Fedele, ed altri racconti/Quinto intermezzo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quinto intermezzo

../Una goccia di rhum ../Pereat rochus IncludiIntestazione 28 novembre 2017 100% Da definire

Una goccia di rhum Pereat rochus

[p. 215 modifica]







QUINTO INTERMEZZO

[p. 217 modifica]



CHOPIN

Opera, 17 — N. 4.





(Parla una donna al marito, che giace sul letto, morto).


Placido posa il mio amore, nè un lieve respir si sente;
Lo vo’ svegliare pian piano, gli vo’ cantar dolcemente.

Non dormir, folle amor mio; non sai? la diletta è qui.
Ancor? No, no! Mi fai male! Ah scherzi, forse, così.
Deh scherza, sì, con un riso balza su, stringimi al cor.
Non lo fai? Ma perchè mai? Or mi sdegno, mio signor.
Avevo, signore, un dono qui sulla bocca per Lei;
Or no, non più, ho male al core, tu l’amor mio più non sei.
No, così parlai per giuoco, scherzo io pur, non t’adontar,
Perdono! Son gaia, vedi! Vo’ rider, caro, e danzar.

[p. 218 modifica]


Che folle gioia danzare ne le tue braccia possenti,
Come portata dal mare, come aggirata dai venti,
Col viso stretto al tuo petto, bevendo il tuo ebbro diletto,
Bevendo te pien di me che un tal paradiso aspetto!
E dormi ancor! Palpitando le man ti bacio; che gel!
Che gel! Non so, non intendo che abbia la mano fedel.
Tremo, mi slancio alla bocca; è gel! T’abbraccio sul cor;
Tace! Che angoscia! M’ascolta; ti parlo a ginocchi, amor.

Odi ben, ti parlo grave, se lasciarmi pensi è male,
Tu lo sai cos’hai giurato, non puoi farti disleale.
Dimmi in che t’offesi mai, qui lo dici a Dio presente,
Egli giudichi se amai! Terra e cielo mi eran niente.
A me stessa cara io fui sol perchè mi avesti cara,
Patria, casa e madre mia senza te mi parve amara.
Nulla posso ancora offrirti, tutto, misera, donai,
E tu freddo, senza un bacio, da me tacito ten vai.
A te grido, al mondo, a Dio, chiamo, chiamo, mi dispero;
Ahi per me nessuno è pio, tutto è sordo, è muto, è nero.

Oh signor, tu sei sovrano, la mia bocca or delirava,
A tua posta vieni e parti; che t’importa s’io t’amava?
Ma pur se una volta ancora, se un’ora sola, un istante...
(Eri sì dolce e clemente, eri sì tenero e amante!)
... Se, sorridendo di questa tua semplicetta che resta,

[p. 219 modifica]

Tanto, lo vedi, soletta, tanto, concedilo, mesta,
Pria di partir tu volessi un solo istante serrarmi
Ma tutta, così, ma forte, Dio! sul tuo seno e baciarmi...
Pietà, pietà, mi dispero!

Amore mio, dormi ancor,
Son stanca, sento mancar pensiero, voce, dolor,
Ho sonno, sorrido a le ombre d’un sogno, manco, ma in pace
Con te?... Su questo tuo letto...? O mio sovrano, ti piace?
Quanto è potente il mio sposo, quanto serena mi rende,
Com’è profondo il riposo che dal suo letto mi ascende!
Lo sguardo mio più non vede, l’orecchio mio più non sente,
Nè l’ombra lenta del sonno si oscura e perde la mente.