dice, che per questa
raggione un corpo non si muove a l'altro,.perché quanto è rimosso da l'altro per
distanza locale, tanto viene ad essere di natura diverso. E contra questo dice lui, che
la distanza maggiore e minore non è potente a far che la natura sia altra ed altra.
Filoteo. Questo, inteso come si deve intendere, è verissimo. Ma noi abbiamo
altro modo di rispondere, ed apportiamo altra raggione, per cui una terra non si
muova a l'altra, o vicina o lontana che la sia.
Elpino. La ho intesa. Ma pur mi par oltre vero quello che è da credere che
volesser dir gli antichi, che un corpo per maggior lontananza acquista minor
attitudine (che loro chiamorno proprietà e natura per il lor frequente modo di
parlare); perché le parti, alle quali è soggetto molto aria, son meno potenti a dividere
il mezzo e venire al basso.
Filoteo. È certo ed assai esperimentato nelle parti de la terra, che, da certo
termine del loro recesso e lontananza, ritornar sogliono al suo continente; a cui
tanto piú s'affrettano quanto piú s'avicinano. Ma noi parliamo ora delle parti
d'un'altra terra.
Elpino. Or, essendo simile terra a terra, parte a parte, che credi, se fussero
vicine? non sarrebe ugual potenza tanto alle parti de l'altra di andar a l'una e l'altra
terra, e per consequenza ascendere e descendere?
Filoteo. Posto uno inconveniente (se è inconveniente), che impedisce che se ne
pona un altro consequente? Ma, lasciando questo, dico che le parti, essendo in equal
raggione e distanza di diverse terre, o rimagnono, o se determinano un loco a cui
vadano, a rispetto di quello si diranno descendere, ed ascendere a rispetto de l'altro
da cui s'allontanano.
Elpino. Pure chi sa che le parti di un corpo principale si muovano ad un altro
corpo principale, benché simile in specie? Perché appare che le parti e membri di un
uomo non possono quadrare e convenire ad un altr'uomo.
Filoteo. È vero principale e primariamente; ma accessoria e secondariamente
accade il contrario. Perché abbiamo visto per esperienza che della carne d'un altro
s'attacca al loco ove era un naso di costui; e ne confidiamo di far succedere l'orecchio
d'un altro ove era l'orecchio di costui, facilissimamente.
Elpino. Questa chirugia non dev'esser volgare.
Filoteo. Non sia.
Elpino. Torno al punto di voler sapere: se accadesse che una pietra fusse in
mezzo a l'aria in punto equidistante da due terre, in che modo doviamo credere che
rimanesse fissa? ed in che modo si determinarebbe ad andar piú presto all'uno
ch'all'altro continente?
Filoteo. Dico che la pietra, per la sua figura, non riguardando piú l'uno che
l'altro, e l'uno e l'altro avendo equal relazione alla pietra, ed essendo a punto
medesimamente affetti a quella, dal dubio della resoluzione ed equal raggione a doi
termini oppositi accaderebe che si rimagna, non potendosi risolvere d'andar piú tosto
 62
a l'uno ch'a l'altro, de quali questo non rapisce piú che quello, ed essa non ha
maggior appulso a questo che a quello. Ma, se l'uno gli è piú congeneo e
connaturale, e gli è piú o simile o atto a conservarla, se determinarà per il piú corto
camino rettamente di rapportarsi a quello. Perché lo principal principio motivo non
è la propria sfera e proprio continente, ma l'appetito di conservarsi: come veggiamo
la fiamma serpere per terra, ed inchinarsi, e ramenarsi al basso per andare al piú
vicino loco in cui inescare e nodrirsi possa; e lasciarà d'andar verso il sole, al quale,
senza discrime d'intiepidirse per il camino, non se inària.
Elpino. Che dici di quel che soggionge Aristotele, che le parti e congenei corpi,
quantunque distanti sieno, si muoveno pure al suo tutto e suo consimile?
Filoteo. Chi non vede, ch'è contra ogni raggione e senso, considerato quel
ch'abbiamo poco fa detto? Certo, le parti fuor del proprio globo si muoveranno al
propinquo simile, ancor che quello non sia il suo primario e principal continente; e
talvolta a altro, che lo conserve e nodrisca, benché non simile in specie; perché il
principio intrinseco impulsivo non procede dalla relazione ch'abbia a loco
determinato, certo punto e propria sfera, ma da l'appulso naturale di cercar ove
meglio e piú prontamente ha da mantenersi e conservarsi nell'esser presente; il
quale, quantunque ignobil sia, tutte le cose naturalmente desiderano. Come massime
desiderano vivere quegli uomini, e massime temeno il morire coloro che non han
lume di filosofia vera, e non apprendeno altro essere ch'il presente, e pensano che
non possa succedere altro che appartenga a essi. Perché non son pervenuti ad
intendere che il principio vitale non consiste ne gli accidenti che resultano dalla
composizione, ma in individua ed indissolubile sustanza, nella quale, se non è
perturbazione, non conviene desiderio di conservarsi, né timore di sperdersi; ma
questo è conveniente a gli composti, cioè secondo raggione simmetrica,
complessionale, accidentale. Perché né la spiritual sustanza, che s'intende unire, né la
materiale, che s'intende unita, possono esser suggette ad alterazione alcuna o
passione, e per consequenza non cercano di conservarsi, e però a tai sustanze non
convien moto alcuno, ma a le composte. Tal dottrina sarà compresa, quando si saprà
ch'esser grave o lieve non conviene a' mondi, né a parte di quelli; perché queste
differenze non sono naturalmente, ma positiva e rispettivamente. Oltre, da quel
ch'abbiamo altre volte considerato, cioè che l'universo non ha margine, non ha
estremo, ma è inmenso ed infinito, aviene che a gli corpi principali a riguardo di
qualche mezzo o estremo, non possono determinarsi a moversi rettamente, perché
da tutt'i canti fuor della sua circumferenza hanno ugual e medesimo rispetto: però
non hanno altro moto retto che di proprie parti, non a riguardo d'altro mezzo e
centro che del proprio intiero, continente e perfetto. Ma di questo considerarò al suo
proposito e loco. Venendo dunque al punto, dico: che, secondo gli suoi medesimi
principii, non potrà verificar questo filosofo che corpo, quantunque lontano, abbia
attitudine di rivenire al suo continente o simile, se lui intende le comete di materia
terrestre; e tal materia, quale in forma di exalazione è montata in alto all'incentiva
region del foco; le quali parti sono inetti a descendere al basso; ma, rapite dal vigor
del primo mobile, circuiscono la terra, e pure non sono di quinta essenza, ma corpi
terrestri gravissimi, spessi e densi. Come chiaro si argumenta da l'apparenza in sí
lungo intervallo e lunga resistenza che fanno al grave e vigoroso incendio del foco:
che tal volta perseverano oltre un mese a bruggiare, come per quarantacinque giorni
continui a' tempi nostri n'è vista una. Or, se per la distanza non si destrugge la
 63
raggion de la gravità, per che caggione tal corpo non solo non viene al basso, né si
sta fermo, ma oltre circuisce la terra? Se dice che non circuisce per sé, ma per essere
rapito; insisterò oltre, che cossí anco ciascuno di suoi cieli ed astri (li quali non vuol
che sieno gravi, né lievi, né di simil materia) son rapiti. Lascio che il moto di questi
corpi par proprio a essi, perché non è mai conforme al diurno, né a quei d'altri astri.
La raggione è ottima per convencer costoro da suoi medesimi principii. Perché
della verità della natura di comete ne parleremo, facendo propria considerazione di
quelle, dove mostraremo e che tali accensioni non son dalla sfera del foco, perché
verrebono da ogni parti accese, atteso che secondo tutta la circunferenza o superficie
de la sua mole sono contenute nell'aria attrito dal caldo, come essi dicono, o pur
sfera del fuoco: ma sempre vedemo l'accensione essere da una parte; conchiuderemo
le dette comete esser specie di astro, come bene dissero ed intesero gli antichi; ed
essere tale astro che, col proprio moto avicinandosi ed allontanandosi verso e da
questo astro per raggione di accesso e recesso, prima par che cresca, come si
accendesse, e poi manca, come s'estinguesse: e non si muove circa la terra; ma il suo
moto proprio è quello, che è oltre il diurno proprio alla terra, la quale, rivolgendosi
con il proprio dorso, viene a fare orienti ed occidenti tutti que' lumi che sono fuor
della sua circonferenza. E non è possibile che quel corpo terrestre e sí grande possa
da sí liquido aere e sottil corpo che non resiste al tutto, esser rapito, e mantenuto,
contra sua natura, sospeso; il cui moto, se fusse vero, sarrebe solamente conforme a
quel del primo mobile, dal quale è rapito, e non imitarebe il moto di pianeti; onde ora
è giudicato di natura di Mercurio, ora della luna, ora di Saturno, or de gli altri. Ma, e
di questo altre volte, a suo proposito, si parlarà. Basta ora averne detto sin tanto che
baste per argumento contra costui, che dalla propinquità e lontananza non vuole che
s'inferisca maggior e minor facultà del moto, che lui chiama proprio e naturale,
contra la verità. La quale non permette possa dirse proprio e naturale ad un
suggetto in tal disposizione, nella quale mai gli può convenire; e però, se le parti da
oltre certa distanza mai se muoveno al continente, non si deve dire che tal moto sia
naturale a quelle.
Elpino. Ben conosce chi ben considera che costui avea principii tutti contrarii
alli principii veri della natura. Replica appresso che, "se il moto di corpi semplice è
naturale a essi, averrà che gli corpi semplici, che sono in molti mondi, e sono di
medesima specie, si muovano o al medesimo mezzo o al medesimo estremo".
Filoteo. Questo è quello che lui non potrà giamai provare, cioè che si debbano
muovere al medesimo loro particulare ed individuale. Perché da quel, che gli corpi
son di medesima specie, s'inferisce che a quelli si convegna luogo di medesima specie
e mezzo de medesima specie, ch'è il centro proprio; e non si deve né può inferire che
richiedano loco medesimo di numero.
Elpino. È stato lui alcunamente presago di questa risposta; e però da tutto il suo
vano sforzo caccia questo, che vuol provare la differenza numerale non esser causa
della diversità de luoghi.
Filoteo. Generalmente veggiamo tutto il contrario. Pur dite, come il prova?
