El gran prodigio di tre soli - Versione critica/El gran prodigio di tre soli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
El gran prodigio di tre soli apparsi in Franza adi nove de setembrio a hore tredese in di de sabbato.Cosa molto stupenda

IncludiIntestazione 9 settembre 2017 25% Da definire

El gran prodigio di tre soli apparsi in Franza adi nove de setembrio a hore tredese in di de sabbato.Cosa molto stupenda

[p. Occhiello modifica] [p. 2 modifica]II L L U S T R I S S I M O Ed Eccellentissimo signor mio: scio che la S.V. havera grandissimo desiderio de intendere qualche nove de le Cose che sono successe in queste bataglie: ma a voler dir tutti li casi occorsi no bastaria uno anno di tempo; et per dare a. V. S. pur qual che parte li daro aviso de un novo prodigio de tre soli apparsi in Francia cosa maravegliosa da far stupir ognun che leggerà: et questa dò per vera e chiara ala. V.S. Essendo io Aparise a di nove de Settenbrio a hore tredese vidi tre Soli doi prodigiosi et el nostro naturale fuor di natura Crudelissimi: ognhuomo mentre che gli sta nel gonfiato e procelloso pelago di questo vasto et cieco mondo summamente desidera di saper et conoscere non solamente le cose presente ma etaim dio le future e a la investigation di quelle ogni suo studio et arte ripone. Il che essendo licito et concesso a li astrologi e philosophi di poter astronomicamente ragionare de le cose che sogliono advenire mi ha parso col basso infimo et debile mio Ingeno si non in tutto al meno in qualche parte darvi notitia di quello significano i tre Soli novamente aparuti nella Francia: et questo faccio, accio che li huomeni piu agevolmente possano passare l'infelice et travagliosa lor vita posponendo le lor malvagie et vituperevoli operationi et accostandosi al santo et costumato vivere et finalmente acio che se possono salvarsi da tali et tanti manifesti e non pensati pericoli li quali di continuo ci stanno sopra le spalle. Sono adonque come ciascaduno di voi puo esser per veduta intelligentia manifesto apparuti tre Soli il sabbato a le tredese hore a di nove de Settenbrio del presente anno» M.D.XXXVI, i quali per li rubicondi et [p. 3 modifica]ardenti lor raggi abarbagliavano la vista de riguardanti uno de i quali essendo al lato destro del nostro sol natural reguardava verso l'Oriente ed era tutto pieno di fuoco come una coda longa e dritta l'altro dimorando al lato senistro remirava verso l'Occidente ed ugualmente egli aveva la coda longa e dritta non però era così affocata come el primo e in picolo spazio di tempo i doi soli spariteno e rimase il nostro naturale il che datto grandissima admirazione a tutti chi questo videro e questi accidentali soli che circondano il nostro sol natural evidentissimamente dimostrano la eversione de cita e lochi, il revolgimento de stati e Signorie, le grandi e sanguinose battaglie, la noiosa e grave destruzione de reami, gli ivvisitati e perigliosi terremoti, la plurazion di pestilenzia crudele: lo importabile carico de la Carestia de tutte le cose: le subitanee e improvise morte e finalmente le regedi e aspri castigamenti, le molte angoscie e tribulazione che generalmente patirà la sconsolata e afflitta cristianità di che sarà primiera cagione la Luterana setta e pagani la qual con la lascivia e falsa sua legge ingegnorassi de sottomettere il natural sole cioè il popolo cristiano observator della evangelica legge. O quanto sangue si spargerà: O quanti morirano de fame: O quanti pe le pestifere e altre infirmitade mortali saranno da li loro amici e parenti al tutto abbandonati: O quanti in aqua si sommergeranno: O quanti miserabilmente saranno mangiati da Cani: e altre fiere crudele per esser li lor corpi inepulti: lasciati sopra la terra: e quantunche l'afflitta e misera cristianità, sia per patir flagelli ruine abrusciamenti grandissimi strazii e occisione così promitente la [p. Colophon modifica]divina Iustizia per li vituperosi e disonesti vizii che in noi si regeno non però tali infortuni durerano longo tempo perciò che il natural sol representator del summo pontifice e del Imperadore Romano abrusciarà e annihilerà li doi accidentali soli onde per uno di loro over per ambi doi seguirà la destruzione di tal cnduttore e di sua setta e con l'aiuto del summo e magno Iddio sarà puniti brusciati e distrutti li auttori, e li lor seguaci e mutaransi i costumi, e il viver nostro e acio che voi compimo la vicina ruina pregovi voi auditori tutti quanti che lasciati il vizio che de tanti flagelli e prima cagione per ciò che senza di questo non potremo noi placar l'ira de Iddio etsi come voi siati le un medesimo corpo nelle legge de Cristo così voglian concordevolmente volger ii pensieri vostri e le vostre arme contra coloro che cercano de anihilar el nome de Cristo e la legge sua santissima, e se cosi noi faremo Iddio pio e iusto voltarà la faccia de la sua divina bontà e removerà li flagelli le ruine gli incendii e le violenti morti le quale averà preparare per le grandissimi e testibili peccati nostri.


Laus Deo

Impressa in Roma per Albertin Zanelli

M.CCCCC.XXXVI.