Donde il nuovo colore, e i nuovi canti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cornelio Bentivoglio d'Aragona

P Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 29 giugno 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Cornelio Bentivoglio


[p. 60 modifica]

VII


Donde il nuovo colore, e i nuovi canti
     Dell’erbe molli, e de’ lascivi augelli,
     E ’l gajo mormorar de’ bei ruscelli,
     Che parean mesti, e taciturni avanti?
5Donde il lieto belar dell’agne erranti,
     E ’l saltellar pe’ capri allegri, e snelli?
     Perchè i più crudi, ed ad amor rubelli
     Pastor fra noi oggi son fatti amanti?
Donde il dolce spirar della fresch’ora,

[p. 61 modifica]

     10Ch’oltre l’usato gli animi ricrea,
     E di rose novelle il suolo infiora?
Perchè il mio cor, che vive in doglia rea,
     D’insolito piacere or si ristora?
     Donde tanti stupor? Tornò Nicea.