I mercatanti/Appendice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I due pantaloni - Appendice

../Atto III ../Notizia storica IncludiIntestazione 9 luglio 2019 25% Da definire

Atto III Notizia storica

[p. 97 modifica]

I DUE PANTALONI.

APPENDICE

Dall’edizione Bettinelli di Venezia. [p. 98 modifica] [p. 99 modifica]PERSONAGGI.

PANTALONE de’ BISOGNOSI, mercante veneziano.

PANTALONCINO. suo figlio.

Monsieur RAINMUR, mercante olandese ospite di Pantalone.

Madamigella GIANNINA, nipote di monsieur Rainmur.

LELIO, amico di Pantaloncino.

BEATRICE, figlia di Pantalone.

CORALLINA, serva in casa di Pantalone.

BRIGHELLA, servidore di Pantalone.

ARLECCHINO, servidore di Pantalone.

Tre Giovani del negozio di Pantalone.

Il Dottor MALAZUCCA, medico avaro.

Altro Giovine di Pantalone.

Servitore che non parla.

La Scena si rappresenta in Venezia. [p. 100 modifica] [p. 101 modifica]

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Camera in casa di Pantalone, cioè mezza alla mercantile con suoi banchi e scritture ; e vari giovani, che stanno scrivendo. Pantalone ad un tavolino con varie carte in mano, e tre Giovani ai loro banchi.

Pantalone. (Ste tre lettere le scade drente de ancuo, e bisogna pagarle. Ma pagarle con cossa? Bezzi in scrigno no ghe ne xe. La roba bisogna sustegnirla per reputazion. Oh povero Pantaloni Semo in ruvina, semo in precepizio; e per cossa? Per causa de quel desgrazià de mio fio), (da sé) Aveu fatto quel bilanzo coi corrispondenti de Livorno? (ad un Giovine)

Primo Giovine. Sì signore, l’ ho fatto.

Pantalone. Come stemio ?

Primo Giovine. La ditta Bisognosi deve dare quattro mille pezze da otto.

Pantalone. (Una bagattella !) (da sé) E vu, sior, aveu fatto el bilanzo con quei de Lion? (ad un altro Giovine)

Secondo Giovine. L’ ho fatto ; e siamo in debito di sei mille scudi di Francia.

Pantalone. (Meggio). (da sé) E colla Germania, vu, come stemio ? (ad un altro Giovine)

Terzo Giovine. Con tre mille fiorini si pareggia il conto.

Pantalone. (Va benissimo), (da sé) Ho inteso tutto. Basta cussi. I bilanzi de Londra, de Costantinopoli e da tutto el Levante li ho fatti mi. In quelle piazze son creditor d’ assae, e con una tirada de penna saldo tutti sti conti. (Bisogna che diga cussi per reputazion, acciò che i mi zoveni no me creda fallìo. Pur troppo gh’ ho dei debiti da per tutto, e no so come tirar avanti). (da sé [p. 102 modifica]

SCENA II.

Brighella e detti.

Brighella. Signor, ghe son do zoveni che ghe vorria parlar.

Pantalone. Chi xeli?

Brighella. Uno Tè el primo zovene del negozio Lanzman, e r altro el scodidor de monsìi Saitson.

Pantalone. (I sarà vegnui per scoder le lettere de cambio), (da se) V ali dito cossa che i voi ?

Brighella. A mi no i m’ ha dito gnente ; ma ho sentido che i parlava tra de lori ; e i diseva certe cosse ... (no vorave che sti zoveni ne sentisse).

Pantalone. Putti, andè a Rialto (a), andeve a far veder ; se qucJchedun domanda de mi, diseghe che adessadesso vegno. Se ghe xe zente che abbia da pagar, scuodè ; se ghe xe zente che abbia d’ aver, diseghe che co vegnirò mi, salderò tutti. Gh’ ho un piccolo affaretto, me destrigo e vegno.

Primo Giovine. (Ho paura che il nostro principale, in vece di venire a Rialto, voglia andare a Ferrara), (b) (via)

Secondo Giovine. (Eppure è un uomo di garbo; ma suo figlio r ha rovinato). (via)

Terzo Giovine. (Quanti padri per voler troppo bene ai figliuoli rovinano la famiglia). (via)

Pantalone. Disè suso mo, quel che volevi dir. (a Brighella)

Brighella. Ho sentì quei do zoveni parlar sotto ose e dir che i dubita del pagamento ; che la ditta Bisognosi è in pericolo, e che i ha ordine, no ricevendo el contante, de far sequestrar.

Pantalone. Ah Brighella, son rovina.

Brighella. Cospetto del diavolo ! Sento che se me giazza el san- gue a sentir ste cosse. Ma come mai ala fatto, caro sior padron ?

Pantalone. Causa quel desgrazià de mio fio. L’ ho messo in piazza, (a) Luogo in Venezia dove v ha la piazza dei mercanti ed il Banco del giro. (b) Per essere la piìt vicina alla Dominante in stato estero. [p. 103 modifica] gh’ ho dà credito, gh’ ho dà bezzi da negoziar : l’ ha fatto cento spropositi, e per coverzerlo elo, ho dovesto descoverzerme mi.

Brighella. Mo cara eia, perchè metterghe cussi presto intorno sto abito mercantil?

Pantalone. Sperava che vedendose in mezzo a tanti onorati mar- canti, impegna in negozi, in traffeghi, con lettere, con affari, el se sodasse, el tendesse al serio, el lassasse le male pratiche e el se mettesse al ponto de far onor alla casa e a lu mede- simo ; ma ho falla, confesso d’ aver falla. L’ ha fatto pezo, el s’ ha ruvinà elo e l’ ha precipita el so povero pare.

Brighella. Qua bisogna pensar al remedio.

Pantalone. No so dove buttarme. Ho perso la carta del navegar.

Brighella. La perdoni, ala mai confida gnente a monsù Rainmur, a sto onorato Olandese che xe allozà in casa soa?

Pantalone. Ve dirò, voleva dirghe qualcossa, ma per tre rason no l’ho fatto. Prima de tutto son debitor anca con lu, de sette o ottocento ducati ; in secondo logo savè che madamosella Giannina, so nezza, gh’ ha qualche inclinazion per mio fio, e eia gh’ ha de dota sie mille lire sterline, che poco più, poco manco, sarà in circa quaranta mille ducati. Se me riussisse de far sto matrimonio, poderia sperar de remetterme in pie. Per questo me tegno in reputazion coli’ amigo ; ma se dago la sculazzada per terra, ho perso tutto, e no gh’ ho più speranza de respirar.

Brighella. Donca per ste rason ...

Pantalone. Ghe ne xe un’ altra. Monsù Rainmur gh’ ha qualche inclinazion per Beatrice mia fia. A un omo ricco de quella sorte, poderia sperar de darghela senza dota. Ma se desco- verzo con lu le mie piaghe, va tutto a monte, perdo el credito, e precipito le mie creature.

Brighella. El credito la lo perde, se in ancuo no la paga le lettere, e se scomenza a sequestrar i so effetti.

Pantalone. Pur troppo l’è la verità. Penso, repenso, e no so quala far.

Brighella. Quei zoveni aspetta. Cossa gh’ oio da dir ?

Pantalone. Se i xe vegnui per scuoder le lettere, diseghe che le [p. 104 modifica] scade ancuo, che stamattina li vedere a Rialto ; che i m’ aspetta al Banco del ziro, che ghe li zirerò, o ghe li pagherò in con- tante, come che i voi.

Brighella. Sì signor, e ghe dirò che i diga, che monede i desi- dera, ongari, zecchini, doppie, quel che i voi. Questa l’ è la regola che se pratica in ste occasion. Co s’ è in pericolo de fallir, se se sostien a forza de chiacchere, grandezze, spampa- nade, imposture, e se no crede un, crede l’ altro, e se tira avanti fin che se poi. (via)

Pantalone. Mi no son de sto cuor. Son sta sempre un omo onorato, e sarò tal fin che viverò. Gh’ho dei debiti assae, ma gh’ ho crediti e dei capitali. Se le cosse anderà mal, cederò tutto, resterò in camisa, ma no son capace de imposturar.

SCENA III.

Brighella e Pantalone.

Brighella. I è andadi via.

Pantalone. Cossa ali dito?

Brighella. Che i l’ aspetterà al Banco del ziro.

Pantalone. Voggia el cielo, che ghe possa andar.

Brighella. Sior padron, spero che la sorte stamattina lo voggia consolar.

Pantalone. In che maniera?

Brighella. S’ arrecordela che gieri gh’ ho parla de quel medico che gh’ aveva do mille ducati da investir, ma che el voleva el sette per cento?

Pantalone. Si ben, me l’ arecordo, e m’ arecordo anca che v’ ho dito, che el sette per cento noi se poi far. Fina el sie alla mercantil se lassa correr, ma el sette no se poi.

Brighella. Eh caro sior padron, co se gh’ ha bisogno, se paga anche l’otto, anche el diese.

Pantalone. E cussi se va in malora più presto, e cussi ha fatto mio fio, e mi, per liberarlo da sti aggravi, ho paga in contanti [p. 105 modifica] e son resta scoverto ; ma se no avesse fatto cussi, no gh’ avena più cenere sul fogher.

Brighella. L’ è qua in portego el sior Dottor. L’ è vegnìi a of- ferirglieli a eia, la lo ascolta, la senta ; se el ghe li volesse dar al sie per cento, e se la poi, la se profitta in occasion che la ghe n’ha tanto bisogno.

Pantalone. Brighella caro, a tor sti bezzi gh’ ho le mie difficoltà. Se per mia disgrazia i creditori me strenzesse i panni adosso, e domattina m’ avesse da retirar, sto povero galantomo che ancuo me dà i so bezzi, doman el li avena persi, e mi l’ave- rave tradio, e el mio fallimento sarave criminal, e mi oltre i bezzi perderia anca la reputazion. Fallir per disgrazia merita compatimento da tutti. Fallir con malizia xe un delitto da sas- sini da strada.

Brighella. Donca no la lo voi ascoltar?

Pantalone. Felo vegnir. Ghe parlerò. Se el se contenterà del- l’ onesto, pregherò monsieur Rainmur che li toga elo per mi. Così el miedego no li perderà, e mi me ne servirò, se vederò che i possa agiutarme a star saldo, con speranza de remet- terme e de remediar.

Brighella. Ma come mai un omo de tanta onestà e de tanta prudenza s’ ha ridotto in stato de dover fallir !

Pantalone. Desgrazie sora desgrazie. Fallimenti de corrispondenti, perdita de roba in mar ; e pò mio fio, quel desgrazià de mio fio, senza amor, senza fede, senza carità.

Brighella. Povero el me padron, l’ è degno veramente de com- passion.

Pantalone. Tremo co penso che ho da parlar de ste cosse a monsieur Rainmur. L’ omo più onorato del mondo, el più bon Olandese che abbia mai pratica. Omo schietto, de un ottimo cuor. Ho paura che el se scandolizza de mi, che el me perda la stima, e che el me abbandona. Anderò con delicatezza, e se vederò che el scantina, me regolerò con prudenza. [p. 106 modifica]

SCENA IV.

Dottore Malazucca e Pantalone.

Dottore. Servitor di V. S., signor Pantalone.

Pantalone. Pazzo reverenza al sior dottor Malazucca.

Dottore. Sono venuto ad incomodarvi?

Pantalone. La comandi. In cossa la possio servir?

Dottore. Il vostro servidore Brighella vi ha detto nulla?

Pantalone. E1 m’ha dito, che la vorria investir do mille ducati. Xe la verità?

Dottore. E verissimo. In tanti anni che faccio la professione fati- cosa del medico, ecco quanto mi sono avanzato, e l’ ho avan- zato a forza di risparmiare. Sono ormai vecchio, e invece che l’età mi faccia moltiplicar le faccende, queste mi vanno anzi mancando ; perchè il mondo è pieno d’ impostori ; e chi opera secondo le buone regole di Galeno, non è più stimato. Pazienza: ho questi due mille ducati, vorrei investirli, e vorrei che la rendita mi bastasse per vivere.

Pantalone. Vorla far un vitalizio?

Dottore. No, non voglio perdere il capitale, mentre con questo mi faccio servire da una buona vedova, dandole speranza di lasciarglielo alla mia morte.

Pantalone. Donca come voravela far? Do mille ducati, se la li investe in depositi o in censi, i ghe renderà el quattro o el cinque per cento.

Dottore. E i censi non sono sicuri. Vorrei impiegarli senza pe- ricolo, e vonei un sette per cento.

Pantalone. Sarà difficile che la trova sto prò colla sicurezza.

Dottore. Mi hanno detto che i mercanti li prendono al sette, e anche all’ otto per cento.

Pantalone. Qualche volta, co i ghe n’ha bisogno, poi darse.

Dottore. Voi non ne avete bisogno?

Pantalone. No ghe n’ho bisogno, ma per servirla, al sie per cento poderia darse che li tolesse.

Dottore. Il sei è poco, almeno il sei e mezzo. [p. 107 modifica]

Pantalone. Basta, la se trattegna un pochette, se no la gh’ ha pressa, tanto che vaga a far certi conti con un mio conispon- dente ; e tornerò da eia, e discorreremo.

Dottore. Son qui ; non parto, se non tornate.

Pantalone. Tomo subito. (Voggio prima parlar coli’ Olandese, e pò qualcossa risolverò), (da se) Gh’ ala i bezzi con eia ?

Dottore. Si, li ho qui in tanto oro. Li porto sempre meco, per paura che non me li rubino.

Pantalone. Stimo assae, che el se porta adosso quel peso.

Dottore. Lo porto volentieri. L’ oro è un peso che incomoda niente affatto.

Pantalone. (Povero diavolo ! El me fa compassion. Se fusse un omo senza conscienza, ghe faria perder in t’ un momento quel che per tanti anni l’ ha procura de avanzar). (Ja sé, via)

Dottore. Glieli darò al sei e mezzo per non tenerli più in tasca, perchè mi pesano ; e in casa non mi lido. Ma quando li tro- verò di darli al sette, li leverò al signor Pantalone, e li darò a chi ne averà più bisogno. Intanto ch’egli torna, voglio con- tarli. Ieri sera mi parve che ci fossero due zecchini di più. Non vorrei perderli, se fosse la verità, (tira fuori la borsa, versa il denaro sul tavolo, e si mette a contare) Oh che beli oro ! Oh che bei zecchini ! E pure li ho fatti tutti a tre o quattro lire alla volta. Tanti medici che ne sanno meno di me, hanno per paga zecchini e doppie, ed io povero sfortunato non ho mai potuto avere più di un ducato, e ho dovuto contentarmi sino di trenta soldi. Eppure ho fatto due mille ducati : a forza di man- giar poco, bevere acqua, o tirar qualche mancia dalli speziali.

SCENA V.

Pantaloncino, Lelio e detto.

Pantaloncino. Vegnì qua, compare, che vederemo se ghe xe el cassier.

Dottore. (Copre col mantello i denari sul tavolino.)

Lelio. In ogni maniera bisogna ritrovare questi trenta zecchini. [p. 108 modifica]

Pantaloncino. I troveremo senz’ altro. Me despiase che no ghe xe el cassier. Chi diavolo xe colìi? (a Lelio)

Lelio. Quegli è un medico. Lo conosco.

Pantaloncino. Strissima. (al Dottore)

Dottore. Servitor suo.

Pantaloncino. La diga, cara eia, gh’ ala nissun remedio per le buganze (’)?

Dottore. Perchè no? Se diceste davvero, ho un segreto mirabile.

Pantaloncino. Oe. Sentì che boccon de omo ! El gh’ ha el se- creto per le buganze 1

Lelio. Caro amico Pantaloncino, non si perdiamo in barzellette. Pensate a trovare i trenta zecchini, che vi vogliono per T abito che avete promesso alla virtuosa.

Pantaloncino. Se gh’ avesse le chiave del scrigno, li troverave subito. Aspettemo che vegna el cassier.

Lelio. Se vien vostro padre?

Pantaloncino. Fin che son qua mi, mio pare no vegnirà.

Lelio. Siete disgustati?

Pantaloncino. No semo desgustai ; ma se andemo schivando.

Lelio. Basta, pensate a mantenere la vostra parola.

Pantaloncino. Son curioso de saver cossa fa quel martuffo stra- vacca (2) su quel taolin.

Dottore. (Vorrei che venisse il signor Pantalone). (da sé)

Pantaloncino. La diga, patron, comandela gnente?

Dottore. Sto aspettando il suo signor padre.

Pantaloncino. Se la comanda qualcossa dal negozio, posso ser- virla anca mi.

Dottore. L’interesse per cui son qui, ho da trattarlo col principale.

Pantaloncino. E mi cossa songio? No son principal tanto quanto che xe mio pare? No la sa che in piazza Pantaloncin Biso- gnosi xe ditta cantante, e fazzo i primi negozi de sto paese? Se la xe qua per affari de negozio, ho da saverlo anca mi.

Dottore. Vi dirò, signore, ho qui questi due mille ducati da in- vestire, e trattavo di farlo col signor vostro padre. (I) Geloni : v. Boerio, Dizion. del dialetto venez. (2) Sdraiato: v. vol. Il, p. 595. [p. 109 modifica]

Pantaloncino. (Oe ! Varda che bei zecchini !) (a Lelio)

Lelio. (Venirebbero a tempo). (a Pantaloncino)

Pantaloncino. Cossa disc mio pare ?

Dottore. Non mi vorrebbe dar altro che il sei per cento, ma io per meno del sette non glieli posso fidare.

Pantaloncino. Se la voi el sette per cento, ghel darò mi.

Dottore. Ma voi, signore, siete figlio di famiglia.

Pantaloncino. Fio de fameggia? Un mercante che negozia col soo, indipendente dal pare, se ghe dise fio de fameggia? Cossa diseu, sior Lelio? I dise de sta sorte de bestialità.

Lelio. Quel signore è compatibile. Un medico non ha obbligo di sapere le regole mercantili, e molto meno di conoscere tutti i mercanti.

Dottore. E verissimo : io non so più di così. Conosco il signor Pantalone de’ Bisognosi ...

Pantaloncino. E mi me cognossela?

Dottore. So che siete suo figlio.

Pantaloncino. E no la sa gnente de più?

Dottore. Non so di più.

Pantaloncino. Caro vecchio, informelo. (a Lelio)

Lelio. V. S. sappia che il signor Pantaloncino negozia del suo...

Pantaloncino. E el gh’ ha in banco trenta mille ducati. Diseghe tutto.

Lelio. Il signor Pantaloncino ... non è figlio di famiglia ...

Pantaloncino. Perchè el gh’ha la so firma a parte, e che sia la verità, tolè, mostreghe ste lettere de cambio, mostreghe ste accettazion.

Lelio. Ecco qui, guardate : Al signor Pantaloncino de’ Bisognosi, [Venezia. Vedete? Accetto ad uso ecc. Pantaloncino de’ Bi- sognosi. ^

Dottore. E verissimo, ma ...

Pantaloncino. E pò, cossa serve ? La resta servida, patron ; questo xe el mio banco, e quello xe de mio pare. La veda mo, come xe intitoladi sti libri? Cassa Pantaloncin de’ Biso- gnosi : zomal, libro maestro, salda conti, squarcia foggio, re- [p. 110 modifica] gistro, copia lettere. No ghe fazzo miga veder sle cosse per voler i so bezzi ; no ghe n’ ho bisogno, e no ghe ne so cossa far. Fazzo per giustificar quel che ho dito, e per farghe veder che son un omo, e che no son un puttelo. Siben che patisse le buganze, no son un puttelo.

