Due ninfe emule al volto, e a la favella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Felice Zappi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Due ninfe emule al volto, e a la favella Intestazione 10 novembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 18 modifica]

XXXVII.


Due ninfe emule al volto, e a la favella,
     Muovon del pari il piè, muovono il canto:
     Vaghe così, che l’una all’altra a canto
     Rosa con rosa par, stella con stella.
5Non sai, se quella a questa, o questa a quella
     Toglia, o non toglia di beltade il vanto:
     E puoi ben dir: null’altra è bella tanto,
     Ma non puoi dir di lor, questa è più bella.
Se innanzi al Pastorello in Ida assiso
     10Simil coppia giugnea, Vener non fora
     La vincitrice al paragon del viso.
Ma qual di queste avrebbe vinto allora?
     Nol so: Paride il pomo avrìa diviso,
     O la gran lite penderebbe ancora.