Elpino. Dice che, se la diversità numerale di corpi dovesse esser caggione della
diversità di luoghi, bisognarebbe che delle parti di questa terra diverse in numero e
gravità ciascuna nel medesimo mondo avesse il proprio mezzo. Il che è impossibile
ed inconveniente, atteso che secondo il numero de gl'individui de parti de la terra
sarrebe il numero de mezzi.
 64
Filoteo. Or considerate, che mendica persuasione è questa. Considerate, se per
tanto vi potrete mover punto dalla opinion contraria, o piú tosto confirmarvi in
quella. Chi dubita che non sia inconveniente dire uno essere il mezzo di tutta la
mole, e del corpo ed animale intiero, a cui e verso cui si referiscono, accoglieno, e per
cui si uniscano ed hanno base tutte le parti; e posserno essere positivamente
innumerabili mezzi, secondo che della innumerabile moltitudine de le parti, in
ciascuna possiamo cercare o prendere o supponere il mezzo? Nell'uomo uno è
semplicemente il mezzo, che si dice il core; e poi molti sono altri mezzi, secondo la
moltitudine de le parti, de quali il core ha il suo mezzo, il pulmone il suo, l'epate il
suo, il capo, il braccio, la mano, il piede, questo osso, questa vena, questo articolo e
queste particelle che constituiscono cotai membri ed hanno particular e determinato
sito, tanto nel primo e generale, ch'è tutto individuo, quanto nel prossimo e
particular, ch'è tutto questo o quell'altro membro de l'individuo.
Elpino. Considerate che lui si può intendere, che non voglie dir semplicemente,
perché ciascuna parte abbia il mezzo; ma che abbia il mezzo a cui si muova.
Filoteo. Al fine tutto va ad uno: perché nell'animale non si richiede che tutte le
parti vadano al mezzo e centro; perché questo è impossibile ed inconveniente, ma che
si referiscano a quello per la unione de le parti e constituzion del tutto. Perché la vita
e consistenza delle cose dividue non si vede in altro che nella debita unione de le
parti, le quali sempre s'intendeno aver quel termine che medesimo si prende per
mezzo e centro. Però, per la constituzion del tutto intiero, le parti si riferiscono ad
un sol mezzo; per la constituzion di ciascun membro, le particole di ciascuno si
referiscono al mezzo particular di ciascuno, a fin che l'epate consista per l'union de le
sue parti: cossí il pulmone, il capo, l'orecchio, l'occhio ed altri. Ecco, dunque, come
non solamente non è inconveniente, ma naturalissimo, e che sieno molti mezzi
secondo la raggione di molte parti e particole de le parti, se gli piace; perché di
questi d'uno è constituito, sussistente e consistente per la consistenza, sussistenza e
constituzione de l'altri. Certo, si sdegna l'intelletto su le considerazioni sopra
frascarie tali, quali apporta questo filosofo.
Elpino. Questo si deve patire per la riputazione, ch'ha guadagnato costui, piú
per non esser inteso che per altro. Ma pur, di grazia, considerate un poco quanto
questo galantuomo si compiacque in questo argumentaccio. Vedete che, quasi
trionfando, soggionge queste paroli: "Se, dunque, il contradicente non potrà
contradire a questi sermoni e raggioni, necessariamente è uno mezzo ed uno
orizonte".
Filoteo. Dice molto bene. Seguitate.
Elpino. Appresso prova, che gli moti semplici son finiti e determinati; perché
quel che disse, che il mondo è uno e gli moti semplici hanno proprio loco, era
fondato sopra di questo. Dice dunque cossí: "Ogni mobile si muove da un certo
termine ad un certo termine: e sempre è differenza specifica tra il termino onde, ed il
termino ove, essendo ogni mutazion finita; tali sono morbo e sanità, picciolezza
grandezza, qua llà; perché quel che si sana, non tende ove si voglia, ma alla sanità.
Non son dunque il moto della terra e del foco in infinito, ma a certi termini diversi
da que' luoghi, da quai si muoveno; perché il moto ad alto non è moto al basso: e
questi doi luoghi son gli orizonti de moti. Ecco, come è determinato il moto retto.
Non meno determinato è il moto circulare; perché da certo a certo termine, da
contrario a contrario, è ancor quello, se vogliamo considerar la diversità del moto, la
 65
quale è nel diametro del circolo; perché il moto di tutto il circolo a fatto non ha
contrario (perché non si termina ad altro punto che a quello da cui cominciò), ma
nelle parti della revoluzione, quando questa è presa da uno estremo del diametro
all'altro opposito".
Filoteo. Questo, che il moto è determinato e finito secondo tali raggioni, non è
chi lo neghi o ne dubiti; ma è falso che sia semplicemente determinato alto e
determinato basso, come altre volte abbiamo detto e provato. Perché,
indifferentemente, ogni cosa si muove o qua o là, ovunque sia il luogo della sua
conservazione. E diciamo (ancor supponendo gli principii d'Aristotele ed altri simili)
che, se infra la terra fusse altro corpo, le parti della terra violentemente vi
rimarrebono, ed indi naturalmente montarebono. E non negarà Aristotele, che, se le
parti del fuoco fussero sopra la sua sfera (come, per esempio, ove intendeno il cielo o
cupola di Mercurio), descenderebono naturalmente. Vedete dunque, quanto bene
naturalmente determinino su e giú, grave e lieve, dopo ch'arrete considerato che
tutti corpi, ovunque sieno e dovunque si muovano, ritegnono e cercano al possibile il
loco della conservazione. Tuttavia, quantunque sia vero che ogni cosa si muove per
gli suoi mezzi, da' suoi ed a' suoi termini, ed ogni moto, o circulare o retto, è
determinato da opposito in opposito; da questo non séguita che l'universo sia finito
di grandezza, né che il mondo sia uno; e non si distrugge che sia infinito il moto
semplicemente di qualsivoglia atto particolare, per cui quel spirto, come vogliam
dire, che fa ed incorre a questa composizione, unione e vivificazione, può essere e
sarà sempre in altre ed altre infinite. Può dunque stare, che ogni moto sia finito
(parlando del moto presente, non absoluta- e semplicemente di ciascun particulare,
ed in tutto) e che infiniti mondi sieno: atteso che, come ciascuno de gl'infiniti mondi
è finito ed ha regione finita, cossí a ciascuno di quei convegnono prescritti termini
del moto suo e de sue parti.
Elpino. Voi dite bene; e con questo, senza che séguite inconveniente alcuno
contra di noi, né cosa che sia in favor di quelle che lui vuol provare, è apportato quel
"segno", che lui soggionge a mostrar, "che il moto non sia in infinito, perché la terra
ed il fuoco quanto piú s'accostano alla sua sfera, tanto piú velocemente si muoveno; e
però, se il moto fusse in infinito, la velocità, levità e gravità verrebe ad essere in
infinito".
Filoteo. Buon pro gli faccia.
Fracastorio. Sí. Ma questo mi par il gioco de le bagattelle; perché, se gli atomi
hanno moto infinito per la succession locale che a tempi a tempi fanno, or avendo
efflusso da questo, or influsso in quello, or giungendosi a questa, or a quella
composizione, or concorrendo in questa, or in quella figurazione per il spacio
inmenso dell'universo; verranno per certo ad avere infinito moto locale, discorrere
per infinito spacio e concorrere ad infinite alternazioni. Per questo non séguita
ch'abbiano infinita gravità, levità o velocità.
Filoteo. Lasciamo da parte il moto delle prime parti ed elementi, e consideriamo
solamente de le parti prossime e determinate a certa specie di ente, cioè di sustanza:
come de le parti de la terra, che son pur terra. Di queste veramente si dice, che in
quei mondi che sono, ed in quelle regioni dove versano, in quella forma che
ottegnono, non si muoveno se non da certo a certo termine. E da questo non piú
séguita questa conclusione: dunque l'universo è finito ed il mondo è uno, - che
quest'altra: dunque le scimie nascono senza coda, dunque i gufi veggono la notte
 66
senza occhiali, dunque i pipistrelli fanno lana. Oltre, di queste parti intendendo,
giamai si potrà far tale illazione: l'universo è infinito, son terre infinite; dunque
puotrà una parte di terra continuamente muoversi in infinito, e deve aver ad una
terra infinitamente distante appulso infinito e gravità infinita. E questo per due
caggioni: de quali l'una è, che non si può dar questo transito, perché, constando
l'universo di corpi e principii contrarii non potrebbe tal parte molto discorrere per
l'eterea regione, che non venesse ad esser vinta dal contrario e dovenir a tale che non
piú si muova quella terra; perché quella sustanza non è piú terra, avendo, per vittoria
del contrario, cangiato complessione e volto. L'altra, che generalmente veggiamo
che tanto manca, che mai da distanza infinita possa esser impeto di gravità o levità,
come dicono, che tal appulso de parti non può essere se non infra la regione del
proprio continente; le quali, se fussero estra quella, non piú vi si muoverebono, che
gli fluidi umori (quali ne l'animale si muoveno da parti esterne all'interne, superiori
ed inferiori, secondo tutte differenze, montando e bassando, rimovendosi da questa a
quella e da quella a questa parte), messi fuori del proprio continente ancor contigui a
quello, perdeno tal forza ed appulso naturale. Vale dunque per tanto spacio tal
relazione, quanto vien misurato per il semediametro dal centro di tal particular
regione alla sua circonferenza, dove circa questa è la minima gravità, e circa quello la
massima; e nel mezzo, secondo gli gradi della propinquità circa l'uno o l'altra, la
viene ad esser maggior e minore; come appare nella presente demostrazione, in cui A
significa il centro de la regione, dove, parlando comunmente, la pietra non è grave
né lieve; B significa la circonferenza della regione, dove parimente non sarà grave né
lieve, e rimarrà quieta (onde appare ancora la coincidenza del massimo e minimo,
quale è dimostrata in fine del libro De principio, causa ed uno); 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9,
significano le differenze di spaci tramezanti:
B 9 né grave, né lieve.
8 minimo grave, levissimo.
7 assai men grave, assai piú
lieve.
6 meno grave, piú lieve.
5 grave, lieve.
4 piú grave, men lieve.
3 assai piú grave, assai men
lieve.
2 gravissimo, minimo lieve.
A 1 né grave, né lieve.
Or vedete oltre quanto manca ch'una terra debba muoversi a l'altra, che anco le
parti di ciascuna, messe fuor della propria circonferenza, non hanno tale appulso.
Elpino. Volete che sia determinata questa circonferenza?