Dottore. Signore, vi prego, non vi riscaldate. Ho piacere di es- sere illuminato, e conoscere in voi un mercante onorato indi- pendente dal padre. Anzi, se meli ...

Pantaloncino. No me parie de bezzi, che no ghe ne voggio.

Lelio. (Non ve li lasciate scappare). (piano a Pantaloncino)

Pantaloncino. (Lasseme far el mestier, come che el va fatto). (a Lelio)

Dottore. Mi dispiace che il signor Pantalone non viene, ed io ho una visita che mi preme.

Pantaloncino. Quanto ghe volevelo dar mio pare de prò de quei bezzi?

Dottore. Il sei per cento.

Pantaloncino. Poverazzo ! Lo compatisso. Col trova i gonzi, el li chiappa. No digo per dir mal de mio pare, ma tutti sti marcanti vecchi i fa cussi, i sta su l’antigo. Tanto i voi pagar de prò sui bezzi che i tol ancuo, che le marcanzie se vende de più, quanto i pagava za trenta o quarant’ anni, che le mar- canzie se vendeva de manco.

Dottore. Oggi potrebbero dare qualche cosa di più.

Pantaloncino. Mi, quando m’ ha premesto, per far qualche bon negozio, ho paga fina Y otto per cento.

Lelio. E anche il dieci.

Pantaloncino. No, no, vecchio. No son mai sta in sto caso. Fina l’otto sì ben ; ma el diese mai.

Dottore. Dunque V. S. non avrebbe difficoltà di pagare Y otto per cento.

Pantaloncino. Se ghe n’avesse bisogno; ma no ghe n’ho bi- sogno.

Lelio. Ma i denari alli mercanti profittano sempre il doppio.

Pantaloncino. Se gh’ ho el scrigno pien, che no ghe ne so cossa far. [p. 111 modifica]

Dottore. Caro signore, potrebbe da un momento all’ altro venirgli r occasione di servirsene.

Lelio. Quante volte arrivano dei casi che non si prevedono.

Dottore. La prego, signore, metta lei una buona parola per me. (a Lelio)

Lelio. Via, finalmente è un medico, di cui potreste un giorno aver anche voi di bisogno.

Dottore. In verità, la servirò con amore.

Pantaloncino. De doppie e de filippi son pien per tutto. Se ghe Risse una pcirtia de zecchini, fursi fursi la torna per man- darli a Costantinopoli.

Dottore. Per V appunto sono tanti zecchini. Tutti di Venezia. Due mille ducati in tanti zecchini.

Lelio. Volete di più? Ecco il vostro caso.

Pantaloncino. Ghe darò in baratto, se el voi, tante doppie.

Dottore. Io non voglio far baratto. Li voglio investire.

Pantaloncino. A quanto per cento?

Dottore. Almeno, alrneno all’ otto.

Pantaloncino. All’otto mo...

Lelio. Via, vonete far torto a questo galantuomo? Vorrete pro- fittare per il bisogno ch’ egli ha di impiegare il di lui denaro ? Fate con lui quello che avete fatto cogli (0 altri. Dategli l’otto per cento, e facciamo la cosa finita.

Dottore. (Sia ringraziato il cielo). (da sé)

Pantaloncino. Dove gh’ala i bezzi?

Dottore. Eccoli qui. Se vuole che li contiamo.

Pantaloncino. A contarli se sta troppo. La vegna qua, pesemoli a marco.

Dottore. Chi è questo marco?

Pantaloncino. Pesemoli a cento alla volta, che ghe tornerà conto anca a eia.

Dottore. Se mi tornerà a conto, lo veder emo. (1) Bettinelli stampa cogV altri ; e così più avanti agl’amici, quegl’ altri, co gV occhi, gì’ ho ecc. [p. 112 modifica]

Pantaloncino. La lassa far a mi. Do mille ducati i ha da es- ser ... cinquecento e sessantaquattro zecchini.

Dottore. Meno ^quattordici lire.

Pantaloncino. È vero, cinquecento sessanta tre e otto. La sa far conti pulito.

Dottore. Li ho contati tante volte.

Pantaloncino. In t’ un momento li peso, (va pesando li zecchini)

Lelio. (Se fossi in voi, li prenderei senza pesare).

Pantaloncino. (Queste le xe cosse che ghe voi, per colorir la faccenda).

Dottore. (La sorte mi ha voluto aiutare. Ho guadagnato, dal sei all’ otto per cento, quaranta ducati all’ anno. In cento visite non guadagno tanto). (da sé)

Pantaloncino. La toga quattro zecchini de più.

Dottore. Di più? Che abbia fallato a contare?

Pantaloncino. E1 peso porta cussi. Questa xe roba soa ; son un galantomo. No veggio quel de nissun.

Dottore. Oh onoratissimo signor Pantaloncino ! Voi siete il primo galant’ uomo del mondo.

Pantaloncino. Adesso ghe fazzo el so riscontro; e più presto che la vegnirà a tor i so bezzi, la me farà più servizio.

Dottore. Sì signore, da qui qualche anno.

Lelio. Oh via, ora non è tempo di discorrere di queste cose. Fategli la sua cauzione.

Pantaloncino. Subito ghe la fazzo. (va a scrivere)

Lelio. Non^ potevate capitare in mani migliori.

Dottore. E verissimo. La sorte mi ha favorito.

Lelio. Vi consiglierei partire prima che venisse il signor Pantalone.

Dottore. Perchè? Anzi vorrei dirgli che non mi occorre altro da lui.

Lelio. Se quel vecchio avaro sa che suo figliuolo ha preso de- nari all’ otto per cento, è capace di sconsigliarlo.

Dottore. Il signor Pantaloncino negozia del suo.

Lelio. E vero, ma delle volte si lascia consigliar da suo padre.

Dottore. Presto dunque. Avete finito, signore? (a Pantaloncino [p. 113 modifica]

Pantaloncino. Ho fenio; la lezza se va ben.

Dottore. (Legge barbottanJo) Va benissimo.

Pantaloncino. La vegna ogni sie mesi, che la gh’averà i so prò pontuali.

Dottore. Non occorr’ altro. Signore, la riverisco e la ringrazio.

Pantaloncino. La ringrazia sior Lelio.

Dottore. Vi sono tanto obbligato. (a Lelio)

Lelio. Quando posso far del bene agli amici, lo faccio volentieri.

Dottore. Che siate tutti due benedetti. (Fortuna, ti ringrazio, ho impiegati bene li miei denari. Son contentissimo), (da sé, via)

Pantaloncino. Sto sior Dottor el xe el più bravo miedego de sto mondo.

Lelio. Perchè?

Pantaloncino. Perchè co sto recipe l’ ha medica le mie piaghe.

Lelio. Io vi ho fatto il mezzano. Voglio la sensaria.

Pantaloncino. Tutto quel che volè. Sé paron de tutto.

Lelio. Prestatemi venti zecchini.

Pantaloncino. Volentiera. Savè chi son. Per i amici dago anca la camisa, se occorre. Tolè, questi xe vinti zecchini.

Lelio. E i trenta per Y abito da dare alla virtuosa?

Pantaloncino. Voleu che ve li daga a vu ? Voleu andar vu a far sta spesa?

Lelio. Sì, se volete, vi servirò io. Comprerò quel drappo che avete scelto, e lo porterò a madama in nome vostro.

Pantaloncino. Bravo ; me fare servizio. Tolè trenta zecchini, e diseghe che la me voggia ben.

Lelio. E obbligata a volervene. Voi l’ avete levata dalle miserie, ed avete fatta la sua fortuna.

Pantaloncino. E farò anca de più, se la gh’ averà giudizio.

Lelio. La sposerete?

Pantaloncino. Oh, sposaria mo no.

Lelio. V’aspetto al caffè.

Pantaloncino. Vegnirò adessadesso.

Lelio. (Povero gonzo! Egli spende, ed io mi diverto alle di lui spalle). (da sé h [p. 114 modifica]

Pantaloncino. Sri bezzi i xe vegnui a tempo. Ghe n’ aveva bi- sogno, e no saveva dove dar la testa. Finalmente no ghe li ho miga truffai ; li ho tolti all’ otto per cento, e se no pagherò mi, pagherà mio pare. Mi no posso star senza bezzi, e co i xe pochi, no i me basta. Coi amici son de bon cuor ; co le donne son generoso ; me piase un pochetto zogar ; la sera no posso star senza un poco de recreazion ; casin a Venezia, casin alla Zuecca, gondola, palchi, osteria, tutte cosse neces- sarie per [ai quel che fa tanti altri. Oh, me disc qualcun, ti fallirà, ti farà fallir anca to pare; e per questo? Se giusteremo, e torneremo in picizza.

SCENA VI.

Corallina e Pantaloncino.

Corallina. Signor padroncino, ho piacer di trovarvi solo ; ho bi- sogno assai di parlarvi.

Pantaloncino. Son qua, parie, comande. Aveu bisogno de gnente?

Corallina. Avrei bisogno che mi restituiste quei cento e cin- quanta ducati, che vi ho prestati.

Pantaloncino. No me li aveu dai a censo? No ve paghio el diese per cento?

Corallina. Sono due anni che non mi date un soldo. Ho bi- sogno di valermene, e voglio li miei denari.

Pantaloncino. Volè i vostri bezzi?

Corallina. Certamente. E se non me li darete, lo dirò a vostro padre, e sarà finita.

Pantaloncino. E avaressi sto cuor de tradir in sta maniera el vostro povero Pantaloncin?

Corallina. Io non ho bisogno delle vostre parole; voglio i miei denari.

Pantaloncino. So pur che una volta me volevi ben.

Corallina. Bella maniera per farsi amare! Ne meno darmi il frutto dei poveri miei denari.

Pantaloncino. Via, siè bona, e ve li darò. [p. 115 modifica]

Corallina. È un pezzo che mi dite ve li darò, ma non si ve- dono venir avanti.

Pantaloncino. Voleu el prò, o voleu el capital ? Se volè el ca- pital, ve lo dago.

Corallina. Voglio tutto quel che mi viene.

Pantaloncino. Via; cossa ve vien?

Corallina. Centocinquanta ducati di capitale, e trenta dei frutti.

Pantaloncino. No volè altro?

Corallina. Questo, e non altro.

Pantaloncino. Certo, certo, no volè altro?

Corallina. Signor no, non voglio altro.

Pantaloncino. Ah cagna, ah sassina!

Corallina. Perchè mi dite così?

Pantaloncino. Perchè ti m’ha roba el cuor.

Corallina. Eh, che non ho bisogno di zannate. Voglio i miei denari.

Pantaloncino. Sì, cara, ve li darò.

Corallina. Tanti anni che servo in questa casa ; mi sono avanzata centocinquanta ducati, a forza di stenti e di fatiche, e con tante belle promesse me li levate dalle mani, e mi assassinate così? Son una povera donna, li voglio; lo dirò al padrone, ricorrerò alla Giustizia. Sia maledetto quando vi ho creduto, quando ve li ho dati, quando vi ho conosciuto.

Pantaloncino. Corallina. (con vezzo)

Corallina. Il diavolo che vi porti.

Pantaloncino. Voleu i vostri bezzi?

Corallina. Voglio il mio sangue.

Pantaloncino. Voleu el prò, o voleu el capital? (con caricatura)

Corallina. Tutto voglio, tutto.

Pantaloncino. Tutto?

Corallina. Sì; tutto.

Pantaloncino. Ah barona, ve!

Corallina. Non mi fate montare in bestia.

Pantaloncino. Sentì mo sto quaggiariol (0 ? (fa suonar le monete nella borsa (1) Quagliere. Più comunemente quaggiarola. V. Boerìo. [p. 116 modifica]

Corallina. Oh quanti zecchini ! Signor padrone ! Quanti denari !

Pantaloncino. Cossa credeu, siora, che v’ abbia magna i vostri bezzi ? I xe qua in sta borsa ; e ogn’ anno ghe voleva metter drento el so prò, e andana prò sora cavedal, e ogn’ anno col prò dei prò se aumenteria la vostra sorte, e adesso ghe xe de cavedal cento e ottanta ducati ; e questi i ve ne frutteria disdotto, e st’ altro anno de più, e ogni anno sempre de più, e in pochi anni con cento e cinquanta ducati se duplicheria el capital, e ve faressi la dota. Ma za che volè i vostri bezzi, ve li conto, ve li dago, e no ghe ne voi più saver. (mostra di levar i denari dalla borsa)

Corallina. Fermate un poco, fermate. Non siate così furioso. Ho detto che volevo i miei denari, supposto che non mi voleste pagare i prò.

Pantaloncino. No SO gnente. Vedo che no ve fide, e mi ve voi contentar.

Corallina. Ditemi in grazia, in quanti anni diverrebbero quat- trocento ?

Pantaloncino. In te le mie man, m’ impegno in manco de quello che ve credè.

Corallina. Ma pure?

Pantaloncino. In tre o quattr’ anni.

Corallina. Ditemi, e se fossero adesso trecento, nel medesimo tempo diverrebbero seicento?

Pantaloncino. CoU’ istessa regola no gh’ è dubbio.

Corallina. Sentite in confidenza. Ho prestati cento e cinquanta ducati anche al vostro signor padre, ma non mi paga altro che il sei per cento.

Pantaloncino. Fé una cossa : feveli restituir, e vegnì da mi, che ve darò el diese.

Corallina. Son quasi in stato di farlo.

Pantaloncino. Ma zitto, che noi sappia gnente.

Corallina. Oh, non glielo fo sapere. Gli chiederò i miei denari ; me li darà, li porterò a voi, li metteremo con questi, e in meno di quattro anni a vero una dote di seicento ducati. [p. 117 modifica]

Pantaloncino. Ma pò un dì o Y altro ve salta el grillo de vo- ler indrìo i vostri bezzi, no ve fiderè, me fare andar in collera, onde xe meggio che ve li daga adesso.

Corallina. No, caro signor Pantaloncino, li tenga, mi faccia questa carità.

Pantaloncino. Via, per farve servizio, li tegnirò.

Corallina. E gli porterò anco quegli altri, quando il signor Pan- talone me li averà restituiti.

Pantaloncino. Ma sora tutto, vardè che noi se sappia. No stè a dir gnente a nissun. Gnanca ai vostri parenti ; gnanca al vostro moroso.

Corallina. Oh, io morosi non ne ho.

Pantaloncino. Eh galiotta, ve!

Corallina. No davvero!

Pantaloncino. Vustu far l’amor con mi?

Corallina. Oh, col padrone non me ne intrico.

Pantaloncino. Vien qua, fame una carezza.

Corallina. Oh certo ! Chi vi pensate ch’ io sia ? Non fo carezze a nessuno io.

Pantaloncino. Tocchemose almanco la man, in segno d’amicizia.

Corallina. Né meno, né meno. Le mani non si toccano.

Pantaloncino. Sé molto delicata. Le man se tocca senza malizia.

Corallina. Io son così. Non mi lascierei toccar un dito.

Pantaloncino. Gnanca un deo? Se ti te lassi toccar un deo, te dono do zecchini.

Corallina. Oh sì, mi darete due zecchini per lasciarmi toccar un dito.

Pantaloncino. Te li dago da galantomo.

Corallina. Mi fate venir da ridere.

Pantaloncino. Eccoli qua, do zecchini per un deo. (li leva dalla borsa)

Corallina. Qyal dito mi vorreste toccare?

Pantaloncino. Me basta anca el deo menuelo.

Corallina. Due zecchini li buttate via.

Pantaloncino. Basta, me rimetterò alla vostra discrezion. [p. 118 modifica]

Corallina. Che zecchini sonoP

Pantaloncino. De Venezia, ruspi.

Corallina. Oh come son belli ! (toccando la mano a Pantaloncino)

Pantaloncino. Voleu che ve tocca un deo?

Corallina. Se mi avete toccata la mano.

Pantaloncino. Xe vero, e no me ne giera accorto.

Corallina. Via, datemi li zecchini.

Pantaloncino. Volentiera. I xe qua. Sti do zecchini xe vostri. Li metto in te la vostra borsa, e i ve frutterà anca lori el diese per cento, e anderà prò sora cavedal. Forti, Corallina, allegramente, e co gh’ ave bisogno de bezzi, vegriì da mi. (via)

Corallina. Questi due zecchini mi dispiace che vadino in quella borsa. Ma pazienza: in pochi anni averò fatto un bel capitale. Se posso aver i denari dal signor Pantalone, felice me ! Mi ha da dare anche non so quanti mesi di salario : voglio unirli tutti, e tutti darli al signor Pantaloncino al dieci per cento; e vada prò sopra capitale.

SCENA VII.

Arlecchino e Corallina.

Arlecchino. Corallina, te vorave dir do parole.

Corallina. Sì, il mio caro Arlecchino, son qui che ti ascolto.

Arlecchino. Quando pensistu che femo sto matrimoni?

Corallina. Presto.

Arlecchino. Ma quando?

Corallina. Da qui a tre o quattro anni.

Arlecchino. Et matta? Perchè vot aspettar tanto?

Corallina. Per cagion della dote.

Arlecchino. No ti la gh’ha la to dota?

Corallina. L’ ho, è vero, ma intanto si va ingrossando.

Arlecchino. La s’ingrosserà dopo el matrimonio.

Corallina. No, allora quel che è fatto è fatto.

Arlecchino. Mo dov’ela la to dota?

Corallina. Zitto. Non si ha da sapere. [p. 119 modifica]

Arlecchino. Gnanca mi no l’ ho da saver ?

Corallina. Signor no.

Arlecchino. Mo se ho da esser to mari.

Corallina. Ma non lo sei ancora.

Arlecchino. Corallina, mi ho paura che ghe sia dell’ imbroio.

Corallina. Che imbroglio?

Arlecchino. Vói saver dove è la to dota.

Corallina. Te lo dirò, ma non lo dir a nessuno.

Arlecchino. ^ No dubitar, che no parlo.

Corallina. E nelle mani del signor Pantaloncino.

Arlecchino. E la se va ingrossando ?

Corallina. Sì, mi paga il dieci per cento, e va il prò sopra il capitale; in poco tempo si raddoppierà. Ma guarda ve, non lo dir a nessuno.

Arlecchino. No gh’è pericolo. Ma no se poderìa maridarse, e lassar che la dota cressesse?

Corallina. Certamente che si potrebbe.

Arlecchino. Penseghe, e risolvi.

Corallina. Ci penserò.

Arlecchino. E avverti ben sora tutto, fedeltà e onoratezza.

Corallina. Sai chi sono. Non vi è pericolo.

Arlecchino. Coi omeni no te ne impazzar.

Corallina. Non mi lascierei toccar un dito, se mi dessero due zecchini.

Arlecchino. Eh, fina un deo ... per do zecchini.

Corallina. Basta; son donna che mi saprò regolare.

Arlecchino. E mi son omo che sa adattarse alle congiunture.

Corallina. Basta, parleremo.

Arlecchino. Destrighemose presto.

Corallina. Ma di quel che t’ho detto, zitto.

Arlecchino. Zitto.

Corallina. (Se sapessi come far entrar in quella borsa degli altri zecchini. Basta, m’ingegnerò). (via)

Arlecchino. Per alter, se ha da cresser la dote de mia mug- gier, l’ho da saver anca mi. [p. 120 modifica]

SCENA VIII.

Brighella e Arlecchino.

Brighella. Paesan, ho vist che ti parlavi con Corallina ; vai avanti sto matrimonio?

