Der Brief

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ladino

Giovanni Battista Rossi 1826 D Der Brief Intestazione 20 giugno 2017 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Caris.mo pare Roveré ai 4 de Zenè 1826260 Zachè è sta bella occasion io e mia femena e i picioi ve auguron per vos sent ogni ben e contentezza, che voi stes saede e podede de ve disidrar, e noi non menciaron da nossa part a prear il Sior Iddio chel ve concede chel che ve desidrade.

Al Marchesani da Nanef al das a chi del Circolo un calandar, e perchè se che l’an passà non aede podù ciapar, vel mane e recordaae de noi ogni outa chel tolede te man, che dapò sion contentg. Noi sion seng, godon perfetta salute, e volessane sentir ence de voi che na uta stasasade dutg beng. Scrivene valg da nef, e co che stass mia mare, mia sor, mi cugne, e cugnade e particolarmente mia cugnada Franzela che ve pree de me la salutar.

Diseme se mia cugnada da Perra ha fat al piciol o no, e chi che le stat al compare, o comare. No ve fasè marevea che scrive così, perche clò scomenza prest al temp dei matg, o Carnasal. Stase ben, volene beng, e cherdeme che noi ogni di se recordon de voi, con stima sion ves fentg

G. Batta e Giulliana Rossi