Filoteo. Sí, quanto alla massima gravità, che potesse esser nella massima parte;
o se pur ti piace (perché tutto il globo non è grave né lieve), in tutta la terra. Ma
quanto alle differenze mezzane de gravi e lievi, che dico si denno prendere tanto
diverse differenze, quanto diversi possono essere gli pondi di diverse parti che son
comprese tra il massimo e minimo grave.
Elpino. Discretamente, dunque, si deve intendere questa scala.
 67
Filoteo. Ogniuno ch'ha ingegno, potrà da per sé intendere il come. Or quanto
alle referite raggioni d'Aristotele, assai è detto. Veggiamo adesso, se oltre nelle
seguenti apporta qualche cosa.
Elpino. Di grazia contentatevi che di questo ne parliamo nel seguente giorno;
perché sono aspettato dall'Albertino, che è disposto di venir qua a ritrovarvi domani.
Dal qual credo, che potrete udir tutte le piú gagliarde raggioni che per l'opinion
contraria possono apportarsi, per esser egli assai prattico nella commune filosofia.
Filoteo. Sia con vostra commodità.
F INE DEL QUARTO DIALOGO .
 68
DIALOGO QUINTO
Albertino, nuovo interlocutore.
Albertino. Vorrei sapere che fantasma, che inaudito mostro, che uomo eteroclito,
che cervello estraordinario è questo; quai novelle costui di nuovo porta al mondo; o
pur che cose absolete e vecchie vegnono a rinuovarsi, che amputate radici vegnono a
repullular in questa nostra etade.
Elpino. Sono amputate radici che germogliano, son cose antique che rivegnono,
son veritadi occolte che si scuoprono: è un nuovo lume che, dopo lunga notte, spunta
all'orizonte ed emisfero della nostra cognizione ed a poco a poco s'avicina al
meridiano della nostra intelligenza.
Albertino. S'io non conoscesse Elpino, so che direi.
Elpino. Dite pur quel che vi piace; ché, se voi avete ingegno, come io credo
averlo, gli consentirete come io gli consento; se l'avete megliore, gli consentirete piú
tosto e meglio, come credo che sarà. Atteso che quelli a' quali è difficile la volgar
filosofia ed ordinaria scienza, e sono ancor discepoli e mal versati in quella (ancor
che non si stimino tali, per quel che sovente esser suole), non sarà facile che si
convertano al nostro parere; perché in cotali può piú la fede universale, ed in essi
massime la fama de gli autori che gli son stati messi per le mani, trionfa; per il che
admirano la riputazion di espositori e commentatori di quelli. Ma gli altri a' quali la
detta filosofia è aperta e che son gionti a quel termine, onde non son piú occupati a
spendere il rimanente della lor vita ad intendere quel ch'altri dica, ma hanno proprio
lume ed occhi de l'intelletto vero agente, penetrano ogni ricetto, e qual'Argi, con gli
occhi de diverse cognizioni, la possono contemplar per mille porte ignuda; potranno,
facendosi piú appresso, distinguere tra quel che si crede e s'ha per concesso e vero,
per mirar da lontano per forza di consuetudine e senso generale, e quel che
veramente è, e deve aversi per certo, come constante nella verità e sustanza de le
cose. Malamente, dico, potranno approvar questa filosofia color che o non hanno
buona felicità d'ingegno naturale, o pur non sono esperti, almeno mediocremente, in
diverse facultadi, e non son potenti sí fattamente nell'atto reflesso de l'intelletto che
sappiano far differenza da quello ch'è fondato su la fede, a ciò che è stabilito su
l'evidenza di veri principii; perché tal cosa comunmente s'ha per principio che, ben
considerata, si trovarà conclusione impossibile e contra natura. Lascio quelli sordidi
e mercenarii ingegni che, poco e niente solleciti circa la verità, si contentano saper
secondo che comunmente è stimato il sapere; amici poco di vera sapienza, bramosi di
fama e riputazion di quella; vaghi d'apparire, poco curiosi d'essere. Malamente, dico,
potrà eligere tra diverse opinioni e talvolta contradittorie sentenze chi non ha sodo e
retto giudizio circa quelle. Difficilmente varrà giudicare chi non è potente a far
comparazione tra queste e quelle, l'una e l'altra. A gran pena potrà comparar le
diverse insieme chi non capisce la differenza che le distingue. Assai malagevole è
comprendere in che differiscano e come siano altre queste da quelle, essendo occolta
la sustanza di ciascuna e l'essere. Questo non potrà giamai essere evidente, se non è
aperto per le sue cause e principii ne gli quali ha fondamento. Dopo, dunque, che
arrete mirato con l'occhio de l'intelletto e considerato col regolato senso gli
fondamenti, principii e cause, dove son piantate queste diverse e contrarie filosofie,
 69
veduto qual sia la natura, sustanza e proprietà di ciascuna, contrapesato con la lance
intellettuale e visto qual differenza sia tra l'une e l'altre, fatta comparazion tra queste
e quelle e rettamente giudicato, senza esitar punto farete elezion di consentire al
vero.
Albertino. Contra le opinioni vane e stolte esser sollecito è cosa da vano e stolto,
dice il principe Aristotele.
Elpino. Assai ben detto. Ma, se ben guardate, questa sentenza e conseglio verrà
a pratticarsi contra le sue opinioni medesime, quando saranno apertamente stolte e
vane. Chi vuol perfettamente giudicare, come ho detto, deve saper spogliarsi dalla
consuetudine di credere; deve l'una e l'altra contradittoria esistimare equalmente
possibile, e dismettere a fatto quella affezione di cui è imbibito da natività: tanto
quella che ne presenta alla conversazion generale, quanto l'altra per cui mediante la
filosofia rinascemo, morendo al volgo, tra gli studiosi stimati sapienti dalla
moltitudine ed in un tempo. Voglio dire, quando accade controversia tra questi ed
altri stimati savii da altre moltitudini ed altri tempi, se vogliamo rettamente
giudicare, doviamo richiamare a mente quel che dice il medesimo Aristotele, che, per
aver riguardo a poche cose, talvolta facilmente gittamo sentenze; ed oltre, che
l'opinione talvolta per forza di consuetudine sí fattamente s'impadronisce del nostro
consentimento che tal cosa ne par necessaria, ch'è impossibile; tal cosa scorgemo ed
apprendiamo per impossibile, ch'è verissima e necessaria. E se questo accade nelle
cose per sé manifeste, che deve essere in quelle che son dubie ed hanno dependenza
da ben posti principii e saldati fondamenti?
Albertino. È opinione del commentatore Averroe ed altri molti, che non si può
sapere quel tanto ch'ha ignorato Aristotele.
Elpino. Questo con tal moltitudine era situato con l'ingegno sí al basso, ed
erano in sí spesse tenebre, che il piú alto e piú chiaro che vedevano, gli era
Aristotele. Però se costui ed altri, quando si lascian cascar simil sentenza, volessero
piú castigatamente parlare, direbono Aristotele esser un Dio, secondo il lor parere;
onde non tanto vegnano a magnificar Aristotele, quanto ad esplicar la propria
dapoccagine; perché non altrimente questo è secondo il lor parere, che, secondo il
parer della scimia, le piú belle creature del mondo son gli sui figli ed il piú vago
maschio de la terra è il suo scimione.
Albertino. Parturient montes...
Elpino. Vedrete che non è sorgio quel che nasce.
Albertino. Molti hanno balestrato e machinato contra.Aristotele; ma son cascati
i castegli, son spuntate le frecce e gli son rotti gli archi.
Elpino. Che fia, se una vanità guerreggia contra l'altra? L'una è potente contra
tutte; non per questo perde l'esser vanità; ed al fine non potrà esser discoperta e
vinta dal vero?
Albertino. Dico che è impossibile di contradir demostrativamente ad Aristotele.
Elpino. Questo è un troppo precipitoso dire.
Albertino. Io non lo dico, se non dopo aver veduto bene ed assai meglio
considerato quanto dice Aristotele. Ed in quello tanto manca ch'io vi trove errore
alcuno, che niente vi scorgo che non sappia de divinità; e credo che altro non si possa
accorgere di quel ch'io non ho possuto accorgermi.
Elpino. Dunque misurate il stomaco e cervello altrui secondo il vostro, e
credette non esser possibile ad altri quel ch'è impossibile a voi. Sono al mondo alcuni
 70
tanto infortunati ed infelici che, oltre che son privi d'ogni bene, hanno per decreto
del fato per compagna eterna tale Erinni ed infernal furia, che li fa volontariamente
con l'atro velo di corrosiva invidia appannarsi gli occhi per non veder la sua nudità,
povertà e miseria, e l'altrui ornamenti, ricchezze e felicitadi: voglion piú tosto in
sporca e superba penuria intisichire, e sotto il lettame di pertinace ignoranza star
sepolti, ch'esser veduti conversi a nuova disciplina, parendogli di confessar d'esser
stato sin allora ignorante ed aver un tal per guida.
Albertino. Volete dunque, verbi gratia, che mi faccia discepolo di costui? io che
son dottore approvato da mille academie, e che ho essercitata publica profession de
filosofie nelle prime academie del mondo, vegna ora a rinegar Aristotele e mi faccia
insegnar filosofia da simili?
Elpino. Io per me, non come dottore, ma come indotto, vorrei essere insegnato;
non come quello che dovrei essere, ma come quello che non sono, vorrei imparare;
accettarei per maestro non sol costui, ma qualsivogli' altro che gli dei hanno
ordinato che mi sia, perché gli fanno intendere quel ch'io non intendo.
Albertino. Dunque mi volete far ripuerascere?
Elpino. Anzi dispuerascere.
Albertino. Gran mercé alla vostra cortesia, poi che pretendete d'avanzarmi e
pormi in exaltazione con farmi auditore di questo travagliato, ch'ogniun sa quanto
sia odiato nell'academie quando è aversario delle dottrine comuni, lodato da pochi,
approvato da nessuno, perseguitato da tutti.
Elpino. Da tutti sí, ma tali e quali; da pochi sí, ma ottimi ed eroi. Aversario de
dottrine comuni, non per esser dottrine o per esser comuni, ma perché false.
