Favole di Esopo/Di un Avaro, e d'un Campo fertile

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Avaro, e d'un Campo fertile

../Di un Avaro, e de' Pomi ../Di una Moglie, ed un Marito IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Avaro, e d'un Campo fertile
Di un Avaro, e de' Pomi Di una Moglie, ed un Marito
[p. 236 modifica]

Di un’Avaro, e d’un Campo fertile. 256.


Un’Avaro comperato una possessione molto fertile, come l’ebbe, la chiuse intorno di frasche altissime, talchè niuno ci poteva entrare, ed a niuno dava dei frutti, che nascevano in quella. La possessione cominciò a non frullare più come soleva. Onde sdegnato il Padrone si consigliò con un uomo savio, il quale gli rispose, Iddio ci [p. 237 modifica]ha dato i frutti di questo Mondo, acciocchè noi gli godiamo, e ne facciamo bene a tutti, e non a un solo come fanno gli avari. Nè ti dei maravigliare se prima la possessione era tanto fertile, ed abbondante di frutti, perchè allora serviva a tutti; ora serve ad un solo; perchè tante cose ricerchi.

Sentenza della favola.

La favola dimostra, che all’uomo liberale Iddio dona molte cose, acciocchè ai molti bisognosi possa sovvenire.