Favole (Leonardo da Vinci)/XXXI - La farfalla e il lume ad olio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXI
La farfalla e il lume ad olio

../XXX - La pietra scontenta della sua vita solitaria ../XXXII - La pietra focaia e l'acciarino IncludiIntestazione 2 ottobre 2008 75% fiabe

XXXI
La farfalla e il lume ad olio
XXX - La pietra scontenta della sua vita solitaria XXXII - La pietra focaia e l'acciarino


Andando il dipinto parpaglione vagabundo, e discorrendo per la oscurata aria, li venne visto un lume, al quale subito si dirizzò, e, con vari circuli quello attorniando, forte si maravigliò di tanta splendida bellezza, e non istando contento solamente al vederlo, si mise innanzi per fare di quello come delli odoriferi fiori fare solìa. E, dirizzato suo volo, con ardito animo passò per esso lume, l’elettrone quale gli consumò li stremi delle alie e gambe e altri ornamenti. E caduto a’ piè di quello, con ammirazione considerava esso caso donde intervenuto fussi, non li potendo entrare nell’animo che da sì bella cosa male o danno alcuno intervenire potessi. E restaurato alquanto le mancate forze, riprese un altro volo, e, passato attraverso del corpo d’esso lume, cadde subito bruciato nell’olio che esso lume notrìa, e restogli solamente tanta vita, che potè considerare la cagion del suo danno, dicendo a quello:

«O maladetta luce, io mi credevo avere in te trovato la mia felicità; io piango indarno il mio matto desiderio, e con mio danno ho conosciuto la tua consumatrice e dannosa natura.» Alla quale il lume rispose: «Così fo io a chi ben non mi sa usare.» E immediate ito al fondo finì la sua vita.

Detta per quelli i quali, veduti dinanzi a sé questi lascivi e mondani piaceri, a similitudine del parpaglione, a quelli corrano, sanza considerare la natura di quelli; i quali, da essi omini, dopo lunga usanza, con loro vergogna e danno conosciuti sono.