Di tua mente uno sguardo almo, e giocondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Battista Brancadori

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 12 luglio 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 71 modifica]

GIAMBATTISTA BRANCADORI.1


Di tua mente uno sguardo almo, e giocondo
     Volgi dall’alte cure al nostro cantò,

[p. 72 modifica]

     Ond’ei con lume sì soave, e santo
     Chiaro divenga, e più gradito al mondo;
5Forse che allor fatto da te facondo
     Anch’io dirò di tue virtudi il vanto,
     E qual pena soffrir ne fe’ quel pianto,
     Di tua rara umiltà segno profondo.
Quindi i bei pregi tuoi raccolti insieme,
     10Se avvien, ch’a’ voti miei fortuna arrida,
     Del mare andran sino all’arene estreme.
Tanto speriam, Signor, benigna guida
     Offrendo il tuo gran nome all’alta speme:
     Odi qual per noi parla, e qual n’affida.

Note

  1. Coronale per clemente XI.