Dall'academie odiato, perché, dov'è dissimilitudine, non è amore; travagliato, perché
la moltitudine è contraria a chi si fa fuor di quella; e chi si pone in alto, si fa versaglio
a molti. E per descrivervi l'animo suo, quanto al fatto del trattar cose speculative, vi
dico che non è tanto curioso d'insegnare, quanto d'intendere; e che lui udirà meglior
nova e prenderà maggior piacere, quando sentirà che vogliate insegnarlo (pur
ch'abbia speranza de l'effetto), che se gli diceste che volete essere insegnato da lui;
perché il suo desio consiste piú in imparare che in insegnare, e si stima piú atto a
quello ch'a questo. Ma, eccolo a punto insieme con Fracastorio.
Albertino. Siate il molto ben venuto, Filoteo.
Filoteo. E voi il ben trovato.
Albertino.
S'a la foresta fieno e paglia rumino
Col bue, monton, becco, asino e cavallo,
Or, per far meglior vita, senza fallo,
Qua me ne vegno a farmi catecumino.
Fracastorio. Siate il ben venuto.
Albertino. Tanto sin al presente ho fatta stima de le vostre posizioni, che le ho
credute indegne di essere udite, non che di risposta.
Filoteo. Similmente giudicavo ne' miei primi anni, quando ero occupato in
Aristotele, sino a certo termine. Ora, dopo ch'ho piú visto e considerato e con piú
maturo discorso debbo posser far giudizio de le cose, potrà essere ch'io abbia
desimparato e perso il cervello. Or, perché questa è una infirmità la quale nessun
meno la sente che l'amalato istesso, io piú tosto mosso da una suspizione, promosso
 71
dalla dottrina all'ignoranza, molto son contento d'essere incorso in un medico tale, il
qual è stimato sufficiente da tutti di liberarmi da tal mania.
Albertino.
Nol può far la natura, io far nol posso,
S'il male è penetrato in sin a l'osso.
Fracastorio. Di grazia, signor, toccategli prima il polso e vedete l'urina; perché
appresso, se non possiamo effettuar la cura, staremo sul giudizio.
Albertino. La forma di toccar il polso è di veder come potrete risolvere ed
estricar da alcuni argomenti, ch'or ora vi farò udire, quali necessariamente
conchiudeno la impossibilità di piú mondi; tanto manca, che gli mondi sieno infiniti.
Filoteo. Non vi sarò poco ubligato quando m'arrete insegnato questo; e
quantunque il vostro intento non riesca, vi sarò pur debitore per quel, che mi verrete
a confirmar nel mio parere. Perché, certo, vi stimo tale che per voi mi potrò
accorgere di tutta la forza del contrario; e come quello che siete espertissimo nelle
ordinarie scienze, facilmente vi potrete avedere del vigor de' fondamenti ed edificii di
quelle, per la differenza ch'hanno da nostri principii. Or perché non accada
interrozione di raggionamenti, e ciascuno a bel agio possa esplicarsi tutto, piacciavi
di apportar tutte quelle raggioni che stimate piú salde e principali e che vi paiono
demostrativamente conchiudere.
Albertino. Cossí farò. Prima, dunque, da quel, che estra questo mondo non
s'intende essere loco né tempo, perché se dice un primo cielo e primo corpo, il quale
è distantissimo da noi e primo mobile; onde abbiamo per consuetudine di chiamar
cielo quello che è sommo orizonte del mondo, dove sono tutte le cose immobili, fisse
e quiete, che son le intelligenze motrici de gli orbi. Ancora, dividendo il mondo in
corpo celeste ed elementare, si pone questo terminato e contenuto, quello terminante
e continente: ed è tal ordine de l'universo che, montando da corpo piú crasso a piú
sottile quello che è sopra il convesso del fuoco, in cui sono affissi il sole, la luna ed
altre stelle, è una quinta essenza; a cui conviene e che non vada in infinito, perché
sarrebe impossibile di giongere al primo mobile; e che non si repliche l'occorso
d'altri elementi, sí perché questi verrebono ad essere circonferenziali, sí anco perché
il corpo incorrottibile e divino verrebe contenuto e compreso da gli corrottibili. Il
che è inconveniente: perché a quello ch'è divino, conviene la raggion di forma ed
atto, e per conseguenza di comprendente, figurante, terminante; non modo di
terminata, compresa e figurata materia. Appresso, argomento cossí con Aristotele:
"se fuor di questo cielo è corpo alcuno, o sarà corpo semplice, o sarà corpo
composto"; ed in qualsivoglia modo che tu dica, dimando oltre, o vi è come in loco
naturale, o come in loco accidentale e violento. Mostramo che ivi non è corpo
semplice; perché non è possibile che corpo sferico si cange di loco; perché, come è
impossibile che muti il centro, cossí non è possibile che cange il sito: atteso che non
può esser se non per violenza estra il proprio sito; e violenza non può essere in lui,
tanto attiva- quanto passivamente. Similmente non è possibile che fuor del cielo sia
corpo semplice mobile di moto retto: o sia grave o sia lieve, non vi potrà essere
naturalmente, atteso che gli luoghi di questi corpi semplici sono altri dai luoghi, che
si dicono fuor del mondo. Né potrete dir che vi sia per accidente; perché averrebe,
che altri corpi vi sieno per natura. Or, essendo provato, che non sono corpi semplici
oltre quei che vegnano alla composizion di questo mondo, che son mobili secondo
 72
tre specie di moto locale, è consequente che fuor del mondo non sia altro corpo
semplice. Se cossí è, è anco impossibile, che vi sia composto alcuno; perché questo di
quelli si fa ed in quelli si risolve. Cossí è cosa manifesta che non son molti mondi,
perché il cielo è unico, perfetto e compito, a cui non è, né può essere altro simile. Indi
s'inferisce, che fuor di questo corpo non può essere loco né pieno né vacuo, né tempo.
Non vi è loco; perché, se questo sarà pieno, contenerà corpo o semplice o composto: e
noi abbiamo detto che fuor del cielo non v'è corpo né semplice né composto. Se sarà
vacuo, allora, secondo la raggion del vacuo (che si definisce spacio, in cui può esser
corpo), vi potrà essere; e noi abbiamo mostrato che fuor del cielo non può esser
corpo. Non vi è tempo; perché il tempo è numero di moto; il moto non è se non di
corpo; però dove non è corpo, non è moto, non v'è numero, né misura di moto; dove
non è questa, non è tempo. Poi abbiam provato, che fuor del mondo non è corpo, e
per consequenza per noi è dimostrato non esservi moto, né tempo. Se cossí è, non vi
è temporeo né mobile: e per consequenza, il mondo è uno.
Secondo, principalmente dall'unità del motore s'inferisce l'unità del mondo. È
cosa concessa, che il moto circulare è veramente uno, uniforme, senza principio e
fine. S'è uno, è uno effetto, il quale non può essere da altro che da una causa. Se,
dunque, è uno il cielo primo, sotto il quale son tutti gl'inferiori, che conspirano tutti
in un ordine, bisogna che sia unico il governante e motore. Questo essendo
inmateriale, non è moltiplicabile di numero per la materia. Se il motore è uno, e da
un motore non è se non un moto, ed un moto (o sia complesso o incomplesso) non è
se non in un mobile, o semplice o composto, rimane che l'universo mobile è uno.
Dunque, non son piú mondi.
Terzo, principalmente da luoghi de corpi mobili si conchiude ch'il mondo è uno.
Tre sono le specie di corpi mobili: grave in generale, lieve in generale e neutro; cioè
terra ed acqua, aria e fuoco, e cielo. Cossí gli luoghi de mobili son tre: infimo e
mezzo, dove va il corpo gravissimo; supremo massime discosto da quello; e mezzano
tra l'infimo e il supremo. Il primo è grave, il secondo è né grave né lieve, il terzo è
lieve. Il primo appartiene al centro, il secondo alla circonferenza, il terzo al spacio
ch'è tra questa e quello. È, dunque, un luogo inferiore a cui si muoveno tutti gli
gravi, sieno in qualsivoglia mondo; è un superiore a cui si referiscono tutti i lievi da
qualsivoglia mondo; dunque, è un luogo in cui si verse il cielo, di qualunque mondo
il sia. Or se è un loco, è un mondo, non son piú mondi.
Quarto, dico che sieno piú mezzi ai quali si muovano gli gravi de diversi mondi,
sieno piú orizonti a gli quali si muova il lieve; e questi luoghi de diversi mondi non
differiscano in specie, ma solamente di numero. Averrà allora che il mezzo dal mezzo
sarà piú distante ch'il mezzo da l'orizonte; ma il mezzo e mezzo convegnono in
specie; il mezzo ed orizonte son contrarii. Dunque, sarà piú distanza locale tra quei
che convegnono in specie che tra gli contrarii. Questo è contra la natura di tali
oppositi; perché quando si dice che gli contrarii primi son massimamente discosti,
questo massime s'intende per distanza locale, la qual deve essere ne gli contrarii
sensibili. Vedete, dunque, che séguita supponendosi, che sieno piú mondi. Per tanto
tale ipotesi non è solamente falsa, ma ancora impossibile.
Quinto, se son piú mondi simili in specie, deveranno essere o equali o pur (ché
tutto viene ad uno, per quanto appartiene al proposito) proporzionali in quantità; se
cossí è, non potranno piú che sei mondi essere contigui a questo: perché, senza
penetrazion di corpi, cossí non piú che sei sfere possono essere contigue a una, come
 73
non piú che sei circoli equali, senza intersezione de linee, possono toccare un altro.
Essendo cossí, accaderà che piú orizonti in tanti punti (ne li quali sei mondi esteriori
toccano questo nostro mondo o altro) saranno circa un sol mezzo. Ma, essendo che
la virtú de doi primi contrarii deve essere uguale e da questo modo di ponere ne
séguite inequalità, verrete a far gli elementi superiori piú potenti che gl'inferiori,
farrete quelli vittoriosi sopra questi e verrete a
dissolvere questa mole.
Sesto, essendo che gli circoli de mondi non si
toccano se non in punto, bisogna necessariamente
che rimagna spacio tra il convesso del circolo di
una sfera e l'altra; nel qual spacio o vi è qualcosa
che empia, o niente. Se vi è qualche cosa, certo non
può essere di natura d'elemento distante dal
convesso de la circonferenza, perché, come si vede,
cotal spacio è triangulare, terminato da tre linee
arcuali che son parti della circonferenza di tre
mondi; e però il mezzo viene ad esser piú lontano
dalle parti piú vicine a gli angoli, e lontanissimo
da quelli, come apertissimo si vede. Bisogna, dunque, fingere novi elementi e novo
mondo, per empir quel spacio, diversi dalla natura di questi elementi e mondo. Over
è necessario di ponere il vacuo, il quale supponemo impossibile.
