Favole di Esopo/Del Cigno, e della Cicogna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Cigno, e della Cicogna

../Degli Alberi brutti, e Belli ../Di una Donna, che piangeva la morte del suo Marito, ed il Padre che la consolava IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Cigno, e della Cicogna
Degli Alberi brutti, e Belli Di una Donna, che piangeva la morte del suo Marito, ed il Padre che la consolava
[p. 234 modifica]

Del Cigno, e della Cicogna. 251.


Essendo il Cigno appresso la morte, cantava più dolcemente, che l’altre volte. La Cicogna gli disse, perchè faceva questo; [p. 235 modifica]ed egli rispose: Lo fo perchè non penso più a questa vita, che io la possi nudrire, nè ho d’affaticarmi più per trovare il cibo.

Sentenza della favola.

La favola ci ammaestra, che noi non dovemo temer la Morte, por cui tutte le miserie, e calamità dei Mondo si dissolvano.