Fiore/CXCVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXCVIII

../CXCVII ../CXCIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXCVII CXCIX

 
L’Amante e la Vec[c]hia

 Al[l]or sì fecer fine al parlamento.
La Vec[c]hia se ne venne al mi’ ostello,
E disse: "Avrò io sorcotto e mantello
Sed i’ t’aporto alcun buon argomento4

 Che ti trarrà di questo tuo tormento?".
I’ dissi: "Sì, d’un verde fino e bello;
Ma, sì sacciate, non fia san’ pennello
Di grigio, con ogn’ altro guernimento".8

 D’Amico mi sovenne, che mi disse
Ched i’ facesse larga promessione,
Ma ’l più ch’i’ posso, il pagar soferisse:11

 Avegna ch’i’ avea ferma ’ntenzione
De dar ben a coste’, s’ella m’aprisse,
Che quell’ uscisse fuor della pregione.14