Favole di Esopo/Del Lucio, e del Delfino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Lucio, e del Delfino

../Dell'Aquila, ed il Coniglio ../Della Pecora, ed il Pastore IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Lucio, e del Delfino
Dell'Aquila, ed il Coniglio Della Pecora, ed il Pastore
[p. 258 modifica]

Del Lucio, e del Delfino. 312.


Vedendosi il Lucio grande più degli altri Pesci, di modo, che signoreggiava tutto il fiume, non contento di questo, andò in Mare, sperando aver maggior dominio. Entrato che egli fu nel Mare s’incontrò in un Delfino, e vedendolo sì grande, e veloce, sbigottito ebbe paura, e si ritirò nel Fiume, e non volle più uscir dal Fiume fin alla morte. [p. 259 modifica]

Sentenza della favola.

Questa favola dinota, che noi dovemo esser contenti delle cose nostre, e non desiderare quelle, che a noi non sono eguali.