Il Parlamento del Regno d'Italia/Vitaliano Borromeo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vitaliano Borromeo

../Agostino Depretis ../Giuseppe Saracco IncludiIntestazione 28 giugno 2019 25% Da definire

Agostino Depretis Giuseppe Saracco

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della serie Il Parlamento del Regno d'Italia


[p. 816 modifica]



Appartiene all’illustre famiglia milanese, la quale ha tra i suoi antenati, quel grand’uomo pietoso che la Chiesa santificò sotto il nome di san Carlo.

Il conte Vitaliano dette troppe prove di amor patrio nel 18A8, perchè gli Austriaci potessero tollerarlo in Milano e ch’ei dal canto suo, potesse rimanersi nella città nativa, quando le uniformi abborrite della soldatesca straniera, ne empievano le piazze e le vie.

Ritrattosi a Torino, ei fu uno di quei gran signori lombardi, come l’Arese, il Casati, e il Pallavicini, che servivano così prossentemente a tener desta la fiamma del patriottismo e il desiderio dell’unione al Piemonte, sebbene assenti dalla patria; tanto che quando accaddero gli avvenimenti del 1859, il terreno fu trovato bello e pronto, e non si ebbe che a dire si faccia perchè la cosa fosse compiuta.

Il conte Vitaliano, fu col Casati pure e coll’Arese elevato alla dignità di senatore, e ha sempre portato in quell’illustre consesso l’utilità del suo lavoro, e l’autorevolezza dei suoi avvisi.