Della imitazione di Cristo (Cesari)/Libro III/CAPO XLI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XLI. Del disprezzo d’ogni onor temporale.

../CAPO XL ../CAPO XLII IncludiIntestazione 21 ottobre 2016 75% Da definire

Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo (1815)
Traduzione dal latino di Antonio Cesari (1815)
XLI. Del disprezzo d’ogni onor temporale.
Libro III - CAPO XL Libro III - CAPO XLII
[p. 215 modifica]

CAPO XLI.


Del disprezzo d’ogni onor temporale.


1. Figliuolo, qualora tu vegga altrui onorato e posto in alto, e te dispetto e umiliato, non dartene pena. leva su a me in cielo il tuo cuore, nè ti rattristerà il disprezzo degli uomini sopra la terra.

2. Signore, noi siamo al bujo, e facilmente rimanghiamo sedotti dalla vanità. Se io riguardo dirittamente a me stesso, egli non m’è fatta ingiuria da creatura giammai; per lo che nè ho cagione da richiamarmi di te. Anzi, perocchè io frequentemente e gravemente ho peccato a te, ogni creatura si leva debitamente contra [p. 216 modifica]di me. A me dunque di ragione è dovuta la confusione e ’l dispregio, e a te la lode, l’onore, e la gloria. E se io non mi disponga a voler soffrire con pace di vedermi spregiare, e abbandonare da tutti, e tenere da nulla affatto io non potrò aver pace nè fermezza di cuore, nè il mio spirito essere illuminato, e pienamente unito con te.