Ell ourador en te la vigna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
ladino

E Ell ourador en te la vigna Intestazione 13 marzo 2016 50% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Ell ourador en te la vigna

En patroŋ, dissava di Gesù a suoi Apostoli, ava na vigna, e l ' è sù fora a bonora a cherì oure per i mandè en te sua vigna col patto, che lori tgapassa na monada. Tre óre plù terd l è sù endavò fora sun calla plazza, e 'l na tgapè de autri, che i stava ilò a nò fè nia. Sì entge vos ente mia vigna a lavorè, disseval a lori, chè ve darè na cosa giusta! Da mesdi, e dalle treì davomezdì l' à fatt entga così, e dutg siva a lavorè. En ultima dal è sù fóra davant ch' el sorogle vade a florì, e n' hà tgatè de chì, che stava ilò senza fe nia. Pertgiè steiso ilò a fè nia? diss il patroŋ a chiss. E lori gli respon: Degung n' ha domane. Beŋ, sì entge vos ente mia vigna a lavorè, chè ve darè na cosa giusta.

Canche el eva stè l' ora de fè veje hà commanè a suo agente ch' el dessa a ogni uŋ egual, cioè na monada. I pruns, a tò il pajament eva chi, che ava lavorè demè un ora, e percal chei, che ava lavorè dutt il dì, ai se aspettava velch de plù. Ma anche chis non ha tgatè de plù, che na monada. Suŋ cast lori scomencia a brontolè, e sè lamentava e disava: Pertgiè j à tgatè tant chis, che nos, che oŋ soportè il tgaut e la fadia de dutt el dì, ulà che lori hà mè lavorè un ora! E 'l patroŋ j' ha respost: Non ve fese de tort; nos sonve a dacort de na monada, toleve cal, che ve vèn, e sì, chè se voi dè a chis tan che a vos, son patroŋ de fè cal che me ples e me per.