Del biondo Tebro in sulla destra riva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Domenico Clementi

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Del biondo Tebro in sulla destra riva Intestazione 26 agosto 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco Domenico Clementi


[p. 114 modifica]

IV


Del biondo Tebro in sulla destra riva
     Amor vid’io senza l’usato incarco,
     Ma più superbo disarmato giva,
     Che quando il tergo di saette ha carco
5E mentre a mille cuori i lacci ordiva
     E me, più ch’altri, egli attendeva ai varco,
     Sorridendo gli dissi: Ov’è la viva
     Tua face, Amore, ov’è lo strale e l’arco:
Ver me tenendo le sue luci fisse
     10Tra placido e severo: Or or vedrai
     Ov’è la face, ov’è lo stral; mi disse.
Indi mostrommi duo vezzosi rai
     Onde sì m’infiammò, sì mi trafisse,
     Che piaga, o incendio eguai non fu giammai.