Fiore/CLVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLVI

../CLV ../CLVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLV CLVII

 
La Vec[c]hia

 "Figl[i]uola mia, chi vuol gioir d’Amore,
Convien ch’e’ sap[p]ia i suo’ comandamenti.
Ver è ched e’ ve n’à due dispiacenti:
Chi se ne ’mbriga, sì fa gran follore.4

 L’un dice che ’n un sol luogo il tu’ cuore
Tu metta, sanza farne partimenti;
L’altro vuol che·ssie largo in far presenti:
Chi di ciò ’l crede, falleria ancore.8

 I·nulla guisa, figlia, vo’ sia larga,
Né che ’l tu’ cuor tu metti in un sol loco;
Ma, se mi credi, in più luoghi lo larga.11

 Se dài presenti, fa che vaglian poco:
Che s’e’ ti dona Lucca, dàgli Barga;
Così sarai tuttor donna del g[i]uoco.14