Arlecchino. E1 matrimoni no va avanti, per amor della dota.

Brighella. Com’ela della dota? Mi no te capisso.

Arlecchino. Te dirò in confidenza ; ma no dir gnente a nissun.

Brighella. Oh, no gh’è pericolo.

Arlecchino. Corallina l’ ha dà dei denari a sior Pantaloncin ; el ghe paga el diese per cento, e va el capital sora el prò della dota.

Brighella. (Ho inteso, i sta freschi), (da se) E no seguirà sto ma- trimonio, se el sior Pantaloncin no ghe dà sti denari.

Arlecchino. Ti vedi ben, l’è la dota.

Brighella. Amigo, te auguro bona fortuna.

Arlecchino. Obbligado, paesan, semo tutti in casa, staremo allegra- mente. Caro ti, te prego, de quel che t’ ho dito no dir gnente a nissun.

Brighella. No parlo, no te dubitar.

Arlecchino. L’ è una gran bella cossa la segretezza. (via)

Brighella. Vagh a dirlo a sior Pantalon. (via

SCENA IX.

Altra camera in casa di Pantalone. Pantalone ed un Giovine.

Pantalone. Diseghe a monsieur Rainmur, se el voi favorir de vegnir a bever el tè con mi. E pò vardè in mezza se ghe xe più quel miedego: sappiemelo dir; e se el ghe xe, diseghe che el compatissa : o che l’ aspetta ancora un poco, o che el torna dopo disnar.

Giovine. Sarà servita. (via)

Pantalone. Mai più me son trova in tanti intrighi, come sta volta. [p. 121 modifica]

Se tratta del mio stato, della mia reputazion. Sto bilanzo, che presto presto ho volesto far da mia posta sui conti che tegno in camera, me fa scoverto de diese mille ducati. Finalmente no la xe una gran summa ; ma ciò non ostante, se ancuo no pago ste lettere, le va in protesto, me manca el credito, e per una freddura de gnente me convien fallir. Bisogna remediarghe, se se poi. Ecco qua l’ Olandese. Lu me poi agiutar ; ma el xe un omo delicato, e no so come contegnirme.

SCENA X.

Monsìeur Rainmur vestito all’ Olandese mercantile, con abito so- glio (1) imhottonato, parruccone e cappello in testa, bastone, e senza spada; e PANTALONE. Rainmur. Buon giorno, monsieur Pantalone.

Pantalone. Bon zorno, monsù Rainmur. Perchè col cappello e col baston? Rainmur. Andavo fuori di casa.

Pantalone. Cussi a bonora? A cossa far? Rainmur. A fumar una pipa col capitano Corbrech.

Pantalone. No volè prima bever el tè? Rainmur. Sì, beviamo il tè.

Pantalone. Oe. Chi è de là?

SCENA XI.

Giovine e detti.

Giovine. Signore.

Pantalone. Diseghe che i porta el tè.

Giovine. Il medico, signore, è andato via.

Pantalone. Bon viazzo. Che i porta el tè.

Giovine. Sarà servita. (via (I) Vestir solio, vestire alla buona, con semplicità: Boerio, Dizion. cit. [p. 122 modifica]

Pantalone. Sentemose, monsù Rainmur. RaINMUR. Bene obbligato. (siedono)

Pantalone. Per quel che sento, spero che no anderè via più CUSSI presto. Rainmur. Anderò col capitano Corbrech il mese venturo.

Pantalone. No vorave mai che vegnisse quel zomo. La vostra compagnia me xe tanto cara ... Rainmur. Ben obbligato. (con riverenza)

Pantalone. Sti quattro mesi che ve se degna de star in casa mia, i m’ha parso quattro zorni. Rainmur. Ben obbligato.

Pantalone. Doveressi star qua tutto st’ inverno. Rainmur. Non posso.

Pantalone. Madamigella Giannina vostra nezza sta volentiera a Venezia. Rainmur. Mia nipote è più italiana che olandese.

Pantalone. La xe nata in Olanda, ma da puttela i l’ha menada in Italia. Però la conserva un certo no so che, un certo serio nobile e grazioso, che no xe carattere cussi ordinario in sti nostri paesi. Rainmur. Mia nipote studia volentieri.

Pantalone. So che a Milan, dove la xe stada quindese o se- des’ anni, la giera l’ idolo del paese, e a Venezia in sti pochi mesi la s’ ha fatto adorar. Rainmur. Ben obbligato.

Pantalone. La voleu menar in Olanda? Rainmur. Farò tutto quello che piace a lei.

Pantalone. La doveressi maridar a Venezia. Rainmur. La mariterò dove a lei piacerà di essere maritata.

Pantalone. Voleu che ghe trovemo un partìo a proposito? Rainmur. Bisognerebbe trovare un marito che piacesse a lei, d’una famiglia che piacesse a me.

Pantalone. Caro el mio caro amigo, deme licenza che ve parla con libertà. Casa mia ve despiaseravela ? Rainmur. Oh monsieur Pantalone! (con una riverenza [p. 123 modifica]

Pantalone. Ve degneressi de casa mia> R.MNMUR. Monsleur, mi fate onore.

Pantalone. Mio fio ve piaseravelo? RaINMUR. Questo ha da piacere a mia nipote.

Pantalone. E se el piasesse a eia, vu saressi contento? Rainmur. Monsieur... perdonate... non sarei contento, (con riverenza)

Pantalone. No? Mo per cossa? Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. Donca no stime la mia casa. Rainmur. Mi mera^àglio. La darei a voi.

Pantalone. E a mio fio no? Rainmur. No.

Pantalone. Mo perchè a mi sì, e a lu no? Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. Diseme almanco el perchè? Rainmur. Voi siete onest’uomo, monsieur Pantalone.

Pantalone. E mio fio cossa xelo ? Rainmur. Perdonate ... non è pontuale.

Pantalone. Come lo podeu dir? Rainmur. Ho prestato a lui cento zecchim’, e non me li ha re- stituiti.

Pantalone. (Oh tocco de desgrazià). (da se) Via, se noi ve li ha restituidi lu, ve li restituirò mi. Ve fideu de mi? Rainmur. Sì, monsieur Pantalone.

Pantalone. E se ve risolvessi de dar vostra nezza a mio fio, la dota la ricever ave mi, e mi ghe ne saria debitor. Rainmur. Certamente.

Pantalone. Donca voleu che femo sto matrimonio? Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. Ho inteso. No ave de mi quella fede che disè d’ aver. No me credè quell’ omo onesto che son. Compare, vu me adulè. Rainmur. Monsieur Pantalone, voi non mi conoscete. (serio [p. 124 modifica]

SCENA XII.

Servitore col tè, e detti.

Pantalone. Bevemo el tè. RaINMUR. Ben obbligato. (con riverenza, e bevono il tè)

Pantalone. Non avena mai stima, che dopo quattro mesi avessi de mi un cussi poco concetto. (bevendo RaINMUR. Sì, anzi tutto. (bevendo)

Pantalone. La vostra dota sarà segura. RainmuR. Sicurissima.

Pantalone. E la putta no la starave ben? Rainmur. No; perdonate.

Pantalone. Mo perchè no? Rainmur. Vostro figlio non è pontuale.

Pantalone. El xe zovene, el matrimonio lo soderà. Rainmur. Prima si assodi, e poi si mariti.

Pantalone. Finalmente son mi che ve la domanda. Rainmur. Per chi?

Pantalone. Per mio fio. Rainmur. Perdonate. (con riverenza)

Pantalone. E se la volesse per mi, me la daressi? Rainmur. Si, con tutto il core.

Pantalone. Bisogneria pò veder, se ella fusse contenta. Rainmur. Lo sposo ha da piacere a lei.

Pantalone. Donca no faremo gnente. Rainmur. Buon tè. Buon tè. (bevendo)

Pantalone. Ho inteso, monsù, vu ve burle de mi. Rainmur. Io? Mi meraviglio.

Pantalone. Compatirne, no me par de trovar in vu quella bona amicizia che m’ ave protesta. Rainmur. Provatemi.

Pantalone. Mi son un omo, che per i amici darave el sangue. Vu, compatime, no credo che f aressi cussi per mi. Rainmur. Provatemi. [p. 125 modifica]

Pantalone. Se ve metterò alla prova, troverè dei pretesti per disimpegnarve. Rainmur. Voi mi offendete. Non conoscete la mia sincerità.

Pantalone. Alla prova. Per stabilir un negozio, me preme diese mille ducati ; averessi difficoltà a imprestarmeli ? Rainmur. Niente affatto. Siete padrone.

Pantalone. Me impresteressi diese mille ducati. Rainmur. Sì, e anche più, se volete.

Pantalone. Vardè ben, che ve chiappo in parola. Rainmur. Quando li vorreste?

Pantalone. Stamattina. A ora de Rialto. Rainmur. Disponeteli. (risoluto)

Pantalone. Diseu da senno? Rainmur. Meraviglio. Non mi conoscete. Disponeteli.

Pantalone. Me dare diese mille ducati in prestio, e negherè de darme vostra nezza per muggier de mio fio? Rainmur. Voi siete onesto, voi siete pontuale, voi siete onorato, (serio)

Pantalone. E mio fio? Rainmur. Perdonatemi.

Pantalone. (Ah, pur troppo el gh’ha rason. Pur troppo el dise la verità). (da sé Rainmur. I dieci mille ducati ve li scriverò in bcinco.

Pantalone. Sentì, no vorria che lo fessi per pontiglio, e pò ... Rainmur. Voi non mi conoscete. (serio)

Pantalone. Più tosto ... Rainmur. Non altro. Ve li scriverò in banco.

Pantalone. Ve pagherò el sie per cento. Seu contento? Rainmur. Non parlo.

Pantalone. Monsieur Rainmur, vu se un galantomo, vu se un vero amigo. Rainmur. Per farmi credere buon amico, non pensavo che vi biso- gnasse una prova di dieci mille ducati.

Pantalone. Come? Seu forsi pentìo? Rainmur. Monsieur, ve li scriverò in banco. (via)

Pantalone. No so cossa dir. Son confuso. Son stordìo. Son fora [p. 126 modifica] de mi. No saveva come introdurme a doméindarghe dei bezzi ; e casualmente Y ho chiappa in parola, e el me zirerà diese mille ducati. Con questi salderò le mie piaghe, e per l’ avegnir le- verò el manizzo a mio fio, e le cosse le anderà con più regola, con più direzion. Ah, se mio fio se muasse, se mio fio se so- dasse, se podesse tirar l’ Olandese a sto matrimonio, felice mi ! felice la nostra casa ! Voggio andar da mio fio, e voggio fina pregarlo in zenocchion, che el procura de metterse in grazia della putta, e farse benvoler da so barba. Velo là mio fio da galantomo : oe senti, Pantaloncin, vien qua, che t’ ho da parlar. Bravo, in vece de vegnir, el me volta le spalle? Fur- bazzo, te chiapperò. (via

SCENA XIII.

Madamigella Giannina con un libro in mano, e Beatrice.

Beatrice. Voi, madamigella, studiate sempre.

Madamigella. Leggo assai volentieri.

Beatrice. Che libro è quello?

Madamigella. La spettatrice.

Beatrice. Cosa vuol dire l’ aspettatrice ? Una donna che aspetta ?

Madamigella. Oh perdonatemi; non vorrei sentirvi padar così. La spettatrice vuol dire l’ osservatrice : una filosofessa che os- serva le azioni umane, esamina le passioni, e ragiona con buon criterio sopra vari sistemi del nostro secolo.

Beatrice. Come volete ch’ io intenda certe parole, che hanno per me dell’arabico? Criterio? Cosa diavolo vuol dire criterio?

Madamigella. Vuol dire discernimento per distinguere il falso dal vero, il buono dal cattivo, il bene dal male.

Beatrice. Criterio sarà parola olandese.

Madamigella. No, amica, è parola italiana.

Beatrice. Non l’ho mai sentita in vita mia.

Madamigella. Vi compatisco. Vostro padre non vi averà per- messo studiare. [p. 127 modifica]

Beatrice. Lo studio che mi ha fatto fare, consiste nella rocca, neir ago e nel ricamo.

Madamigella. Povere donne ! Ci tradiscono i nostri padri me- desimi ; essi e’ impediscono di studiare, fondati sulla falsissima prevenzione, che lo studio non sia per noi. Credono che l’in- telletto delle ragazze non sia disposto alle scienze, e talora violentano allo studio un maschio, che inclinerebbe al lavoro, e condannano alla rocca una figlia, che averebbe tutta l’ abi- lità per diventare sapiente.

Beatrice. Dite la verità, cara amica ; se mio padre mi avesse fatto studiare, sarei riuscita assai meglio di mio fratello.

Madamigella. Il signor Pantaloncino vostro fratello ha sortito bel- lissimi doni dalla natura.

Beatrice. E quali son questi doni?

Madamigella. Quelli che cogli occhi si veggono. Un beir aspetto, un’ aria brillante, un primo abbordo che ferma.

Beatrice. Vi piace dunque mio fratello. Che sì che ne siete innamorata? Madamigella, Forse ne farei innamorata, se a fronte di quelle cose che in lui mi piacciono, non ne avesse altrettante che mi dispiacciono.

Beatrice. E quali sono le cose che in lui vi dispiacciono?

Madamigella. Quelle che da una mala educazione derivano.

Beatrice. Nostro padre lo ha sempre bene educato.

Madamigella. Mentre il padre lo educava bene, le male pra- tiche lo educavano al male.

Beatrice. Eccolo ch’egli viene.

Madamigella. Peccato! Un giovane di quella sorte, senza una dramma di buona filosofìa.

SCENA XIV.

Pantaloncino e dette.

Pantaloncino. Patronazza, ghe son servitoretto.

Madamigella. Padronaccia e servidoretto ! Un superlativo a me di disprezzo; un diminutivo per voi di caricatura. [p. 128 modifica]

Pantaloncino. In materia de cargadura, eia, patrona cara, la ghe n’ha tanta che fa spavento.

Beatrice. (Abbiate giudizio). (piano a Pantaloncino)

Madamigella. Spiegatevi : in che mi credete voi caricata ?

Pantaloncino. Oh bella! Una donna tutto el zomo coi libri in man, no xela una cargadura?

Madamigella. Oh, è peggio asscii veder un giovane colle carte in mano da gioco.

Beatrice. Sentite? Vostro danno.

Pantaloncino. No posso soffrir le putte dottoresse.

Madamigella. Né io i giovanotti balordi.

Pantaloncino. La parla con una gran libertà, patrona.

Madamigella. Parlo come mi avete insegnato voi.

Pantaloncino. Xe assae, che una sapiente della so sorte se degna de imparar da mi.

Madamigella. Dai cattivi maestri s’ impara il male per forza.

Pantaloncino. E pur con tutto che la me desprezza, ancora la me piase.

Madamigella. Né voi mi dispiacereste, se foste un poco più ra- gionevole.

Beatrice. Via, siate buoni tutti due : si vede che avete del genio, ma non vi sapete far intendere. (Volesse il cielo, che seguisse un tal matrimonio). (da sé)

Madamigella. Sapete voi che cosa sia amore?

Pantaloncino. No so se m’inganna, ma me par de saverlo.

Madamigella. Come lo sapete?

Pantaloncino. Perché ho fatto l’ amor tutto el tempo de vita mia.

Madamigella. Voi non sapete nulla. Amore nasse dall’ intelletto.

Pantaloncino. E mi ghe digo, che amor el nasce dalla volontà.

Madamigella. Prima di amare, bisogna conoscere se la persona merita di essere amata.

Pantaloncino. Per mi, co la me corrisponde, la merita.

Madamigella. Questo é l’ amor delle bestie.

Pantaloncino. Mi vago sempre alle curte, se la me voi, son qua.

Madamigella. Non so che fare di voi. Non posso amare un [p. 129 modifica] irragionevole, uno che non distingue le finezze del vero amore da quelle della vilissima compiacenza. (via)

Beatrice. Vostro danno. Per causa della vostra insolenza, perde- rete quaranta mille ducati di dote, ed una sposa bella, giovine e virtuosa. (via)

Pantaloncino. Della bellezza e della virtù me n’ importa poco, me despiase per i quaranta mille ducati : ma son cussi de na- tura. No posso dissimular. Ste dottoresse le me fa vegnir i do- lori. Stimo più una puttazza da Castello (0, che me diga te veggio ben, che no xe una de ste spua sentenze, che voi dottorar. Cossa m’ importa a mi, che la donna sappia parlar ne latin, ne volgar? Me basta che l’abbia impara a combinar ste do lettere : esse, i, si. Per mi co la dise sempre de sì, la xe la più gran filosofessa del mondo. Fine dell’ Atto Primo. (1) Uno dei sestieri di Venezia, nella parte orientale della città: anticamente era una d«l!e maggiori isole (col nome di Oli volo).

[p. 130 modifica] [p. 131 modifica]

ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Strada-

Lelio. Oh pazzo maledetto! Non ho veduto una bestia simile a Panta- loncino. Si può sentire di peggio? Mettersi a tagliare a tre o quattro farabutti, e perdere in meno d’ un’ ora i due mille ducati che ha carpiti di mano a quel povero medico! Manco male che gli ho cavati cinquanta zecchini, prima che si sia posto a giocare. Se io tardava due ore, andavano ancora questi. Così gliene avessi buscati di più. Giacche li ha da consumar malamente, è meglio che ne dia ad un galant’uomo, ad un amico, ad un uomo civile, che avendo poca entrata e poca vo- lontà di far bene, ha bisogno di qualche incerto per poter godere il bel mondo.

SCENA II.

Dottore Malazucca e Lelio.

Dottore. Oh padron mio, ho piacere di rivederla.

Lelio. Servitore divotissimo, signor Dottore.

Dottore. Mi sono scordato, due ore sono, quando ella mi ha graziato, di domandarle il suo nome, il suo cognome e la patria.

Lelio. Ha forse da comandarmi qualche altra cosa?

Dottore. Non signore, ma quando ricevo qualche finezza, ho piacere d’aver memoria di chi mi ha favorito.

Lelio. (Diavolo ! Questa mi pare una stravaganza). (da sé)

Dottore. Favorisca dirmi il suo nome. Lo metterò nel mio tac- cuino.

Lelio. Ma io non intendo ch’ ella abbia meco alcuna obbligazione.

Dottore. So il mio dovere ; la prego, (col taccuino in mano, e la penna [p. 132 modifica]

Lelio. (Eppure non me ne fido). (da sé)

Dottore. Il suo nome?

Lelio. Fabrizio.

Dottore. (Scrive) Il cognome?

Lelio. Malmenati.

Dottore. Il paese?

Lelio. Fosseimbruno.

Dottore. Signor Fabrizio Malmenati di Fossambruno, o mi faccia restituire i due mille ducati che mi ha carpiti il signor Pan- taloncino de’ Bisognosi, o V. S. sarà chiamato in giudizio come mezzano di una patentissima truffa.

Lelio. (Il diavolo me Tha detto), (da se) Ma che dite di truffa?

Dottore. Sì signore, Pantaloncino me li ha truffati ; e voi ne siete d’accordo.

Lelio. Io ! Mi meraviglio di voi. Sono un uomo d’ onore, e il si- gnor Pantaloncino è un mercante onorato....

