Idilli (Bione)/VIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Idillio VIII. Epitalamio d'Achille e Deidamia

../VII ../IX IncludiIntestazione 6 febbraio 2009 75% raccolte di poesie

Bione di Smirne - Idilli (II secolo a.C.)
Traduzione dal greco di Luca Antonio Pagnini (1827)
Idillio VIII. Epitalamio d'Achille e Deidamia
VII IX


Mirsone, Licida.

 

Mirsone
Vuoi tu cantarmi un siculo soave,

Tenero, dolce, ed amoroso carme,
Qual già cantò il Ciclope Polifemo,
Licida caro, a Galatea sul lido?

Licida
5S’io pur volessi, e che dovrei cantare?


Mirsone
Delle Scirie canzoni emulatore

L’amor soave di Pelìde, e i baci
Furtivi canta, e le furtive nozze.
Com’ei garzone vestì gonna, e come
10Mentì sembianze; e qual di Licomede
Infra le figlie Deidamía ritrosa
Mostrossi inverso Achille a lei mal noto.

Licida
Un Bifolco rapita Elena un giorno,

Trassela in Ida, grave affanno a Enone.
15Sparta d’ira s’accese, e insieme accolse
Tutto il popolo Achèo; nè Greco alcuno,
O di Micene, o d’Elide, o di Sparta
Rimase in casa per portar su quello
La giurata vendetta. Infra le figlie
20Di Licomede sol celossi Achille.
In vece d’armi trattò lane, e stese
La bianca mano alla virginea scopa.
Donzella apparve alle maniere, e al fiore,
Che innostrava le guance a lui di neve.
25Movea da donna, e il vel ponea sul crine.
Ma petto avea di Marte, e d’uom l’amore.
Dall’alba a sera il dì con Deidamìa
Partendo a lei talor la man baciava,
Spesso il leggiadro di lei corpo ergea,
30E ne lodava i gemiti soavi.
Non altra a mensa avea compagna e spesso
* * * * * * * * * * * * *
A lei diceva: In un medesmo letto
Dormon pur l’altre suore a coppia a coppia.
35Io sola giaccio, e tu pur anco, o Ninfa.
Siam pur due belle vergini compagne
D’etate, ma divise ambe di letto.
Da te muro spietato mi diparte.
Nè già di te. * * * * * * *