Favole di Esopo/Di una Moglie, ed un Marito

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di una Moglie, ed un Marito

../Di un Avaro, e d'un Campo fertile ../Dell'Aquila, dello Sparviero, e del Nibbio IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di una Moglie, ed un Marito
Di un Avaro, e d'un Campo fertile Dell'Aquila, dello Sparviero, e del Nibbio
[p. 237 modifica]

Di una Moglie, ed un Marito. 257.


Una Donna di mala natura, essendo fortemente battuta dal suo marito per i suoi mali costumi, finse di esser morta, e giaceva in terra, così, non fiatava, nè si moveva. Il Marito conoscendo l’astuzia sua, disse: Ormai che la bestia è morta, io la voglio scorticare, e prese un coltello per incominciar da i piedi. Il che sentendo ella disse: Io non sono morta, e si levò in piedi.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che vane sono l’insidie delle donne con l’uomo prudente.