Favole di Esopo/Di una Donna, che piangeva la morte del suo Marito, ed il Padre che la consolava

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di una Donna, che piangeva la morte del suo Marito, ed il Padre che la consolava

../Del Cigno, e della Cicogna ../Del Pavone, e d'un Soldato IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di una Donna, che piangeva la morte del suo Marito, ed il Padre che la consolava
Del Cigno, e della Cicogna Del Pavone, e d'un Soldato
[p. 235 modifica]

Di una Donna, che piangeva la morte del suo Marito, ed il Padre la consolava. 252.


Avendo una giovane il Marito vicino alla morte, piangendo era consolata da suo Padre, con queste parole: Non pianger figliuola, che io t’ho trovato un Marito più bello di questo, che ti mitigherà il dolore. Rispose la Donna: Di grazia Padre mio non mi parlare di Marito, che tutte le volte, che mi nomini Marito mi dai con un coltello nel cuore. Vedendo poi morto il marito, piangendo disse: Padre mio, dove è quell’altro Marito così bello, che voi mi volete dare?

Sentenza della favola.

Questa favola significa, che morto, che è il Marito, l’amor della Donna è passato.