Dottore. Che mercante? E un fallito. E pieno di debiti. Non ha più un soldo di capitale. Gioca da disperato, e ora in questo punto che noi parliamo, è in una biscaccia a perdere i poveri miei denari, che mi costano tanti sudori, che ho fatto tante vigilie per avanzarmeli, che erano l’ unica mia speranza, r unico sostentamento della mia vecchiaia. Povero me, sono as- sassmato. (piangendo)

Lelio. Ma perchè non andate a ritrovarlo sulla biscaccia dove dite che si ritrova, e non gli levate il denaro?

Dottore. Se sapessi dov’ è, non tarderei un momento. Arrischierei anche la vita per ricuperar il mio sangue. Ma non mi hanno voluto dir dove sia questo maledetto ridotto. Voi, se lo sapete, ditemelo per carità. Lei.IO. Volentieri; ve lo dirò. Andate per questa strada, troverete un ponte, giù del ponte vi è una fondamenta. In fondo della fondamenta troverete un’ altra strada, a mezza di essa voltatevi a mano dritta, e andate fin che trovate una corte. In essa ve- drete un sottoportico. Passatelo, salite quel ponte, e dopo an- date giù per la fondamenta.... [p. 133 modifica]

Dottore. Piano, piano, che non mi ricordo più niente affatto.

Lelio. Vedete quella calle?....

Dottore. Come si chiama il luogo della biscaccia?

Lelio. Si chiama Biri (i).

Dottore. E come si chiama il biscacciere?

Lelio. Asdrubale Tagliaborse.

Dottore. Vado subito.

Lelio. (Va, va, che ti ho insegnato a dovere). (da sé)

Dottore. Meschino me ! In Biri ? Lo troverò questo Tagliaborse ?

Lelio. Domandate ad un tal Pancrazio Spaccatesta.

Dottore. Oh che nomi ! Oh che gente ! Poveri i miei denari ! Se non lo trovo, ci penserete voi. Signor Fabrizio Malmenati, ci penserete voi. (via)

Lelio. Ora che hai il mio nome ed il mio cognome, stai hresco. Manco male che ho sospettato il vero. Povero diavolo, mi fa compassione, ma neanche per questo gli darei indietro li cin- quanta zecchini, che ho avuti da Pantaloncino.

SCENA III.

Pantaloncino e Lelio.

Pantaloncino. Oh sior Lelio, giusto vu ve cercava.

Lelio. Anch’ io doveva venire in traccia di voi.

Pantaloncino. I ho persi tutti.

Lelio. Bravissimo.

Pantaloncino. Son senza un bezzo; e gh’ho bisogno d’agiuto.

Lelio. A questo proposito devo darvi una buona nuova.

Pantaloncino. Via mo. Lej^IO. Il medico vi cerca, e vuole indietro li due mille ducati.

Pantaloncino. Eh via, che sé matto.

Lelio. Se giungevate qui due minuti prima, l’avereste veduto e r avereste goduto. Ma se volete, siete ancora a tempo. Andate giù di quel ponte, che lo troverete ... ( 1 ) Biri, o Birri, chiamasi a Venezia « un’ ampia contrada dietro la chiesa di S. Can- ciano » : G. Tassini, Curiosità venez., Ven. 1886, p. 89. [p. 134 modifica]

Pantaloncino. No no, no m’ importa de vederlo. Cossa diavolo ghe ^xe salta in testa? Xelo matto?

Lelio. E stato informato dello stato vostro. Ha saputo che i suoi denari erano sul banco d’una biscaccia, e fa il diavolo contro di voi e contro di me.

Pantaloncino. Se sto vecchio no gh’ averà giudizio, sangue de diana, ghe taggierò i garettoli.

Lelio. Voi volete precipitare.

Pantaloncino. No voggio che sti furbazzi me fazza perder la reputazion.

Lelio. Il medico vorrà il suo denaro.

Pantaloncino. Che el vaga da mio pare, e che el se lo fazza assicurar.

Lelio. Benissimo, se lo vederò, ghe lo dirò.

Pantaloncino. No ghe xe bisogno che vu ghe lo suggerì ; un mio amigo no ha da far ste figure.

Lelio. Vuole che io gliene renda conto. Ha preso in nota il mio nome ed il mio cognome.

Pantaloncino. Cossa gh’ aveu paura ? Vardeme mi, e no dubitè gnente. Vedeu sta mela? So doperarla. Vedeu sto abito mar- cantil? Se ghe porta respetto. E pò, che cade? Coi bezzi se giusta tutto.

Lelio. Ma se denari non ne avete più.

Pantaloncino. Se no ghe n’ ho, ghe n’ averò. A bon conto Co- rallina m’ ha promesso de darme altri cento e cinquanta ducati. E pò, ho fatto un negozio de formaggiele da Sinigaggia tempo sie mesi a pagarle, e anca da queste, vendendole subito, cavo un centener de felippi. Lelio, Buono: mangieremo del buon formaggio. Ve lo farò ven- der io.

Pantaloncino. No gh’ è altro mo, che bisogna che ghe daga drento de ancuo diese zecchini de caparra. Lelio, Li avete promessi?

Pantaloncino. I ho promessi.

Lelio. Quando avete promesso, bisogna darli. [p. 135 modifica]

Pantaloncino. Ma no ghe n’ho un per la rabbia. Caro vecchio, imprestemeli vu.

Lelio. Io? Non ho un soldo.

Pantaloncino. V ho pur dà stamattina vinti zecchini per vu, e trenta per l’abito della virtuosa.

Lelio. Bene; li ho spesi.

Pantaloncino. L’abito dove xelo?

Lelio. L’ ha avuto chi l’aveva d’avere.

Pantaloncino. Almanco dovevi lassarmelo veder.

Lelio. Dovevo portarvi l’abito sulla bisca?

Pantaloncino. Voggio andar adesso dalla cantatrice, a veder se l’abito ghe dà in tei genio.

Lelio. Sì, andate. Appunto ella vi attende per chiedervi la guar- nizione.

Pantaloncino. Guarnizion? Anderò un’altra volta. Ma caro vec- chio, impresteme sti diese zecchini. Savè pur, che co ghe n’ho, ve n’ ho sempre dà.

Lelio. Anch’ io, se ne avessi, ve li darei.

Pantaloncino. Cossa aveu fatto de vinti zecchini?

Lelio. Cosa avete fatto voi di due mille ducati?

Pantaloncino. Mi, i ho zogai.

Lelio. Ed io li ho spesi.

Pantaloncino. Inzegnemose per ste formaggiele.

Lelio. Io non saprei.

Pantaloncino. Vardè se gh’ avessi qualcossa da impegnar ; per i amici se fa de tutto.

Lelio. Io non ho niente.

Pantaloncino. Caro amigo, no me abbandona.

Lelio. Cosa posso fare per voi?

Pantaloncino. Son senza bezzi.

Lelio. Dovevate tralasciar di giocare. (eia)

Pantaloncino. Tolè suso. Questo xe el bel conforto che el me dà. Dovevate tralasciar di giocare. Un amigo parla cussi? Un amigo che me n’ha magna tanti? Furbazzo, se parlererho. Ma intanto son senza bezzi, e no so dove dar la testa. [p. 136 modifica]

SCENA IV.

Monsieur Rainmur e Pantaloncino. Rainmur. (Dieci mille ducati ? Ho dato la mia parola). (da sé)

Pantaloncino. (Sto aseno d’oro me poderave agiutar). (da sé Rainmur. (Bisogna andare al Banco. Ho dato la mia parola), (da sé)

Pantaloncino. Monsù, votre servan. Rainmur. (Lo guarda e fa un ghignetto derisorio.)

Pantaloncino. Coman ve porte vu, monsù? Rainmur. (Sorrìde e non risponde.)

Pantaloncino. Mi stago malissimo. Rainmur. Che male avete ?

Pantaloncino. Son senza bezzi. Rainmur. Signore, questa è la vostra salute.

Pantaloncino. Perchè la mia salute? Rainmur. Il perchè voi mi dispenserete di dirlo.

Pantaloncino. Disemelo, me fé servizio. Rainmur. Perdonate; perchè quando non averete denaro, sarete meno vizioso. Pantaloncino . Cossa songio mi ? Un baronato ? Un scavezza collo ? Rainmur. Perdonate.

Pantaloncino. Gh’ho bisogno de bezzi per far i fatti mi, e no per buttarli via. Rainmur. Bene.

Pantaloncino. Ho compra una partìa de formaggiele da Sini- gaggia, e ghe posso vadagnar suso el trenta per cento. Rainmur. Bene.

Pantaloncino. Gh’ avena bisogno de dusento ducati, possio spe- rar che monsù me fazza el servizio? Rainmur. Aspettate. (mette le mani in tasca)

Pantaloncino. (Finalmente el xe allozà in casa nostra. Noi me dirà de no !) (da sé Rainmur. Favorite. Conoscete questo carattere?

Pantaloncino. Sior sì, questa la xe una mia lettera de cambio [p. 137 modifica] per cento zecchini che m’avè impresta. Aveu paura che no ve li paga? RainmuR. Quando averete pagati questi, me ne domanderete degli altri.

Pantaloncino. Oh che caro sior tela d’Olanda. RaINMUR. (Lo guarda bruscamente senza parlare.)

Pantaloncino. Xe quattro mesi che el xe in casa nostra, e no se ghe poi domandar un servizio. RaINMUR. Vi pagherò l’incomodo di quattro mesi.

Pantaloncino. Casa nostra no xe una locanda. Rainmur. e vero; in una locanda si spende meno.

Pantaloncino. I vostri cento zecchini ve li darò. Rainmur. Dovevate avermeli dati.

Pantaloncino. Son un galantomo. Rainmur. V’è qualcheduno che non lo crede.

Pantaloncino. Chi xe che no lo crede? Rainmur. La piazza.

Pantaloncino. Me maraveggio de vu. Rainmur. Ed io niente di voi.

Pantaloncino. Cossa vorressi dir? Rainmur. Perdonate.

Pantaloncino. Via, semo amici, e no voi avermene per mal de gnente. Se più vecchio de mi ; podè esser mio pare. Ve amo e ve respetto, e gh’ ho per vu quella stima che meritò. Rainmur. Ben obbligato.

Pantaloncino. Me seu amigo? Me voleu ben? Rainmur. Oh signore ... (con riverenza)

Pantaloncino. Deme un baso. Rainmur. Ben obbligato. (sì danno li due baci soliti)

Pantaloncino. Oh ! m’ impresteu sti dusento ducati ? Rainmur. No; perdonate.

Pantaloncino. Ma me seu amigo? Rainmur. Sì, amico.

Pantaloncino. E no me volò imprestar sti dusento ducati? Rainmur. No; perdonate. [p. 138 modifica]

Pantaloncino. Ande là, che se un gran tangaro. RaINMUR. (Lo guarda bruscamente.)

Pantaloncino. Cossa me vardeu? Credeu de farme paura? RaINMUR. (Lo guarda come sopra.)

Pantaloncino. Vardè qua sto sior foresto, el vien a magnarme le coste, e no se poi aver un servizio. RaINMUR. (Smanìa per la scena, movendo il bastone.)

Pantaloncino. Coss’ è, sior, me faressi qualche bulada ? Son omo capace de darve sodisfazion; e imparè a trattar coi omeni della mia sorte. E co un galémtomo ve domanda dusento ducati in prestio, no se ghe dise de no. Monsù, votre servitor in tei stomego. (via Rainmur. Gioventù scorretta, mal educata, ignorante.

SCENA V.

Brighella e monsiem Rainmur.

Brighella. Signor, el padron l’è a Rialto che el l’aspetta. El me mandava a casa pregandola de lassarse veder da lu, che ghe preme assae. Rainmur. (Rimproveri ! temerità ! impertinenze !) (da sé)

Brighella. L’ è in bottega da quel dal caffè, sala ? In t’un came- rin serra. Noi se voi lassar veder, se no la va eia a consolarlo. Rainmur. (Il figlio fa disonore al padre, e il padre si rovinerà per il figlio). (da sé)

Brighella. El l’aspetta... Rainmur. Ho inteso. (Dieci mille ducati son mal sicuri), (da sé)

Brighella. E al Banco del ziro el mio padron l’ è aspetta ; e se tratta de dir ... Rainmur. Di’ al tuo padrone che tomi a casa, che io l’aspetto.

Brighella. Ma signor ... Rainmur. M’ hai capito. (Aiutar, va bene. Gettar, va male. Ri- schio, pazienza ; ma precipizio, mai). (da sé, via)

Brighella. Coss’ è sta novità ? Elo fursi pentio de zirar al sior Pantalon i diese mille ducati che el gh’ ha promesso ? L’ è [p. 139 modifica] pur un omo pontual, che fa conto della so parola quanto della so vita. Cossa dirà el povero mio padron? El pianzeva dal- l’allegrezza, contandome come una providenza del cielo l’esibizion de sto galantomo ; e adesso, se ghe porto sta risposta, cossa diralo ? L’ è veramente desfortunà. Tutte le cosse va mal per elo, e ho paura senz’ altro ...

SCENA VI.

Pantalone e Brighella.

Pantalone. Coss’ è. Brighella, no ti vien mai? L’astu trova l’Olan- dese?

Brighella. L’ho trova.

Pantalone. Cossa diselo ? Dove xelo ? Vienlo a Rialto ?

Brighella. Giusto ; za un tantin l’ era qua, e l’è torna a casa.

Pantalone. Ma no ti gh’ ha dito, che lo aspetto con ansietà ?

Brighella. Ghe l’ ho dito, el m’ ha resposo ...

Pantalone. Coss’ è? Noi voi altro? S’alo pentìo?

Brighella. El m’ha dito cussi che V. S. vada a casa subito, che el l’aspetta.

Pantalone. Mo a cossa far a casa ? I bezzi l’ ha dito de zirar- meli in banco. Stè a veder che el s’ ha pentìo. Brighella, se sta cossa xe vera, mi son un omo precipita.

Brighella. La vada a casa a sentir cossa el dise.

Pantalone. Mo se a Rialto i m’aspetta. I creditori xe là colle lettere in man. I mi nemici i sta con tanto de occhi. I zoveni averà dito che vago ; se no i me vede, i dise che son fallio.

Brighella. Caro signor, no ghe poi esser soprazonto qualche ac- cidente, che gh’impedissa poder andar?

Pantalone. Bisognerave avvisarli.

Brighella. Anderò mi. Troveremo un pretesto.

Pantalone. Eh caro Brighella, sto nostro mistier el xe delicato assae. Quel che ne tien in pie, xe la fede, el credito, l’opi- nion. Tanti e tanti gh’ ha più debiti de mi, gh’ ha manco capitali de mi, e tutti ghe crede, e tutti ghe corre drio, per- [p. 140 modifica] che la fortuna i agiuta, e i se mantien a forza de imposturar. Ma quando l’omo scomenza a scantinar, quando in piazza el scemenza a mancar de credito, tutti ghe xe adosso, tutti cerca de ruvinarlo, tutti aspetta de goder la bella botta. E saveu perchè? Per invidia del ben dei altri e per amor del proprio interesse ; perchè la torta se spartissa pò tra de lori, e perchè el precipizio de un poveromo accressa i so utili, ghe moltiplica le corrispondenze, e daga fomento e pascolo alla so maledetta ambizion.

Brighella. Sior padron, adesso non è tempo né de perderse de animo, né de formar riflessi sulle vicende del mondo ; la vada a casa a sentir cossa dise monsù Rainmur.

Pantalone. Cossa te par a ti, caro Brighella? Cossa t’alo dito? Come t’ alo parla ?

Brighella. El me par un pochetto turba; ma no sarà niente.

Pantalone. Astu visto mio fio?

Brighella. Signor no, non l’ho visto.

Pantalone. Va là, va a Rialto ...

Brighella. Come vorla che diga?

Pantalone. ^Dighe che i aspetta... Ma pò, se no podessse vegnir?

Brighella. E meggio che li licenzia per sta mattina.

Pantalone. Ma le lettere che scade ancuo?

Brighella. Se le scade ancuo, gh’è tempo tutta la zornada.

Pantalone. Se costuma pagar la mattina a Rialto, al banco.

Brighella. Mattina o sera, co se paga, basta.

Pantalone. Va là, za xe tardi. L’ora de Rialto xe debotto pas- sada. Per sta mattina no saremo più a tempo. Procura de darghe delle bone parole ; e dighe che pagherò. (guarda F orologio

SCENA VII.

Dottore Malazucca e detti.

Dottore. Signor Pantalone de’ Bisognosi.

Pantalone. Schiavo, sior Dottor carissimo. La compatissa se l’ho fatto aspettar. Ma adesso no me posso trattegnir. [p. 141 modifica]

Dottore. Una parola, signore.

Brighella. (La toga intanto sti do mille ducati). (a Pantalone)

Dottore. Una parola, padron mio.

Pantalone. La diga, ma presto, che gh’ ho da far.

Dottore. Signore, i due mille ducati ...

Pantalone. I do mille ducati, per servirla, li torrò mi.

Dottore. Li prenderete voi?

Pantalone. Li torrò mi.

Dottore. Quanto mi darete?

Pantalone. E1 sie per cento.

Dottore. Non posso farlo, non posso dall’ otto venire al sei.

Brighella. (La facilita; la ghe n’ha bisogno). (a Pantalone)

Pantalone. (No vorave che sto povero vecchio li perdesse). (a Brighella)

Brighella. (Le cosse se giusterà: intanto co sti do mille ducati faremo tàser qualchedun). (a Pantalone)

Dottore. (Per assicurarli, mi converrà perdere qualche cosa), (da sé)

Pantalone. La senta, sior Dottor, fina al sette arriverò a dar- ghelo; ma gnente de più.

Dottore. Via, mi contento del sette.

Pantalone. Che monede xele?

Dottore. Non lo sapete? Zecchini.

Pantalone. Via, andemo a contar i bezzi, e ghe farò la so ri- cevuta.

Dottore. I denari sono belli e contanti. Io vi do questa carta, e voi me ne darete un’altra di vostra mano.

Pantalone. Ma i bezzi dove xeli?

Dottore. Domandateli a vostro figlio.

Pantalone. A mio fio ? Cossa gh’ intra mio fio ?

Dottore. Oh bella! Questa è la sua ricevuta. A lui ho dato i due mille ducati all’otto per cento ...

Pantalone. A elo?

Dottore. Sì ; e a voi, che siete il capo di casa, non ho difficoltà di lasciarli al sette.

Pantalone. Oh poveretto mi 1 Brighella ... [p. 142 modifica]

Brighella. Un bel negozio, sior padron.

Pantalone. Donca vu, sior, ave dà a mio fio i do mille ducati?

Dottore. Non lo sapevate?

Pantalone. No lo saveva, e no lo voggio saver, fazzo conto de no saverlo.

Dottore. Bisognerà bene che lo sappiate : e se non vi chiame- rete voi debitore di questa somma, farò i miei passi, e vostro figlio anderà in prigione.

Pantalone. In preson mio fio? Vu meritè de andar in berlina, sior vecchio avaro, che per un vadagno illecito, per un avan- tazo de un per cento de più, m’ ave manca de parola a mi e li ave dai a un zovene che negozia, xe vero, ma finalmente in casa gh’ ha ancora so pare vivo. Se ghe li ave dai, vostro danno. Meritè de perderli. Sieu maledetto vu, e maledetti tutti quelli della vostra sorte, che facendo usure, stocchi e negozi storti, precipita la zoventù, ruvina le case, mantien i vizi, i de- sordini, el zogo, le crapule e le disonestà.

Brighella. Bravo da galantomo. L’ha parla da par soo.

Dottore. Se non mi pagate con altra moneta che con questa, ora vado a farmi fare giustizia.

