Fiore/XCII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XCII

../XCI ../XCIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75%

XCI XCIII

 
Fa[l]sembiante

 "Color con cuï sto sì ànno il mondo
Sotto da lor sì forte aviluppato,
Ched e’ nonn-è nes[s]un sì gran prelato
C[h]’a lor possanza truovi riva o fondo.4

 Co·mmio baratto ciaschedun afondo:
Che sed e’ vien alcun gra·litterato
Che voglia discovrir il mi’ peccato,
Co·la forza ch’i’ ò, i’ sì ’l confondo.8

 Mastro Sighier non andò guari lieto:
A ghiado il fe’ morire a gran dolore
Nella corte di Roma, ad Orbivieto.11

 Mastro Guiglielmo, il buon di Sant’Amore,
Fec’ i’ di Francia metter in divieto
E sbandir del reame a gran romore.14