Dietro l'ali d'Amor, che lo desvia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Leonio

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Dietro l’ali d’Amor, che lo desvia Intestazione 5 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Vincenzo Leonio


[p. 239 modifica]

VIII


Dietro l’ali d’Amor, che lo desvìa,
     Sen vola il mio pensier sù d’improvviso,
     Ch’io non sento il partir, finchè a quel viso,
     Ove il volo ei drizzò, giunto non sia.
5Chiamolo allor; ma della Donna mia
     L’alta bellezza egli è mirar sì fiso,
     Involandone un guardo, un detto, un riso,
     Che non m’ascolta, ed il ritorno obblia.
Alfin lo sgrido: ei senza far difesa
     10Mi guarda, e un riso lusinghier discioglie,
     E ridendo i suoi furti a me palesa.
Tal piacer la mia mente indi raccoglie,
     Che dal desìo di nuove prode accesa,
     Tutta in mille pensier l’Alma si scioglie.