Favole di Esopo/Del Leone, e del Cervo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Leone, e del Cervo

../Di un Orso, e sua Moglie ../Del Cane, e l'Asino (2) IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Leone, e del Cervo
Di un Orso, e sua Moglie Del Cane, e l'Asino (2)
[p. 276 modifica]

Del Leone, e del Cervo. 350.


Al Leone l’era morta la Moglie, e tutti gli animali con lui si dolsero, eccetto il Cervo, che non si sciolse, perchè gli aveva ammazzati i suoi figliuoli. Il che vedendo il Leone, chiamò il Cervo, e gli disse, perchè non s’era condoluto anche egli della morte della Regina. Il Cervo rispose: Noi dobbiamo rallegrarci della morte di vostra Moglie, perchè mi ha detto in sogno, che i Dei l’hanno mandata nei Campi Elisi dove è perpetuo godere, e felicità, e che si duole essere stata così lungo tempo in questa vita. Il Leone lo credè, e perdonò il Cervo.

Sentenza della favola.

La favola significa, che, l’uomo savio deve seguire, ogni escusazione, per levarsi dal furore del Tiranno.