Gl'ingannati/Prologo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prologo

../Recitatori della comedia ../Atto I IncludiIntestazione 9 maggio 2017 25% Da definire

Recitatori della comedia Atto I
[p. 313 modifica]

PROLOGO

Io vi veggio fin di qua, nobilissime donne, meravigliare di vedermivi cosí dinanzi in questo abito e, insieme, di questo apparecchio come se noi avessimo a farvi qualche comedia. Comedia non vi dovete pensare: che, infin l’anno passato, voi poteste conoscere che P Intronati avevano il capo ad altro che alle comedie; e poi vedeste, l’altro giorno, qual fusse intorno alle cose vostre l’animo loro e che non volevano piú vostra pratica né venirvi piú dietro, come quelli che non gli piaceva piú essere morsi, rimenati per bocca e tocchi fino al vivo da voi. E però abbruciarono, come voi vedeste, quelle cose che gli potevano far drizzare la fantasia e crescer l’appetito di voi e delle cose vostre. Ora vi voglio cacciar questa meraviglia del capo. Questi Intronati, a dirvi ’l vero (e crediatemi, ch’io gli ho sentiti), si dolgono strettamente d’essere entrati in questo farnetico ed hanno una gran paura che voi, come quelle che avete di che, non pigliate quella lor facenda per la punta di modo che, per l’avvenire, voi glie ne teniate la lingua e gli voltiate le spalle ogni volta che gli vedrete. E, per questo, m’hanno spinto qui per imbasciadore, oratore, legato, procuratore o poeta, pigliatel come v’entra meglio nella memoria. Io mi truovo il mandato ampio, in buona forma. Prestatemi la fede vostra; altrimenti gli è forza ch’io vel mostri, che l’ho portato meco. Dico ch’io so’ qui a posta per far questa pace e rappiccarvi insieme con loro, se ne séte contente; che, a dirvi il vero, le lor facende, senza voi, son fredde e presso che perdute e, se non ci si ripara, se ne vanno in un zero. Fatelo, ch! fatelo, donne; che ve ne metterá bene. Voi conoscete pur la natura loro: che, se voi gli volgete una volta gli occhi un poco pietosi, e’ si lasceranno maneggiare, portar per bocca (da voi, però, non da altri, che non starebbon forti) e straziare, toccar nel vivo con le parole, coi fatti, star di sopra a ogni [p. 314 modifica]cosa e esser sempre le prime voi. O che volete? séte contente? faretelo o no?... Voi non rispondete? Non lo negando, questo è buon segno. Mirate s’elli hanno voglia di farlo, questo accordo! che, quasi in tre di, hanno fatto una comedia; e oggi ve la voglion far vedere e udire, se voi vorrete. Ecco che voi sapete ora quel che vuol dire questo apparecchio, chi io sono e quello eh’ io vi faccio d’intorno. Questa comedia, per quanto io ne abbia inteso, la chiamano L’ingannati’, non perché fusseno mai ingannati da voi, no, che mai non l’ingannaste e vi conoscan pur troppo bene (ma ben gli avete sforzati sempre né se ne son possuti guardar tanto che basti); ma la chiamano cosi perché poche persone intervengono nella favola che, nel compimento, non si trovino ingannate. Ma e’ ci son degli inganni, tra gli altri, d’una certa sorte che volesse Iddio, per il mal ch’io vi voglio, che voi fusse ingannate spesso cosi, voi, ed io fussi l’ingannatore! che io non mi curarei di rimaner sotto all’ ingannato. La favola è nuova e non altronde cavata che della loro industriosa zucca onde si cavorno anco, la notte di beffana, le sorti vostre; per le quali vi parve che l’ Intronati vi mordesser tanto in su quel fatto del dichiarare e diceste che gli avevan cosi mala lingua. Ma e’ si par ben che voi non l’avete assaggiate; che forse non direste cosi, ma gli difendereste e terreste la parte loro da buone compagne in tutti quei luochi che bisognasse. So ben che non ci mancherà chi dica che questa è una insalata di mescolanza. A questi tali io non voglio, io, rispondere, perché, come ella si sia, gli basta ch’ella piaccia a voi sole: alle quali essi, con ogni loro studio, si sono ingegnati sempre di piacere principalmente; e questo pensano che gli verrà fatto di leggero e maggiormente se ce n’è tra voi delle pregne a cui soglion spesso piacere, non pur di questi cotali spettacoli, ma i carboni pesti, la cocitura dell’accia, la polver dei mattoni, i calcinacci e cosi fatte cose. Agli uomini non importa ch’ella piaccia o no, perché l’ Intronati hanno ordinato un modo che nissun di loro la potrà né vedere né udire, se già non son ciechi. E però, se qualche sacciuto maligno, tirato dal desiderio che gli ha d’apontarci, avesse una gran voglia di vederla o udirla, cavisi gli occhi perché altrimenti non la corrà. Io so che vi parrà strano che i ciechi la vegghino. E pur sarà vero; e intendarete come, se voi arete tanta pazienzia eh’ io vel mostri.