Settimo, se son piú mondi, o son finiti o son infiniti. Se sono infiniti, dunque si
trova l'infinito in atto: il che con molte raggioni è stimato impossibile. Se sono finiti,
bisogna che sieno in qualche determinato numero: e sopra di questo andaremo
investigando perché son tanti, e non son piú né meno; perché non ve n'è ancor un
altro, che vi fa questo o quell'altro di piú; se son pari o impari; perché piú tosto de
l'una che de l'altra differenza; o pur perché tutta quella materia che è divisa in piú
mondi, non s'è agglobata in un mondo, essendo che la unità è meglior che
moltitudine, trovandosi l'altre cose pari; perché la materia è divisa in quattro o sei o
diece terre, non è piú tosto globo grande, perfetto e singulare. Come, dunque, de il
possibile ed impossibile si trova il numero finito piú presto che infinito, cossí tra il
conveniente e disconveniente, è piú raggionevole e secondo la natura l'unità che la
moltitudine o pluralità.
Settimo, in tutte le cose veggiamo la natura fermarsi in compendio; perché,
come non è difettuosa in cose necessarie, cossí non abonda in cose soverchie.
Possendo dunque essa ponere in effetto il tutto per quell'opre che son in questo
mondo, non è raggione ancor che si voglia fengere che sieno altri.
Ottavo, se fussero mondi infiniti o piú che uno, massime sarebbono per questo,
che Dio può farle o pur da Dio possono dependere. Ma quantunque questo sia
verissimo per tanto non séguita che sieno: perché, oltre la potenza attiva di Dio, se
richiede la potenza passiva de le cose. Perché dalla absoluta potenza divina non
dipende quel tanto che può esser fatto nella natura; atteso che non ogni potenza
attiva si converte in passiva, ma quella sola la quale ha paziente proporzionato, cioè
soggetto tale, che possa ricevere tutto l'atto dell'efficiente. Ed in cotal modo non ha
corrispondenza cosa alcuna causata alla prima causa. Per quanto, dunque, appartiene
alla natura del mondo, non possono essere piú che uno, benché Dio ne possa far piú
che uno.
 74
Nono, è cosa fuor di raggione la pluralità di mondi, perché in quelli non sarrebe
bontà civile, la quale consiste nella civile conversazione; e non arrebono fatto bene
gli dei creatori de diversi mondi di non far che gli cittadini di.quelli avessero
reciproco commercio.
Decimo, con la pluralità di mondi viene a caggionarsi impedimento nel lavoro
di ciascun motore o dio; perché essendo necessario che le sfere si toccano in punto,
averrà che l'uno non si potrà muovere contra de l'altro, e sarà cosa difficile che il
mondo sia governato da gli dei per il moto.
Undecimo, da uno non può provenire pluralità d'individui se non per tal atto
per cui la natura si moltiplica per division della materia; e questo non è altro atto che
di generazione. Questo dice Aristotele con tutt'i peripatetici. Non si fa moltitudine
d'individui sotto una specie, se non per l'atto della generazione. Ma quelli che dicono
piú mondi di medesima materia e forma in specie, non dicono che l'uno si converte
nell'altro né si genere dell'altro.
Duodecimo, al perfetto non si fa addizione. Se dunque questo mondo è perfetto,
certamente non richiede ch'altro se gli aggionga. Il mondo è perfetto prima come
specie di continuo che non si termina ad altra specie di continuo; perché il punto
indivisibile matematicamente corre in linea, che è una specie di continuo; la linea in
superficie, che è la seconda specie di continuo; la superficie in corpo, che è la terza
specie di continuo. Il corpo non migra o discorre in altra specie di continuo; ma, se è
parte dell'universo, si termina ad altro corpo; se è universo, è perfetto e non si
termina se non da se medesimo. Dunque, il mondo ed universo è uno, se deve essere
perfetto. - Queste sono le dodici raggioni, le quali voglio per ora aver prodotte. Se
voi mi satisfarrete in queste, voglio tenermi satisfatto in tutte.
Filoteo. Bisogna, Albertin mio, che uno che si propone a defendere una
conclusione, prima, se non è al tutto pazzo, abbia essaminate le contrarie raggioni;
come sciocco sarrebe un soldato che prendesse assunto de difendere una rocca, senza
aver considerato le circonstanze e luoghi onde quella può essere assalita. Le raggioni
che voi apportate (se pur son raggioni), sono assai communi e repetite piú volte da
molti. Alle quali tutte sarà efficacissimamente risposto, solo con aver considerato il
fondamento di quelle da un canto, e dall'altro il modo della nostra asserzione. L'uno
e l'altro vi sarà chiaro per l'ordine che terrò nel rispondere; il quale consisterà in
breve paroli, perché, se altro bisognarà dire ed esplicare, io vi lasciarò al pensiero di
Elpino, il quale vi replicarà quello che ha udito da me.
Albertino. Fate prima che io mi accorga che ciò possa essere con qualche frutto e
non senza satisfazione d'un che desidera sapere; ché certo non mi rincrescerà d'udir
prima voi, e poi lui.
Filoteo. A gli uomini savii e giudiciosi, tra' quali vi connumero, basta sol
mostrare il loco della considerazione; perché da per essi medesimi poi profondano
sul giudicio de gli mezzi per quali si discende all'una e l'altra contradittoria o
contraria posizione. Quanto al primo dubio, dunque, diciamo, che tutta quella
machina va per terra, posto che non sono quelle distinzioni di orbi e cieli, e che gli
astri in questo spacio inmenso etereo si muoveno da principio intrinseco e circa il
proprio centro e circa qualch'altro mezzo. Non è primo mobile che rapisca realmente
tanti corpi circa questo mezzo; ma piú presto questo uno globo causa l'apparenza di
cotal rapto. E le raggioni di questo ve le dirà Elpino.
Albertino. Le udirò volentiera.
 75
Filoteo. Quando udirete e concepirete che quel dire è contra natura, e questo è
secondo ogni raggione, senso e natural verificazione, non direte oltre essere una
margine, uno ultimo del corpo e moto dell'universo; e che non è che una vana
fantasia l'esistimare che sia tal primo mobile, tal cielo supremo e continente, piú
tosto che un seno generale, in cui non altrimente subsidano gli altri mondi che
questo globo terrestre in questo spacio, dove vien circondato da questo aria, senza
che sia inchiodato ed affisso in qualch'altro corpo ed abbia altra base ch'il proprio
centro. E se si vedrà che questo non si può provare d'altra condizione e natura, per
non mostrar altri accidenti da quei che mostrano gli astri circonstanti, non deve
esser stimato piú tosto lui in mezzo dell'universo che ciascuno di quelli, e lui piú
tosto apparir esser circuito da quelli che quelli da lui; onde al fine, conchiudendosi
tale indifferenza di natura, si conchiuda la vanità de gli orbi deferenti, la virtú
dell'anima motrice e natura interna essagitatrice di questi globi, la indifferenza de
l'ampio spacio dell'universo, la irrazionalità della margine e figura esterna di quello.
Albertino. Cose in vero che non repugnano alla natura, possono aver maggior
convenienza; ma son de difficilissima prova e richiedeno grandissimo ingegno per
estricarse dal contrario senso e raggioni.
Filoteo. Trovato che sarà il capo, facilissimamente si sbrogliarà tutto l'intrico.
Perché la difficultà procede da un modo e da uno inconveniente supposto: e questo è
la gravità della terra, la immobilità di quella, la posizione del primo mobile con altri
sette, otto o nove o piú, nelli quali sono piantati, ingravati, inpiastrati, inchiodati,
annodati, incollati, sculpiti o depinti gli astri; e non residenti in uno medesimo spacio
con questo astro che è la terra nominata da noi, la quale udirete non essere di
regione, di figura, di natura piú né meno elementare che tutti gli altri, meno mobile
da principio intrinseco che ciascuno di quegli altri animanti divini.
Albertino. Certo, entrato che mi sarà nel capo questo pensiero, facilmente
succederanno gli altri tutti che voi mi proponete: arrete insieme insieme tolte le
radici d'una e piantate quelle d'una altra filosofia.
Filoteo. Cossí dispreggiarete per raggione oltre prendere quel senso comune,
con cui volgarmente si dice un sommo orizonte, altissimo e nobilissimo, confine alle
sustanze divine inmobili e motrici di questi finti orbi; ma confessarete almeno essere
equalmente credibile, che cossí come questa terra è un animale mobile e convertibile
da principio intrinseco, sieno quelli altri tutti medesimamente, e non mobili secondo
il moto e delazione d'un corpo, che non ha tenacità né resistenza alcuna, piú raro e
piú sottile che esser possa questo aria in cui spiriamo. Considerarete questo dire
consistere in pura fantasia e non potersi demostrare al senso; ed il nostro essere
secondo ogni regolato senso e ben fondata raggione. Affirmarete non essere piú
verisimile che le sfere imaginate di concava e convessa superficie sieno mosse e seco
amenino le stelle, che vero e conforme al nostro intelletto e convenienza naturale
che, senza temere di cascare infinito al basso o montare ad alto (atteso che
nell'immenso spacio non è differenza di alto, basso, destro, sinistro, avanti ed
addietro), gli uni circa e verso gli altri facciano gli lor circoli, per la raggione della
lor vita e consistenza nel modo che udirete nel suo loco. Vedrete come estra questa
imaginata circonferenza di cielo possa essere corpo semplice o composto, mobile di
moto retto; perché, come di moto retto si muoveno le parti di questo globo, cossí
possono muoversi le parti de gli altri e niente meno; perché non è fatto e composto
 76
d'altro questo che gli altri circa questo e circa gli altri; non appare meno questo
aggirarsi circa gli altri che gli altri circa questo.
Albertino. Ora piú che mai mi accorgo che picciolissimo errore nel principio
causa massima differenza e discrime de errore in fine; uno e semplice inconveniente a
poco a poco se moltiplica ramificandosi in infiniti altri, come da picciola radice
machine grandi e rami innumerabili. Per mia vita, Filoteo, io son molto bramoso che
questo che mi proponi, da te mi vegna provato, e da quel che lo stimo degno e
verisimile, mi sia aperto come vero.
Filoteo. Farrò quanto mi permetterà l'occasion del tempo, rimettendo molte
cose al vostro giudizio, le quali sin ora non per incapacità, ma per inadvertenza vi
sono state occolte.
