Favole di Esopo/Del Cervo, e della Pecora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Cervo, e della Pecora

../Del Capretto, e del Lupo ../Del Corvo, e delli Pavoni IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Cervo, e della Pecora
Del Capretto, e del Lupo Del Corvo, e delli Pavoni
[p. 172 modifica]

Del Cervo, e della Pecora. 130.


Il Cervo chiamò la Pecora, a ragione avanti il Lupo, e dimandogli uno stajo di grano. La Pecora di questo era ignorante, [p. 173 modifica]nientedimeno per la presenza del Lupo gli promise di darglielo, e pigliò il termine a pagare. Come venne il giorno, il Cervo dimandò il grano. Quella negò ciò che le aveva promesso, dicendo, che le aveva promesso, ma che lo aveva fatto per paura del Lupo, e fa promessa fatta per forza, non si deve osservare.

Sentenza della favola.

Da questa favola s’impara, che la frode con la frode si scaccia.

E chi prende diletto di far frode,

Non si dee lamentar l’altri l’inganna.