Quanto ha di bello il mondo, senzo dubbio, è oggi in Siena; e quanto ha di bel Siena si truova al presente in questa sala. Questo [p. 315 modifica]non si può negare; perché quelle che non ci sono non poss’io credere che sieno né belle né appresso, poi ch’elle fuggono il parragon di voi altre. Come volete voi, adunque, che costoro stieno a mirar scene o comedie o sentinD o vegghino cosa che noi faciamo o diciamo, essendoli voi dinanzi? Che più bel giuoco, che più bello spettaculo, che cosa più piacevole o più vaga si può veder ^ di voi? Certo, nissuna. Ora eccovi mostro come gli uomini non vedranno né udiranno questa comedia, se non son ciechi; che già vi pareva ch’io avesse detta cosi gran pappolata. Ma voi, donne, la vedrete e odirete benissimo perché, in vero, non vi conosciamo tanto cortesi che vi siate per perdere o uscir di voi stesse nel mirarci. Né si pensin questi che fanno tanto il bello, questi acconci, questi spelatelli che, per aver una bella barba, per calzar bene uno stivale o per fare una riverenzia di beretta accompagnata con un sospiro che si senta fin da Fonte Becci, voi abbiate a lasciar questa cosa per attendere a loro: che ne restarebbeno ingannati e cosi torrebbeno il nome alla nostra comedia. E’ potrebbe bene essere ^ che uno spagnuolo, che voi vedrete venire, vi rompesse un poco la fantasia e che non pigliasse cosi bene la nostra materia. Ma io v’insegnarò un bel colpo. Non vi curate di lui, che, non avendo voi la lingua sua, non vi potete intendere insieme; e attendete a questi, che son tutti taliani : e, prestandoli voi la vostra attenzione, non perderete cosa che ci si dica e sarà bello e fatto. Ma, poi eh’ io veggio questi uomini cosi intenti a mirarvi che non sentan ciò ch’io mi dica, mi giova di ragionar con voi un poco in sul sodo e domesticamente. È possibil però, ingrate che voi séte, che questi Intronati s’abbin sempre a lamentar di voi e che, sempre, in ogni luoco, vi s’abbi a ritoccare il medesimo e che le tante fatiche che duran per voi e ’1 tanto studio che vi mettano intorno per lodarvi non vi possa piegare a fargli, un tratto, un piacere? Oh! Ponetevi una volta giù, col nome di Dio; e chiamateli tutti ad uno ad uno; e vogliate intendere quel che dicono e quel che cercano da voi: che so certo che quel che vogliono è una frascaria e voi ne séte tanto copiose e ricche che, senza perdern’oncia, ne potreste dare, non solo a loro, ma a tutta questa città. Ditemi, per vostra fé: che credete però che voglino? E’ non cercano altro da voi che la grazia vostra; e che vogliate conoscere gli ingegni loro, chi l’ha grosso e chi l’ha sottile; e diciate: — Questo mi piace — e — Questo non mi piace, — acciò che quelli che non v’aggradaranno possin volgere il pensiero altrove e attender dietro ad altro studio. [p. 316 modifica]Ma gli è una gran cosa che voi gli vogliate tener sempre in questo cimbello e non vogliate risolvervi, un tratto, a questo benedetto «si»! Sapete quel ch’io vi vo’ dire? Guardatevi di non li fare, un tratto, disperar da vero; e tenete a mente ben le mie parole, ch’io so quel ch’io me dico. Voi ne li perderete, una volta, a fatto; e non gli potrete poi tanto andare a versi che ci sia ordine a porvi riparo; e ve ne dorrete, quando non sarete piú a tempo. E tenete questo per fermo: che non si sta sempre a un modo. E questo basti. Oh! Or ch’io mi ricordo: non v’aspettate altro argomento perché quello che ve lo aveva a fare non è in punto. Fatevi senza, per ora. E bastivi sapere solamente che questa cittá è Modana, per questo anno, e le persone che intervengono nella favola sono, i piú, modanesi. Però, se facessino qualche errore nel muover della | lingua, non sará gran fatto perché non l’hanno ancora cosí ben presa. L’altre cose, io penso che voi siate cosí capaci che la materia v’entrará per se stessa senza troppa fatica. Due ammaestramenti sopra tutto ne cavarete: quanto possa il caso e la buona fortuna nelle cose d’amore; e quanto, in quelle, vaglia una longa pazienzia accompagnata da buon consiglio. Il che due fanciulle, con il lor saper, vi mostraranno; il quale se, seguendolo, poi vi giovará, arete questo obligo con esso noi. Questi uomini, se non aranno piacere delle cose nostre, assai ci aranno da ringraziare, che, per quattr’ore al manco, gli daremo commoditá di poter contemplare le vostre divine bellezze. Ma, perch’io veggo duo vecchi ch’escon fuore, mi partirò, benché mal volentieri, da mirar si belle cose; ancor ch’io penso che vi tornarò a vedere. Addio tutti.