Fiore di virtù/XXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXX. Della intemperanza appropriata al liocorno

../XXIX ../XXXI IncludiIntestazione 16 gennaio 2009 75% Saggi

Anonimo - Fiore di virtù (XIV secolo)
Capitolo XXX. Della intemperanza appropriata al liocorno
XXIX XXXI


Intemperanza, che è contrario vizio della virtù della temperanza, secondo che dice Damasceno, si è a seguire tutte le sue volontà, siccome gli viene dal cuore. E puossi assimigliare la intemperanza al liocorno, ch’è una bestia che ha tanta dilettazione di stare con alcuna donzella, che, com’egli ne vede alcuna, incontanente va da lei, e addormentasi nelle sue braccia: poi vengono gli cacciatori, e si lo prendono; chè altrimenti non lo potrebbono pigliare, se non per la sua intemperanza. Plato dice: Nessuno vizio al mondo è peggiore che la intemperanza; chè da lei procedono tutti gli mali. Varro dice: Chi è volonteroso non può essere senza molti vizj. Seneca dice: Alla persona volonterosa nessuna ricchezza può durare. Socrate dice: Chi vuole seguitare tutte le sue volontà, alla fine conviene rimanere perdente, e tosto vituperato.