Fimmene fimmene

Da Wikisource.
F

canti cantastoria Fimmene fimmene Intestazione 26 giugno 2011 25% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Fimmene fimmene ca sciati allu tabaccu
ne sciati doi e ne turnati quattru.

2Ci bu la tice cu chiantati lu tabaccu
la ditta nu bu tae li taraletti.

3Ca poi li sordi bu li benedicu
bu 'nde ccattati nuci per Natale.

4Te dicu sempre cu nu chianti lu tabaccu
 lu sule è forte e te lu sicca tuttu.

5Fimmene fimmene ca sciati alle ulìe
cugghitinde le fitte e le cigghiare1.

6Fimmene fimmene ca sciati a vindimare
e sutta lu ceppune bu la faciti fare.

7E Santu Paulu meu te Galatina
fammende ccuntetà sta signurina.

8E Santu Paulu meu te le tarante
pizzichi le caruse a mmienzu all'anche.

9 E Santu Paulu miu te li scurzuni
pizzichi li carusi alli cujuni.


Traduzione


Femmine femmine che andate al tabacco
ve ne andate in due e tornate in quattro.

2Chi vi dice di piantare il tabacco
la ditta non vi dà neanche i telaietti.

3Che poi i soldi ve li benedico
che vi comprate le noci per Natale

4Ti dico sempre di non piantare il tabacco
il sole è forte e lo secca tutto.

5Femmine femmine che raccogliete le olive
raccogliete le vicine e le sparse

6Femmine femmine che andate a vendemmiare
sotto la vigna ve la fate fare.

7E San Paolo mio di Galatina
fammi accontentare questa signorina

8E San Paolo mio delle tarante
pizzichi le ragazze in mezzo alle gambe.

9E San Paolo mio dei serpenti
pizzichi i maschi fra i coglioni.

Note

  1. fitte e cigghiare indicano rispettivamente le olive cadute nella zona più centrale dell'aia di raccolta e quelle più esterne.