Pantalone. Fermeve, sier can, sier omo senza conscienza.

Brighella. (La lassa che el vada. Cossa ghe porlo far?) (piano)

Pantalone. (Ah Brighella, mio fio no merita che lo assista, ma el xe finalmente mio fio).

Dottore. E così, cosa mi dite?

Pantalone. Meriteressi de perder tutto.

Dottore. Ma non perderò niente.

Pantalone. Maledetto avaro, usuraio.

Dottore. Non voglio altri strapazzi. Anderò alla Giustizia.

Pantalone. Vegnì qua.

Dottore. Cosa volete?

Pantalone. Cossa voleu perder su sto negozio, e mi ve assicuro el vostro credito.

Dottore. Non voglio perdere neanche un soldo.

Brighella. Caro sior, la li perderà tutti. [p. 143 modifica]

Dottore. Buon viaggio. Io perderò il denaro, e la famiglia de’ Bisognosi perderà la riputazione.

Pantalone. Sentìu che bone massime, che gh’ha sto omo da ben? (a Brighella)

Brighella. Mi mo gh’ho un’altra massima, meggio della soa.

Pantalone. Che xe?

Brighella. Darghe una peada, e cazzarlo in rio (0.)

Dottore. A me questo? Alla Giustizia?

Pantalone. No no, sior, no ve dubitè; no voggio buttarve in rio. E! diavolo ve butterà un pochetto più in zoso.

Dottore. Datemi i miei denari.

Pantalone. Ve contenteu, che de quell’ obbligo me chiama mi debitor ?

Dottore. Sì, son contento.

Pantalone. Ma con un patto, che ridusemo el prò dai otto al sie per cento.

Dottore. Oh, questo poi no. Sino al sette mi contento.

Pantalone. El sette no ve lo voggio dar.

Dottore. E noi non faremo niente.

Pantalone. Perdere i bezzi.

Dottore. Ci penserà vostro figlio.

Pantalone. E per venti ducati precipiteressi un omo?

Dottore. E voi per venti ducati non salverete la riputazione a un figliuolo?

Pantalone. La xe un’ ingiustizia, una baronada.

Dottore. Schiavo suo.

Pantalone. Ve darò i vostri bezzi.

Dottore. Sì, datemeli.

Pantalone. Vegnì doman, che ve li darò.

Dottore. Sì, tornerò domani. Mi fate anche voi compassione : tornerò domani. Ma sentite, o i miei denari, o il sette per cento, o vostro figlio prigione. Il cielo vi dia vita e salute. (via)

Pantalone. Poverazzo, da una banda el me fa pietà. (1) Canale: v. Boerio. [p. 144 modifica]

Brighella. E1 ghe fa pietà? L’è l’omo più finto che sia a sto mondo.

Pantalone. Perchè distu che l’è finto?

Brighella. No séntela? L’è medico, e el ghe augura bona salute.

Pantalone. Caro ti, el me augura vita e salute, acciò che no mora avanti de pagarlo.

Brighella. E la se voi tirar adosso st’ altro debito?

Pantalone. Cossa vustu far? O salvar tutto, o perder tutto: e se me salvo mi, voggio salvar el mio sangue.

Brighella. E pò?...

SCENA VIII.

Corallina in zendale e detti. CoFlALLlNA. Oh signor padrone ...

Pantalone. Cossa feu a st’ ora, fora de casa ?

Corallina. Venivo in cerca di lei.

Pantalone. Dove?

Corallina. A Rialto.

Pantalone. Gh’è qualche novità?

Corallina. Ho premura di dirgli una cosa.

Pantalone. Per parte de chi?

Corallina. Per parte mia.

Pantalone. E no podè aspettar de parlarme a casa ?

Corallina. Avevo piacere di ritrovarvi a Rialto.

Pantalone. Cossa vorressi da mi a Rialto?

Corallina. So che fate lì tutti i vostri pagamenti.

Pantalone. E per questo?

Corallina. Vorrei che mi restituiste i miei cento e cinquanta ducati.

Pantalone. Perchè rason? No ve pago el vostro prò pontual?

Corallina. Sì signore, ma ho da servirmene per un affar di pre- mura.

Brighella. (Stè a veder, che anca questi ghe li magna Panta- loncin). (da sé [p. 145 modifica]

Pantalone. Coss’ èlo sto affai de premura ? Voi saverlo anca mi.

Corallina. Perdonatemi, signore, della roba mia non sono ob- bligata render conto a nessuno.

Pantalone. E mi no ve voi dar gnente, se no so dove che li volè impiegar. Son vostro patron, vu se sola, no gh’ ave pa- renti, no voi che li dezzipè, no voi che ve li fé magnar da qualcun.

Corallina. Vi dirò, signore, mi è venuta occasione di maritarmi.

Brighella. Sior padron, el tempo passa.

Pantalone. Vago. Chi xelo el no vizzo?

Corallina. Arlecchino.

Pantalone. Ben, parlerò con Arlecchin, e fé conto d’averli avui.

Corallina. Signore, non faremo niente.

Pantalone. Mo per cossa?

Corallina. Non faremo niente, se non mi date il dieci per cento.

Pantalone. El diese per cento ! Con chi credeu d’aver da far ? Chi v’ ha messo in testa ste bestialità ?

Corallina. Ho trovato chi me lo dà.

Pantalone. Chi èlo sto desperà, che vo voi dar el diese per cento ?

Corallina. Non posso dirlo, signore.

Brighella. Che lo dirò mi, sior padron. L’ è el sior Pantaloncin, so degnissimo fio.

Pantalone. Mio fio?

Brighella. Sior sì, e za tempo la ghe n’ha dà altri cento e cin- quanta al medesimo prezzo.

Pantalone. Oh poveretto mi!

Corallina. Come diavolo lo avete saputo? (a Brighella)

Pantalone. Tocco de desgraziada ! Ti va a dar bezzi a mio fio? Anca ti per avarizia ti agiuti la barca a precipitario? Ma senti, sta volta el mal casca sora de ti ; i bezzi ti li ha persi, el te li ha magnai, matta, stramba, senza giudizio, to danno : maledetto interesse ! El chiappa tutti, e mi poverazzo, mi me tocca sentir le stoccae, soffrir la vergogna. Ah fio desgrazià ! Maledetto zogo ! El zogo me l’ha ruvinà. Sto zogo i lo gh’ha / [p. 146 modifica] in ti ossi. Vardè se trionfa el zogo per tutto. I ha fina stampa le carte da zogar in ti fazzoletti da naso. (via)

Corallina. Ma voi come diavolo avete saputo ...

Brighella. Patrona, vago a Rialto.

Corallina. Ditemi, come avete saputo che io abbia dati questi denari al padron giovine?

Brighella. Vorla che ghe lo diga?

Corallina. Si, mi farete piacere.

Brighella. Me l’ha dito Arlecchin.

Corallina. Arlecchino?

Brighella. Siora si, el so sposo, la so bella zoggia. Donne, donne, che se tacca sempre al so pezo.

Corallina. Ma sentite...

Brighella. Patrona, vago a Rialto. (via)

Corallina. Disgraziatissimo d’ Arlecchino ! L’ ho tanto pregato che non dica niente a nessuno, e subito lo ha detto a quel chiacchierone (’) di Brighella? Me la pagherà. Lo voglio far pen- tire d’aver parlato ; è vero che ancor io avevo promesso di non parlare, e ho parlato, ma finalmente l’ho detto ad uno che ha da esser mio sposo; e lui lo va a dire a Brighella? Me la pagherà. Ma ora che ci penso, il signore padrone mi dice che i miei denari li ho persi, che il padroncino me li ha man- giati ? Non vorrei che fosse verità ... Eh, non può essere ; se li ho veduti nella borsa due ore sono, se va il prò sopra il capitale, se vi ha messi dentro perfino li due zecchini del dito piccolo.

SCENA IX (2).

Arlecchino e Corallina.

Arlecchino. E cussi, Corallina, la dota cressela o calcia ? (3)

Corallina. Per te è calata del tutto.

Arlecchino. Avanti de manizzarla ? (4) (1) Nel testo: chiachiarone. (2) Questa scena, voltata in toscano, leggesi anche nel- l"ed. Raperini (A. II, se. XII). (3) Pap.: « Pasq. E così, Corallina, la dote cresce o cala ? ». (4) Pap.: di maneggiarla. [p. 147 modifica]

Corallina. Sì, per causa della tua lingua.

Arlecchino. Mo cossa foggio fatto (i) colla lingua?

Corallina. Chiacchierone ! Cosa hai raccontato a Brighella ?

Arlecchino. Mi no gh’ ho dito altro che quel che ti m’ ha dito ti. (2)

Corallina. Bravo ! ed egli l’ ha raccontato al padrone vecchio.

Arlecchino. Ma mi no gh’ ho miga dito che el ghe lo diga. (3)

Corallina. T’ho pur detto io, che tu non lo dicessi a nessuno.

Arlecchino. Gnanca (4) a Brighella?

Corallina. Ho detto a nessuno, a nessuno.

Arlecchino. I dis che ogni regola gh’ ha la so eccezion, credeva de poderlo dir almanco a uno. (5)

Corallina. Sei un balordo.

Arlecchino. Ti vedi ben, semo paesani, semo camerada, el me voi ben, me conseio con lu. (6)

Corallina. Non occorr’ altro. Confidati nel tuo Brighella ; e con me, chi ha avuto ha avuto.

Arlecchino. Ma la dota mi non l’ ho avuda. (7)

Corallina. E non l’averai nemmeno.

Arlecchino. Cossa vut che fazza de ti (8) senza la dota?

Corallina. Quello che io farò di te.

Arlecchino. Che voi mo dir ? (9)

Corallina. Ti mando al diavolo.

Arlecchino. E mi dove t’oi da mandar? (lO)

Corallina. Ignorante!

Arlecchino. Et (H) in collera. Corallina?

Corallina. Non esser buono da tacere un segreto.

Arlecchino. Via, compatissi (i 2); fa conto che sia una donna.

Corallina. Io i fatti miei non li dico a nessuno. (1) Pap.: Che cosa ho fallo io ecc. (2) Pap.: Io non gli ho dello altro, se non quello che lu dicesli a me. (3) Pap.: Ma io non gli ho dello che lo dicesse. (4) Pap.: Neanche. (5) Pap.: Dicono che ogni regola ha la sua eccezione, credevo di poterlo dire almeno a uno. (6) Pap.: Vedi bene, siamo della slessa palria, siamo di camerala, mi vuol bene, ed io mi consiglio con lui. (7) Pap.: La dole io non l’ ho avula. (8) Pap.: Che vuoi che faccia di le ecc. (9) Pap.: Che vuol dire ? (IO) Pap.: Ed io dove devo mandarli? (1 1) Pap.: Sei. (12) Pap.: scusami. [p. 148 modifica]

Arlecchino. Ti Y ha pur dito a mi. (i)

Corallina. A te lo potevo dire.

Arlecchino. E mi credeva de poderlo dir a Brighella. (2)

Corallina. Sei un asino.

Arlecchino. Via, ti sarà me muier. (3)

Corallina. Ah, la mia dote la voglio impiegar meglio.

Arlecchino. At paura che te la ruvina ? (4)

Corallina. Si, ho paura che me la consumi.

Arlecchino. Bisogna ben che la sia pochetta. (5)

Corallina. Sono trecento ducati in denari contanti; e ho del- l’oro e ho della biancheria, (fi)

Arlecchino. No Ve pò sto gran tesoro.

Corallina. E una dote da poveretto.

Arlecchino. Da poveretto? No voi altro.

Corallina. Perchè? Sei un gran signore?

Arlecchino. No son un gran signor, son un servitor, ma no voi esser poveretto.

Corallina. O povero, o ricco, non sei per me.

Arlecchino. Se mi no son per ti; gnanca ti ti sarà per mi.

Corallina. Che vuol dire, ti preme poco della mia persona.

Arlecchino. Qualche volta me preme, e qualche volta no me preme. (7)

Corallina. E adesso ...

Arlecchino. Adesso no me preme troppo.

Corallina. Io voglio un marito, che di me abbia sempre premura.

Arlecchino. Ti stenterà (8) a trovario.

Corallina. Mi proverò.

Arlecchino. Prova, e se no ti trovi de meggio, vien da mi. (9)

Corallina. Quando (lO) è fatta, non si torna indietro.

Arlecchino. Penseghe(ll) avanti de faria. (1) Pap.: L’ hai pur detto a me. (2) Pap.: Ed io credevo di poterlo dire a Faccerìda. (3) Pap.: Via, sarai mia moglie. (4) Pap.: Hai paura che te la sciupi ? (5) Pap.: Ella non è tanto poca. (6) Segue nell’ed. Pap.: ’ ma non e per te. Pasq. Se io non sono per te, tu non sarai per me ». (7) Segue nell’ed. Pap.: «< Cor. E ora ? Pasq. Non molto. Cor. Io voglio ecc. » (8) Pap.: Stenterai ecc. (9) Pap.: e se non trovi di meglio, vieni da me. (IO) Pap. aggiunge : la cosa. (Il) Pap.: Pensaci ecc. [p. 149 modifica]

Corallina. Se tu non fossi cosi chiacchierone, non ti lascierei per un altro.

Arlecchino. Con qualcun bisogna che parla. (0)

Corallina. Parla con me.

Arlecchino. Tomemo sul proposito (2) della dota.

Corallina. Tu non pensi ad altro che alla dote, e di me non fai conto. Chi non fa stima di me, non merita la mia dote. Quattro o cinquecento ducati non sono molto, è vero, ma ho qualche cosa che vai di più. Sono economa, son faccendiera, so far di tutto, e mi contento di poco. Pensaci, e se ciò non ti basta, e se una donna della mia sorte non ti soddisfa, Ar- lecchino, tu non sei di buon gusto. (via)

Arlecchino. Veramente la gh’ ha del bon ; ma sto bon el gh’ha el so dretto e el so roverso. Eh ! bisognerà che la toga ; se voi trovar una muier che gh’ abbia tutto dolce, senza niente de amaro, no me marido più per tutto el tempo de vita mia. (3) (via

SCENA X.

Camera in casa di Pantalone. Madamigella Giannina e Beatrice.

Madamigella. Così è, amica, voglio provarmi.

Beatrice. Fareste un’opera portentosa.

Madamigella. Credo che nel signor Pantaloncino vi sia un fondo buono, e che tutto il male provenga dai pregiudizi, che sono nel di lui spirito insinuati. Questi si ponno facilmente distruggere, quando l’uomo riducasi ad ascoltare un linguaggio nuovo, che abbia forza di riscuotere la ragione e di convincere la volontà. Beiatrice. Mio fratello avrebbe a voi una obligazione ben grande, se arrivaste col vostro sapere a coneggerlo, ad illuminarlo ; e (I) Pap.: Con qualcheduno convien ch’io parli. (2) Pap.: Torniamo al proposito ecc. (3) Questa è se. XIII nell’ ed. Paperini : « Pasquino solo. Veramente ha del buono ; ma questo buono ha il suo dritto ed il suo rovescio. Ah ! Converrà ch’ io la prenda. Se voglio trovar una moglie che abbia tutto dolce, senza niente di amaro, non mi accaso più per tutto il tempo di Vita mia. parte ». [p. 150 modifica] l’avrebbe a voi tutta questa nostra povera casa afflitta e di- sordinata per sua cagione.

Madamigella. Non è egli in casa?

Beatrice. Sì ; è in casa da un’ora in qua ; passeggia solo, è tur- bato, e qualche volta sospira.

Madamigella. (Chi sa che io a quest’ora non abbia fatta qualche impressione nel di lui animo?) Amica, con qualche pretesto mandatelo qui da me. Ora che non è m casa mio zio, posso prendermi qualche poco di libertà.

Beatrice. Procurerò di mandarlo. Ma ditemi, madamigella, vostro zio vuol egli ammogliarsi ?

Madamigella. Credo che lo farà, quando io sarò collocata.

Beatrice. Una volta pareva ch’ egli avesse della bontà per me.

Madamigella. Sì, è vero: ha della stima di voi.

Beatrice. Basta ... Non dico altro.

Madamigella. V’intendo; e credetemi che anche per questa parte vi sarò amica.

Beatrice. Ora vi mando subito mio fratello. (con allegria)

Madamigella. Fatelo con buona grazia.

Beatrice. (Oh, monsieur Rainmur sarebbe per me la bella for- tuna), (da sé, via)

Madamigella. Eppur è vero. Lo provo io medesima. Amore è un non so che superiore al nostro intelletto, e vincitor delle nostre forze. Per quanta resistenza voglia fare ad una passione ridicola, che mi trasporta ad amare uno che non lo merita, son forzata ad arrendermi e ad assoggettare la mia ragione ad un piacer pernizioso. Che forza è questa ? D’attrazione ? Di simpatia? O di destino? Qual filosofo me la saprebbe spie- gare? Ma la dottrina è inutile, dove l’affetto convince. Io l’amo, e tanto basta. Il conoscerlo indegno d’ amore non opra ch’ io l’abbandoni, ma che lo desideri degno d’essere amato. Al de- siderio unir voglio l’opera mia, e se mi riesce cambiargli il cuore, potrò dir con ragione che il di lui cuore sia mio, e andrò glo- riosa di una tale conquista, più di quello farei se cento cuori docili per natura mi si volessero assoggettare. Eccolo il mio [p. 151 modifica] nemico. Chi lo vuol vincere, conviene batterlo dove si può credere men difeso. Anche l’adulazione può essere lodevole, quando tende ad onesto fine.

SCENA XI.

Pantaloncino e detti.

Pantaloncino. Xela eia, patrona, che me domanda?

Madamigella. Chi vi ha detto, che siete voi domandato?

Pantaloncino. Mia sorella.

Madamigella. Vostra sorella è bizzarra davvero. La premura che siate meco, è sua ; dovrei parlarvi per una sua commissione, e mi dispiacerebbe che mi credeste sì ardita d’avervi per conto mio incomodato.

Pantaloncino. Cara eia Me maraveggio. Mi no so far ce- rimonie, e ancuo per dirghela ghe n’ho poca voggia. Son qua. Cossa comandela?

Madamigella. Non volete sedere?

Pantaloncino. Se el discorso xe longo, gh’ho un pochetto da far, lo sentirò un’ altra volta ; e se el xe curto, tanto stago anca in pie.

Madamigella. Se non volete seder voi, permetterete che seda io.

Pantaloncino. La se comoda pur.

Madamigella. Ora tirerò innanzi una sedia.

Pantaloncino. La se comoda.

Madamigella. (Questa sua inciviltà me lo dovrebbe rendere odioso, e pure ancora la compatisco). (va per la sedia)

Pantaloncino. (Se no gh’avesse in testa el balin del zogo, me devertirave un pochetto).

Madamigella. Signor Pantaloncino, non mi darete nemmeno una mano a strascinar questa sedia ? (di lontano, vicino alla sedia)

Pantaloncino. Oh sì, la compatissa. No gh’ aveva abbadà; la servirò mi. (porta egli la sedia innanzi)

Madamigella. Siete poco avvezzo a trattar colle donne. [p. 152 modifica]

Pantaloncino. Ghe dirò. Mi fin adesso son andà sempre a pe- pian. In soler (l) poche volte.

Madamigella. Avete fatto un gran torto a voi medesimo.

Pantaloncino. Mo perchè?

Madamigella. Il vostro merito non doveva portarvi alle conver- sazioni indegne di voi.

Pantaloncino. Credela che mi sia un putto che merita?

Madamigella. Sì, lo credo con fondamento.

