Fiore/CXXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXXVI

../CXXXV ../CXXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

CXXXV CXXXVII

 
La ripentenza Mala-Bocca

 Ser Mala-Bocca si fu ripentuto
Di ciò ch’egli avea detto o pur pensato,
Ched e’ credette ben aver fallato;
Sì disse a Falsembiante: "Il vostro aiuto4

 Convien ch’i’ ag[g]ia, ch’i’ non sia perduto";
E ’mantenente si fu inginoc[c]hiato,
E disse: "I’ sì vogli’ esser confessato
D’ogne peccato che m’è avenuto".8

 Astinenza-Costretta il prese allora,
Che·ss’era molto ben sobarcolata,
E Falsembiante col rasoio lavora:11

 A Mala-Bocca la gola à tagliata.
E po’ ru[p]per la porta san’ dimora:
Larghez[z]a e Cortesia l’àn[n]o passata.14