Della dissimulazione onesta/L'autor a chi legge

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'autor a chi legge

../ ../I. Concetto di questo trattato IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

Della dissimulazione onesta I. Concetto di questo trattato

A questo mio trattato io pensava di aggiunger alcune altre mie prose, perché ’l volume, che ha difetto nella qualità, fosse in qualche considerazione per merito della quantità; ma per molt’impedimenti non è stato possibile, e spero di farlo tra poco tempo,

Edita ne brevibus pereat mihi charta libellis,

come disse Marziale. Né solo m’occorre di significar questo alla benignità di chi legge, ma piú espressa la mia intenzione intorno alla presente fatica, ancorché nel primo capitolo della medesima opera io l’abbia detto: affermo dunque che ’l mio fine è stato di trattar che ’l viver cauto ben s’accompagna con la purità dell’animo, ed è piú che cieco chi pensa che per prender diletto della Terra s’abbia d’abbandonar il Cielo. Non è vera prudenzia quella che non è innocente, e la pompa degli uomini alieni dalla giustizia e dalla verità non può durare, come spiegò il re David dell’empio ch’egli vide innalzato simile a’ cedri di assai famoso monte; da che conchiude:

Custodi innocentiam et vide aequitatem,
quoniam sunt reliquiae homini pacifico.

Cosí è amator di pace chi dissimula con l’onesto fine che dico, tollerando, tacendo, aspettando, e mentre si va rendendo conforme a quanto gli succede, gode in un certo modo anche delle cose che non ha, quando i violenti non sanno goder di quelle che hanno, perché, nell’uscir da se medesimi, non si accorgono della strada ch’è verso il precipizio. Quelli che hanno vera cognizione dell’istorie potranno ricordarsi del termine a che si son condotti gli uomini alli quali piacque di misurar i loro consigli con sí fatta vanità, e da quanto va succedendo si può veder ogni giorno il vantaggio del proceder a passi tardi e lenti, quando la via è piena d’intoppi. Da questa considerazione mi mossi a trattar di tal suggetto, e mi son guardato da ogni senso di mal costume, procurando pur di dir in poche parole molte cose; e se in questa materia avessi potuto metter nelle carte i semplici cenni, volentieri per mezzo di quelli mi averei fatto intendere, per far di meno anche di poche parole. Ha un anno ch’era questo trattato tre volte piú di quanto ora si vede, e ciò è noto a molti; e s’io avessi voluto piú differire il darlo alla stampa, sarebbe stata via di ridurlo in nulla, per le continue ferite da distruggerlo piú ch’emendarlo. Si conosceranno le cicatrici da ogni buon giudizio, e sarò scusato nel far uscir il mio libro in questo modo, quasi esangue, perché lo scriver della dissimulazione ha ricercato ch’io dissimulassi, e però si scemasse molto di quanto da principio ne scrissi. Dopo ogni sforzo di ben servir al gusto publico, io conosco di non aver questo, né altro valore, e solo ho speranza che sarà gradita la volontà. In questa è l’uomo, e già disse Epicteto stoico: "Quandoquidem, nec caro sis, nec pili, sed voluntas".

Viva felice.