Albertino. Dite pur per modo d'articolo e di conclusione il tutto, perché so che
prima che voi entraste in questo parere, avete possuto molto bene essaminare le
forze del contrario; essendo che son certo, che non meno a voi che a me sono aperti
gli secreti della filosofia commune. Seguitate.
Filoteo. Non bisogna dunque cercare, se estra il cielo sia loco, vacuo o tempo;
perché uno è il loco generale, uno il spacio inmenso che chiamar possiamo
liberamente vacuo; in cui sono innumerabili ed infiniti globi, come vi è questo in cui
vivemo e vegetamo noi. Cotal spacio lo diciamo infinito, perché non è raggione,
convenienza, possibilità, senso o natura che debba finirlo: in esso sono infiniti mondi
simili a questo, e non differenti in geno da questo; perché non è raggione né difetto
di facultà naturale, dico tanto potenza passiva quanto attiva, per la quale, come in
questo spacio circa noi ne sono, medesimamente non ne sieno in tutto l'altro spacio
che di natura non è differente ed altro da questo.
Albertino. Se quel ch'avete prima detto, è vero (come sin ora non è men
verisimile che 'l suo contradittorio), questo è necessario.
Filoteo. Estra, dunque, l'imaginata circonferenza e convesso del mondo è tempo,
perché vi è la misura e raggione di moto, perché vi sono de simili corpi mobili. E
questo sia parte supposto, parte proposto circa quello ch'avete detto come per prima
raggione dell'unità del mondo.
Quanto a quello che secondariamente dicevate, vi dico che veramente è un
primo e prencipe motore, ma non talmente primo e prencipe che, per certa scala, per
il secondo, terzo ed altri da quello si possa discendere, numerando, al mezzano ed
ultimo: atteso che tali motori non sono, né possono essere; perché dove è numero
infinito, ivi non è grado né ordine numerale, benché sia in grado ed ordine secondo
la raggione e dignità o de diverse specie e geni, o de diverse gradi in medesimo geno
e medesima specie. Sono dunque, infiniti motori, cossí come sono anime infinite di
queste infinite sfere, le quali, perché sono forme ed atti intrinseci, in rispetto de quali
tutti è un prencipe da cui tutti dipendono, è un primo il quale dona la virtú della
motività a gli spirti, anime, dei, numi, motori, e dona la mobilità alla materia, al
corpo, all'animato, alla natura inferiore, al mobile. Son, dunque, infiniti mobili e
motori, li quali tutti se riducono a un principio passivo ed un principio attivo, come
ogni numero se reduce all'unità; e l'infinito numero e l'unità coincideno, ed il summo
agente e potente fare il tutto con il possibile esser fatto il tutto coincideno in uno,
come è mostrato nel fine del libro Della causa, principio ed uno. In numero dunque e
moltitudine è infinito mobile ed infinito movente; ma nell'unità e singularità è
infinito immobile motore, infinito immobile universo; e questo infinito numero e
 77
magnitudine e quella infinita unità e semplicità coincideno in uno semplicissimo ed
individuo principio, vero, ente. Cossí non è un primo mobile, al quale con certo
ordine succeda il secondo, in sino l'ultimo, o pur in infinito; ma tutti gli mobili sono
equalmente prossimi e lontani al primo e dal primo ed universal motore. Come,
logicamente parlando, tutte le specie hanno equal raggione al medesimo geno, tutti
gli individui alla medesima specie; cossí da un motore universale infinito, in un
spacio infinito, è un moto universale infinito da cui dependono infiniti mobili e
infiniti motori, de quali ciascuno è finito di mole ed efficacia.
Quanto al terzo argumento, dico che nell'etereo campo non è qualche
determinato punto, a cui, come al mezzo, si muovano le cose gravi, e da cui, come
verso la circonferenza, se discostano le cose lievi; perché nell'universo non è mezzo
né circonferenza, ma, se vuoi, in tutto è mezzo ed in ogni punto si può prendere
parte di qualche circonferenza a rispetto di qualche altro mezzo o centro. Or quanto
a noi, respettivamente si dice grave quello che dalla circonferenza di questo globo si
muove verso il mezzo; lieve quello che secondo il contrario modo verso il contrario
sito; e vedremo che niente è grave, che medesimo non sia lieve; perché tutte le parti
de la terra successivamente si cangiano di sito, luogo e temperamento, mentre per
longo corso di secoli non è parte centrale che non si faccia circonferenziale, né parte
circonferenziale che non si faccia del centro o verso quello. Vedremo che gravità e
levità non è altro che appulso de le parti de corpi al proprio continente e
conservante, ovunque il sia; però non sono differenze situali che tirano a sé tali parti,
né che le mandano da sé, ma è il desio di conservarsi, il quale spenge ogni cosa come
principio intrinseco, e, se non gli obsta impedimento alcuno, la perduce ove meglio
fugga il contrario e s'aggionga al conveniente. Cossí, dunque, non meno dalla
circonferenza della luna ed altri mondi, simili a questo in specie o in geno, verso il
mezzo del globo vanno ad unirsi le parti come per forza di gravità; e verso la
circonferenza se diportano le parti assottigliate come per forza di levità. E non è
perché fuggano la circonferenza o si appiglino alla circonferenza; perché, se questo
fusse, quanto piú a quella s'avicinano, piú velocemente e rapidamente vi correrebono;
e quanto piú da quella s'allontanano, piú fortemente si aventarebono al contrario
sito. Del che il contrario veggiamo, atteso che, se mosse saranno oltre la region
terrestre, rimarranno librate ne l'aria e non montaranno in alto né descenderanno al
basso sin tanto che o acquistano per apposizion di parti o per inspessazione dal
freddo gravità maggiore, per cui dividendo l'aria sottoposto rivegnano al suo
continente, over dissolute dal caldo e attenuate, si dispergano in atomi.
Albertino. O quanto mi sederà nell'animo questo, quando piú pianamente
m'arrete fatto vedere la indifferenza de gli astri da questo globo terrestre!
Filoteo. Questo facilmente vi potrà replicare Elpino nel modo con cui l'ha
possuto udire da me. E lui vi farà piú distintamente udire come grave e lieve non è
corpo alcuno a rispetto della region dell'universo, ma delle parti a rispetto del suo
tutto, proprio continente o conservante. Perché quelli, per desiderio di conservarsi
nell'esser presente, si moveno ad ogni differenza locale, si astrengeno insieme, come
fanno i mari e gocce, e se disgregano, come fanno tutt'i liquori della faccia del sole o
altri fuochi. Perché ogni moto naturale, che è da principio instrinseco, non è se non
per fuggir il disconveniente e contrario e seguitare l'amico e conveniente. Però
niente si muove dal suo loco, se non discacciato dal contrario; niente nel suo loco è
grave né lieve; ma la terra, sullevata all'aria, mentre si forza al suo loco, è grave e si
 78
sente grave. Cossí l'acqua, suspesa a l'aria, è grave; non è grave nel proprio loco.
Però a gli sommersi tutta l'acqua non è grave, e picciolo vase pieno d'acqua sopra
l'aria, fuor della superficie dell'arida, aggrava. Il capo al proprio busto non è grave,
ma il capo d'un altro sarà grave, se ne sarà sopraposto; la raggion del che è il non
essere nel suo loco naturale. Se, dunque, gravità e levità è appulso al loco
conservante e fuga dal contrario, niente, naturalmente constituito, è lieve: e niente
ha gravità o levità molto discosto dal proprio conservante, e molto rimosso dal
contrario, sin che non senta l'utile dell'uno e la noia dell'altro; ma se, sentendo la
noia dell'uno, despera ed è perplesso ed irresoluto del contrario, a quello viene ad
esser vinto.
Albertino. Promettete, ed in gran parte ponete in effetto, gran cose.
Filoteo. Per non recitar due volte il medesimo, commetto ad Elpino, che vi dica
il restante.
Albertino. Mi par intender tutto, perché un dubio eccita l'altro, una verità
dimostra l'altra: ed io comincio ad intendere piú che non posso esplicare; e sin ora
molte cose avevo per certe, che comincio a tenerle per dubie. Onde mi sento a poco a
poco facile a potervi consentire.
Filoteo. Quando m'arrete pienamente inteso, pienamente mi consentirete. Ma,
per ora, ritenete questo; o almeno non siate risoluto, come vi mostravate, nel
contrario parere, come eravate prima che vi si ponesse in controversia. Perché a
poco a poco e per diverse occasioni verremo ad esplicar pienamente tutto che può
fare al proposito; il qual depende da piú principii e cause, perché, come un errore
s'aggionge a l'altro, cossí a una discoperta verità succede l'altra.
Circa il quarto argumento, diceamo che, quantunque sieno tanti mezzi, quanti
sono individui, di globi, di sfere, di mondi, non per questo séguita che le parti di
ciascuno si referiscano ad altro mezzo che al proprio, né s'allontanino verso altra
circonferenza che della propria regione. Cossí le parti di questa terra non remirano
altro centro né vanno ad unirsi ad altro globo che questo, come li umori e parti de
gli animali hanno flusso e reflusso nel proprio supposito, e non hanno appartenenza
ad altro distinto di numero.
Quanto a quello che apportate per inconveniente, cioè che il mezzo che
conviene in specie con l'altro mezzo, verrà ad essere piú distante da quello che il
mezzo e la circonferenza, che sono contrarii naturalmente, e però sono e denno
essere massime discosti; vi rispondo, prima, che li contrarii non denno essere
massime discosti, ma tanto che l'uno possa aver azione nell'altro e possa esser
paziente dall'altro: come veggiamo esser disposto il sole a noi prossimo in rispetto
de le sue terre che son circa quello; atteso che l'ordine della natura apporta questo,
che l'uno contrario sussista, viva e si nutrisca per l'altro, mentre l'uno viene affetto,
alterato, vinto e si converte nell'altro.
Oltre, poco fa abbiamo discorso con Elpino della disposizione di quattro
elementi, li quali tutti concorreno alla composizione di ciascun globo, come parti de
quali l'una è insita dentro l'altra e l'una è mista con l'altra; e non sono distinti e
diversi, come contenuto e continente, perché, ovunque è l'arida, vi è l'acqua, l'aria ed
il fuoco, o aperto o latente; e che la distinzione, che facciamo di globi, de quali altri
sono fuochi, come il sole, altri sono acqui, come la luna e terra, procede non da
questo, che costano di semplice elemento, ma da quel, che quello.predomina in tale
composizione.
