Fiore/CLVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CLVII

../CLVI ../CLVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CLVI CLVIII

 
La Vec[c]hia

 "Donar di femina si è gran follia,
Sed e’ non s’è un poco a genti atrare
Là dov’ella si creda su’ pro fare,
E che ’l su’ don radoppiato le sia.4

 Quella non tengh’ i’ già per villania:
Ben ti consento quel cotal donare,
Ché·ttu non vi puo’ se non guadagnare;
Gran senn’ è a far tal mercatantia.8

 Agl[i] uomini lasciàn far la larghez[z]a,
Ché Natura la ci à, pez[z]’ è, vietata:
Dunque a femina farla si è sempiez[z]a;11

 Avegna che ciascun’ è sì afetata
Che volontier di lei fanno stranez[z]a,
Sed e’ non s’è alcuna disperata.14