Favole di Esopo/Del Lupo, e dell'Agnello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Lupo, e dell'Agnello

../Del Leone, ed il Pulce ../Del Sorcio, e la Rana IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Lupo, e dell'Agnello
Del Leone, ed il Pulce Del Sorcio, e la Rana
[p. 157 modifica]

Del Lupo, e dell’Agnello. 107.


Beveva il Lupo da capo un rivo, e vedendo un Agnello, che di sotto beveva disse, che gl’intorbidava l’acqua; l’Agnello tremava di paura, e pregava il Lupo, che gli perdonasse, come a persona innocente, e che egli aveva bevuto di sotto un buon spazio da lui, talchè non aveva potuto intorbidare il suo bere. Il Lupo tuttavia gridava: Tu non sai nulla scelerato sempre tu mi nuoci; il Padre tuo, e tua Madre sempre mi sono stati nimici, e tu patirai la pena di ogni cosa.

Sentenza della favola.

Il Proverbio antico. Facilmente si trova il bastone per far male al cane. Se un uomo potente ti vuol nuocere, facilmente troverà causa. Assai va errata quel, che non può resistere.