 79
Oltre è falsissimo, che li contrarii massime sieno discosti; perché in tutte le cose
questi vegnono naturalmente congionti ed uniti; e l'universo, tanto secondo le parti
principali, quanto secondo le altre conseguenti, non consiste se non per tal
congionzione ed unione; atteso che non è parte di terra che non abbia in sé
unitissima l'acqua, senza la quale non ha densità, unione d'atomi e solidità. Oltre,
qual corpo terrestre è tanto spesso che non abbia gli suoi insensibili pori, li quali, se
non vi fussero, non sarrebono tai corpi divisibili e penetrabili dal foco o dal calor di
quello, che pur è cosa sensibile che si parte da tal sustanza? Ove, dunque, è parte di
questo tuo corpo freddo e secco, che non abbia gionto di quest'altro tuo corpo umido
e caldo? Non è dunque naturale, ma logica questa distinzione d'elementi; e se il sole
è nella sua regione lontano dalla regione della terra, non è però da lui piú lontano
l'aria, l'arida ed acqua, che da questo corpo: perché cossí quello è corpo composto,
come questo, benché di quattro detti elementi altro predomine in quello, altro in
questo. Oltre, se vogliamo che la natura sia conforme a questa logica che vuole la
massima distanza deverse a gli contrarii, bisognarà che tra il tuo foco, che è lieve, e
la terra, che è grave, sia interposto il tuo cielo, il quale non è grave né lieve. O, se
pur ti vuoi strengere, con dir che intendi questo ordine nelli chiamati elementi, sarà
de bisogno pure che altrimente le venghi ad ordinare. Voglio dire che tocca a l'acqua
di essere nel centro e luogo del gravissimo, se il foco è nella circonferenza e luogo
del levissimo nella regione elementare; perché l'acqua, che è fredda ed umida,
contraria al foco secondo ambedue le qualitadi, deve essere massime lontana dal
freddo e secco elemento; e l'aria, che dite caldo ed umido, devrebbe essere
lontanissimo dalla fredda e secca terra. Vedete, dunque, quanto è inconstante questa
peripatetica proposizione, o la essaminate secondo la verità della natura, o la
misurate secondo gli proprii principii e fondamenti?
Albertino. Lo vedo, e molto apertamente.
Filoteo. Vedete ancora, che non è contra raggione la nostra filosofia, che reduce
ad un principio e referisce ad un fine e fa concidere insieme gli contrarii, di sorte che
è un soggetto primo dell'uno e l'altro; dalla qual coincidenza stimiamo ch'al fine è
divinamente detto e considerato che li contrarii son ne gli contrarii, onde non sia
difficile di pervenire a tanto che si sappia come ogni cosa è di ogni cosa: quel che
non poté capire Aristotele ed altri sofisti.
Albertino. Volentieri vi ascolto. So che tante cose e sí diverse conclusioni non si
possono insieme e con una occasione provare; ma da quel, che mi scuoprite
inconvenienti le cose che io stimava necessarie, in tutte l'altre, che con medesima e
simil raggione stimo necessarie, dovegno suspetto. Però con silenzio ed attenzion mi
apparecchio ad ascoltar i fondamenti, principii e discorsi vostri.
Elpino. Vedrete che non è secol d'oro quello ch'ha apportato.Aristotele alla
filosofia. Per ora, espediscansi gli dubii da voi proposti.
Albertino. Io non sono molto curioso circa quelli altri, perché bramo d'intendere
quella dottrina di principii da quali questi ed altri dubii iuxta la filosofia vostra si
risolveno.
Filoteo. Di quelli ne raggionaremo poi. Quanto al quinto argomento, dovete
avvertire che, se noi imaginiamo gli molti ed infiniti mondi, secondo quella raggione
di composizione che solete voi imaginare, quasi che - oltre un composto di quattro
elementi, secondo l'ordine volgarmente riferito; ed otto, nove o diece altri cieli, fatti
d'un'altra materia e di diversa natura, che le contegnano, e con rapido moto circulare
 80
se gli raggireno intorno; ed oltre cotal mondo cossí ordinato e sferico - ne
intendiamo altri ed altri similmente sferici e parimente mobili; allora noi deremmo
donar raggione e fengere in qual modo l'uno verrebe continuato o contiguo all'altro;
allora andremmo fantasticando in quanti punti circonferenziali possa esser tocco
dalla circonferenza di circonstanti mondi; allora vedreste che, quantunque fussero
piú orizonti circa un mondo, non sarebono però d'un mondo, ma arrebe quella
relazione quest'uno a questo mezzo, ch'ha ciascuno al suo; perché là hanno la
influenza, dove e circa dove si raggirano e versano. Come, se piú animali fussero
ristretti insieme e contigui l'uno a l'altro, non per questo seguitarebe che gli membri
de l'uno potessero appartenere a gli membri dell'altro, di sorte che ad uno ed a
ciascun d'essi potessero appartener piú capi o busti. Ma noi, per la grazia de dei,
siamo liberi da questo impaccio di mendicare tale iscusazione; perché, il loco di tanti
cieli e di tanti mobili rapidi e renitenti, retti ed obliqui, orientali ed occidentali, su
d'asse del mondo ed asse del zodiaco, in tanta e quanta, in molta e poca declinazione,
abbiamo un sol cielo, un sol spacio, per il quale e questo astro in cui siamo, e tutti gli
altri fanno gli proprii giri e discorsi. Questi sono gl'infiniti mondi, cioè gli astri
innumerabili; quello è l'infinito spacio, cioè il cielo continente e pervagato da quelli.
Tolta è la fantasia della general conversion di tutti circa questo mezzo da quel, che
conoscemo aperto la conversion di questo che, versandosi circa il proprio centro,
s'espedisce alla vista de lumi circonstanti in ore vinti e quattro. Onde viene a fatto
tolta quella continenza de gli orbi deferenti gli lor astri affissi circa la nostra
regione; ma rimane attribuito a ciascuno sol quel proprio moto, che chiamiamo
epiciclico, con le sue differenze da gli altri mobili astri; mentre non da altro motore
che dalla propria anima essagitati, cossí come questo circa il proprio centro e circa
l'elemento del fuoco, a lunghi secoli se non eternamente, discorreno.
Ecco, dunque, quali son gli mondi, e quale è il cielo. Il cielo è quale lo veggiamo
circa questo globo, il quale non meno che gli altri è astro luminoso ed eccellente. Gli
mondi son quali con lucida e risplendente faccia ne si mostrano distinti, ed a certi
intervalli seposti gli uni da gli altri; dove in nessuna parte l'uno è piú vicino a l'altro
che esser possa la luna a questa terra, queste terre a questo sole: a fin che l'un
contrario non destrugga ma alimente l'altro, ed un simile non impedisca ma doni
spacio a l'altro. Cossí, a raggione a raggione, a misura a misura, a tempi a tempi,
questo freddissimo globo, or da questo or da quel verso, ora con questa ora con
quella faccia si scalda al sole; e con certa vicissitudine or cede, or si fa cedere alla
vicina terra, che chiamiamo luna, facendosi or l'una or l'altra o piú lontana dal sole, o
piú vicina a quello: per il che antictona terra è chiamata dal Timeo ed altri pitagorici.
Or questi sono gli mondi abitati e colti tutti da gli animali suoi, oltre che essi son gli
principalissimi e piú divini animali dell'universo; e ciascun d'essi non è meno
composto di quattro elementi che questo in cui ne ritroviamo; benché in altri
predomine una qualità attiva, in altri altra; onde altri son sensibili per l'acqui, altri
son sensibili per il foco. Oltre gli quai quattro elementi che vegnono in composizion
di questi, è una eterea regione, come abbiam detto, immensa, nella qual si muove,
vive e vegeta il tutto. Questo è l'etere che contiene e penetra ogni cosa; il quale, in
quanto che si trova dentro la composizione (in quanto, dico, si fa parte del
composto), è comunmente nomato aria, quale è questo vaporoso circa l'acqui ed
entro il terrestre continente, rinchiuso tra gli altissimi monti, capace di spesse nubi e
tempestosi Austri ed Aquiloni. In quanto poi che è puro, e non si fa parte di
 81
composto, ma luogo e continente per cui quello si muove e discorre, si noma
propriamente etere, che dal corso prende denominazione. Questo benché in sustanza
sia medesimo con quello che viene essagitato entro le viscere de la terra, porta nulla
di meno altra appellazione; come oltre, si chiama aria quello circostante a noi; ma,
come in certo modo fia parte di noi o pur concorrente nella nostra composizione,
ritrovato nel pulmone, nelle arterie ed altre cavitadi e pori, si chiama spirto. Il
medesimo circa il freddo corpo si fa concreto in vapore, e circa il caldissimo astro
viene attenuato, come in fiamma; la qual non è sensibile, se non gionta a corpo
spesso, che vegna acceso dall'ardor intenso di quella. Di sorte che l'etere, quanto a sé
e propria natura, non conosce determinata qualità, ma tutte porgiute da vicini corpi
riceve, e le medesime col suo moto alla lunghezza dell'orizonte dell'efficacia di tai
principii attivi transporta. Or eccovi mostrato quali son gli mondi e quale è il cielo;
onde non solo potrai essere risoluto quanto al presente dubio, ma e quanto ad altri
innumerabili; ed aver però principio a molte vere fisiche conclusioni. E se sin ora
parrà qualche proposizione supposta e non provata, quella per il presente lascio alla
vostra discrezione; la quale, se è senza perturbazione, prima che vegna a discuoprirla
verissima, la stimarà molto piú probabile che la contraria.
Albertino. Dimmi, Teofilo, ch'io ti ascolto.
