Favole di Esopo/Di uno, che provò i suoi Amici

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di uno, che provò i suoi Amici

../Della Pecora, ed il Pastore ../Della Volpe, e del Cane IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di uno, che provò i suoi Amici
Della Pecora, ed il Pastore Della Volpe, e del Cane
[p. 259 modifica]

Di uno, che provò i suoi Amici. 314.


Un Ricco, e liberale, faceva ogni dì conviti a suoi amici, i quali lo salutavano, ed onoravano, e volendo far prova se a un suo bisogno se ne fosse potuto valere, fece finta d’aver differenza con certi suoi nemici, i quali lo volevano ammazzare, e però gli pregava, che lo volessero ajutare. Essi non vollero prender l’armi, eccetto che due. Il che vedendo egli, diede licenza a tutti gli altri, e ritenne solo quelli due.

Sentenza della favola.

La favola dimostra, che la fortuna avversa fa sperienza degli amici.