Favole di Esopo/Dell'Aquila, e 'l Bubone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dell'Aquila, e 'l Bubone

../Della virtù, e de' Danari ../Dell'Asino, e del Porco IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Dell'Aquila, e 'l Bubone
Della virtù, e de' Danari Dell'Asino, e del Porco
[p. 269 modifica]

Dell’Aquila, e ’l Bubone. 336.


L’Aquila chiamò tutti gli Ucelli dicendo volersi godere di alcuni loro bei figliuoli per corteggiani. Tutti gli Ucelli li proposero li loro, tra quali furono quelli del Bubone, il quale diceva, che i suoi erano più belli delli altri, [p. 270 modifica]E l’Aquila disse a chi si assomigliavano ed ei rispose: A me. Onde tutti gli altri Ucelli ne risero insieme l’Aquila.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che a tutti i lor figliuoli pajono belli, benchè siano bruttissimi.