Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro quarto/12. I longobardi prima della conquista

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12. I longobardi prima della conquista

../11. I greci ../13. Alboino e Clefi IncludiIntestazione 15 aprile 2018 75% Da definire

Libro quarto - 11. I greci Libro quarto - 13. Alboino e Clefi

[p. 112 modifica]12. I longobardi prima della conquista. — Qui incomincia la seconda e piú lunga parte di questa etá dei barbari. I longobardi furono antichissimamente d’una gente scandinava detta vinnuli o vendeli; un terzo della quale passato il Baltico, e preso quando che fosse il nuovo nome dalle lunghe barbe o dalle lunghe aste, posarono primamente nell’isola di Rugen, poi sull’Elba. Tacito li dice «nobilitati da lor pochezza», a malgrado la quale sempre rimasero indipendenti; e Velleio Patercolo «gente piú feroce che non la germanica ferocitá». E pochezza con ferocitá furono i due distintivi serbati da essi poi. In Germania appartennero all’antica confederazione degli svevi, e probabilmente a quella piú nuova de’ sassoni, di cui pur furono gli angli, padri degl’inglesi, bella parentela. Soggiacquero agli unni, occuparono in Pannonia il Rugiland o terra [p. 113 modifica] de’ rugi, vuotata giá da Odoacre; e rivaleggiarono lá co’ gepidi; e li vinsero in due grandi battaglie; dove Alboino figliuolo del re longobardo nella prima, re nella seconda, uccise di mano sua i due re gepidi, Torrismondo e Cunimondo. Cumulazione poi di barbarie, poco men che incredibile ora, ma attestata da tutte le tradizioni, il feroce uccisore sposò Rosmunda figlia e nipote dei due uccisi; e del teschio del suocero fecesi un bicchiere a banchettare. I gepidi eran distrutti; il loro nome non trovasi piú; i rimasugli si perdettero certo nelle due genti de’ longobardi e degli unni-ávari lor alleati. E, fosse stato patto

dell’alleanza, o che le due discese giá notate di alcuni longobardi in Italia li avessero invogliati del bel paese, o fossero essi tratti, come poc’anzi altri barbari, dalla debolezza de’ greci, od invitati veramente da Narsete; il fatto sta, che i longobardi lasciarono, appena compiuta, lor conquista di Pannonia a quegli alleati, i quali le diedero poi il nome proprio di Unn-Avaria od Ungheria; e che essi ingrossati di varie frazioni di genti, gepidi, bulgari, sarmati, svevi e principalmente sassoni, scesero in Italia l’anno 568. Né inganni siffatta moltiplicitá di nomi sul numero degli invasori. I longobardi furono certamente i piú numerosi tra essi di gran lunga; eppure furono pochi. Trovansi divisi in quelle migliaia, centinaia e decanie (ma decanie di dodici) che dicemmo; e tutta la gente composta probabilmente di tre dozzine di queste migliaia, cioè in tutto di poco piú che sessantaduemila guerrieri. Ad ogni modo, la loro pochezza si manifesta da ciò, che non poterono, né nell’invasione né poi mai, né occupare tutta Italia contro a’ greci, né difenderla contro a’ franchi. E cosí continuò il danno vecchio, che ogni potenza sorgente da noi lasci nel proprio edificio l’addentellato alla potenza ulteriore; e sorse il danno, nuovissimo allora, il dividersi la penisola per non riunirsi forse mai piú.