Favole di Esopo/Di un Orso, e sua Moglie

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Orso, e sua Moglie

../Della Volpe presa dal Cane ../Del Leone, e del Cervo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Orso, e sua Moglie
Della Volpe presa dal Cane Del Leone, e del Cervo
[p. 275 modifica]

Di un’Orso, e sua Moglie. 349.


Avendo combattuto l’Orso con la Moglie, le aveva cavato un occhio con l’unghie, e di questo mal contento, e pentito, si taglia tutte le unghie, e disse alla Moglie: Ecco, che le armi, che ti hanno offeso, ho gittate via. Rispose l’Orsa: A me poco importa, questo tu dovevi farlo prima che m’avessi cavato l’occhio.

Sentenza della favola.

La favola dimostra , che poichè l’uomo è [p. 276 modifica]offeso, poco gli vale se si penta colui, che l’ha offeso, perchè l’ingiuria è già fatta.