Della dissimulazione onesta/VI. Della disposizione naturale a poter dissimulare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
VI. Della disposizione naturale a poter dissimulare

../V. Alcuna volta è necessaria la dissimulazione, e fin a che termine ../VII. Dell'esercizio che rende pronto il dissimulare IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

VI. Della disposizione naturale a poter dissimulare
V. Alcuna volta è necessaria la dissimulazione, e fin a che termine VII. Dell'esercizio che rende pronto il dissimulare

Quelli in chi prevale il sangue o la malinconia o la flemma o l’umor collerico, è molto indisposto a dissimulare. Dove abbonda il sangue, concorre l’allegrezza, la qual non sa facilmente celare, essendo troppo aperta per sua propria qualità. L’umor malinconico, quando è fuor di modo, si fa tante impressioni, che difficilmente le nasconde. Il soverchio flemmatico, perché non fa gran conto de’ dispiaceri, è pronto ad una manifesta tolleranzia; e la collera, che è fuor di misura, è troppo chiara fiamma, da dimostrar i proprii sensi. Il temperato dunque è molto abile a questo effetto di prudenza, perché ha da esser, nelle tempeste del cuore, tutta serena la faccia; o, quando è tranquillo l’animo, parer turbato il viso, come anderà richiedendo l’occasione; e ciò non è facile, se non al temperamento che dico. Non voglio contradir all’opinione di que’ che sogliono attribuir a certi popoli la disposizione del dissimulare e, ad altri, stimarla quasi impossibile; ma ben posso dire che, in ogni paese, son di quelli che l’hanno e di que’ che non vi si sanno accommodare; ma piú è certo che gli uomini non nascono con gli animi legati a necessità alcuna, onde libera la volontà si gira all’elezzione; e ciò leggiadramente fu espresso da Dante in que’ versi:

Voi che vivete ogni cagion recate
pur suso al cielo, sí come se tutto
movesse seco di necessitate.
Se cosí fosse, in voi fora distrutto
libero arbitrio, e non fora giustizia
per ben letizia, e per mal aver lutto.
Il cielo i vostri movimenti inizia;
non dico tutti, ma, posto che ’l dica,
lume v’è dato a bene e a malizia,
e libero voler; che, se fatica
ne le prime battaglie del ciel dura,
poi vince tutto, se ben si nutrica.
A maggior forza e a miglior natura
liberi soggiacete; <e> quella cria
la mente in voi, che ’l ciel non ha in sua cura.