Pantaloncino. Grazie, grazie, patrona, grazie.

Madamigella. Le vostre cimabili qualità potrebbero farvi far onore, se voi le teneste in maggiore riputazione.

Pantaloncino. Putta cara, son cortesan, vu me de el mando- lato, ma no lo magno. Se vu ave studia i libri de filosofia, mi ho studia quelli del baronezzo, e ghe ne so tanto che basta per menarve a scuola vu, e diese della vostra sorte.

Madamigella. Questi libri del baronezzo vi hanno insegnato a disprezzar voi medesimo ?

Pantaloncino. I m’ha insegna a cognosser co i me minchiona.

Madamigella. Credete dunque che io vi burli ?

Pantaloncino. E come!

Madamigella. Ditemi : vi guardate mai nello specchio ?

Pantaloncino. Qualche volta, co me petteno.

Madamigella. Lo specchio vi dirà che siete bruttissimo.

Pantaloncino. No, la veda, patrona ; col specchio fa naturai, no me descontento.

Madamigella. Gli occhi vostri vi pareranno imperfetti.

Pantaloncino. No SO gnente, patrona ; me par, se ho da dir quel che sento, che i sia passabili.

Madamigella. La bocca! Oibò! La movete con mala grazia.

Pantaloncino. E pur, CO rido, me par che no ghe sia mal.

Madamigella. Che dite della vostra fronte?

Pantaloncino. No sta a mi a dirlo, ma la mia aria no la xe da villan. ( I ) Piano superiore o piano nobile : v. Boerio. [p. 153 modifica]

Madamigella. Signor Pantaloncino, begli occhi, bella fronte, bel labbro, e non sarete amabile ?

Pantaloncino. Cara eia ... la me fa vergognar.

Madamigella. Vi burlo, eh?

Pantaloncino. No so cossa dir ...

Madamigella. Signor cortigiano, vi ha insegnato bene il vostro libro del baronezzo?

Pantaloncino. Confesso anca mi, che delle volte se falla.

Madamigella. Sapete cosa vi ha insegnato questo vostro bel libro?

Pantaloncino. Cossa, cara eia ?

Madamigella. A trattar male colle persone civili.

Pantaloncino. Perchè, patrona?

Madamigella. Parvi una civiltà, una buona grazia, tollerare che una fanciulla per causa vostra soffra il disagio di favellarvi in piedi ?

Pantaloncino. Perchè no se sentela ?

Madamigella. I miei libri, che non sono di baronezzo, m’ inse- gnano di non sedere, quando stia in piedi chi mi deve ascoltare.

Pantaloncino. Donca bisognerà che me senta anca mi.

Madamigella. Così fareste, se aveste meglio studiato.

Pantaloncino. Co no ghe xe altro mal, ghe remedio subito. (va a prendere la sedia)

Madamigella. (Gran giro mi convien fare per giungere al punto che io mi sono prefisso). (da sé)

Pantaloncino. Ecco qua la carega.

Madamigella. Sedete.

Pantaloncino. Me maraveggio. Tocca a eia.

Madamigella. Effetto di vostra gentilezza. (siede)

Pantaloncino. Obbligo della mia servitù.

Madamigella. Oh signor Pantaloncino, questi termini, queste buone grazie, non le avete studiate nel vostro libro.

Pantaloncino. No, patrona, le xe cosse che le imparo da eia.

Madamigella. Dunque confessate, che sinora avete avute delle cattive lezioni.

Pantaloncino. Sarà come che la dise eia. [p. 154 modifica]

Madamigella. (Va cedendo, spero bene). (da sé)

Pantaloncino. Ma cossa ala da comandarme ? MaD/\MIGELLA. Deggio parlarvi per commissione di vostra sorella.

Pantaloncino. Cossa voi da mi mia sorella?

Madamigella. Ella è innamorata.

Pantaloncino. Che la se comoda, che bon prò ghe fazza.

Madamigella. Ma l’amante, per dirla, non è degno di lei.

Pantaloncino. Con chi fala 1 amor ?

Madamigella. Vi dirò: il di lei genio la porta ad amare una persona che non merita l’amor suo.

Pantaloncino. Che voi dir?

Madamigella. Un giovine nato civile, se vogliamo, ma che ha massime vili.

Pantaloncino. Oibò, la fa mal mia sorella.

Madamigella. Accordate anche voi, che fa torto alla nascita chi la deturpa?

Pantaloncino. No vorla? Siguro.

Madamigella. Sappiate di più, che codesto giovane da lei amato è un giocatore, che consuma nelle biscaccie il tempo, il de- naro e la salute medesima.

Pantaloncino. Pezo. La starave fresca !

Madamigella. Ah ! Che dite ? Un giocatore di questa sorta è un bel fior di virtù?

Pantaloncino. E1 zogo, el zogo ... Basta ... tiremo avanti.

Madamigella. Oh che poca avvertenza ha questa vostra sorella ! Il di lei amante è rovinato : ha precipitata la casa in cra- pule, in feste, in divertimenti, in compagnia di gente trista, in case o disonorate o sospette.

Pantaloncino. Come ? xela deventada matta ? Co sta sorte de zente la fa l’amor? Voggio dirghe l’animo mio. Voggio che la me senta ...

Madamigella. Fermatevi ; non tanto caldo. Sapete chi è la per- sona viziosa, che ama vostra sorella ?

Pantaloncino. Chi xelo sto poco de bon ?

Madamigella. Il signor Pantaloncino de’ Bisognosi. [p. 155 modifica]

Pantaloncino. Mi, patrona?

Madamigella. Sì, voi. Guardatevi in quello specchio in cui si ravvisano gli animi, in cui i vizi e le virtù si distinguono. Guar- datevi in quello specchio che vi ho posto dinanzi agli occhi, e conoscete voi stesso. Se un cristallo sincero vi assicura che siete amabile, un ragionamento veridico vi convinca che non siete d’amare. Poveri doni di natura, in voi traditi da un in- gratissimo abuso ! Infelici le grazie del vostro volto, deturpato dal vostro basso costume ! Sfortunato quel sangue che nelle vene vi scorre, misero quel padre che a voi diede la vita, infelice colei che ingiustamente vi ama.

Pantaloncino. E mia sorella me voi tanto ben?

Madamigella. Sapete voi chi è la sorella che cotanto vi adora?

Pantaloncino. Chi xela ? No la xe Beatrice ?

Madamigella. No ; ella è la povera madamigella Rainmur.

Pantaloncino. Ella?

Madamigella. Sì. Io ; lo confesso con mio rossore.

Pantaloncino. Madamosella, vu me obblighè ... vu me intenerì ... son qua .... son tutto vostro ...

Madamigella. Andate, che non so che fare di voi. (s’alza)

Pantaloncino. Come ! Questa xe una maniera de burlar. Disè che me volè ben, e pò me scazzè in sta maniera ?

Madamigella. Quando dico d’amarvi, fo una giustizia al merito del vostro viso ; quando da me vi scaccio, tratto come merita il vostro basso costume.

Pantaloncino. Songio tanto cattivo ?

Madamigella. Non avete studiato altro libro, che quello del ba- ronezzo.

Pantaloncino. Xe vero, ma ... son zovene, son ancora a tempo de far dei studi da niovo.

Madamigella. Sareste voi disposto a prendere delle migliori le- zioni ?

Pantaloncino. Sì, cara, sotto una maestra cussi virtuosa, e cussi furbetta, impareria in poco tempo.

Madamigella. Come sta il vostro cuore! [p. 156 modifica]

Pantaloncino. E1 mio cuor xe d’una pasta cussi tenera, che el se lassa domar con una somma facilità.

Madamigella. V annoiano i miei discorsi ?

Pantaloncino. No, fia, i me dà gusto.

Madamigella. Sedete.

Pantaloncino. Volentiera. (siedono)

Madamigella. Ascoltatemi.

Pantaloncino. Son qua. (s’ accosta bene a madamigella)

Madamigella. Non vi accostate cotanto. Le parole si sentono anche in qualche distanza. (si scosta)

Pantaloncino. Ma le parole opera meggio, co le xe agiutae dall’ azion.

Madamigella. Questa è una lezione del vostro libro.

Pantaloncino. Via, no digo altro. V’ascolterò come che volè.

Madamigella. Vuò darvi la prima lezione, la quale farà onore a me, se la saprò dire, farà onore a voi, se la saprete ascoltare.

Pantaloncino. Son qua, ve digo. Ve ascolto con tutto el cuor.

Madamigella. Caro Pantaloncino ...

Pantaloncino. (La lizion scomenza pulito). (da sé)

Madamigella. L’ uomo che non conosce se stesso ....

SCENA XII.

Monsiem Rainmur e detti.

Madamigella. Mio zio. (a Pantaloncino, alzandosi)

Pantaloncino. Monsìi, la reverisso. Rainmur. Servitore ben obbligato. (con riverenza gentile)

Pantaloncino. La compatissa, se dago incomodo a madamosella. Rainmur. Ben obbligato.

Madamigella. Il signor Pantaloncino ha una bellissima disposi- zione alle belle lettere. Rainmur. Me ne rallegro. (con qualche ironia)

Pantaloncino. Sta signora xe una gran virtuosa. Rainmur. Ben obbligato, (a Pantaloncino) Andate nella vostra ca- mera, (piano a madamigella [p. 157 modifica]

Madamigella. Signore ...

Pantaloncino. La xe un’arca de scienze. RaINMUR. Obbligato, (a Pantaloncino) In camera. (a madamigella, battendo il bastone per terra)

Madamigella. Vado. Signore. (una riverenza a Pantaloncino)

Pantaloncino. Comandela che la serva? (vuol dar braccio a madamigella RaINMUR. Non importa, non importa. (lo trattiene con ironia)

Pantaloncino. E1 mio dover Rainmur. Ben obbligato.

Madamigella. (Anche mio zio ha poco studiato quella morale mo- derna, che unisce tanto bene la società ed il decoro. (da sé, via)

Pantaloncino. Gran belle massime s’ impara da quella so nezza. Rainmur. Io ne sono contento.

Pantaloncino. Ma perchè l’ala fatta andar via? Rainmur. Vi averà incomodato bastantemente.

Pantaloncino. Anzi la me insegnava delle bellissime cosse. Rainmur. Mia nipote non è nata per fare la maestra alla gio- ventù.

Pantaloncino. La vede ben : discorrendo sempre se impara. Rainmur. Non vorrei ch’ ella imparasse qualche cosa da voi.

Pantaloncino. Cossa porla imparar da mi? Rainmur. Perdonatemi. A non conoscere ne la civiltà, ne l’onore.

Pantaloncino. Come parleu, sior ? Rainmur. Vi dico in casa, quello che non vi dovevo dir sulla strada.

Pantaloncino. Mi son un omo incivil? Rainmur. Con me non avete usata la civiltà.

Pantaloncino. Mi no conosso l’onor ? Rainmur. Se conosceste l’onore, sareste più pontuale.

Pantaloncino. Adesso capisso el fondamento dei bei discorsi de madamosella. Vu m’avè messo in descredito con vostra nezza. La m’ha strapazza con bona maniera, ma la m’ ha strapazza. Da eia ho sopporta i strapazzi, da vu non li voi sopportar. Rainmur. Io non parlerò con voi, se voi non parlerete con me. [p. 158 modifica]

Pantaloncino. Paressi meggio andar via de sta casa. RaINMUR. Sarete servito. (dolce, e con grazia)

Pantaloncino. E me maraweggio dei fatti vostri. (forte Rainmur. Non alzate la voce.

SCENA XIII.

Brighella e detti.

Brighella. Coss’ è sta cossa ?

Pantaloncino. Coi galantomeni no se tratta cussi.

Brighella. Com’ èia ? Signor, el sior Pantalon l’ è qua che el ghe voi parlar. (a Rainmur Rainmur. Ditegli che or ora io e mia nipote se ne anderemo di casa sua.

Brighella. Mo perchè, signor? Rainmur. Perchè suo figlio è un pazzo. (eia)

Pantaloncino. A mi matto ? Sangue de diana (\>uol seguirlo)

Brighella. La se ferma. Cossa è sta.

Pantaloncino. Sior foresto della favetta (0)

Brighella. La se ferma, l’ è qua so sior padre.

Pantaloncino. Strapazzarme ? Lo voi mazzar.

Brighella. Sior padron, la vegna. La veda so fio ... (alla scena)

Pantaloncino. Vien mio pare ; xe meggio che vaga via, ma Io troverò colìi, lo troverò. (via correndo

SCENA XIV.

Pantalone gli corre dietro sin dentro la scena.

Brighella. La se ferma, la senta, (dietro a Pantalone) Sto putto voi esser el so precipizio. (1) Voi. II. p. 420. [p. 159 modifica]

SCENA XV.

Pantalone dalla medesima parte dove è entrato.

Pantalone. Furbazzo, te chiapperò. El s’ha serra in camera. Cossa xe sta, Brighella ?

Brighella. No so gnente. Strepiti grandi. Monsù vuol andar via de sta casa.

Pantalone. Mo per cossa?

Brighella. Per càusa de so fio.

Pantalone. Oh poveretto mi ! Monsù Rainmur dove xelo ?

Brighella. Presto, la ghe parla.

Pantalone. Dove xelo?

Brighella. El sarà in camera. Andemo, no la perda tempo.

Pantalone. Sì, andemo Ma prima voi parlar co mio fio. Voi sentir cossa xe sta ; avanti de presentarme a monsù Rain- mur, voi saver come che m’ ho da contegnir.

Brighella. Ma se sior Pantaloncin s’ha serra.

Pantalone. Va là ti, falò averzer. Fidelo ; dighe che ghe par- lerò con amor.

Brighella. Farò quel che posso. In verità, sior padron, che gh’ho el cuor ingroppa. (via)

Pantalone. Ah fio indegno ! Ah fio desgrazià ! Poveri pari ! Poveri pari ! Chi se augura fioli, se specchia in mi. Chi li gh’ ha boni, ringrazia el cielo, e chi li gh’ha cattivi, i poi dir d’aver un travaggio, che supera tutti i travaggi del mondo. Fine dell’Atto Secondo.

[p. 160 modifica] [p. 161 modifica]

ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.

Camera di Monsieur Rainmur con burò, tavolino e baulli. Monsieur Rainmur e due Servitori. Rainmur. (Va levando dal burò vari sacchetti di monete, e li mette in un baullo, mentre due servitori ripongono in un altro haullo i di lui ve- stiti: tutto facendo senza parlare.

SCENA IL

Madamigella Giannina e detto.

Madamigella. Signor zio, mi è permesso ? Rainmur. Cosa volete ? (con un sacchetto in mano)

Madamigella. Vorrei, se mi permettete, dirvi il mio sentimento sulla risoluzione che siete per fare. Rainmur. La risoluzione è fatta ; andiamo a Livorno. (mette il sacchetto nel haullo)

Madamigella. Partir di Venezia così repentinamente, panni che sia un affronto al padrone di questa casa. Rainmur. Ne ho ricevuti di peggio. (va al burò per un sacchetto)

Madamigella. Avete parlato col signor Pantalone ? Rainmur. Non l’ho veduto. (porta il sacchetto nel haullo)

Madamigella. Vorrebbe la convenienza, che gli parlaste. Rainmur. Andate nella vostra camera.

Madamigella. Ma Signore — Rainmur. Andate a far della vostra roba quello che qui si fa della mia. (toma al burò)

Madamigella. Mentre vi parlo, le robe mie si ripongono ne’ baulli. Rispetto gli ordini vostri. Rainmur. Bene. (ripone un sacchetto nel baullo m [p. 162 modifica]

Madamigella. Vonei soltanto che vi compiaceste lasciarmi dir due parole. RaINMUR. Parlate. (si ferma ad ascoltarla)

Madamigella. Bramerei sapere prima di tutto per qual dispiacere volete allontanarvi da questa casa. Rainmur. Mi hanno insultato.

Madamigella. Ma chi vi ha insultato ? Il signor Pantalone ? Rainmur. No; il suo figliuolo.

Madamigella. Qual colpa ha il padre nelle debolezze del figlio ? Rainmur. Tutti due sono nella medesima casa. Non soffrirei altre ingiurie senza risentimento.

Madamigella. Finalmente il signor Pantaloncino è giovine ; me- rita essere compatito. Rainmur. Voi lo difendete, perchè l’amate. (va al burò)

Madamigella. Se anche l’amassi, non potreste di ciò riprendermi. Rainmur. Egli è un pazzo. (ooltarìdosi a lei)

Madamigella. Le pazzie della gioventù si correggono. Rainmur. Con tutta la vostra filosofia diverreste pazza peggio di lui, se io non vi provvedessi. (va al burò)

Madamigella. Se amore si può dire pazzia, pochi saranno li savi, signor zio. Rainmur. Non so compatirvi, (camminando con un sacchetto verso il baullo)

Madamigella. Eppure voi mi dovreste compatire più d’ogn’altro. Rainmur. Perchè ? (voltandosi col sacchetto in mano)

Madamigella. Signore, vi domando perdono. Rainmur. Perchè? Parlate.

Madamigella. Perchè con tutta la vostra austerità so che cimate anche voi. Rainmur. Io ?

Madamigella. Sì signore, perdonatemi. Voi amate. Rainmur. Come potete ... (corre a mettere il sacchetto nel baullo, poi torna) Come potete voi dirlo ?

Madamigella. Amore non si può tenere nascosto. Rainmur. Credete voi che io ami madamigella Beatiàce ?

Madamigella. Lo credo con fondamento. [p. 163 modifica]

Rainmur. Se io l’amassi, amerei una figliuola che merita essere amata. (va verso al burò)

Madamigella. Ed io... Rainmur. E voi amereste un pazzo. (voltandosi, poi va al burò)

Madamigella. L’amor mio sarà sempre più virtuoso del vostro. Rainmur. Perchè? (voltandosi stando al burò)

Madamigella. Perchè io cimo con costanza uno che, secondo voi, non lo merita, e voi abbandonate per un pontiglio una persona degna dell’amor vostro. Rainmur. Il mio abbandonamento non le fa alcuna ingiuria. (prende il sacchetto)

Madamigella. Ma la mortifica, e la fa piangere. Rainmur. Piange madamigella Beatrice ? (col sacchetto in mano si ferma)

Madamigella. Sì ; fa compassione. Rainmur. Perchè piange? (dolce)

Madamigella. Per quella ragione istessa per cui io piangerei, se lasciassi il di lei fratello. Rainmur. Beatrice non ha per me quell’ amore che voi avete per codesto discolo malcreato. (s’ incammina verso il baullo)

Madamigella. Io non so che si pianga per una persona che non si ami. Rainmur. Piange ? (con tuono compassionevole)

Madamigella. Sì : per voi. Rainmur. (Senza parlare va lentamente al baullo, poi si volta) Piangerà per le disgrazie della sua casa.

Madamigella. A me ha confidato il motivo delle sue lacrime. Rainmur. Credete che ella le versi per me?

Madamigella. Certamente. Rainmur. Voi mi adulate. (ripone il sacchetto nel baullo, risoluto)

Madamigella. Eccola. La vedete ? (accenna di vederla da lontano Rainmur. Non mi pare che pianga.

Madamigella. Ha gli occhi rossi. Il timore suol trattenere le la- crime. Rainmur. Osservate. Ella vi chiama.

