Favole di Esopo/Della Pecora, ed il Pastore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Pecora, ed il Pastore

../Del Lucio, e del Delfino ../Di uno, che provò i suoi Amici IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Pecora, ed il Pastore
Del Lucio, e del Delfino Di uno, che provò i suoi Amici
[p. 259 modifica]

Della Pecora, ed il Pastore. 313.


La Pecora si doleva col Pastore, dicendogli esser maltrattata da lui, che mai non si saziava togliendole il latte, e la lana. A cui il Pastore disse: Non solo io ho dominio di levarti la Lana, ed il Latte, ma ancora voglio menare il tuo figliuolo al macello, e lo voglio ammazzare, e darti a mangiare a Lupi, ed a Cani. Allora la Pecora tacque, dubitando di peggio.

Sentenza della favola.

La favola significa, che dovemo aver pazienza, quando Dio ci toglie la roba, ed i figliuoli, perchè ha arbitrio di fare maggior cose di queste.