Favole di Esopo/Della Pica, ed il Cocullo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Pica, ed il Cocullo

../Di un Pover'Uomo, ed un Asino ../Di un Asino, ed un Servo IncludiIntestazione 28 luglio 2016 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Pica, ed il Cocullo
Di un Pover'Uomo, ed un Asino Di un Asino, ed un Servo
[p. 278 modifica]

Della Pica, ed il Cocullo. 355.


Sentendo la Pica fra le frondi il Cocullo, pensò, che fosse lo Sparviero, si mise a fuggire. Gli altri Ucelli, vedendola fuggire la dileggiavano, ed ella disse: io voglio più presto, che voi di me vi ridiate, che gli amici piangano.

Sentenza della favola.

La favola dinota, quanto l’uomo deve stare avvertito di non cadere in mano di qualche tiranno, che non gli perdoni, nè alla roba, nè alla vita, onde ne causi danno a se stesso, ed a suoi amici.