Madamigella. Mi permettete, che io la faccia venir qui ? [p. 164 modifica]

Rainmur. Cerca di voi, non cerca di me. (va al baullo, voltandosi dall’altra parte)

Madamigella. Mi fa cenno che vorrebbe parlarvi. Rainmur. Nipote, voi vi prendete spasso di me. (voltandosi)

Madamigella. Perdonatemi : non ardirei di fado. Amica, volete me, o il signor zio? Rainmur. (Sì volta, come per rossore.)

Madamigella. Desidererebbe padar con voi. Rainmur. Con me?

Madamigella. Sì signore; se non volete ascoltarla, unirà anche questo agli altri favori di uno che mostrava d’amarla. Rainmur. Fatela venire. (va a chiudere il burò)

Madamigella. (Chi sa? S’egli avesse compassione della sorella, potrei anch’ io aver tempo di guadagnare il fratello). (da sé, via Rainmur. (Chiuso il burò, va per chiudere il baullo) Ehi, partite, (alli servitori, che partono) L’amo, ma non le ho mai detto d’amarla. Queste donne conoscono troppo bene i movimenti degli occhi. (chiude il baullo) Eccola.

SCENA III.

Beatrice e Monsieur Rainmur.

Beatrice. Monsieur Rainmur. (inchinandosi Rainmur. Madamigella. (con bocca ridente)

Beatrice. Perdonate l’ardire. Rainmur. Mi fate onore.

Beatrice. Son qui venuta ... Rainmur. Perdonate. (va per due sedie)

Beatrice. (Madamigella Giannina mi ha bene instruita, ma non so se riuscirò). (da sé Rainmur. Accomodatevi.

Beatrice. Anche voi. Rainmur. (Con un risetto s’inchina, e siede.)

Beatrice. Monsieur, sono venuta ad augurarvi il buon viaggio. Rainmur. Ben obbligato. (con riverenza gioiale [p. 165 modifica]

Beatrice. Possibile che ci vogliate abbandonare sì presto ? RaINMUR. Vi ho dato un incomodo di quattro mesi.

Beatrice. Ma dunque, perchè partire? Rainmur. Perdonate.

Beatrice. Forse per le leggerezze di mio fratello? Rainmur. Le sue leggerezze pesano molto a chi sente l’onore.

Beatrice. Mio fratello sarà la rovina di questa casa. Rainmur. Me ne dispiace infinitamente.

Beatrice. Mio padre è fuor di se stesso. Rainmur. Il signor Pantalone è onest’omo.

Beatrice. Povero vecchio, piange amaramente. Rainmur. Me ne dispiace infinitamente.

Beatrice. Mio fratello principia a conoscer i suoi disordini, e si vergogna di se medesimo, e piange unitamente a suo padre. Rainmur. Padre buono di un figliuolo cattivo.

Beatrice. Io poi sono la più afflitta di tutti. Rainmur. Voi? Perchè?

Beatrice. Ho troppe cose che mi tormentano. Rainmur. E quali sono, madamigella ?

Beatrice. 11 padre. Rainmur. Bene.

Beatrice. Il fratello. Rainmur. Sì.

Beatrice. La casa. Rainmur. Giustamente.

Beatrice. E un’altra cosa che non ardisco di dire. Rainmur. Se non ardite dirla, crederò che non vi convenga, ne io vi importunerò per saperla.

Beatrice. Certamente sarete poco curioso di quelle cose che non vi premono. Rainmur. Se si tratta del vostro bene, questo è quel che mi preme.

Beatrice. Eh monsieur Rainmur, voi sapete fare de’ complimenti. Rainmur. No, madamigella, non ne so fare. Amo la verità.

Beatrice. Per questo, perchè amate la verità, capisco che non vi curate di persona alcuna di questa nostra famiglia. [p. 166 modifica]

RaINMUR. Perchè pensate questo ?

Beatrice. Perchè volete partire ; perchè, partendo, non avete ri- guardo di rovinar una casa, di uccidere un vecchio, e di por- tar via il cuore di una ... (si copre gli occhi col fazzoletto RaINMUR. Seguitate. ’ (dolce)

Beatrice. Perdonatemi. (0 (come sopra Rainmur. Ditemi. Qual è quel cuore, che io porto meco ?

Beatrice. Il mio. (s’alza Rainmur. Madamigella Io non sono sì fortunato.

Beatrice. Così foste meno crudele. Rainmur. Oh, voi mi adulate.

Beatrice. Mi conoscete poco. Rainmur. Madamigella, perdonate ; non vorrei che voi diceste di amarmi, perchè il vostro amore avesse da obbligarmi a ri- mettere la vostra casa.

Beatrice. Monsieur, mi meraviglio che abbiate coraggio di pen- sare sì malamente di me. Se non vi amassi, vi volterei le spalle per mai più rivedervi. Rainmur. Perdonate, perdonate, madamigella. L’amor delle dorme mi è sempre stato sospetto.

Beatrice. Voi non mi conoscete. Rainmur. E come ... E come posso fare a conoscervi ?

Beatrice. Ponete l’amor mio alla prova. Rainmur. Voi non verreste meco a Livorno ?

Beatrice. Ci verrei subito, quando foste mio sposo. Rainmur. Lasciareste il padre e il fratello ?

Beatrice. Per voi? Tutti. Rainmur. Senza obbligar me a far loro del bene?

Beatrice. Perchè obbligarvi? Non sarebbe poco, se vi degnaste di fare la mia fortuna. Rainmur. Pretendereste che io vi facessi una dote ?

Beatrice. Io non vi chiederei altro che il vostro cuore. Rainmur. (Mi pare ch’ ella mi ami senza interesse). (da sé (I) Vedasi a pag. 80, n. 2. [p. 167 modifica]

Beatrice. (L’amica mi ha bene avvertita, che non Io tocchi nella sua borsa). Rainmur. Madamigella, voi non mi avete mai detto nulla ...

Beatrice. A me non conveniva di farlo. Rainmur. Perchè ora lo fate?

Beatrice. Perchè, se voi partite, ogni speranza è perduta, Rainmur. (Ha ragione). (da sé)

Beatrice. (Fortuna, aiutami).

SCENA IV.

Brighella e detti.

Brighella. Se poi vegnir ? (di dentro Rainmur. Cosa vuoi ?

Brighella. La perdoni ; el me padron ... La padroncina ? la com- patissa. (avvedendosi di Beatrice)

Beatrice. Cosa vorresti dire ?

Brighella. Niente, signora ... Rainmur. Cosa vuoi?

Brighella. El me padron desidera darghe un poco d’ incomodo, se se poi .... (guardando Beatrice Rainmur. Dove vi è la figliuola, può venire il padre liberamente.

Brighella. Benissimo. (Questo saria un matrimonio utile per el mio padron. Se monsù se contentasse de barattar la so tela d’ Olanda in tanta tela camizza (’). (da sé, e parte)

Beatrice. Signore, io partirò. Rainmur. Potete restare.

Beatrice. Non ho per mio padre così poco rispetto. Rainmur. (Buona figliuola). (da sé)

Beatrice. Vi prego non formare di me sinistro concetto. Rainmur. Perchè questo?

Beatrice. Perchè vi ho spiegato liberamente il mio cuore. Rainmur. Io non penso male di chi dice d’amarmi. (I) Traliccio: v. Boerìo. [p. 168 modifica]

Beatrice. Ma siete però un ingrato. Rainmur. No, madamigella, non lo sono.

Beatrice. Lo vedremo. Rainmur. Lo vedrete.

Beatrice. Ecco mio padre. Vi son serva. Rainmur. Vostro servitore, madamigella.

Beatrice. (Ah fortuna, non mi ingaimare). (da sé Rainmur. In questa casa tutti non somigliano a madamigella Bea- trice. Ella ha delle massime ...

SCENA V.

Pantalone e detti. Rainmur. Monsieur Pantalone, vostro servitore obbligato.

Pantalone. Monsìi Rainmur, compatime se vegno a desturbarve. Rainmur. Mi fate onore.

Pantalone. Me deu licenza che me senta? Rainmur. Sì, comodatevi, lo farò ancor io. (siedono)

Pantalone. (No so da che cao prencipiar...). (da sé Rainmur. Volete fumare una pipa?

Pantalone. Ve ringrazio. Avanti disnar no fumo, e pò no son qua, caro amigo, per conversazion, ma per discorrer (0 con serietà. Oh Dio ! Se tratta de assae, doneme un quarto de ora per carità. Rainmur. Parlate quanto vi piace. Voi meritate bene di essere ascoltato.

Pantalone. Monsìi Rainmur, bisogna levarse la maschera, e par- lar schietto. Stamattina m’ ave promesso diese mille ducati. M’ ave promesso vegnirmeli a scriver in banco ; v’ ho aspetta fina squasi a mezzodì de Rialto, e no v’ ho visto a vegnir. Capisso dalla vostra tardanza, da quel che ave dito a Brighella, e da altre cosse seguide, che se pentìo de darmeli, e no so se siè in caso de effettuar la promessa. Mi certo no v’ ho dà motivo de pen- timento, onde pareria che un omo onesto della vostra sorte (I) Nel testo si legge: ma discorrer. [p. 169 modifica] me dovesse mantegnir la parola ; e se qualcun de casa mia v’ ha offeso, gh’ ave ben rason de pretender soddisfazion, ma no ve poderessi esimer per questo da quella fede che tra i mar- canti se osserva, quando uno ali’ altro promette. No credè però che vegna per rimproverarve de una mancanza, ne per obbli- garve a mantegnir la parola. I diese mille ducati, che m’ ave promesso fidarme al sie per cento, ve li ho domandai in una maniera ganzante, senza mostrar de averghene gran bisogno, e voggio creder, che no pensando che una tal mancanza me possa pregiudicar, abbiè sorà in una materia dell’ ultima deli- catezza. Caro amigo, ve parlo adesso con un altro linguazo, ve mostro le mie piaghe, ve averzo el cuor, e me butto in ti vostri brazzi. Dei diese mille ducati ghe n’ho bisogno: tre lettere de cambio, che scade in ancuo, mette in pericolo la mia fede, el mio credito, Y esser mio ; e vu solo me podè agiu- tar. Sì, vu me podè agiutar, senza vostro pericolo e senza paura de perderli, anzi con tutta la sicurezza de recuperar in manco de un anno el prò e el capital. Vedere el mio bilanzo. Gh’ ho dei crediti boni, gh’ ho dei capi vivi in negozio. Son piuttosto soran, ma savè che no se fallisse tante volte per tro- varse al de sotto, ma per causa de un creditor indiscreto, che senza carità e senza legge, volendo i bezzi sul momento che el li domanda, precipita un omo d’ onor. Mi son in sto caso ; ve esebisso i mi libri, el mio negozio, le chiave dei mi ma- gazzeni, e ve domando sti diese mille ducati per salvezza della mia povera casa, per la reputazion del mio povero nome. Caro monsù Rainmur, mio fio, quel desgrazià de mio fio, v’ ha de- sgustà, v’ ha offeso, e se podesse scancellar col mio sangue le vostre offese, ghe n’ ho poco, ma tutto ve lo daria per mo- verve a compassion. Un fio traditor, dopo averme consuma tanto, dopo averme squasi precipita, me priverà anca de quel- r unico amigo, che me restava per conforto delle mie estreme necessità? L’averia scanna colle mie man, se dopo i flagelli de sta vita, no me spaventasse quelli dell’ altra. Ma caro amigo, separé el padre dal fio. Odiè chi merita ; amè chi ve ama. Las- [p. 170 modifica] seme castigar a mi quell’ ingrato, e vu moveve a pietà de sto povero vecchio, che colle lagrime ai occhi ve prega de agiuto, de soccorso, de Ccirità. RaINMUR. Monsieur Pantalone, andiamo a Rialto. (s’alza)

Pantalone. A Rialto ? A che far ? Xe passa l’ ora : no ghe xe più nissun. Rainmur. Fatemi vedere li vostri conti.

Pantalone. Subito. Andemo in mezza. Rainmur. Datemi la vostra mano.

Pantalone. Eccola. (sì prendono per la mano Rainmur. Giuratemi sul vostro onore di non celarmi la verità.

Pantalone. Ve lo zuro sull’ onor mio ... Rainmur. Andiamo. Io vi voglio aiutare. (via)

Pantalone. Sieu benedetto. Omo veramente d’ onor. Bon amigo, vero amigo. Cauto sì, ma sincero. Vero mercante, specchio dei galantomeni. Semenza bona dei nostri vecchi, boni per se stessi, boni per i so amici, che unisse perfettamente all’onesto interesse la giustizia, la moderazion e la carità. (via

SCENA VI.

Altra camera. Pantaloncino finto e Brighella.

Pantaloncino. (Con uno stile alla mano, che vuole uccidersi...)

Brighella. La se ferma, signor ... No la fazza . , . Sior Panta- loncin, per amor del cielo ... Cossa fala de sto stilo ? ... No la daga m desperazion ... (lo va trattenendo, coprendogli il viso in maniera che il popolo non lo Veda bene, e lo creda, il vero Pantalon- cino, il quale va rinculando fin dentro la scena da dove esce Pantalon- cino col medesimo stile alla mano, trattenuto similmente da Brighella.

Pantaloncino. Lasseme andar, ve digo.

Brighella. Mo cossa vorla far?

Pantaloncino. Me voi cazzar sto ferro in tei cuor.

Brighella. La se ferma ... Perchè sta desperazion ? [p. 171 modifica]

Pantaloncino. Sì, son desperà. (si libera da Brighella)

Brighella. Agiuto, zente.

Pantaloncino. Va da mio pare. Dighe che el sarà contento. (in atto di volersi ferire)

Brighella. Aiuto.

SCENA VII.

Madamigella Giannina e detti.

Madamigella. Cos’è questo?

Pantaloncino. Ah madamigella, andè via, per carità.

Madamigella. Oh Dio ! Quel ferro ...

Brighella. Signora, el se voi mazzar.

Madamigella. Come ! Un giovane della vostra sorte ...

Pantaloncino. Cara fia, no me tormente.

Madamigella. Datemi quel ferro. (con autorità)

Pantaloncino. Ve prego...

Madamigella. Indiscreto, incivile. Voglio quel ferro.

Pantaloncino. Ah ! (getta il ferro in terra, e vuol partire)

Madamigella. Fermatevi. (con autorità)

Pantaloncino. (Si getta a sedere senza parlare, e si copre il volto col fazzoletto-

Brighella. (Gran forza che gh’ ha le donne ! Le arma e le di- sarma co le voi eie). (da se; prende lo stile di terra, via)

Madamigella. Vergogna ! La disperazione è un effetto dell’ igno- ranza. Ora principio a credere che siate pazzo davvero.

Pantaloncino. Mo lassème star. Le vostre parole le ponze più de quel feno che m’ ave fatto lassar.

Madamigella. Ascoltatemi.

Pantaloncino. Son qua. No posso star in pie.

Madamigella. Sederò anch’io.

Pantaloncino. Son tutto in t’ un’ acqua, (si asciuga col fazzoletto)

Madamigella. Via. Piangete?

Pantaloncino. No pianzo. Sudo.

Madamigella. Posso sapere la causa della vostra disperazione? [p. 172 modifica]

Pantaloncino. Mio padre m’ ha dito cosse che m’ ha fatto ter- ror. No credeva mai che la casa fusse in sto stato. No cre- deva che i mi desordini hisse arrivai a sto segno. Ho visto le nostre piaghe, e ho visto un povero vecchio, che m’ ha dà r essere, per causa mia in precipizio, ruvinà, desperà ; e mi ho da veder coi mi occhi el mio povero pare fallio, despoggià, in preson per causa mia ? No gh’ ho cuor de soffrirlo. Son de- sperà, me voggio mazzar; me strangolerò co le mie proprie man. (s’ alza furiosamente)

Madamigella. Fermatevi. Aspettate ch’ io parta; e fate poi tutto quel che volete.

Pantaloncino. Via; la vaga.

Madamigella. Voglio prima parlare.

Pantaloncino. La paria.

Madamigella. Sedete.

Pantaloncino. Tutto quel che la voi. (siede)

Madamigella. Ascoltatemi.

Pantaloncino. Son qua.

Madamigella. Appressatevi.

Pantaloncino. Le parole le se sente in distanza. La me Y ha dito eia.

Madamigella. Volesse il cielo, che s’ imprimessero nel vostro cuore tutte le mie parole.

Pantaloncino. Ala femo? Madamigeilla. Non ho ancor principiato.

Pantaloncino. Adesso me vien freddo.

Madamigella. Ma caro Pantaloncino... (s’accosta a lui)

Pantaloncino. (Adesso me vien caldo). (da sé)

Madamigella. Questa vostra disperazione è affatto irragionevole. S’ ella dipende dai dispiaceri, che conoscete aver dati al vostro povero padre, volete aggiungere alle sue disgrazie la più do- lorosa di tutte, col sagrifìcio di voi medesimo? Se amate il geni- tore, cercate di consolarlo ; se siete pentito d’ averlo oltraggiato, fate che il vostro pentimento medichi le sue piaghe, e non le inasprite coi vostri pazzi trasporti. Un reo che si vuol pri- [p. 173 modifica] vare di vita, mostra non esser capace di pentimento, ma più tosto fa credere che, amando le colpe, voglia morire anzi che abbandonarle. Tutti i mali hanno il loro rimedio, fuorché la morte. Le disgrazie di vostro padre non saranno poi irreme- diabili ; T ho veduto andar con mio zio nel suo studio, dopo essere stati per qualche tempo seduti insieme. II signor Panta- lone è uomo d’ onore, è un mercante di credito ; mio zio è buon amico ; vedrete che le cose di casa vostra prenderanno miglior sistema. Rimediato a questa parte del vostro rammarico, vi resterà il rossore di essere un figlio ingrato ; ma finalmente non sarete voi il solo figliuolo discolo, che abbia dissipato, speso, scialacquato e malmenati a capriccio i giorni bellissimi della gio- ventù. Chi invecchia nei vizi è detestabile, ma chi cade nel- Tetà vostra, fervida troppo e troppo solleticata dalle occasioni, è compatibile. Il momento in cui vi pentite, scancella tutte le colpe andate, e due lacrime di tenerezza, che voi versiate ai piedi di vostro padre, compensano tutte quelle ch’ egli ha ver- sato per voi. Fatevi animo dunque; lasciate a noi la cura degl’in- teressi ; pensate solo a voi stesso, e dalla cognizione del male prendete regola in avvenire, e ringraziate il cielo che una mi- sera donna di poca età, di poco spirito e di poco sapere, sia quella che v’illumina, che vi anima e vi consola.

Pantaloncino. Cara madamigella ... (si getta a’ suoi piedi)

Madamigella. Alzatevi, che non ho finito di ragionare.

Pantaloncino. Cossa mai me podeu dir de più?

Madamigella. Ditemi prima qual impressione abbia fatto nel vo- stro animo il mio ragionamento.

Pantaloncino. Cossa voleu che ve diga? Me sento intenerir, son coppa, son convinto.

Madamigella. Chiederete perdono a vostro padre?

Pantaloncino. Sì, magari.

Madamigella. Parlerete più di morire? (con dolcezza)

Pantaloncino. No, cara. (con dolcezza)

Madamigella. Cara mi dite?

Pantaloncino. No voleu? Se me de la vita? [p. 174 modifica]

Madamigella. Promettetemi di far buon uso de’ miei consigli.

Pantaloncino. Sì, ve lo prometto.

Madamigella. Così mi basta.

Pantaloncino. Ve basta?

Madamigella. Sì, mi basta così.

Pantaloncino. E no me domande gnente altro?

Madamigella. Cossa poss’ io domandarvi di più ? Pantaloncino, No me domande che ve daga el cuor?

