Della dissimulazione onesta/XI. Del dissimulare con li simulatori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XI. Del dissimulare con li simulatori

../X. Il diletto ch'è nel dissimulare ../XII. Del dissimulare con se stesso IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

X. Il diletto ch'è nel dissimulare XII. Del dissimulare con se stesso

Quelli che si applicano al piacer della parte ch’è in noi soggett’alla morte, sprezzando l’uso della ragione, si mutano in abito di fiere; perché tali son da riputarsi, come fu espresso da Epicteto stoico, dicendo: "Certe misellus homuncio, et caro infoelix, et revera misera. At melius <etiam> quiddam habes carne; quare, misso illo et neglecto, carni duntaxat es deditus? Ob huius societatem declinantes a meliore natura quidam, lupis similes efficimur, dum sumus perfidi et insidiosi et ad nocendum parati: alii leonibus, quia feri, immanes ac truculenti: maxima vero pars vulpeculae sumus".

Da che si può considerar un de’ duri impedimenti nel dissimulare; poiché il guardarsi da lupi e da leoni è cosa piú pronta per la notizia che si ha della lor violenza, e perché poche volte si riscontrano; ma le volpi son tra noi molte e non sempre conosciute, e quando si conoscono, è pur malagevole usar l’arte contra l’arte, ed in tal caso riuscirà piú accorto chi piú saprà tener apparenza di sciocco, perché, mostrando di creder a chi vuol ingannarci, può esser cagion ch’egli creda a nostro modo; ed è parte di grand’intelligenza che si dia
a veder di non vedere,
quando piú si vede, già
che cosí ’l giuoco è
con occhi che pa-
ion chiusi e stan-
no in se stessi
aperti.