Filoteo. Cossí abbiamo risoluto ancora il sesto argumento, il quale, per il
contatto di mondi in punto, dimanda che cosa ritrovarsi possa in que' spacii
triangulari, che non sia di natura di cielo né di elementi. Perché noi abbiamo un
cielo, nel quale hanno gli lor spacii, regioni e distanze competenti gli mondi; e che si
diffonde per tutto, penetra il tutto ed è continente, contiguo e continuo al tutto, e
che non lascia vacuo alcuno; eccetto se quello medesimo, come in sito e luogo in cui
tutto si muove, e spacio in cui tutto discorre, ti piacesse chiamar vacuo, come molti
chiamorno; o pur primo suggetto, che s'intenda in esso vacuo, per non gli far aver in
parte alcuna loco, se ti piacesse privativa- e logicamente porlo come cosa distinta per
raggione, e non per natura e sussistenza, da lo ente e corpo. Di sorte che niente se
intende essere che non sia in loco o finito o infinito, o corporea- o incorporeamente,
o secondo tutto o secondo le parti; il qual loco infine non sia altro che spacio; il qual
spacio non sia altro che vacuo, il quale, se vogliamo intendere come una cosa
persistente, diciamo essere l'etereo campo che contiene gli mondi; se vogliamo
concipere come cosa consistente, diciamo essere il spacio in cui è l'etereo campo e
mondi, e che non si può intendere essere in altro. Ecco come non abbiamo necessità
di fengere nuovi elementi e mondi al contrario di coloro che per levissima occasione
cominciorno a nominare orbi deferenti, materie divine, parti piú rare e dense di
natura celeste, quinte essenze ed altre fantasie e nomi privi d'ogni suggetto e
veritade.
Al settimo argomento diciamo uno essere l'universo infinito, come un continuo
e composto di eteree regioni e mondi; infiniti essere gli mondi, che in diverse regioni
di quello per medesima raggione si denno intendere ed essere che questo in cui
abitiamo noi, questo spacio e regione intende ed è: come ne gli prossimi giorni ho
raggionato con Elpino, approvando e confirmando quello che disse Democrito,
Epicuro ed altri molti, che con gli occhi piú aperti han contemplata la natura, e non
si sono presentati sordi alle importune voci di quella.
Desine quapropter, novitate exterritus ipsa,
 82
Expuere ex animo rationem: sed magis acri
Iudicio perpende, et si tibi vera videtur,
Dede manus; aut si falsa est, accingere contra.
Quaerit enim rationem animus, cum summa loci sit
Infinita foris haec extra moenia mundi;
Quid sit ibi porro, quo prospicere usque velit mens,
Atque animi tractus liber quo pervolet ipse.
Principio nobis in cunctas undique partes,
Et latere ex utroque, infra supraque per omne,
Nulla est finis, uti docui, res ipsaque per se
Vociferatur, et elucet natura profundi.
Crida contro l'ottavo argumento, che vuole la natura fermarsi in un compendio;
perché, benché esperimentiamo in ciascuno ne' mondi grandi e piccioli, non si vede
però in tutti; perché l'occhio del nostro senso, senza veder fine, è vinto dal spacio
inmenso che si presenta; e viene confuso e superato dal numero de le stelle che
sempre oltre ed oltre si va moltiplicando; di sorte che lascia indeterminato il senso e
costrenge la raggione di sempre giongere spacio a spacio, regione a regione, mondo
a mondo.
Nullo iam pacto verisimile esse putandumst,
Undique cum vorsum spacium vacet infinitum,
Seminaque innumero numero, summaque profunda
Multimodis volitent aeterno percita motu,
Hunc unum terrarum orbem, caelumque creatum.
Quare etiam atque etiam tales fateare necesse est,
Esse alios alibi congressus materiei:
Qualis hic est avido complexu quem tenet aether.
Mormora contro il nono argumento, che suppone e non prova che alla potenza
infinita attiva non risponda infinita potenza passiva e non possa esser soggetto
infinita materia e farsi campo spacio infinito; e per consequenza non possa
proporzionarsi l'atto e l'azione a l'agente, e l'agente possa comunicar tutto l'atto,
senza che esser possa tutto l'atto comunicato (che non può imaginarsi piú aperta
contradizione di questa). È dunque assai ben detto:
Praeterea cum materies est multa parata,
Cum locus est praesto, nec res nec causa moratur
Ulla, geri debent nimirum et confieri res.
Nunc ex seminibus si tanta est copia quantam
Enumerare aetas animantum non queat omnis,
Visque eadem et natura manet, quae semina rerum
Coniicere in loca quaeque queat, simili ratione
Atque huc sunt coniecta: necesse est confiteare
Esse alios aliis terrarum in partibus orbes,
Et varias hominum genteis, et secla ferarum.
 83
Diciamo a l'altro argumento, che non bisogna questo buono, civile e tal
conmercio de diversi mondi, piú che tutti gli uomini sieno un uomo, tutti gli animali
sieno un animale. Lascio che per esperienza veggiamo essere per il meglio de gli
animanti di questo mondo, che la natura per mari e monti abbia distinte le
generazioni; a le quali essendo per umano artificio accaduto il commercio, non gli è
per tanto aggionta cosa di buono piú tosto che tolta, atteso che per la
communicazione piú tosto si radoppiano i vizii che prender possano aumento le
virtudi. Però ben lamenta il Tragico:
Bene dissepti foedera mundi
Traxit in unum Thessala pinus
Iussitque pati verbera pontum,
Partemque metus fieri nostri
Mare sepostum.
Al decimo si risponde come al quinto; perché cossí ciascuno de mondi
nell'etereo campo ottiene il suo spacio, che l'uno non si tocca o urta con l'altro; ma
discorreno e son situati con distanza tale per cui l'un contrario non si destrugga, ma
si fomente per l'altro.
All'undecimo, che vuole la natura moltiplicata per decisione e division della
materia non ponersi in tale atto se non per via di generazione, mentre l'uno
individuo come parente produce l'altro come figlio; diciamo che questo non è
universalmente vero, perché da una massa per opra del sole efficiente si producono
molti e diversi vasi di varie forme.e figure innumerabili. Lascio che, se fia l'interito e
rinovazion di qualche mondo, la produzione de gli animali, tanto perfetti quanto
imperfetti, senza atto di generazione nel principio viene effettuata dalla forza e virtú
della natura.
Al duodecimo ed ultimo, che da quel, che questo o un altro mondo è perfetto,
vuol che non si richiedano altri mondi, dico che certo non si richiedeno per la
perfezione e sussistenza di quel mondo; ma per la propria sussistenza e perfezion
dell'universo è necessario che sieno infiniti. Dalla perfezion dunque di questo o quelli
non séguita, che quelli o questo sieno manco perfetti: perché cossí questo come
quelli, e quelli come questo, constano de le sue parti, e sono, per gli suoi membri,
intieri.
Albertino. Non sarà, o Filoteo, voce di plebe, indignazion di volgari,
murmurazion di sciocchi, dispreggio di tai satrapi, stoltizia d'insensati, sciocchezza
di scíoli, informazion di mentitori, querele di maligni e detrazion d'invidiosi, che mi
defraudino la tua nobil vista e mi ritardino dalla tua divina conversazione. Persevera,
mio Filoteo, persevera; non dismetter l'animo e non ti far addietro per quel, che con
molte machine ed artificii il grande e grave senato della stolta ignoranza minaccia e
tenta distruggere la tua divina impresa ed alto lavoro. Ed assicurati ch'al fine tutti
vedranno quel ch'io veggo; e conosceranno che cossí ad ognuno è facile di lodarti,
come a tutti è difficile l'insegnarti. Tutti, se non sono perversi a fatto, cossí da buona
conscienza riportaranno favorevole sentenza di te, come dal domestico magistero
dell'animo ciascuno al fine viene instrutto; perché gli beni de la mente non altronde
che dall'istessa mente nostra riportiamo. E perché ne gli l'animi di tutti è una certa
natural santità che, assisa nell'alto tribunal de l'intelletto, essercita il giudicio del
 84
bene e male, de la luce e tenebre, avverrà che da le proprie cogitazioni di ciascuno
sieno in tua causa suscitati fidelissimi ed intieri testimoni e defensori. Talmente, se
non te si faranno amici, ma vorranno neghittosamente in defensione de la turbida
ignoranza ed approvati sofisti perseverar ostinati adversarii tuoi, sentiranno in se
stessi il boia e manigoldo tuo vendicatore; che, quanto piú l'occoltaranno entro il
profondo pensiero, tanto piú le tormente. Cossí il verme infernale, tolto da la rigida
chioma de le Eumenidi, veggendo casso il proprio dissegno contra di te, sdegnoso si
converterà alla mano o al petto del suo iniquo attore e gli darà tal morte, qual può
chi sparge il stigio veleno, ove di tal angue gli aguzzati denti han morso.
Séguita a farne conoscere che cosa sia veramente il cielo, che sieno veramente
gli pianeti ed astri tutti; come sono distinti gli uni da gli altri gl'infiniti mondi; come
non è impossibile, ma necessario, un infinito spacio; come convegna tal infinito
effetto all'infinita causa; qual sia la vera sustanza, materia, atto ed efficiente del tutto;
qualmente de medesimi principii ed elementi ogni cosa sensibile e composta vien
formata. Convinci la cognizion dell'universo infinito. Straccia le superficie concave e
convesse, che terminano entro e fuori tanti elementi e cieli. Fanne ridicoli gli orbi
deferenti e stelle fisse. Rompi e gitta per terra col bombo e turbine de vivaci raggioni
queste stimate dal cieco volgo le adamantine muraglia di primo mobile ed ultimo
convesso. Struggasi l'esser unico e propriamente centro a questa terra. Togli via di
quella quinta essenza l'ignobil fede. Donane la scienza di pare composizione di
questo astro nostro e mondo con quella di quanti altri astri e mondi possiamo
vedere. Pasca e ripasca parimente con le sue successioni ed ordini ciascuno de
gl'infiniti grandi e spaciosi mondi altri infiniti minori. Cassa gli estrinseci motori
insieme con le margini di questi cieli. Aprine la porta per la qual veggiamo
l'indifferenza di questo astro da gli altri. Mostra la consistenza de gli altri mondi
nell'etere, tal quale è di questo. Fa' chiaro il moto di tutti provenir dall'anima
interiore, a fine che con il lume di tal contemplazione con piú sicuri passi procediamo
alla cognizion della natura.
Filoteo. Che vuol dire, o Elpino, che il dottor Burchio né sí tosto, né mai ha
possuto consentirne?
Elpino. È proprio di non addormentato ingegno da poco vedere ed udire posser
considerare e comprender molto.
Albertino. Benché sin ora non mi sia dato di veder tutto il corpo del lucido
pianeta, posso pur scorgere pe' raggi che diffonde per gli stretti forami de chiuse
fenestre dell'intelletto mio, che questo non è splendor d'artificiosa e sofistica lucerna,
non di luna o di altra stella minore. Però a maggior apprension per l'avenire
m'apparecchio.
Filoteo. Gratissima sarà la vostra familiarità.
Elpino. Or andiamo a cena.
F INE DE CINQUE DIALOGI
D ELL ’ INFINITO , UNIVERSO E MONDI .