Madamigella. Questo non conviene a me ricercarlo.

Pantaloncino. E vero; tocca a mi a darvelo. El xe tutto vostro.

Madamigella. Non lo accetto per ora.

Pantaloncino. Mo perchè?

Madamigella. Sul punto ch’ io vi fo un beneficio, non esigo la ricompensa. Il dono del vostro cuore potrebbe ora essere una mercede involontaria. Pensateci. Vi lascio in libertà di di- sporre di voi medesimo. (via Pantaloncino (I). Saria un can, saria un barbaro, se no ghe volessse ben. Poverazza ! Che massime ! Che discorso ! Che bon amor ! Ma mi no son degno d’ averla. So barba no me la vorrà dar. Mio pare no vorrà che la toga, e eia, siben che par che la gh’ abbia per mi dell’ amor, no la se fiderà, no la me crederà, no la me vorrà.

SCENA VIII (2).

Corallina e Pantaloncino.

Corallina. (Oh quanti imbrogli !) (da se) Signor padrone.

Pantaloncino. Cossa gh’è?(3)

Corallina. Datemi subito subito li miei denari.

Pantaloncino. Abbiè pazenzia, che i gh’ avere. (4)

Corallina. Non voglio aver pazienza. Li voglio adesso.

Pantaloncino. Adesso no ve li posso dar (5). (1) Comincia la se. IX nell’ ed. Paperini. (2) Questa scena, voltata in toscano, leggesi anche neir ed. Pap. (A. 111. »c. IX). (3) Pap.: «Giacinto. Che c’è?» (4) Pap.: Ab- biale pazienza, che li averete. (5) Pap.: non ve li posso dare. [p. 175 modifica]

Corallina. Dov’è la borsa?

Pantaloncino. No so de borsa. Adesso lassème star (I).

Corallina. Oh poter del mondo ! Sto a vedere che sia vero quello che mi ha detto il padrone vecchio.

Pantaloncino. Cossa v’alo dito? (2)

Corallina. Che i miei poveri denari me li averete mangiati.

Pantaloncino. Ghe l’ ave dito donca a mio pare, che m’ ave impresta sti bezzi ? (3)

Corallina. Io non gliel’ ho (4) detto ; gliel’ ha detto Brighella !

Pantaloncino. Brighella come l’alo savesto?(5)

Corallina. Io non so altro. Trovatemi li miei denari. Sono una povera donna; ne ho bisogno, e li voglio.

Pantaloncino. Za che mio pare lo sa, andè da elo, e se sarà pagadi i altri, sarè pagada anca vu. (6)

Corallina. Come? Se saranno pagati gli altri? Voglio li miei de- nari : cento e cinquanta ducati di capitale, e trenta dei prò, (7) e di più due zecchini.

Pantaloncino. Do zecchini de cossa? (8)

Corallina. Sì ; non vi ricordate ? I due zecchini del dito piccolo. (9)

Pantaloncino. Sia maledetto co ho messo quei do zecchini in te la borsa, i xe stai causa che ho perso tutti anca i altri. (10)

Corallina. Come? Perchè?

Pantaloncino. Perchè tutti i bezzi mal vadagncii, come ave fatto vu quei do zecchini, i gh’ ha el fogo con lori, i brusa dove che i tocca, e i porta la maledizion. E che sia la verità, ghe xe delle donne che vadagna tesori, e per el più le mor sulla paggia. (11) (via)

Corallina. Ehi, ehi, signorino, li miei denari. (1) Pap.: Lasciatemi stare. (2) Pap.: Che cosa v’ha detto? (3) Pap.: Glielo avete detto dunque a mio padre, che mi avete prestati i ducati? (4) Nel lesto: ghe l’ho. (5) Pap,: Faccenda come l’ha saputo ? (6) Pap.: Quando mio padre lo sa, andate da lui, e se saranno pagati gli altri, sarete pagata anche vol. (7) Pap.: e trenta per i fruiti. (8) Pap.: Due zecchini ? Di che? (9) Pap.: mignolo. (10) Pap.: Sia maladetto quando ho posto quei due zecchini nella borsa, sono stati cagione che ho perduto anche gli altri. (11) Pap.: Perchè tutto il denaro mal guadagnato, come avete fatto voi que’ due zecchini, ha il foco con se, abbrucia dove tocca, e porta la maledizione. E che sia il vero, vi sono delle donne che guadagnano tesori, e per il più muoiono su la paglia ». [p. 176 modifica]

SCENA IX (I).

Arlecchino e Corallina.

Arlecchino. Con chi Y at (2), Corallina ?

Corallina. Povera me!

Arlecchino. Coss’ è sta ? (3)

Corallina. La dote è andata.

Arlecchino. Eia andada? (4)

Corallina. Ah! Pur troppo.

Arlecchino. Che auguro e! bon viazzo. (5)

Corallina. Arlecchino, mi sposerai senza dote?

Arlecchino. Me conseggierò, e te saverò dir. (6)

Corallina. Finalmente sono una fanciulla che se ne può gua- dagnare. (7)

Arlecchino. Séntime, cara ti, Brighella Y è un amigo che me voi ben. Posso dirghelo a Brighella, che no ti gh’ ha dota ?

Corallina. Oh, Brighella lo sa meglio di te.

Arlecchino. Basta, parleremo.

Corallina. Caro il mio Arlecchino.

Arlecchino. Discorreremo.

Corallina. Sai che ti voglio bene.

Arlecchino. Che (8) penseremo.

Corallina. Non mi tener in pene.

Arlecchino. Se vederemo. (9)

Corallina. E poi ...

Arlecchino. Qualche cossa faremo. (via)

Corallina. Quando manca la dote, bisogna metter in opera le carezze. Colla dote si comprano gli uomini accorti, e colle belle parole si comprano i merlotti. (via (I) Se. X nell’ed. Raperini. (2) Pap.: l’hai. (3) Pap.: Che cosa c’è ? (4) Pap.: E andata ? (5) Pap.: Le auguro buon viaggio. (6) Pap.: Mi consiglierà, e te lo saprò dire. (7) Pap.: « una fanciulla che so lavorare e posso guadagnar molto. Caro il mio Pa- squino. Pasq. La discorreremo. Cor. Sai che ti ecc. ». (8) Pap.: Ci. (9) Pap.: Ci rive- dremo. [p. 177 modifica]

SCENA X.

Altra camera. Pantalone e Brighella.

Pantalone. No me parlar de mio fio, el xe un desgrazià.

Brighella. La me creda che l’è pentìdo.

Pantalone. No sarà vero. El finzerà, el xe un furbazzo.

Brighella. Cossa vorla de più? El se voleva mazzar.

Pantalone. El se voleva mazzar?

Brighella. Sior sì, mi l’ho trova con un ferro alla man...

Pantalone. Oh sangue mio ... Dove xelo ? ... (vuol partire)

Brighella. La se ferma : xe arriva madamigella Giannina, la gh’ha fatto buttar via el ferro, e no sarà altro. Ma ghe as- sicuro mi, che l’è pentido de cuor.

Pantalone. Oh, el cielo lo voggia. Caro Brighella, dove xelo ? Perchè no vienlo da so povero pare, che ghe voi tanto ben? Ma mi anderò a trovarlo ...

Brighella. La se ferma un momento, perchè gh’ è delle altre novità.

Pantalone. Cossa gh’è? Bone o cattive?

Brighella. Da basso in intrada ghe son sette o otto persone che aspetta. Gh’ è quei do giovani de stamattina colle lettere de cambio ; gh’ è el medego dei do mille ducati ...

Pantalone. Anca colù ? Gh’ ho pur dito che el vegna doman.

Brighella. L’ averà inteso qualche mormorazion in piazza, e l’ha anticipa. Gh’ è dell’ altra zente. Certi musi duri che no co- nosso ; no so cossa dir : ho paura de qualche desgrazià.

Pantalone. Che ghe sia zaffi?

Brighella. No crederia.

Pantalone. Qualche fante?

Brighella. Poi esser. Tegno serrada la porta della scaletta, e digo a tutti che l’è a disnar.

Pantalone. In casa mia no s’ ha più sentìo de ste cosse.

Brighella. Ma cossa ha dito monsù Rainmur.

Pantalone. Semo stai in mezza; gh’ho mostra i conti, gh’ho n [p. 178 modifica] mostra tutto; ha parso che el sia contento, e pò l’è andà via senza dirme gnente.

Brighella. Passibile che el lo abbandona?

Pantalone. No so cossa dir ; me raccomando al cielo, e lasso operar a lu.

Brighella. Vorla che vaga mi da monsù?

Pantalone. Sì, caro Brighella, contighe chi ghe xe in intrada; intcmto mi anderò da mio fio.

Brighella. La se ferma, che vien l’Olandese, (in atto di partire)

Pantalone. Va via, va via.

Brighella. Vado a dar delle chiaccole a quei che aspetta, (via)

Pantalone. El gh’ ha un omo con elo. Chi mai xelo ?

SCENA XI.

Monsieur Rainmur con un Uomo che porta un sacchetto in spalla, e PANTALONE.

Pantalone. Caro amigo, co ve vedo, me consolo. Rainmur. Metti lì. (air uomo, il quale mette il sacchetto sul tavolino)

Pantalone. Cossa xeli? (con allegrezza Rainmur. Vattene. (l’uomo parte)

Pantalone. Com’ èia, monsù Rainmur ? (con allegrezza Rainmur. Quelli sono sei mille ducati.

Pantalone. Sie mille?... Rainmur. E quattro mille vai questa lettera. (mostra un foglio)

Pantalone. E cussi... Rainmur. Disponetene.

Pantalone. Oh, sieu benedetto ! Lassème almanco che ve daga un baso. Rainmur. Ben obbligato. (si danno li due baci al solito)

Pantalone. Vu me de la vita, me de el spirito, me rinnovè el sangue, che dalle mie disgrazie se me scomenzava a guastar. Rainmur. Fatemi la lettera di cambio, tempo due anni, coli’ in- teresse ad uso di piazza.

Pantalone. Subito ve la fazzo. [p. 179 modifica]

RaINMUR. L’ ho fatta io, sottoscrivetela. (gli dà una carta)

Pantalone. Subito. (vuol sottoscrìverla Rainmur. Leggetela: non si negozia così.

Pantalone. De vu me fido. Rainmur. Tutti gli uomini possono far errore.

Pantalone. Va benissimo, e la sottoscrivo, (sottoscrive) Tolè, caro. Un’altra volta sieu benedetto. Rainmur. Voi mi dovete settecento ducati.

Pantalone. Xe la verità. Rainmur. E vostro figliuolo mi deve cento zecchini.

Pantalone. Verissimo. Rainmur. Per queste due partite, mi dovete considerare un cre- ditore come gl’altri.

Pantalone. E ve pagherò prima de tutti. Rainmur. Io poi so il mio dovere per l’ incomodo di quattro mesi.

Pantalone. Me maraveggio. Un servizio de sta sorte merita ben altro che un piccolo trattamento de quattro mesi. Rainmur. No, amico. Il sei per cento è mio utile. Per questa ragione non voglio niente di più.

Pantalone. Basta, in questo disconeremo. V ho da dar una bona nova. Rainmur. Consolatemi.

Pantalone. Mio fio xe pentìo de tutto. El pianze, el sospira, el me domanda perdon. Rainmur. Gli credete?

Pantalone. El se voleva fina mazzar. Rainmur. Voglia il cielo, che il suo pentimento non sia una di- sperazione.

Pantalone. Caro monsù Rainmur, ve prego de un’altra grazia. Adesso lo manderò da vu a domandarve scusa, a far ve un atto de dover. Accettèlo, ascoltèlo, perdoneghe per amor mio. Rainmur. Se sarà pentito davvero, l’amerò come amo suo padre.

Pantalone. Adesso lo sentire; se ve contente, togo suso sti bezzi, e vago a pagar quei creditori insolentissimi che me tormenta. Rainmur. Voi siete il padrone. [p. 180 modifica]

Pantalone. E ve porterò el vostro aver. Rainmur. Non ne dubito.

Pantalone. Mi no li posso portar. Oe, gh’è nissun de là?

SCENA XII.

Brighella e detti.

Brighella. Signor.

Pantalone. Agiuteme.

Brighella. Coss’è?

Pantalone. Bezzi.

Brighella. Bezzi?

Pantalone. Sì, caro Brighella. Bezzi. Andemo a pagar.

Brighella. Sia ringrazia el cielo. Gh’ ho tanto gusto, come se se trattasse de mi.

Pantalone. Andemo, andemo. No so dove star dalla consola- zion. (via)

Brighella. I pesa. I denari pesa, ma i debiti pesa più. (via Rainmur. Non si può fare servizio di minor peso, quanto quello di prestar il denaro quando è sicuro, e molto più quando vi sia l’onesto profitto.

SCENA XIII.

Madamigella Giannina, Beatrice e monsieur Rainmur.

Madamigella. Signor zio. Rainmur. Nipote.... madamigella, (a Beatrice, salutandola gentilmente)

Beatrice. Vi son serva.

Madamigella. Sento che non partirete più così presto. Rainmur. No. L’ andata è sospesa.

Beatrice. Ed io ho sentito con giubilo, che la vostra buona ami- cizia abbia consolato mio padre. Rainmur. Sì, l’ ho fatto per lui, e Y ho fatto ancora per voi. (ridente)

Beatrice. Per me, signore? [p. 181 modifica]

Madamigella. Cara amica, non ve l’ho detto che mio zio vi ama?

Beatrice. Sentite, signore, cosa dice madamigella Giannina? Rainmur. Mia nipote non suole dire delle bugie.

Beatrice. Eppure non posso crederle, se voi volete partire ... Rainmur. Io non parto per ora.

Madamigella. Prima di partire potrebbe ancora sposarvi.

Beatrice. Cara amica, voi mi adulate. Rainmur. Nipote, ascoltate. Mi lodereste voi se prendessi moglie?

Madamigella. Signore, vi parlerò con sincerità. Vi loderei più, se non la prendeste. Ma avendovi sentito dire più volte che volete farlo per dare un maschio alla casa, sanerei che lo fa- ceste più tosto con Beatrice che con un’altra.

Beatrice. Oh cara amica, che siate benedetta. (le dà un bacio Rainmur. L’amate molto questa vostra amica? (a madamigella)

Madamigella. Sì, l’amo assai. Rainmur. Senza interesse?

Madamigella. Che interesse posso avere con lei? Rainmur. Non l’amareste per ragione di suo fratello?

Madamigella. Può anche darsi. Rainmur. Eh donne, vi conosco.

Beatrice. Siete furbo la vostra parte. (a Rainmur Rainmur. Siete adorabile. (a Beatrice

SCENA XIV.

Pantaloncino e detti,

Pantaloncino. Monsù Rainmur, son qua, ve domando perdon... Rainmur. Basta così. Arrossisco per parte vostra.

Pantaloncino. Ma se v’ ho offeso, lasse che ve diga el mio pen- timento ... Rainmur. Lo voglio credere senza più ...

Pantaloncino. Ve domando scusa ... Rainmur. Non altro. Tenete. (gli dà un bacio)

Pantaloncino. Mo che omo de bon cor. Mo che omo da ben. [p. 182 modifica]

Madamigella. Signor Pantalonclno, mi rallegro con voi.

Pantaloncino. Cara eia, con tutte le mie allegrezze no son gnan- cora contento.

Madamigella. Cosa vi manca?

Pantaloncino. E1 meggio.

Madamigella. Che vuol dire?

Beatrice. Non lo capite? Gli manca una sposa. Madamigella, Che se la trovi.

Pantaloncino. Per mi l’avena trovada, ma eia no la voi el mio cuor.

Madamigella. Ci avete bene pensato?

Pantalone. Siora sì, e più che penso, più la desidero.

Madamigella. Che dite, signor zio? RaINMUR. Aspettate. Questo giovine finora è stato cattivo. Ora si dice che sia diventato buono. Avete voi coraggio di fidarvi di lui?

Madamigella. Si, mi fiderò di lui, ma con una indispensabile condizione.

Pantaloncino. Che xe mo? MadamigelI-A. Che veniate a Livorno e poscia in Olanda con noi, e che abbandonando le pratiche e le amicizie e le oc- casioni funeste che qui vi circondano, possiate più facilmente diventar uomo nuovo, e cambiando di cielo, possiate ancora cambiar il cuore.

Pantaloncino. Per mi vegno anca in te l’ Indie, con una compa- gnia de sta sorte, con un barba de sto buon cuor ! Me de- spiaserà de lassar mio pare, ma co se tratta della mia fortuna, anca mio pare sarà contento, e parto in sto momento, se oc- corre.

Madamigella. Che dite, signor zio? Rainmur. Il pensier vostro non mi dispiace. Venga con noi. Se non riescirà bene, lo rimanderò in Italia.

Madamigella. E se sarà mio sposo? Rainmur. Vi caccierò in Italia con lui.

Pantaloncino. No ghe sarà sto pericolo. Son qua: vegno via [p. 183 modifica] con vu, co sior barba, colla novizza. Vago a despoggiarme ; me vesto da csunpagna. A Venezia no voi più veder nissun. Donne, amici, ve lasso, vago via, vago in Olanda : vago per el mondo. Vago in Olanda, vago in Olanda. (yia)

Beatrice. Ed io resterò qui sconsolata? RaINMUR. No, madamigella. (ridente)

Beatrice. Ma ... dunque ... Rainmur. Voi verrete in Olanda con noi.

Beatrice. Davvero? Rainmur. Se vorrete ...

Madamigella. Oh verrà, verrà.

Beatrice. Oh verrò, verrò.

SCENA ULTIMA.

Pantalone e detti.

Pantalone. Sì, fio mio, tutto quel che ti voi. (verso la scena Rainmur. Monsieur Pantalone ...

Pantalone. Mio fio m’ha dito tutto.

Beatrice. Ma non vi averà detto, signor padre, che io pure an- derò in Olanda con lui.

Pantalone. Ti? Come?

Beatrice. Colle nozze di monsieur Rainmur.

Pantalone. Distu da senno? Rainmur. Se vi contentate. (a Pantalone)

Pantalone. Perchè no m’oggio da contentar? Una fortuna de sta sorte, no volè che la loda? Rainmur. A vostra figlia quanto darete di dote?

Pantalone. La dota che ha vìi so mare, la xe stada sedese mille ducati. Ghe li darò anca a eia, ma con un poco de tempo. Rainmur. Il denaro di mia nipote lo tengo io. S’ ella è contenta dei sedici mille ducati, faremo un giro e due contratti.

Pantalone. E mi a ella ghe li assicurerò sui mi effetti. [p. 184 modifica]

Madamigella. Le disposizioni di due uomini, quali voi siete, non ponno essere da me che approvate.

Pantalone. Tutto xe giusta. Andemo a trovar mio fio. Lasso che el vaga via, me lo destacco dal cuor, ma el ciel volesse, che lo avesse manda molto prima de adesso. Co i fioli no butta ben in tei so paese, bisogna farghe muar cielo. Le pratiche li ruvina; le occéision i precipita, e el comodin del pare che remedia, ghe dà adito a far del mal. Pari, specchieve in mi. Invigilè sulla condotta dei vostri fioli ; no ghe de bon in man ; perchè el troppo amor li ruvina, e chi sa tegnir i so fioli in dover, in suggizion, in bona regola, xe felice, xe fortuna, e gode in so vecchiezza el mazor ben, el mazor contento che se possa dar a sto mondo. Fine della Commedia.

}