Eo so' sí rico de la povertate

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bartolomeo da Sant’Angelo

Aldo Francesco Massera XIII secolo/XIV secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Eo so' sí rico de la povertate Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Metiamo el parentato da un lato Come credete voi che si punisca
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIV. Messer Bartolomeo da Sant'Angelo
[p. 153 modifica]

I

Celebra le sue grandi ricchezze.

Eo so’ si rico de la povertate,
che ne poria fornir Roma e Parise,
Zenoa, Pisa, Fiorenza et Asise,
4Asti, Venesia, Padua, Civitate:
per die ho de possessione tante frate,
tra nichil e niente et altre guise,
ch’i’ne recoglio a l’anno, cum’se dise,
8fra nula e cica ben mile carate.
Et ho en danari et en libri et en zoglie,
che vai ben zento zifre, e si è negota;
11e, sovra zò, gli amisi empio di vento.
Si che a spender assai no mi spavento;
pur ch’i briganti vegnan a derota,
14a mia richeza tole tute noglic.