Edipo a Colono (Sofocle - Romagnoli)/Quarto stasimo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quarto stasimo

../Quarto episodio ../Esodo IncludiIntestazione 13 novembre 2019 100% Da definire

Sofocle - Edipo a Colono (401 a.C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1926)
Quarto stasimo
Quarto episodio Esodo
[p. 222 modifica]

Sofocle-54.png

QUARTO CANTO INTORNO ALL’ARA


coro
Strofe
Se lecito è per me che la Diva invisibile
e te coi voti supplici
onori, o Re degl’inferi,
Edonèo, Edonèo1, deh, senza spasimi,
1650senza, ti prego, funereo travaglio,
scendere possa l’ospite
ai campi che gli estinti tutti ascondono,
nella dimora stigia.
Possa, deh, possa, in cambio
1655delle sciagure molte onde fu onusto,
un Dèmone esaltarlo; e sarà giusto.

Antistrofe
O sotterranee Dive2, e tu, mole invincibile
del can3, che, su le soglie
che niuno mai respingono
1660giace, ed il ringhio suo leva dai bàratri

[p. 223 modifica]

d’Averno, ov’è custode inesorabile,
com’è fama perpetua!
Cerchi altro luogo, te ne prego, o figlia
della Terra e del Tartaro4,
1665tal fiera, mentre l’ospite
dei defunti si volge al lido inferno.
Te invoco, o Diva dal sopore eterno.

Sofocle-55.png

  1. [p. 338 modifica]Pag. 222, v. 1648. - Edoneo, Plutone.
  2. [p. 338 modifica]Pag. 222, v. 1656. - Le sotterranee Dive sono le Eumenidi.
  3. [p. 338 modifica]Pag. 222, v. 1657. - Il cane è Cerbero.
  4. [p. 338 modifica]Pag. 223, vv. 1662-63. - La figlia della Terra e del Tartaro è la Morte.